Xbox fuori dall'Australia?

E' quanto minaccia di fare il boss di Microsoft, Steve Ballmer, in seguito alla sensazionale sentenza con cui tempo fa una corte australiana ha di fatto legittimato i mod-chip


Sydney (Australia) – Durante una visita in Australia, l’agguerrito CEO di Microsoft, Steve Ballmer, ha affermato che la sua azienda potrebbe vedersi costretta a ritirare Xbox dal mercato australiano se questo paese non varerà leggi più efficaci contro il cracking delle console.

La dichiarazione, riportata dal Sydney Morning Herald, arriva a due mesi di distanza dalla sentenza, di cui parlò anche Punto Informatico , attraverso cui una corte australiana ha sostanzialmente legittimato l’utilizzo dei cosiddetti mod-chip, quei chippetti che, una volta saldati sulla scheda madre di una console, permettono agli utenti di far girare giochi copiati e dischi d’importazione.

La corte federale australiana, che mise fine ad un contenzioso fra la divisione locale di Sony e un commerciante australiano che vendeva e installava “modifiche” per la PlayStation 2, ritenne che i mod-chip non violano la normativa di legge australiana sul copyright, normativa per certi aspetti simile al famigerato Digital Millennium Copyright Act americano.

Ballmer ha affermato che questa sentenza rischia di minacciare il modello di business scelto da Microsoft per Xbox, modello che prevede la copertura dei costi di produzione dell’hardware attraverso i profitti derivanti dalle royalty sulle licenze dei giochi venduti. Il boss di Microsoft ha concluso affermando che se questa strategia di marketing non potrà più essere perseguita, non avrà più alcun senso continuare a vendere Xbox in Australia.

Nel recente passato Microsoft si è mostrata particolarmente impegnata nel contrastare il cracking di Xbox: proprio all’inizio del mese ha trascinato in tribunale uno dei più grossi distributori di mod-chip d’Oriente, Lik Sang. Prima ancora, il colosso di Redmond aveva modificato alcuni meccanismi di protezione della sua console con l’intento di renderne più difficoltoso il cracking: in poche settimane la comunità hacker e alcuni produttori di mod-chip hanno però annunciato di aver superato con successo anche i nuovi algoritmi di sicurezza.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    67 pc
    Gia da un po di mesi la nostra società partecipa attivamente a questo progetto con 67 pc 24h al giorno.Siamo tra i primi 10 nella classifica mondiale tra quelli con piu cicli sviluppati.In maniera un po presuntuosa penso di fare una specie di volontariato, e cerco di far conoscere questo progetto a piu persone possibile...Perchè questo progetto? 1) Sviluppato senza fini di lucro da un'istituzione credibile. 2) Progetto utile senza ombra di dubbio (non si dica che altri progetti lo sono nella stessa maniera...) 3) Client ben sviluppato Stefano
  • Anonimo scrive:
    calcolo distribuito = aiutare la ricerca
    Io è già da alcuni anni che utilizzo il mio pc per il calcolo distribuito, un pò su folding@home e un pò su altri progetti di interesse scientifico.Trovo che sia un aspetto molto importante di internet, e volendo dirla tutta penso sia come fare volontariato per la ricerca. Dovrebbero pubblicizzarlo molto di più, anche alla tv se fosse possibile.Provate ad immaginare se ogni utente internet facesse funzionare un salvaschermo utile, invece che solo grafica fine a se stessa; ci sarebbe una potenza di calcolo incredibile.Quindi non sprecate cicli di calcolo se lasciate il pc accesso molte ore.CiaoThe Defender
  • Anonimo scrive:
    Occhio a UD
    E' roba di Intel, quindi almeno sappiate quel che fate quando usate uno scrren saver
    • Anonimo scrive:
      Re: Occhio a UD
      E quindi?- Scritto da: Winnie
      E' roba di Intel, quindi almeno sappiate
      quel che fate quando usate uno scrren saver
    • Anonimo scrive:
      Re: Occhio a UD
      - Scritto da: Winnie
      E' roba di Intel, quindi almeno sappiate
      quel che fate quando usate uno scrren saverE allora, cosa vorresti dire?! Non concludere la tua affermazione con una stronzata perchè ci sono abbastanza TROLL in giro, e scherzare su un' argomento importante come questo sarebbe proprio fuori luogo.
  • Anonimo scrive:
    Ma lasciate perdeeeeeeeeeeeeeeeee
    Ci sono i supercomputer che fanno vedere le esplosioni nucleari, quelli che scompongono il DNA.... Possibile che vi attacchiate ad uno screensaver per studiare le proteine?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma lasciate perdeeeeeeeeeeeeeeeee
      Prima di parlare informiamoci... ti faccio solo un esempio: United Devices conta circa 1.800.000 PC che lavorano.Fatti 2 calcoli e vedi se è paragonabile ai supercomputer di cui parli...- Scritto da: E. Koch
      Ci sono i supercomputer che fanno vedere le
      esplosioni nucleari, quelli che scompongono
      il DNA.... Possibile che vi attacchiate ad
      uno screensaver per studiare le proteine?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma lasciate perdeeeeeeeeeeeeeeeee

        1.800.000 PC che lavorano.Lavorano quando? Quando sono accesi?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma lasciate perdeeeeeeeeeeeeeeeee
          - Scritto da: Eh!!!!!!

          1.800.000 PC che lavorano.

          Lavorano quando? Quando sono accesi?Quanti PC negli uffici sono accesi almeno 9-10 ore al giorno per aspettare una mail ?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma lasciate perdeeeeeeeeeeeeeeeee
          - Scritto da: Eh!!!!!!

          1.800.000 PC che lavorano.

          Lavorano quando? Quando sono accesi?se lavori con un pc, probabilmente lo tieni acceso almeno 9 ore, tenedo conto della pausa pranzo.se un sw utilizzasse interamente la potenza inutilizzata di un pc (la potenza cpu utilizzata dal ciclo idle, su win2000), si avrebbe, in media, praticamente il 95% di tempo di cpu.le cpu che si utilizzano oggi sono potentissime, ma pochissimi le sfruttano.ormai negli uffici vedi gli amd e i p4 da 2 ghz usati per compilare una fattura, come emulatore di terminale, per scrivere lettere. il tempo di cpu medio utilizzato mentre si scrive con word penso non arrivi al 5% di potenza di una cpu moderna.ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma lasciate perdeeeeeeeeeeeeeeeee
      E quanto costa! La condivisione delle informazioni, della forza, della potenza di calcolo... condividere condividere condividere. Credo ke sia il modo migliore x migliorarsi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma lasciate perdeeeeeeeeeeeeeeeee
      - Scritto da: E. Koch
      Ci sono i supercomputer che fanno vedere le
      esplosioni nucleari, quelli che scompongono
      il DNA.... Possibile che vi attacchiate ad
      uno screensaver per studiare le proteine?Dal tuo post si deduce che sei una persona altamente impreparata.
  • Anonimo scrive:
    Meglio le proteine di ET
    Almeno tutto questo ha un senso, non come dare la caccia ad insetti verdi inesistenti. La ricerca sulla proteine ha uno scopo nobile. Lasciate perdere il SETI e ritrovate la via della scienza, quella vera.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio le proteine di ET
      - Scritto da: Marzianino
      Almeno tutto questo ha un senso, non come
      dare la caccia ad insetti verdi inesistenti.
      La ricerca sulla proteine ha uno scopo
      nobile. Lasciate perdere il SETI e ritrovate
      la via della scienza, quella vera.La Sua comprensione delle cose del mondo e dell'uomo, mi consenta, la vedo alquanto ristretta.Omaggi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio le proteine di ET
      Beh, classificare le scienze di serie A o B mi sembra un po' superficiale e presuntuoso. Sono contento ke le possibilità di calcolo condiviso aumentino in modo ke l'utente possa scegliere in base ai propri gusti.- Scritto da: Marzianino
      Almeno tutto questo ha un senso, non come
      dare la caccia ad insetti verdi inesistenti.
      La ricerca sulla proteine ha uno scopo
      nobile. Lasciate perdere il SETI e ritrovate
      la via della scienza, quella vera.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio le proteine di ET
      - Scritto da: Marzianino
      Almeno tutto questo ha un senso, non come
      dare la caccia ad insetti verdi inesistenti.
      La ricerca sulla proteine ha uno scopo
      nobile. Lasciate perdere il SETI e ritrovate
      la via della scienza, quella vera.Altro TROLL.
    • Anonimo scrive:
      Re: Meglio le proteine di ET
      - Scritto da: Marzianino
      Almeno tutto questo ha un senso, non come
      dare la caccia ad insetti verdi inesistenti.
      La ricerca sulla proteine ha uno scopo
      nobile. Lasciate perdere il SETI e ritrovate
      la via della scienza, quella vera.Certo, allora dedichiamo tutti gli scienziati del mondo alla ricerca di questo progetto, lasciamo perdere le altre cose, tanto sono meno utili.Facciamo a meno della televisione, spendiamo i soldi di canone e decoder per le fondazioni di ricerca scientifica.Non usiamo il telefono, non usciamo la sera a bere qualcosa con gli amici, non compriamoci vestiti nuovi quando quelli vecchi sono usurati, non andiamo al cinema, non giochiamo al computer...Ognuno di noi potrebbe spendere il proprio tempo e le proprie risorse in qualcosa di "umanamente" più utile, ma poi cosa saremmo?L'arte, il divertimento, la distrazione, tutto ciò che non è direttamente utile, è veramente inutile come tu stai indirettamente esponendo?Se l'uomo si dedicasse interamente solo a ciò che è utile, forse saremmo indietro di migliaia di anni. Le "distrazioni" sono parte della nostra esistenza, non possono mancare, poiché senza di esse saremmo automi, non esseri umani.Ognuno è libero di dedicare i cicli di clock del proprio pc a ciò che vuole; c'è chi passa il tempo a giocare al computer, c'è chi lavora, c'è chi guarda film, c'è chi ascolta musica, c'è chi si dedica a Folding@Home e chi a Seti@Home. Certo, si potrebbe intendere F@H un progetto più direttamente utile, più "nobile" forse, ma non credo che la tua posizione sia sufficientemente "nobile" da poter criticare chi dedica le proprie risorse (in qualsiasi termine) ad altri scopi. Sei veramente così giusto?Se sì, ciò non implica il fatto che tu possa giudicare scelte altrui di questo genere.Se no, bada bene a come usi *veramente* le tue risorse (e non parlo del tuo computer).Saluti
  • Anonimo scrive:
    ...e UNITED DEVICES dove lo mettiamo???
    Riterrei doveroso menzionare anche UD, un client simile che fa la ricerca sul cancro. Il numero di utenti sono ormai vicino al milione, i PC che stanno lavorando a questo progetto sono 1,7 milioni, il numero di risultati ricevuti sono 146 milioni, per un totale di 140.000 anni di calcolo per un PC.Per chi vuole sapere qualcosa in più ho scrittop qualche nota qui http://www.castelmeteo.it/distribuited.htmVinix
    • Anonimo scrive:
      Re: ...e UNITED DEVICES dove lo mettiamo???
      Per la cronaca: la home page èhttp://www.ud.com/home.htm
      • Anonimo scrive:
        Re: ...e UNITED DEVICES dove lo mettiamo???
        - Scritto da: Minix
        Per la cronaca: la home page è

        http://www.ud.com/home.htmE che ci fai?
    • Anonimo scrive:
      Re: ...e UNITED DEVICES dove lo mettiamo???
      - Scritto da: Vinix
      Riterrei doveroso menzionare anche UD, un
      client simile che fa la ricerca sul cancro.
      Il numero di utenti sono ormai vicino al
      milione, i PC che stanno lavorando a questo
      progetto sono 1,7 milioni, il numero di
      risultati ricevuti sono 146 milioni, per un
      totale di 140.000 anni di calcolo per un PC.
      Per chi vuole sapere qualcosa in più ho
      scrittop qualche nota qui
      http://www.castelmeteo.it/distribuited.htm

      Vinix Cazz non lo sapevo che esistevano gia queste cose, ti ringrazio, ho installato il agent UD sul mio pc del lavoro che è sempre acceso 24 ore 365 giorni all'ano e la connex internet non cade mai :)
      • Anonimo scrive:
        Re: ...e UNITED DEVICES dove lo mettiamo???
        Eggià... e ricordiamoci che c'è un super-team tutto italiano:http://members.ud.com/services/teams/team.htm?id=FBBFB2F6-959C-453F-BF9D-DE4905D50782:-)
      • Anonimo scrive:
        Re: ...e UNITED DEVICES dove lo mettiamo???
        - Scritto da: Gallone
        - Scritto da: Vinix

        Riterrei doveroso menzionare anche UD, un

        client simile che fa la ricerca sul
        cancro.



        Vinix


        Cazz non lo sapevo che esistevano gia queste
        cose, ti ringrazio, ho installato il agent
        UD sul mio pc del lavoro che è sempre acceso
        24 ore 365 giorni all'ano e la connex
        internet non cade mai :)Se vuoi puoi anche unirti ad un team: questo e' il link a quello di WinTricks per UD http://windows.zdnet.it/folding.htmlCmq ho partecipato anche al progetto di Vijay (sempre con il team di WT), ma lo abbiamo abbandonato in quanto non ascoltava assolutamente il feedback degli utenti che segnalavano le anomalie dell'agent; per spiegarsi: da 1 giorno all'altro hanno abbandonato il progetto circa 8.000 dei 12.000 utenti che partecipavano...
    • Anonimo scrive:
      Domanda
      Ma UD non è una delle società private che per l'appunto fanno business sui risultati ottenuti?INVESTORS:GE Equity, Constellation Ventures, AOL Time Warner Ventures, Intel Capital, and 550 Digital Media Ventures, a Sony company, joined with A round investors SOFTBANK Venture Capital and Oak Investment Partners
      • Anonimo scrive:
        Re: Domanda
        - Scritto da: Sospettoso
        Ma UD non è una delle società private che
        per l'appunto fanno business sui risultati
        ottenuti?
        E anche se fosse?Intanto troviamo la cura al cancro... poi si vedrà.
        • Anonimo scrive:
          Re: Domanda
          Purché poi qualche casa farmaceutica non si faccia strapagare la cura... dopo aver sfruttato *gratis* milioni di utenti per crearla...
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda
            Questa cosa non piace neppure a me .. dovrebbe essere gestito da una societa' no profit , ed i risultati messi a disposizione di tutta la comunita' scientifica ..
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda
            - Scritto da: AixForever
            Questa cosa non piace neppure a me ..
            dovrebbe essere gestito da una societa' no
            profit , ed i risultati messi a disposizione
            di tutta la comunita' scientifica .. Come accade con folding@home
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda
            Guarda le FAQhttp://members.ud.com/projects/cancer/faq_proj.htmAre the results going to be made public? Yes. Prof. Graham Richards' research group in the Chemistry Department of Oxford, the project coordinators, will publish the results. This group originally designed the project and is currently orchestrating the study. Scientific interpretation of the results from this study will take some time. Results and scientific findings will be published in the usual manner through a peer-reviewed process.
          • Anonimo scrive:
            Re: Domanda
            "publish the result"?"Results and scientific findings will be published"Se le parole hanno un senso significa "pubblicare i risultati".Il che di per se' NON significa affatto: "prego, usate pure questi risultati per produrre gratuitamente i vostri farmaci".Ma potrebbe voler dire "ecco qua, noi abbiamo trovato la cura. Ovviamente tutto e' brevettato, se volete usarla pagate X. Meglio se in contanti..."- Scritto da: jenny
            Guarda le FAQ
            http://members.ud.com/projects/cancer/faq_proj.htm

            Are the results going to be made public?
            Yes. Prof. Graham Richards' research group in
            the Chemistry Department of Oxford, the project
            coordinators, will publish the results. This
            group originally designed the project and is
            currently orchestrating the study. Scientific
            interpretation of the results from this study
            will take some time. Results and scientific
            findings will be published in the usual manner
            through a peer-reviewed process.
Chiudi i commenti