Yahoo! Italia, licenziamento e proteste

Filcams-CGIL


Milano – In una nota la Filcams-CGIL ha criticato con forza il provvedimento con cui Yahoo! Italia avrebbe notificato il licenziamento con decorrenza immediata alla delegata sindacale nei giorni in cui, come noto, il personale ha annunciato lo stato di agitazione.

“Filcams-CGIL – si legge in una nota – considera estremamente grave il provvedimento aziendale, denunciandone con forza il carattere antisindacale”. Per martedì 19 è convocato uno sciopero dei lavoratori dell’azienda e un’assemblea a cui parteciperà anche la persona licenziata.

“Filcams-CGIL – continua la nota – promuoverà tutte le iniziative necessarie affinché la delegata sindacale venga al più presto reintegrata nel proprio posto di lavoro”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ishitawa scrive:
    membri dell'autority
    Alla riunione erano presenti tutti i componenti dell?Autorità: Francesco Pizzetti, Giuseppe Chiaravalloti, Mauro Paissan, Giuseppe Fortunato.qualcuno ha qualche notizia del avv. Giuseppe Fortunato?Ne ho sentite di tutti i colori e mi spiace farmi un idea con solo "notizie di parte"
    • Anonimo scrive:
      Re: membri dell'autority
      inserisci il suo nominativo nei motori di ricerca e lo trovi, niente di più semplice :)
      • Anonimo scrive:
        Re: membri dell'autority
        - Scritto da: Anonimo
        inserisci il suo nominativo nei motori di ricerca
        e lo trovi, niente di più semplice :)magari il "mi sento Fortunato" di Google capita a fagiolo?KaysiX
      • ishitawa scrive:
        Re: membri dell'autority
        - Scritto da: Anonimo
        inserisci il suo nominativo nei motori di ricerca
        e lo trovi, niente di più semplice :)la mia era una domanda retorica, per attirare l'attenzione sul nominativo e vedere se nessuno trova da ridire che nel consiglio del garante della privacy cè una persona condannata per violazione della privacy
Chiudi i commenti