Youtube, shopping per video più belli

Mountain View apre il suo capiente borsello e acquista una startup irlandese specializzata nel post-processing dei contenuti video. L'obiettivo è incrementare la qualità delle clip inserite sul Tubo

Roma – YouTube ha annunciato l’acquisizione di Green Parrott Pictures , startup irlandese con sede a Dublino che ha realizzato una tecnologia di post-processing in grado di incrementare la qualità dei contenuti video. Stando a quanto sostiene Google, questo genere di tecnologia migliorerà il livello generale delle clip inserite sul Tubo , senza alcun intervento esterno da parte dell’utente.

“E se esistesse una tecnologia in grado di migliorare la qualità dei video – spiega il blog corporate di YouTube – mettendo a fuoco le immagini, riducendo il rumore di visivo e renderizzando un video più stabile e di maggiore qualità, e tutto mentre il video viene semplicemente caricato sul sito?”. Il blog di YouTube cita espressamente i video catturati con i cellulari e postati dai dimostranti libici in questi mesi, “emozionalmente seducenti” ma anche “scattosi, sfuocati o barcollanti”.

La tecnologia di post-processing di Green Parrott è frutto del pluriennale lavoro di ricerca di Anil Kokaram, professore di ingegneria del Trinity College di Dublino che ha appunto fondato la startup per commercializzare il nuovo ritrovato.

Green Parrott non è esattamente una sconosciuta, visto che i suoi prodotti sono già stati impiegati in pellicole cinematografiche ad altissimo budget come quelle appartenenti alle franchise Il Signore degli Anelli e Spider-Man .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • peyla alessandro scrive:
    il grande fratello
    siamo in una sorta di matrix
  • Cavallo Pazzo scrive:
    hahahaha
    Assange non ha ancora capito che la gente comune il suo sito non se lo caga per nulla... piuttosto ai governi dei vari paesi, a loro si che interessa... e non stupisce dunque che si sia sentito "spiato"Comunque lo capisco, la sua vicenda è decisamente frustrante.
  • Antonio scrive:
    avete paura e fate finta
    di non vedere la realtà perché ormai avete gia investito una fortuna nei vostri smartphone, avete gia condiviso dati personali su facebook, non c'é giorno senza il pc acceso....Fanno ridere quelli che criticano Assange, sembrano dei bambini frustrati delle elementari a cui é stato tolto o offeso il loro giocattolino.Io dico che Assange ha ragione, internet é uno strumento potente, ma questa potenza viene manipolata e guidata verso l'idiozia.
    • lux scrive:
      Re: avete paura e fate finta
      - Scritto da: Antonio
      di non vedere la realtà perché ormai avete gia
      investito una fortuna nei vostri smartphone,
      avete gia condiviso dati personali su facebook,
      non c'é giorno senza il pc
      acceso....

      Fanno ridere quelli che criticano Assange,
      sembrano dei bambini frustrati delle elementari a
      cui é stato tolto o offeso il loro
      giocattolino.

      Io dico che Assange ha ragione, internet é uno
      strumento potente, ma questa potenza viene
      manipolata e guidata verso
      l'idiozia.Assange è pearte di quel sistema quindi ne è complice
      • historyiswh atishappen ing scrive:
        Re: avete paura e fate finta
        e tu chi sei, il popolo che manca?
        • lux scrive:
          Re: avete paura e fate finta
          Io sono io e ho il diritto di avere un idea diversa da chi idolatra Assange, perlate tanto di libertà e poi se qualcuno non la pensa come voi viene riempito di insulti, voi lo considerate un eroe, per me invece è solo un piazzista di aspirapolvere, lui dice che il mezzo internet è usato male(Ha scoperto l'acqua calda)), e poi si auto referenzia dicendo che solo lui (Wikileaks) lo usa bene, questo è il tipico discorso da venditore di aspirapolvere(quello che vendo io è l'unico che aspira e uccide gli acari)
          • hiwih scrive:
            Re: avete paura e fate finta
            risponderanno con insulti perchè troveranno insulti i tuoi interventi,volevo solo dire perchè procedere per verticalità invece che per orizzontalità nella concezione delle cose e dei rapporti tra persone in particolare nell'uso di internet, non credo ci sia solo una verità ecco tutto.
          • lux scrive:
            Re: avete paura e fate finta
            Io non ho insultato nessuno ho solo espresso un'opinione, Voi siete liberi di osannare Assange, ma questo non vi da il diritto di pretendere che tutti la pensino come voi, questo è ancora un paese libero e come tale permette sia a voi che a me di esprimere un opinione, l'insultare o pretendere di zittire la controparte dimostra che forse non si ha la completa sicurezza delle proprie idee, al punto da non poter sostenere un dibattito senza cercare di prevaricare chi si ha di fronte.Voi considerate Assange un eroe benissimo, per me è solo un venditore di fumo, l'offese nei riguardi di chi non la pensa come voi dimostra solo la vostra mancanza di argomenti.PS come puoi notare ancora una volta non ho offeso nessuno.
          • Sgabbio scrive:
            Re: avete paura e fate finta
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • lux scrive:
            Re: avete paura e fate finta
            sei a corto di idee?
          • Sgabbio scrive:
            Re: avete paura e fate finta
            no, perchè so che sei un trollino provocatore :D
          • lux scrive:
            Re: avete paura e fate finta
            Certo chi non la pensa come te è un Trollino, continuo a propendere per la tua mancanza di idee
          • lux scrive:
            Re: avete paura e fate finta
            Vediamo allora io sono un trollino, bene analizziamo invece i tuoi interventi in risposta ai miei post fino ad ora:Sgabbio oggi, 15.01certo...sempre cosi...Sgabbio oggi, 15.02certo...Sgabbio oggi, 15.04questi haters sono divertenti.Sgabbio oggi, 15.05trolling.Sgabbio oggi, 15.05(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Sgabbio oggi, 17.13no, perchè so che sei un trollino provocatoreMolta chiara la mancanza di argomenti
  • GIO scrive:
    ASSANGE HA RAGIONE
    Ogni strumento puo' essere usato per fare del bene o del male.Internet puo' diventare un perfetto strumento di controllo.Basta registrare indirizzo ip e data/orario per risalire all'utenza che si e' collegata ad un sito.Certo ci vuole la collaborazione di ISP e del gestore del sito ma non e' affatto difficile farlo.psAssange e il soldato che ha passato le informazioni sono due eroi.Non hanno fatto male a nessuno e ci hanno fornito informazioni vere sul comportamento scorretto dei nostri governanti.....purtroppo come tutti gli eroi chi e' al potere gli rovina la vita.Grazie assange e amici.Siete dei miti.
    • lux scrive:
      Re: ASSANGE HA RAGIONE
      - Scritto da: GIO
      Ogni strumento puo' essere usato per fare del
      bene o del
      male.
      Internet puo' diventare un perfetto strumento di
      controllo.
      Basta registrare indirizzo ip e data/orario per
      risalire all'utenza che si e' collegata ad un
      sito.
      Certo ci vuole la collaborazione di ISP e del
      gestore del sito ma non e' affatto difficile
      farlo.


      ps
      Assange e il soldato che ha passato le
      informazioni sono due eroi.Sbagliato uno è un piazzista di aspirapolvere, l'altro è solo un imbecillotto che si è fatto XXXXXXX dal piazzista.
      Non hanno fatto male a nessuno e ci hanno fornito
      informazioni vere sul comportamento scorretto dei
      nostri governanti.....purtroppo come tutti gli
      eroi chi e' al potere gli rovina la vita.Certo se tu avevi bisogno di Assange per sapere che in un conflitto muoiono anche innocenti, benvenuto nel mondo reale.
      Grazie assange e amici. Siete dei miti.ecco bravo ora compra il tuo aspirapolvere
      • Sgabbio scrive:
        Re: ASSANGE HA RAGIONE
        trolling.
        • italiano scrive:
          Re: ASSANGE HA RAGIONE
          - Scritto da: Sgabbio
          trolling.Caro Sgabbio, benchè in gerene apprezzi leggere i tuoi commenti, in questo caso non mi sei sembrato molto costruttivo, Lux ha esposto la sua opinione anche motivandola, mentre tu...
  • Dude scrive:
    Uso della tecnologia non teconologia
    Sono quasi sicuro, senza aver controllato, che quello che ha veramente detto Assange è che è il modo in cui sono attualmente utilizzate le tecnologie informatiche ad essere il male, non le tecnologie di per se.
    • W la france scrive:
      Re: Uso della tecnologia non teconologia
      Lo penso anch'io, altrimenti avrebbe contraddetto tutto il lavoro fatto con WikiLeaks
  • utopia scrive:
    Dov'è la rivelazione? Trusted Computing?
    E' una storia vecchia, chi di voi non ha mai sentito di Trusted Computing?Secondo me è arcinoto che chi detiene la conoscenza totale, la capacità e la possibilità di fare di tutto con la tecnologia possa avere il controllo del mondo. Come è arcinoto che i servizi segreti si basano da 50 anni minimo su queste cose.C'era perfino chi sosteneva, prima del boom di internet, che molti dati potessero essere inviati all'insaputa degli utenti perfino col cavo elettrico dei computers. Pazzie? Maniaci dei complotti? Può essere.Assange è il maestro del settore e se lo dice lui possiamo star certi che è la verità, una ben nota verità, per una volta non una rivelazione alla wiki leaks.
    • W la france scrive:
      Re: Dov'è la rivelazione? Trusted Computing?
      Corretto. Inoltre uno strumento che si può "spegnere" in un secondo, che strumento è? Se le autorità possono spegnere dns, isp e dorsali con un solo interrutore, dove sta la libertà fornita da quello strumento?Dimentichiamo che l'ICANN si trova negli USA?E poi, ma qualcuno nel 2011 ancora riesce a concepire che se i governi mondiali potessero anche solo immaginare che internet è uno strumento di libertà incontrollata e incontrollabile ce ne avrebbero lasciato l'uso indiscriminato? E senza un tornaconto? Ma dai...non c'è nemmeno da fare dietrologie o complottismi particolari...basta un mezzo neurone per capirlo.Assange per una volta ha detto qualcosa di banalmente vero, e probabilmente dietro a un messaggio così banale c'è anche di più, una sorta di "vorrei poter dire un sacco di cose interessanti su internet perché ne sono venuto a conoscenza, ma sappiate che dopo le mie ultime esperienze non sono così convinto che buttarle su un blog sia così salutare per la mia persona, quindi se avete qualcosa di interessante da dire o da fare, pensateci prima di scriverlo su facebook et similia".
      • lol scrive:
        Re: Dov'è la rivelazione? Trusted Computing?
        facebook =/= internet
        • W la france scrive:
          Re: Dov'è la rivelazione? Trusted Computing?
          Per la maggior parte degli utenti consumer invece internet E' facebook, quando diventerà integrata con i SO sarà anche IL COMPUTER
      • lux scrive:
        Re: Dov'è la rivelazione? Trusted Computing?
        Assange è uno che ha cercato di bluffare con delle carte tarocche in mano (ho rivelazioni sconvolgenti su tutti i governi del mondo),il problema è nato quando qualcuno ha deciso di vedere il suo gioco rilanciando (cerchiamo di incriminarti così tu tiri fuori quello che hai, ammesso tu lo abbia), a questo punto Assange entra in crisi visto che non ha un granché in mano, e comincia a delirare dicendo che il modo in cui si usa internet è sbagliato(ci voleva lui a dirlo), che i governi lo usano per manipolare l'opinione(accidenti che grande scoperta), internet ha un grande pregio che però è anche un grande limite, chiunque può dire quello che pensa e far circolare le informazioni in forma anonima e quindi liberemente (questo è il pregio), ma purtroppo il fatto che le idee e le informazioni circolano in forma anonima impedisce il più delle volte di verificare se l'informazione è vera o se l'idea non è espressa con secondi fini(questo è il limite), per questo ogni informazione proveniente da internet andrebbe presa esattamente allo stesso modo di quelle proveniente da altri media, quindi con senso critico e senza la convinzione che solamente perché è in rete l'informazione è vera
  • guest scrive:
    ancora sto buffone?????
    ASSANGE???....un penoso buffone al soldo dei soliti noti che non hai rivelato nulla che già non si sapesse da anni....un ciarlatano di prima categoria degno solo di stare al fianco di vanna marchi..
    • answer scrive:
      Re: ancora sto buffone?????
      - Scritto da: guest
      ASSANGE???....un penoso buffone al soldo dei
      soliti noti che non hai rivelato nulla che già
      non si sapesse da anni....un ciarlatano di prima
      categoria degno solo di stare al fianco di vanna
      marchi..Invidioso vero di non essere al posto suo
    • deactive scrive:
      Re: ancora sto buffone?????
      cosi' buffone che ha almeno 3 governi alle calcagna.
      • Ah Bdul scrive:
        Re: ancora sto buffone?????
        - Scritto da: deactive
        cosi' buffone che ha almeno 3 governi alle
        calcagna.Come bin laden o il cane pazzo muammar...
    • Nome e cognome scrive:
      Re: ancora sto buffone?????
      Le cose che ha pubblicato non erano mai state pubblicate prima, messe nero su bianco e in modo che nessuno potesse smentirele.Tu dici che è al soldo dei soliti noti: puoi fornire riscontri di quello che dici, che nessuno possa smentire?Tu dici che erano cose risapute da anni, puoi fornire anche qui dei riscontri che nessuno possa smentire?Ecco la differenza tra chi fa le cose sul serio e chi apre la bocca tanto per dare aria ai denti.
      • shevathas scrive:
        Re: ancora sto buffone?????
        - Scritto da: Nome e cognome
        Le cose che ha pubblicato non erano mai state
        pubblicate prima, messe nero su bianco e in modo
        che nessuno potesse
        smentirele.
        ROTFL. infatti abbiamo dovuto aspettare Assange per sapere quello che "la repubblica" scriveva dai tempi di noemi.
        • lux scrive:
          Re: ancora sto buffone?????
          è che loro i giornali non li leggono perché dicono che sono manipolati dal potere, per questo aspettano Assange che li illumini sull'ovvio.
        • Sgabbio scrive:
          Re: ancora sto buffone?????
          certo...sempre cosi...
          • shevathas scrive:
            Re: ancora sto buffone?????
            - Scritto da: Sgabbio
            certo...sempre cosi...il problema caro sgabbio è che certe cose, per chi conosce la politica estera, sono scontate. Quello che ha fatto in realtà Assange è mostrare quel velo di ipocrisia usato nelle relazioni internazionali. Che tutti gli stati dicano una cosa e ne pensino un altra. Vedi il caso dell'italia, chi si aspettava chissà quali rivelazioni cosa ha avuto ? L'informazione che berlusconi faceva il bunga bunga ?
          • Sgabbio scrive:
            Re: ancora sto buffone?????
            A dire il vero ci stava altro oltre la diplomazia pure ben prima, dov'eri quando si parlava d'altro ?Che da quando wikileaks è entrato nel paroliere comunque, pensano solo che sia come "novela 2000"....
          • shevathas scrive:
            Re: ancora sto buffone?????
            - Scritto da: Sgabbio
            A dire il vero ci stava altro oltre la diplomazia
            pure ben prima, dov'eri quando si parlava d'altro
            ?
            altro cosa ? che in un teatro di guerra ci fossero spie, doppiogiochisti e venduti ? ripeto la domanda quali sono le mirabolanti rivelazioni ?
            Che da quando wikileaks è entrato nel paroliere
            comunque, pensano solo che sia come "novela
            2000"....all'atto pratico lo è.
    • cognome scrive:
      Re: ancora sto buffone?????
      - Scritto da: guest
      ASSANGE???....un penoso buffone al soldo dei
      soliti noti che non hai rivelato nulla che già
      non si sapesse da anni....un ciarlatano di prima
      categoria degno solo di stare al fianco di vanna
      marchi..Giusto per dirne una.Quando Assange gia era un nome conosciuto tanti anni or sono, tu non eri neanche nei testicoli di tuo padre.Vai a giocare con l'iPad dello zio Jobs e taci.
      • lux scrive:
        Re: ancora sto buffone?????
        - Scritto da: cognome
        Giusto per dirne una.
        Quando Assange gia era un nome conosciuto tanti
        anni or sono,E con questo?Non è che il fatto di essere conosciuto da molto tempo gli dia automaticamente la credibilità, anche Vanna Marchie era molto conosciuta e abbiamo visto come è finita.
        tu non eri neanche nei testicoli di
        tuo padre.Guarda che per quanto ne sai potrebbe essere più vecchio di Assange, per cui era una frase volgare inutile e stupida
        Vai a giocare con l'iPad dello zio Jobs e taci.Ottima dimostrazione di democrazia la tua, chi non la pensa come te deve tacere, l'unica opinione consentita è la tua, sei sicuro di non vivere tu nel giardino delle mele morsicate?
    • rob scrive:
      Re: ancora sto buffone?????
      solo che lui ha fornito dei documenti ufficiale a quelle che prima erano solo dicerie.
  • ephestione scrive:
    aussie
    Correva l'anno 2000 quando ormai diventato +voice in #windows95 su DALnet cominciai a chiedermi quale fosse il significato di quella parola che leggevo spesso, e scoprii che significava "australiano" in dialetto.Ritrovarmela in un articolo *italiano* mi sorprende un po'.Dopo embeddare e encodare , ora anche questo :P
    • bubba scrive:
      Re: aussie
      - Scritto da: ephestione
      Correva l'anno 2000 quando ormai diventato +voice
      in #windows95 su DALnet cominciai a chiedermi
      quale fosse il significato di quella parola che
      leggevo spesso, e scoprii che significava
      "australiano" in
      dialetto.
      Ritrovarmela in un articolo *italiano* mi
      sorprende un
      po'.
      Dopo embeddare e encodare , ora
      anche questo
      :Pcerto che in fatto di IRC avevi pessimi gusti :)
    • ciccio quanta ciccia scrive:
      Re: aussie
      Ma così a) si risparmiano caratteri e b) è tutto più figo e "sbrilluccicoso", vuoi mettere.... "australiano" fa troppo XX secolo, non va bene... è OUT! Anzi, pure "out" è obsoleto.Tra aussie e il titolo che fa molto "Cobra".. tu sei il male e io sono la cura... siamo veramente caduti in basso...
  • vuoto scrive:
    internet e' centralizzata
    Assange avra' pure provocato, non discuto.Pero' i fatti sono questi: praticamente nessuno usa un proprio DNS? e allora dipendiamo dai 13 serveroni root DNS.Senza DNS chi di noi e' in grado di spedire dati? freenet, gnunet vanno senza dns? penso di si, ma chi li usa?Ma tutti stiamo scambiando la comodita' dell'indirizzo gmail, dell'account facebook, del cellulare con gps, per il diritto alla comunicazione privata. Chi pecora si fa, il lupo la mangia? Vedremo.Internet comunque pare un'arma potente contro un regime, contro l'insieme dei governi (che stanno tutti prendendo le stesse misure contro "l'eccessiva liberta'" in rete, se notate) non ha possibilita'.Se parliamo invece dei protocolli in generale, allora si' TCP IP e' un'arma potente e dura da censurare. Discussioni in inglese su dns ipv6 e compagnia suhttp://cr.yp.to/djbdns/forgery.html
    • MeX scrive:
      Re: internet e' centralizzata
      hai idea di quante chache ci sono?Sul mio macbook cmq il DNS l'ho attivato con una linea di terminale
    • lol scrive:
      Re: internet e' centralizzata
      Non sono 13 root server FISICI.Sono 13 le istanze, i server nominali. In realtà le repliche fisiche sono centinaia in tutto il mondo.http://www.root-servers.org/
      • come prego scrive:
        Re: internet e' centralizzata
        - Scritto da: lol
        Non sono 13 root server FISICI.
        Sono 13 le istanze, i server nominali. In realtà
        le repliche fisiche sono centinaia in tutto il
        mondo.

        http://www.root-servers.org/il punto non sono tanto i server DNS: sono i router "principali", quelli, ad esempio, agli estremi dei backbone (la faccio semplice giusto per capirci)!!!questi relativamente pochi router "seri" sono quasi tutti di un unico produttore e possono essere controllati remotamente (vedi, ad es., le password sui firmware note solo al produttore e/o a chi "di dovere") e possono essere spenti fisicamente da chi li ha in casa staccando una semplice spina di alimentazione...
        • lol scrive:
          Re: internet e' centralizzata
          Va beh questo vale per qualsiasi cosa al mondo, non solo per internet.telefono fisso, cellulari, tv, radio, benzina, gas. Tutto.
  • Enjoy with Us scrive:
    Assange?
    Ma invece di divulgare per mesi mezze verità sui politici di mezzo mondo (mezze verità perchè riflettono un unico punto di vista... quello USA che certo non è imparziale), perchè non ha rivelato prima i problemi di affidabilità che avevano le centrali nucleari giapponesi, invece di farlo solo oggi dopo la tragedia, chissà magari poteva spingere qualche magistrato o l'opinione pubblica giapponese ad intervenire e ad impedire la catastrofe nucleare odierna!Catastrofe che ha un unico pregio, sta finalmente facendo rinsavire la nostra classe politica, in Italia paese altamente sismico e densamente popolato il nucleare è troppo rischioso, meglio che lo usino paesi geologicamente più stabili, voglio vedere se questa volta riusciranno a dire come per Chernobyl che era tutto legato alle inadeguate misura di sicurezza alla mancanza di un involucro protettivo del reattore ecc... Questo incidente dimostra una volta in più come i due problemi maggiori del nucleare sono il raffreddamento dei reattori e delle scorie, se avete notato si sono avuti problemi perfino su un reattore spento per manutenzione da mesi e su scorie "esauste" stoccate nelle piscine di raffreddamento delle centrali e non c'è contenimento che tenga se viene a mancare la refrigerazione!Meno male che il Giappone è lontano, perchè è molto probabile che la fuoriuscita di radiazioni possa essere a livello o peggio di quanto non accaduto a Chernobyl!
    • MeX scrive:
      Re: Assange?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Ma invece di divulgare per mesi mezze verità sui
      politici di mezzo mondo (mezze verità perchè
      riflettono un unico punto di vista... quello USA
      che certo non è imparziale), ha rivelato la VERITÁ di ciò che pensano gli USA, la verità non la conosce nessuno, tu ragioni sempre per assoluti
      perchè non ha
      rivelato prima i problemi di affidabilità che
      avevano le centrali nucleari giapponesi, invece
      di farlo solo oggi dopo la tragedia, chissà
      magari poteva spingere qualche magistrato o
      l'opinione pubblica giapponese ad intervenire e
      ad impedire la catastrofe nucleare
      odierna!perchè Assange è come te, scarica di tutto tanto per averlo, e manco lo legge... quindi la gente trova i documenti che gli interessano solo quando vanno a spulciare la documentazione
      Catastrofe che ha un unico pregio, sta finalmente
      facendo rinsavire la nostra classe politica, in
      Italia paese altamente sismico e densamente
      popolato il nucleare è troppo rischioso, meglio
      che lo usino paesi geologicamente più stabili,
      voglio vedere se questa volta riusciranno a dire
      come per Chernobyl che era tutto legato alle
      inadeguate misura di sicurezza alla mancanza di
      un involucro protettivo del reattore ecc...
      Questo incidente dimostra una volta in più come i
      due problemi maggiori del nucleare sono il
      raffreddamento dei reattori e delle scorie, se
      avete notato si sono avuti problemi perfino su un
      reattore spento per manutenzione da mesi e su
      scorie "esauste" stoccate nelle piscine di
      raffreddamento delle centrali e non c'è
      contenimento che tenga se viene a mancare la
      refrigerazione!
      Meno male che il Giappone è lontano, perchè è
      molto probabile che la fuoriuscita di radiazioni
      possa essere a livello o peggio di quanto non
      accaduto a
      Chernobyl!XXXXXXX che OT!
      • lux scrive:
        Re: Assange?
        - Scritto da: MeX
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Ma invece di divulgare per mesi mezze verità sui

        politici di mezzo mondo (mezze verità perchè

        riflettono un unico punto di vista... quello USA

        che certo non è imparziale),

        ha rivelato la VERITÁ di ciò che pensano gli USA,
        la verità non la conosce nessuno, tu ragioni
        sempre per assolutiQuindi se la verità non la conosce nessuno quello che pubblica è solo fuffa

        perchè non ha

        rivelato prima i problemi di affidabilità che

        avevano le centrali nucleari giapponesi, invece

        di farlo solo oggi dopo la tragedia, chissà

        magari poteva spingere qualche magistrato o

        l'opinione pubblica giapponese ad intervenire e

        ad impedire la catastrofe nucleare

        odierna!

        perchè Assange è come te, scarica di tutto tanto
        per averlo, e manco lo legge... quindi la gente
        trova i documenti che gli interessano solo quando
        vanno a spulciare la documentazioneAssange non legge nulla visto che è solo un piazzista di aspirapolvere che va solo a donne, ma i suoi colleghi di WikiLeaks i documenti li leggono eccome prima di pubblicarli.
      • Osvy scrive:
        Re: Assange?
        - Scritto da: MeX
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Ma invece di divulgare per mesi mezze verità sui

        politici di mezzo mondo (mezze verità perchè

        riflettono un unico punto di vista... quello USA

        che certo non è imparziale),

        ha rivelato la VERITÁ di ciò che pensano gli USA,per essere precisi, la verità di quello che pensano certi ambasciatori o certi politici degli USA..Comunque io non farei di Wikileaks tutto un fascio, non è vero che "tanto si sapeva che era così", bisogna distinguere, purtroppo i documenti sono così tanti... per dire, che gli USA pensassero certe cose di Berlusconi è anche logico, ma se da un documento "riservato" viene fuori per dire che"abbiamo organizzato noi l'attentato che è stato attribuito ad Alkaida" è una cosa differente.. questo è quello che mi aspettavo da Wikileaks.Devo dire che ho letto poco, ho un paio di numeri de L'Espresso ultimi a casa, quando avrò tempo... ciao
        • lux scrive:
          Re: Assange?
          - Scritto da: Osvy
          per essere precisi, la verità di quello che
          pensano certi ambasciatori o certi politici degli
          USA..

          Comunque io non farei di Wikileaks tutto un
          fascio, non è vero che "tanto si sapeva che era
          così", bisogna distinguere, purtroppo i documenti
          sono così tanti... per dire, che gli USA
          pensassero certe cose di Berlusconi è anche
          logico, ma se da un documento "riservato" viene
          fuori per dire che
          "abbiamo organizzato noi l'attentato che è stato
          attribuito ad Alkaida" è una cosa differente..
          questo è quello che mi aspettavo da Wikileaks.é esattamente a questo che io mi riferisco quando dico che Assange ha diffuso solo pettegolezzi da portinaia, quello che dici tu sarebbe stata un rivelazione esplosiva, ma non è stata fatta e i motivi sono due o semplicemente non hanno una notizia del del genere da dare oppure la notizia in questione non la pubblicano per scelta.Quello che hanno fatto è stato dare notizie che si sapevano già o che facilmente si potevano intuire e condirle con la promessa di rivelazioni ancora più sconvolgenti che poi però si sono guardati bene dal dare
          Devo dire che ho letto poco, ho un paio di numeri
          de L'Espresso ultimi a casa, quando avrò tempo...
          ciao
      • Enjoy non loggato scrive:
        Re: Assange?
        - Scritto da: MeX
        - Scritto da: Enjoy with Us

        Ma invece di divulgare per mesi mezze verità sui

        politici di mezzo mondo (mezze verità perchè

        riflettono un unico punto di vista... quello USA

        che certo non è imparziale),

        ha rivelato la VERITÁ di ciò che pensano gli USA,
        la verità non la conosce nessuno, tu ragioni
        sempre per
        assoluti
        No Assange non ha rivelato quello che pensano gli USA, ma solo alcuni frammenti di tale verità e come tutti sanno una mezza verità è una menzogna!Hai ricevuto documenti scottanti? Perchè non li pubblichi tutti subito, perchè li centellini?

        perchè non ha

        rivelato prima i problemi di affidabilità che

        avevano le centrali nucleari giapponesi, invece

        di farlo solo oggi dopo la tragedia, chissà

        magari poteva spingere qualche magistrato o

        l'opinione pubblica giapponese ad intervenire e

        ad impedire la catastrofe nucleare

        odierna!

        perchè Assange è come te, scarica di tutto tanto
        per averlo, e manco lo legge... quindi la gente
        trova i documenti che gli interessano solo quando
        vanno a spulciare la
        documentazione
        Non capisco Assange deve prima leggerli tali documenti? Perchè mai? Perchè non li ha diffusi subito tutti? O devo pensare a questo punto che riveli solo quello che gli fa comodo?L'esempio delle centrali giapponesi è eclatante! Avesse diffuso subito quei documenti forse il popolo giapponese avrebbe esercitato maggiori pressioni sui suoi governati e il disastro odierno non si sarebbe verificato!

        Catastrofe che ha un unico pregio, sta
        finalmente

        facendo rinsavire la nostra classe politica, in

        Italia paese altamente sismico e densamente

        popolato il nucleare è troppo rischioso, meglio

        che lo usino paesi geologicamente più stabili,

        voglio vedere se questa volta riusciranno a dire

        come per Chernobyl che era tutto legato alle

        inadeguate misura di sicurezza alla mancanza di

        un involucro protettivo del reattore ecc...

        Questo incidente dimostra una volta in più come
        i

        due problemi maggiori del nucleare sono il

        raffreddamento dei reattori e delle scorie, se

        avete notato si sono avuti problemi perfino su
        un

        reattore spento per manutenzione da mesi e su

        scorie "esauste" stoccate nelle piscine di

        raffreddamento delle centrali e non c'è

        contenimento che tenga se viene a mancare la

        refrigerazione!

        Meno male che il Giappone è lontano, perchè è

        molto probabile che la fuoriuscita di radiazioni

        possa essere a livello o peggio di quanto non

        accaduto a

        Chernobyl!

        XXXXXXX che OT!OT? non si parlava di Assange e delle sue tardive rivelazioni sullo stato della sicurezza dei reattori giapponesi?
      • shevathas scrive:
        Re: Assange?

        Peccato che il Giappone si esposto a terremoti di
        quel genere e a tsunami con cadenze di circa 1
        volta ogni 20 anni, fonte ? se è questa pagina http://it.wikipedia.org/wiki/Scala_Richter sappi che 1 ogni 20 anni si riferisce al numero di terremoti di quella magnitudo registrati nel mondo, non si riferisce ai terremoti del 9° grado in giappone e neanche agli tsunami
        non è che si tratti quindi
        per il giappone di eventi imprevedibili, come non
        lo sarebbero in parte neanche in Italia, visto il
        maremoto di messina di circa un secolo fa è impossibile che nel mar mediterraneo si possa formare uno tsunami come quello del pacifico.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 marzo 2011 16.55-----------------------------------------------------------
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Assange?
          Modificato dall' autore il 18 marzo 2011 16.55
          --------------------------------------------------Impossibile? Vallo a raccontare a quelli di Messina! Tra l'altro pare ci siano almeno tre grossi vulcani di cui 2 a largo delle coste siciliane e 1 davati a quelle campane una cui improvvisa eruzione potrebbe generare onde alte oltre 20 metri, quindi prima di dire che una cosa è impossibile documentati!In ogni caso dopo quanto è sucXXXXX sostenere che si tratta di una fatalità imprevedibile e che il nucleare in Italia possa essere considerato sicuro è semplice follia!
          • shevathas scrive:
            Re: Assange?

            Impossibile? Vallo a raccontare a quelli di
            Messina! il terremoto di messina non aveva raggiunto i livelli di quello giapponese. secondariamente le case dei primi del '900 non erano costruite di certo con criteri antisisma moderni.
            Tra l'altro pare ci siano almeno tre
            grossi vulcani di cui 2 a largo delle coste
            siciliane e 1 davati a quelle campane una cui
            improvvisa eruzione potrebbe generare onde alte
            oltre 20 metri, quindi prima di dire che una cosa
            è impossibile
            documentati!ma con poca potenza. quello che rende grave lo tsunami non è tanto l'altezza dell'onda al porto ma l'energia trasmessa. e il mediterraneo non è un mare profondo come il pacifico.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: shevathas

            Impossibile? Vallo a raccontare a quelli di

            Messina!

            il terremoto di messina non aveva raggiunto i
            livelli di quello giapponese. secondariamente le
            case dei primi del '900 non erano costruite di
            certo con criteri antisisma
            moderni.


            Tra l'altro pare ci siano almeno tre

            grossi vulcani di cui 2 a largo delle coste

            siciliane e 1 davati a quelle campane una cui

            improvvisa eruzione potrebbe generare onde alte

            oltre 20 metri, quindi prima di dire che una
            cosa

            è impossibile

            documentati!

            ma con poca potenza. quello che rende grave lo
            tsunami non è tanto l'altezza dell'onda al porto
            ma l'energia trasmessa. e il mediterraneo non è
            un mare profondo come il
            pacifico.Poca potenza? Hai idea della potenza liberata da certi vulcani sottomarini o in prossimità dell'acqua? Santorini e kracatoa non ti dicono nulla? Delle passate eruzioni del Vesuvio e della situazione potenzialmente esplosiva della solfatara di pozzuoli facciamo finta di nulla?Quanto alla profondità del mediterraneo arriva anche ad oltre 4000 metri di profondità e questo a poche centinaia di km dalle coste italiane, direi che sono più che adeguati, come dimostra il maremoto di messina!Comunque stai continuando ad eludere il punto focale della questione, le attuali centrali sono intrinsecamente insicure, poichè dipendono da un costante raffreddamento attivo del nocciolo, pena la fusione, hai voglia di sistemi di sicurezza, se per un qualche motivo l'acqua di raffreddamento viene a mancare la frittata è fatta e a nulla valgono i vari sistemi di contenimento, quindi o si usano sistemi di raffreddamento totalmente passivi, ossia che intervengono in seguito a meccanismi puramente fisici (forza di gravità ad esempio) o è meglio scordarsi il nucleare!
          • shevathas scrive:
            Re: Assange?


            Comunque stai continuando ad eludere il punto
            focale della questione, le attuali centrali sono
            intrinsecamente insicure, poichè dipendono da un
            costante raffreddamento attivo del nocciolo, pena
            la fusione, fusione che al più ti fotte il nocciolo e un area di 10 Km^2 intorno al nocciolo. Quella avvenuta a Tchernobyl era un esplosione del nocciolo, non la sua fusione. Esplosione causata dal fatto che era un reattore a grafite.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: shevathas



            Comunque stai continuando ad eludere il punto

            focale della questione, le attuali centrali sono

            intrinsecamente insicure, poichè dipendono da un

            costante raffreddamento attivo del nocciolo,
            pena

            la fusione,

            fusione che al più ti fotte il nocciolo e un area
            di 10 Km^2 intorno al nocciolo. Quella avvenuta a
            Tchernobyl era un esplosione del nocciolo, non la
            sua fusione. Esplosione causata dal fatto che era
            un reattore a
            grafite.Ah infatti nei reattori giapponesi che sono moderati ad acqua non si è verificata nessuna esplosione, non si è avuta alcuna contaminazione radioattiva oltre i 3Km di raggio dalla centrale (chissà perchè hanno evacuato la popolazione nel raggio di 20 Km e meditano di estendere ulteriormente tale misura)... Io spero per i giapponesi che riescano a mantenere un raffreddamento minimo delle barre, altrimenti vedrai che anche la si verificherà un'esplosione del nocciolo sostenuta dall'idrogeno dell'acqua e disseminazione di materiale radioattivo su ampia scala come nel caso di chernobyl!
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: shevathas



            Comunque stai continuando ad eludere il punto

            focale della questione, le attuali centrali sono

            intrinsecamente insicure, poichè dipendono da un

            costante raffreddamento attivo del nocciolo,
            pena

            la fusione,

            fusione che al più ti fotte il nocciolo e un area
            di 10 Km^2 intorno al nocciolo. Quella avvenuta a
            Tchernobyl era un esplosione del nocciolo, non la
            sua fusione. Esplosione causata dal fatto che era
            un reattore a
            grafite.Ah infatti nei reattori giapponesi che sono moderati ad acqua non si è verificata nessuna esplosione, non si è avuta alcuna contaminazione radioattiva oltre i 3Km di raggio dalla centrale (chissà perchè hanno evacuato la popolazione nel raggio di 20 Km e meditano di estendere ulteriormente tale misura)... Io spero per i giapponesi che riescano a mantenere un raffreddamento minimo delle barre, altrimenti vedrai che anche la si verificherà un'esplosione del nocciolo sostenuta dall'idrogeno dell'acqua e disseminazione di materiale radioattivo su ampia scala come nel caso di chernobyl!
      • Sgabbio scrive:
        Re: Assange?
        due troll in lotta.
    • lux scrive:
      Re: Assange?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Ma invece di divulgare per mesi mezze verità sui
      politici di mezzo mondo (mezze verità perchè
      riflettono un unico punto di vista... quello USA
      che certo non è imparziale), perchè non ha
      rivelato prima i problemi di affidabilità che
      avevano le centrali nucleari giapponesi, invece
      di farlo solo oggi dopo la tragedia, chissà
      magari poteva spingere qualche magistrato o
      l'opinione pubblica giapponese ad intervenire e
      ad impedire la catastrofe nucleare odierna!
      Catastrofe che ha un unico pregio, sta finalmente
      facendo rinsavire la nostra classe politica, in
      Italia paese altamente sismico e densamente
      popolato il nucleare è troppo rischioso, meglio
      che lo usino paesi geologicamente più stabili,Quanta ingenuità Ti vogliono far credere che se non fai i reattori in Italia sei al sicuro, guarda la cartina dei siti e delle centrali nucleari in Europa e svegliati dal sogno.http://3.bp.blogspot.com/_u6ABB65Uk2o/SEbzi8KXRLI/AAAAAAAAAA4/Zx01acUH6vQ/s1600-h/europe.png
      voglio vedere se questa volta riusciranno a dire
      come per Chernobyl che era tutto legato alle
      inadeguate misura di sicurezza alla mancanza di
      un involucro protettivo del reattore ecc...Fukushima ha cominciato l'erogazione commerciale di energia elettrica ufficialme,nte nel mese di marzo 1971Chernobyl è diventato operativo nel settembre 1977quindi il primo non può essere più molto sicuro del secondo
      Questo incidente dimostra una volta in più come i
      due problemi maggiori del nucleare sono il
      raffreddamento dei reattori e delle scorie, se
      avete notato si sono avuti problemi perfino su un
      reattore spento per manutenzione da mesi e su
      scorie "esauste" stoccate nelle piscine di
      raffreddamento delle centrali e non c'è
      contenimento che tenga se viene a mancare la
      refrigerazione!
      Meno male che il Giappone è lontano, perchè è
      molto probabile che la fuoriuscita di radiazioni
      possa essere a livello o peggio di quanto non
      accaduto a Chernobyl!Ecco bravo e ora spegni il PC dato che l'elettricità che stai usando molto probabilmente te la sta fornendo un impianto Nucleare Francese, perchè se non lo sai noi importiamo energia elettrica proprio dalla Francia che ce la fornisce con quei bei reattori nucleari che ha costruito attaccato ai nostri confini
      • Il lungo braccio della legge scrive:
        Re: Assange?
        - Scritto da: lux
        Quanta ingenuità
        Ti vogliono far credere che se non fai i reattori
        in Italia sei al sicuro, guarda la cartina dei
        siti e delle centrali nucleari in Europa e
        svegliati dal
        sogno.
        http://3.bp.blogspot.com/_u6ABB65Uk2o/SEbzi8KXRLI/Cioè quindi visto che c'è il rischio che succeda una catastrofe in Francia perché non aumentare il rischio costruendole anche in Italia? Ottima logica, complimenti.
        Ecco bravo e ora spegni il PC dato che
        l'elettricità che stai usando molto probabilmente
        te la sta fornendo un impianto Nucleare Francese,
        perchè se non lo sai noi importiamo energia
        elettrica proprio dalla Francia che ce la
        fornisce con quei bei reattori nucleari che ha
        costruito attaccato ai nostri
        confiniSì certo, i Francesi li hanno costruiti tutti a ridosso dell'Italia per fare un dispetto all'Italia... ahahahahahahahah!!! Ma come fai a credere a queste XXXXXXX? Quanti anni hai, tre?E sorvolo sul resto guarda... non si tratta neanche di ignoranza, evidentemente è proprio stupidità. Almeno gli ignoranti dagli errori imparano.
        • bubu scrive:
          Re: Assange?

          Sì certo, i Francesi li hanno costruiti tutti a
          ridosso dell'Italia per fare un dispetto
          all'Italia... ahahahahahahahah!!! Ma come fai a
          credere a queste XXXXXXX? Quanti anni hai, tre?Beh, dai, a giudicare da questa fonte (francese):http://www.greenreport.it/_new/immagini/big/2010_12_15_16_48_15.jpgdi reattori a un centinaio di km dal ns. confine ne vedi 14 o 16 (non si legge bene la legenda dell'immagine), non sono tutti ma poco meno di un terzo di tutti i reattori francesi!Sicuramente non per fare un dispetto all'Italia, ci mancherebbe.
        • lux scrive:
          Re: Assange?
          - Scritto da: Il lungo braccio della legge
          - Scritto da: lux


          Quanta ingenuità

          Ti vogliono far credere che se non fai i
          reattori

          in Italia sei al sicuro, guarda la cartina dei

          siti e delle centrali nucleari in Europa e

          svegliati dal

          sogno.


          http://3.bp.blogspot.com/_u6ABB65Uk2o/SEbzi8KXRLI/

          Cioè quindi visto che c'è il rischio che succeda
          una catastrofe in Francia perché non aumentare il
          rischio costruendole anche in Italia? Ottima
          logica, complimenti.certo visto che c'è il rischio di una catastrofe in Francia perché non smettiamo di comprare l'eletricità da loro, ma poi dovresti spegnere il pc prima la sera, e visto le XXXXXXX che dici non sarebbe male

          Ecco bravo e ora spegni il PC dato che

          l'elettricità che stai usando molto
          probabilmente

          te la sta fornendo un impianto Nucleare
          Francese,

          perchè se non lo sai noi importiamo energia

          elettrica proprio dalla Francia che ce la

          fornisce con quei bei reattori nucleari che ha

          costruito attaccato ai nostri

          confini

          Sì certo, i Francesi li hanno costruiti tutti a
          ridosso dell'Italia per fare un dispetto
          all'Italia... ahahahahahahahah!!! Ma come fai a
          credere a queste XXXXXXX? Quanti anni hai,tre?No lo hanno fatto per farci un piacere almeno ci possiamo allacciare più comodamente
          E sorvolo sul resto guarda... non si tratta
          neanche di ignoranza, evidentemente è proprio
          stupidità. Almeno gli ignoranti dagli errori
          imparano.Nel tuo caso non è sucXXXXX per cui mi sa che è proprio stupidità la tua ma non ti preoccupare non ti discriminiamo per questo.
          • 12 giugno scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: lux
            - Scritto da: Il lungo braccio della legge

            - Scritto da: lux




            Quanta ingenuità


            Ti vogliono far credere che se non fai i

            reattori


            in Italia sei al sicuro, guarda la cartina dei


            siti e delle centrali nucleari in Europa e


            svegliati dal


            sogno.





            http://3.bp.blogspot.com/_u6ABB65Uk2o/SEbzi8KXRLI/



            Cioè quindi visto che c'è il rischio che succeda

            una catastrofe in Francia perché non aumentare
            il

            rischio costruendole anche in Italia? Ottima

            logica, complimenti.

            certo visto che c'è il rischio di una catastrofe
            in Francia perché non smettiamo di comprare
            l'eletricità da loro, ma poi dovresti spegnere il
            pc prima la sera, e visto le XXXXXXX che dici non
            sarebbe
            male



            Ecco bravo e ora spegni il PC dato che


            l'elettricità che stai usando molto

            probabilmente


            te la sta fornendo un impianto Nucleare

            Francese,


            perchè se non lo sai noi importiamo energia


            elettrica proprio dalla Francia che ce la


            fornisce con quei bei reattori nucleari che ha


            costruito attaccato ai nostri


            confini



            Sì certo, i Francesi li hanno costruiti tutti a

            ridosso dell'Italia per fare un dispetto

            all'Italia... ahahahahahahahah!!! Ma come fai a

            credere a queste XXXXXXX? Quanti anni hai,tre?

            No lo hanno fatto per farci un piacere almeno ci
            possiamo allacciare più
            comodamente


            E sorvolo sul resto guarda... non si tratta

            neanche di ignoranza, evidentemente è proprio

            stupidità. Almeno gli ignoranti dagli errori

            imparano.

            Nel tuo caso non è sucXXXXX per cui mi sa che è
            proprio stupidità la tua ma non ti preoccupare
            non ti discriminiamo per
            questo.Il 12 giugno c'è un referendum e la gente dirà se è a favore o d'accordo con la costruzione di centrali nucleari in Italia. Tutto il resto sono chiacchiere.
          • 12 giugno scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: 12 giugno
            - Scritto da: lux

            - Scritto da: Il lungo braccio della legge


            - Scritto da: lux






            Quanta ingenuità



            Ti vogliono far credere che se non fai i


            reattori



            in Italia sei al sicuro, guarda la cartina
            dei



            siti e delle centrali nucleari in Europa e



            svegliati dal



            sogno.









            http://3.bp.blogspot.com/_u6ABB65Uk2o/SEbzi8KXRLI/





            Cioè quindi visto che c'è il rischio che
            succeda


            una catastrofe in Francia perché non aumentare

            il


            rischio costruendole anche in Italia? Ottima


            logica, complimenti.



            certo visto che c'è il rischio di una catastrofe

            in Francia perché non smettiamo di comprare

            l'eletricità da loro, ma poi dovresti spegnere
            il

            pc prima la sera, e visto le XXXXXXX che dici
            non

            sarebbe

            male





            Ecco bravo e ora spegni il PC dato che



            l'elettricità che stai usando molto


            probabilmente



            te la sta fornendo un impianto Nucleare


            Francese,



            perchè se non lo sai noi importiamo energia



            elettrica proprio dalla Francia che ce la



            fornisce con quei bei reattori nucleari che
            ha



            costruito attaccato ai nostri



            confini





            Sì certo, i Francesi li hanno costruiti tutti
            a


            ridosso dell'Italia per fare un dispetto


            all'Italia... ahahahahahahahah!!! Ma come fai
            a


            credere a queste XXXXXXX? Quanti anni hai,tre?



            No lo hanno fatto per farci un piacere almeno ci

            possiamo allacciare più

            comodamente




            E sorvolo sul resto guarda... non si tratta


            neanche di ignoranza, evidentemente è proprio


            stupidità. Almeno gli ignoranti dagli errori


            imparano.



            Nel tuo caso non è sucXXXXX per cui mi sa che è

            proprio stupidità la tua ma non ti preoccupare

            non ti discriminiamo per

            questo.
            Il 12 giugno c'è un referendum e la gente dirà se
            è a favore o d'accordo con la costruzione di
            centrali nucleari in Italia. Tutto il resto sono
            chiacchiere.Certo che se la gente avesse solo l'opzione di "essere a favore" o "essere d'accordo" sarebbe un referendum alquanto singolare...(Me lo sono scritto da solo va...)
          • Il lungo braccio della legge scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: lux
            http://3.bp.blogspot.com/_u6ABB65Uk2o/SEbzi8KXRLI/



            Cioè quindi visto che c'è il rischio che succeda

            una catastrofe in Francia perché non aumentare
            il

            rischio costruendole anche in Italia? Ottima

            logica, complimenti.

            certo visto che c'è il rischio di una catastrofe
            in Francia perché non smettiamo di comprare
            l'eletricità da loro, ma poi dovresti spegnere il
            pc prima la sera, e visto le XXXXXXX che dici non
            sarebbe
            maleCome svicolare la domanda senza dire un XXXXX. Te lo ripeto: VISTO CHE LE CENTRALI NUCLEARI IN FRANCIA SONO RISCHIOSE CHE SENSO HA COSTRUIRNE ALTRE ANCHE IN ITALIA AUMENTANDO ULTERIORMENTE IL RISCHIO? Guarda che è una semplice logica, se ne costruisti il doppio il rischio raddoppia. Rispondi, o non ne sei capace?
            No lo hanno fatto per farci un piacere almeno ci
            possiamo allacciare più
            comodamenteROTFL! Ma cosa vai blaterando?
            Nel tuo caso non è sucXXXXX per cui mi sa che è
            proprio stupidità la tua ma non ti preoccupare
            non ti discriminiamo per
            questoIn TUTTO IL MONDO i governi si stanno mobilitando per rivalutare le emergenze del nucleare, in Italia il tuo governo di subnormali dice "tutto resta com'è"... complimenti. Hai il governo che ti meriti. Io, per fortuna me ne sono andato da tempo.
          • shevathas scrive:
            Re: Assange?

            Peccato che il piu' dei politici che stanno
            sostenendo il nucleare non vedrà mai
            l'inaugurazione della prima centrale, visto che
            accadra' tra non meno di 15 anni. Non e' una
            soluzione molto intelligente dato che la
            situazione internazionale e' fortemente
            instabile. 15 anni sono un'eternita' in ambito
            politico.
            non mi sembra un motivo per non investire. Se ragioniamo in questo modo allora perché investire in infrastrutture o industrie ?
            Il fatto che lo faccia Obama non mi
            tranquillizza. Ricordiamoci che loro hanno la
            pena di morte. Noi ancora no, per fortuna; in
            qualcosa siamo ancora avanti
            noi.
            Argumentum ad hominem
          • deactive scrive:
            Re: Assange?
            mi rendo conto che siamo andati veramente OT ;D
          • shevathas scrive:
            Re: Assange?

            vero, fu un referendum abrogativo, come quello a
            cui ci apprestiamo a partecipare e spero per
            ribadire il concetto che il nucleare per noi e'
            solo "fumo e XXXXX"
            peccato che non lo sia la corrente con esso prodotta, visto che la compriamo dalla francia.
            non fare l'ingenuo: la nostra societa' ha
            disperato bisogno di energie pulite, non di una
            tecnologia che nel nostro caso parte gia' vecchia
            ( centrali di quarta generazione) senza poi
            considerare la reperibilita' dell'uranio e lo
            smalitmento dello
            stesso.
            su sole e vento non ci puoi fare molto affidamento perché sono fonti la cui produzione energetica non è costante nel tempo e non è pianificabile. Quindi puoi usarle come supporto ma sarebbe suicida affidarsi esclusivamente a quelle fonti. Secondariamente si devono smaltire anche i pannelli solari e le torri eoliche. Energia pulita al 100% non esiste.
            Il gatto imburrato almeno non e' radioattivo,
            diversificare si, ma suvvia, questo e' veramente
            buttare via 50 anni di tecnologia! Abbiamo altre
            fonti, il sole, l'aria, perche' dobbiamo proprio
            legarci da soli al patibolo con il
            nucleare?dove sta scritto che il nucleare è alternativo al sole e al vento, al geotermico e alle maree ? il problema è che ti serve un 90% della produzione di energia basato su fonti la cui produzione è costante nel tempo e pianificabile, come idroelettrico, geotermico, centrali tradizionali a combustibile e un 10% di fonti la cui produzione è variabile come sole e vento.
          • W la france scrive:
            Re: Assange?

            su sole e vento non ci puoi fare molto
            affidamento perché sono fonti la cui produzione
            energetica non è costante nel tempo e non è
            pianificabile. Quindi puoi usarle come supporto
            ma sarebbe suicida affidarsi esclusivamente a
            quelle fonti.
            Sei molto disinformato. Il senso di usare le rinnovabili è quello di generare un network di piccoli generatori indipendenti ma strettamente collegati. Quindi se casa tua che stai a palermo (ipotizzo) e casa mia che sta ad aosta sono collegate via network elettrico, se da te piove e da me fa bello, la mia corrente viene venduta/ceduta/scambiata con casa tua, così ci sarà continuità energetica.Senza contare la ingenuità di affermare che il nucleare può dare una fonte continua! Se una centrale genera corrente per 9999 abitazioni, il giorno che la centrale ha un guasto, 9999 abitazioni rimangono senza corrente.Se 9999 pannelli danno energia a 9999 abitazioni, il giorno che 1 pannello smette di funzionare, altri 9998 abitazioni danno energia all'abitazione con il pannello guasto. Inoltre un pannello lo sostituisci in due ore. In quanto tempo ripari una centrale con un guasto?
          • shevathas scrive:
            Re: Assange?

            Sei molto disinformato. Il senso di usare le
            rinnovabili è quello di generare un network di
            piccoli generatori indipendenti ma strettamente
            collegati. cosa che può avvenire solo in aree geografiche limitate.
            Quindi se casa tua che stai a palermo
            (ipotizzo) e casa mia che sta ad aosta sono
            collegate via network elettrico, se da te piove e
            da me fa bello, la mia corrente viene
            venduta/ceduta/scambiata con casa tua, così ci
            sarà continuità
            energetica.semplicemente impossibile. A causa delle perdite di energia la corrente di aosta difficilmente riuscirà ad uscire dalla valle d'aosta.

            Senza contare la ingenuità di affermare che il
            nucleare può dare una fonte continua! Se una
            centrale genera corrente per 9999 abitazioni, il
            giorno che la centrale ha un guasto, 9999
            abitazioni rimangono senza
            corrente.
            beh questo capita anche con le centrali idroelettriche, tradizionali... stai dicendo che chi ha progettato la rete elettrica italiana era un pazzo ?
            Se 9999 pannelli danno energia a 9999 abitazioni,
            il giorno che 1 pannello smette di funzionare,
            altri 9998 abitazioni danno energia
            all'abitazione con il pannello guasto. Inoltre un
            pannello lo sostituisci in due ore. In quanto
            tempo ripari una centrale con un
            guasto?solo una curiosità: ti sei già staccato dall'enel e riesci ad autoprodurti la corrente ? cosa aspetti a farlo ?
          • Osvy scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: W la france
            Quindi se casa tua che stai a palermo
            (ipotizzo) e casa mia che sta ad aosta sono
            collegate via network elettrico, se da te piove e
            da me fa bello, la mia corrente viene
            venduta/ceduta/scambiata con casa tua, così ci
            sarà continuità energetica.succede già? perché temo che ci sia qualche problema di dispersione sui cavi...
            Senza contare la ingenuità di affermare che il
            nucleare può dare una fonte continua! Se una
            centrale genera corrente per 9999 abitazioni, il
            giorno che la centrale ha un guasto, 9999
            abitazioni rimangono senza corrente.Anche una fabbrica di auto quando si ferma non produce più le auto,ma non per questo qualcuno si sogna di sostituirla con 9000 piccole fabbriche.. ci sarà un motivo?..Riguardo il network, non sono esperto per nulla, però viaggio in treno con gente che lavora all'Enel, e credo che sia tutt'altro che semplice gestire una struttura così "distribuita", considerando poi che l'elettricità va prodotta - per quel che so - in tempo reale.Ad occhio direi che più apparecchi sono tra loro interconnessi, e più è complicato gestirli (il che non vuole dire non si possa fare, ma magari vuole dire che è una questione più costosa). saluti
            Se 9999 pannelli danno energia a 9999 abitazioni,
            il giorno che 1 pannello smette di funzionare,
            altri 9998 abitazioni danno energia
            all'abitazione con il pannello guasto. Inoltre un
            pannello lo sostituisci in due ore. In quanto
            tempo ripari una centrale con un guasto?Mah, un guasto può verificarsi a qualunque livello (idroelettrico, solare ecc.) e poi dici "un pannello", ma quando i pannelli sono 10.000, magari se ne guastano 10 o 20 al giorno.. ed ogni giorno.. non è così semplice.
          • Teo_ scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: Il lungo braccio della legge
            - Scritto da: lux


            http://3.bp.blogspot.com/_u6ABB65Uk2o/SEbzi8KXRLI/





            Cioè quindi visto che c'è il rischio che
            succeda


            una catastrofe in Francia perché non aumentare

            il


            rischio costruendole anche in Italia? Ottima


            logica, complimenti.



            certo visto che c'è il rischio di una catastrofe

            in Francia perché non smettiamo di comprare

            l'eletricità da loro, ma poi dovresti spegnere
            il

            pc prima la sera, e visto le XXXXXXX che dici
            non

            sarebbe

            male

            Come svicolare la domanda senza dire un XXXXX. Te
            lo ripeto: VISTO CHE LE CENTRALI NUCLEARI IN
            FRANCIA SONO RISCHIOSE CHE SENSO HA COSTRUIRNE
            ALTRE ANCHE IN ITALIA AUMENTANDO ULTERIORMENTE IL
            RISCHIO? Guarda che è una semplice logica, se ne
            costruisti il doppio il rischio raddoppia.
            Rispondi, o non ne sei
            capace?Errato. Se ne costruisci il doppio il rischio non raddoppia.La formula è questa (o qualcosa di simile):Numero di impianti X fattore di rischio X fattore di corruzione del paese in cui si costruisceCredo che in Italia tecnicamente abbiamo le competenze per gestire bene un impianto di qualsiasi tipo, il problema è il lato amministrativo.
          • deactive scrive:
            Re: Assange?
            in italia il "tecnicamente" di rado corrisponde al "praticamente"
          • Enjoy non loggato scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: Teo_
            - Scritto da: Il lungo braccio della legge

            - Scritto da: lux





            http://3.bp.blogspot.com/_u6ABB65Uk2o/SEbzi8KXRLI/







            Cioè quindi visto che c'è il rischio che

            succeda



            una catastrofe in Francia perché non
            aumentare


            il



            rischio costruendole anche in Italia? Ottima



            logica, complimenti.





            certo visto che c'è il rischio di una
            catastrofe


            in Francia perché non smettiamo di comprare


            l'eletricità da loro, ma poi dovresti spegnere

            il


            pc prima la sera, e visto le XXXXXXX che dici

            non


            sarebbe


            male



            Come svicolare la domanda senza dire un XXXXX.
            Te

            lo ripeto: VISTO CHE LE CENTRALI NUCLEARI IN

            FRANCIA SONO RISCHIOSE CHE SENSO HA COSTRUIRNE

            ALTRE ANCHE IN ITALIA AUMENTANDO ULTERIORMENTE
            IL

            RISCHIO? Guarda che è una semplice logica, se ne

            costruisti il doppio il rischio raddoppia.

            Rispondi, o non ne sei

            capace?

            Errato. Se ne costruisci il doppio il rischio non
            raddoppia.
            La formula è questa (o qualcosa di simile):
            Numero di impianti X fattore di rischio X fattore
            di corruzione del paese in cui si
            costruisce

            Credo che in Italia tecnicamente abbiamo le
            competenze per gestire bene un impianto di
            qualsiasi tipo, il problema è il lato
            amministrativo.In Italia? Dove non riescono a smaltire i rifiuti urbani? dove costruire un inceneritore pare un'impresa epica?No meglio continuare ad usare petrolio gas carbone e rinnovabili, se poi introdurranno centrali a raffreddamento passivo in cui siano in grado di interrompere il proXXXXX di fusione in modo indipendente da qualsiasi fonte elettrica o meglio ancora se riusciranno a rendere percorribile la fusione nucleare allora se ne potrà riparlare.
          • Teo_ scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: Enjoy non loggato
            - Scritto da: Teo_

            - Scritto da: Il lungo braccio della legge


            - Scritto da: lux









            http://3.bp.blogspot.com/_u6ABB65Uk2o/SEbzi8KXRLI/









            Cioè quindi visto che c'è il rischio che


            succeda




            una catastrofe in Francia perché non

            aumentare



            il




            rischio costruendole anche in Italia?
            Ottima




            logica, complimenti.







            certo visto che c'è il rischio di una

            catastrofe



            in Francia perché non smettiamo di comprare



            l'eletricità da loro, ma poi dovresti
            spegnere


            il



            pc prima la sera, e visto le XXXXXXX che
            dici


            non



            sarebbe



            male





            Come svicolare la domanda senza dire un XXXXX.

            Te


            lo ripeto: VISTO CHE LE CENTRALI NUCLEARI IN


            FRANCIA SONO RISCHIOSE CHE SENSO HA COSTRUIRNE


            ALTRE ANCHE IN ITALIA AUMENTANDO ULTERIORMENTE

            IL


            RISCHIO? Guarda che è una semplice logica, se
            ne


            costruisti il doppio il rischio raddoppia.


            Rispondi, o non ne sei


            capace?



            Errato. Se ne costruisci il doppio il rischio
            non

            raddoppia.

            La formula è questa (o qualcosa di simile):

            Numero di impianti X fattore di rischio X
            fattore

            di corruzione del paese in cui si

            costruisce



            Credo che in Italia tecnicamente abbiamo le

            competenze per gestire bene un impianto di

            qualsiasi tipo, il problema è il lato

            amministrativo.

            In Italia? Dove non riescono a smaltire i rifiuti
            urbani? dove costruire un inceneritore pare
            un'impresa
            epica?Dal lato tecnico, siamo in grado di farlo, lo vedo come un problema politico/gestionale.Anche se dovesse fallire il referendum del 12 giugno, mi batterò in ogni modo per evitare lavvio di centrali nucleari in Italia, semplicemente perché col livello di corruzione che abbiamo, finiremmo con lavere la gabbia di contenimento del nocciolo fatto di carta pesta e veline come responsabili della sicurezza.
          • shevathas scrive:
            Re: Assange?

            1. Il nucleare in Italia è follia, non si trova
            il posto per discariche normali, figurati per
            quelle
            nucleari!1 il problema è che in italia, piaccia o meno, dobbiamo in ogni caso gestirci le scorie nucleari di provenienza ospedaliera, radioterapia etc.
            2. Il fatto di avere a 100 Km dai nostri confini
            14 o 16 reattori nucleari certo non fa piacere,
            ma almeno non abbiamo il problema della gestione
            delle scorie, cosa di non poco conto e almeno
            tali reattori sono lontani almeno 150 Km di
            centri urbani di un qualche rilievo, vi
            immaginate magari un bel reattore costruito a 30
            - 40 Km da Milano che per problemi al
            raffreddamento facesse la fine di quelli
            Giapponesi? Che facciamo evaquiamo Milano per
            qualche
            decennio?giova ricordare che i problemi di raffreddamento di quelli giapponesi son dovuti ad uno tsunami e ad un terremoto del 9 grado della scala richter. Non a banali malfunzionamenti.
            L'opzione nucleare attuale non è sicura, meglio
            aspettare centrali o a raffreddamento passivo o
            meglio ancora a
            fusioneper le centrali a raffreddamento passivo si sta già procedendo. Usando piombo fuso come moderatore.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: shevathas

            1. Il nucleare in Italia è follia, non si trova

            il posto per discariche normali, figurati per

            quelle

            nucleari!

            1 il problema è che in italia, piaccia o meno,
            dobbiamo in ogni caso gestirci le scorie nucleari
            di provenienza ospedaliera, radioterapia
            etc.
            Si proprio la stessa cosa vero? Sia in termini di volumi che di pericolosità delle radiazioni emesse, ma fammi il piacere!

            2. Il fatto di avere a 100 Km dai nostri confini

            14 o 16 reattori nucleari certo non fa piacere,

            ma almeno non abbiamo il problema della gestione

            delle scorie, cosa di non poco conto e almeno

            tali reattori sono lontani almeno 150 Km di

            centri urbani di un qualche rilievo, vi

            immaginate magari un bel reattore costruito a 30

            - 40 Km da Milano che per problemi al

            raffreddamento facesse la fine di quelli

            Giapponesi? Che facciamo evaquiamo Milano per

            qualche

            decennio?
            Qui cosa fai eviti di rispondere?
            giova ricordare che i problemi di raffreddamento
            di quelli giapponesi son dovuti ad uno tsunami e
            ad un terremoto del 9 grado della scala richter.
            Non a banali
            malfunzionamenti.
            Giova anche ricordare che l'epicentro non era sotto le centrali in avaria ma ad oltre 130 Km di distanza in mare aperto, quindi l'entità della scossa subita dall'impianto era probabilmente inferiore ad un 7.8 della scala richter, entità sismica che potrebbe tranquillamente verificarsi anche in Italia!

            L'opzione nucleare attuale non è sicura, meglio

            aspettare centrali o a raffreddamento passivo o

            meglio ancora a

            fusione

            per le centrali a raffreddamento passivo si sta
            già procedendo. Usando piombo fuso come
            moderatore.
          • shevathas scrive:
            Re: Assange?

            Si tutti elementi il cui tempo di dimezzamento è
            al massimo di 20 30 anni, questo unito alle
            quantita estremamente modeste in cui sono
            disponibili nei dispositivi medicali da te
            indicati, ne fa un rischio insignificantecerto e ad acerinox, acciaieria spagnola, non è sucXXXXX niente.
            rispetto alle scorie di una centrale nucleare, è
            come paragonare la pericolosità di un petardo con
            quella di una tonnellata di dinamite, percarità
            esplodono tutti e due, ma le conseguenze sono un
            tantino
            diverse!guarda che la centrale nucleare non butta scorie come invece fa fumo il gasolio.
            E dimmi o sapiente, in Italia dove la trovi
            un'area non densamente popolata, ma che sia ricca
            di acque e geologicamente non troppo
            instabile?
            A me vengono in mente solo parte del veneto e
            della lombardia, nei pressi magari di qualche
            grosso lago o fiume .... ma non mi sembrano aree
            particolarmente spopolate o non esposte magari ad
            innondazioni!
            Caorso, Trino Vercellese, i siti delle vecchie centrali.
            Tsunami tuttavia che si può verificare anche nel
            mediterraneo e con onde alte tanto quanto quelle
            che hanno flagellato il giappone, l'altezza dell'onda non c'entra niente con la potenza, e a messina i crolli avvennero per la maggior parte per il terremoto mica per lo tsunami
            vedi appunto
            messina, poi ti ricordo che esistono anche le
            inondazioni, le alluvioni gli smottamenti ecc...
            insomma di scuse per mettere in crisi un impianto
            di raffreddamento attivo ce ne sono fin
            troppe!e allora dovremmo essere degli incoscienti a tenere attive fabbriche e centrali tradizionali. Ci sarebbe da chiederci come mai non abbiamo avuto una seveso al mese.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: shevathas

            Si tutti elementi il cui tempo di dimezzamento è

            al massimo di 20 30 anni, questo unito alle

            quantita estremamente modeste in cui sono

            disponibili nei dispositivi medicali da te

            indicati, ne fa un rischio insignificante

            certo e ad acerinox, acciaieria spagnola, non è
            sucXXXXX
            niente.
            http://www.facebook.com/note.php?note_id=400735060698&id=157563117360Si hanno probabilmente fuso rottami ferrosi provenienti da qualche centrale nucleare e contaminati col Cesio! Certo non un punto a favore di come vengono gestite le scorie nucleari!

            rispetto alle scorie di una centrale nucleare, è

            come paragonare la pericolosità di un petardo
            con

            quella di una tonnellata di dinamite, percarità

            esplodono tutti e due, ma le conseguenze sono un

            tantino

            diverse!

            guarda che la centrale nucleare non butta scorie
            come invece fa fumo il gasolio.
            Ah secondo te il combustibile nucleare "esausto" che ha tempi di dimezzamento di oltre 50.000 anni non è una scoria?Sicuramente non produce CO2 o altri gas serra, ma da questo a dire che non produce scorie...

            E dimmi o sapiente, in Italia dove la trovi

            un'area non densamente popolata, ma che sia
            ricca

            di acque e geologicamente non troppo

            instabile?

            A me vengono in mente solo parte del veneto e

            della lombardia, nei pressi magari di qualche

            grosso lago o fiume .... ma non mi sembrano aree

            particolarmente spopolate o non esposte magari
            ad

            innondazioni!


            Caorso, Trino Vercellese, i siti delle vecchie
            centrali.
            Già appunto!Guardati un pò dove potrebbero sorgere le centrali...http://www.linkiesta.it/dove-potrebbero-nascere-le-centrali-nucleari-italiaAdesso tira un bel cerchio di 30 Km di raggio per una evaquazione per alcuni anni in caso di danni gravi alla centrale e un'altro bel cerchio di 200 Km in cui sono prevedibili ricadute radioattive di media entità, bastevoli tuttavia per compromettere in modo significativo la salute pubblica per un'arco temporale di almeno 20 anni... sorpresa ci ricadono dentro città come Roma, Napoli, Firenze, Milano e Torino... L'unica regione a mio parere utilizzabile sarebbe la Sardegna, ma pare che un elettrodotto sottomarino sia troppo complesso e vulnerabile da realizzare... abiti in sardegna?

            Tsunami tuttavia che si può verificare anche nel

            mediterraneo e con onde alte tanto quanto
            quelle


            che hanno flagellato il giappone,

            l'altezza dell'onda non c'entra niente con la
            potenza, e a messina i crolli avvennero per la
            maggior parte per il terremoto mica per lo
            tsunami
            I morti a messina furono notoriamente in larga parte determinati dal maremoto, quanto alla potenza dele onde, proprio non capisco su cosa si basi la tua affermazione che le onde del maremoto giapponese fossero più potenti di quello di messina, visto che all'epoca manco avevano i sismografi!


            vedi appunto

            messina, poi ti ricordo che esistono anche le

            inondazioni, le alluvioni gli smottamenti ecc...

            insomma di scuse per mettere in crisi un
            impianto

            di raffreddamento attivo ce ne sono fin

            troppe!

            e allora dovremmo essere degli incoscienti a
            tenere attive fabbriche e centrali tradizionali.
            Ci sarebbe da chiederci come mai non abbiamo
            avuto una seveso al
            mese.?Nelle centrali convenzionali basta lasciar spegnere il fuoco, tagliando l'alimentazione, nel nucleare il problema è proprio quello, non puoi tagliare l'alimentazione!
          • shevathas scrive:
            Re: Assange?

            http://www.facebook.com/note.php?note_id=400735060

            Si hanno probabilmente fuso rottami ferrosi
            provenienti da qualche centrale nucleare e
            contaminati col Cesio! Certo non un punto a
            favore di come vengono gestite le scorie
            nucleari!
            in realtà erano apparecchi medicali visto che c'era solo la contaminazione del cesio. Se fossero state scorie avresti trovato di tutto e di più.

            Ah secondo te il combustibile nucleare "esausto"
            che ha tempi di dimezzamento di oltre 50.000 anni
            non è una
            scoria?
            Sicuramente non produce CO2 o altri gas serra, ma
            da questo a dire che non produce
            scorie...
            non ho detto che non produce scorie, ma che queste sono in misura molto ridotta rispetto a quanto si crede.
            Già appunto!
            Guardati un pò dove potrebbero sorgere le
            centrali...

            http://www.linkiesta.it/dove-potrebbero-nascere-le

            Adesso tira un bel cerchio di 30 Km di raggio per
            una evaquazione per alcuni anni in caso di danni
            gravi alla centrale e un'altro bel cerchio di 200
            Km in cui sono prevedibili ricadute radioattive
            di media entità, bastevoli tuttavia per
            compromettere in modo significativo la salute
            pubblica per un'arco temporale di almeno 20guarda come sono distribuite le industrie chimiche e ricorda cosa è capitato a seveso. Se ragioniamo che se è esistono dei rischi allora bisogna non farlo dovremmo eliminare in blocco tutta l'industria chimica dall'italia.

            I morti a messina furono notoriamente in larga
            parte determinati dal maremoto, quanto allaperché molti erano scappati sulla spiaggia dal terremoto.
            potenza dele onde, proprio non capisco su cosa si
            basi la tua affermazione che le onde del maremoto
            giapponese fossero più potenti di quello di
            messina, visto che all'epoca manco avevano i
            sismografi!
            semplicemnte perché la potenza di un tsunami dipende grosso modo dal quantitativo di acqua spostato. E, fra reggio e messina non c'è tutta l'acqua che c'è a ridosso delle coste giapponesi
            Nelle centrali convenzionali basta lasciar
            spegnere il fuoco, tagliando l'alimentazione, nel
            nucleare il problema è proprio quello, non puoi
            tagliare
            l'alimentazione!devi anche mettere in sicurezza gli impianti ed arrestare le turbine. Ed evitare che vengano colpiti i depositi del combustibile e che non venga toccato il sistema di filtraggio dei fumi. Non è così banale come chiudere il rubinetto del gas
          • lux scrive:
            Re: Assange?
            Solo alcune piccole precisazioni da Messinese- Scritto da: shevathas

            I morti a messina furono notoriamente in larga

            parte determinati dal maremoto, quanto all
            perché molti erano scappati sulla spiaggia dal
            terremoto.Falso la maggior parte delle vittime fu a causa del terremoto che distrusse il 90% delle abitazioni in un orario in cui erano tutti a casa a dormireIl nonno di mia moglie unico sopravvissuto della sua famiglia, si salvò calandosi con le lenzuola dal balcone della camera da letto unica stanza rimasta in piedi di casa sua, il Maremoto aggiunse vittime ma non fu la causa principale delle morti

            potenza dele onde, proprio non capisco su cosa
            si

            basi la tua affermazione che le onde del
            maremoto

            giapponese fossero più potenti di quello di

            messina, visto che all'epoca manco avevano i

            sismografi!Falso i sismografi esistevano eccome è proprio grazie ai sismografi che sappiamo che il terremoto fu di scala 7.2 della scala mercalli, quindi anche se il più forte mai avvenuto in Ttalia, molto più lieve di quello Giapponese.
            semplicemnte perché la potenza di un tsunami
            dipende grosso modo dal quantitativo di acqua
            spostato. E, fra reggio e messina non c'è tutta
            l'acqua che c'è a ridosso delle coste
            giapponesiVero, però c'è da dire che Messina ha una conformazione particolare dato che è stretta e lunga a causa delle montagne poste alle spalle della città, per cui la maggior parte delle abitazioni sono su una striscia di terra larga meno di 1 Km quindi anche uno Tsunami di minore potenza è in grado di colpire molto duramente la città
          • lux scrive:
            Re: Assange?
            la frase


            In qualche paese con le centrali nucleari

            magari.



            Ma con una classe politica forse piu'

            responsabile della nostra. ( si spera ) Perchè mai un'altro paese dovrebbe essere più responsabile del nostro tanto da potersi permettere le centrali?Quello che hai scritto dimostra che non sei contro il Nucleare ma contro la parte politica al governo, almeno abbi il buongusto di dichiararlo apertamente
      • AMEN scrive:
        Re: Assange?
        - Scritto da: lux
        Quanta ingenuità
        Ti vogliono far credere che se non fai i reattori
        in Italia sei al sicuro, guarda la cartina dei
        siti e delle centrali nucleari in Europa e
        svegliati dal sogno.
        http://3.bp.blogspot.com/_u6ABB65Uk2o/SEbzi8KXRLI/Preferisco che sia a Lubiana a circa 300 km da casa mia (è la più vicina) che averla a 25 da casa mia (secondo uno dei siti in valutazione da parte del governo)
      • AMEN scrive:
        Re: Assange?
        - Scritto da: lux
        Ecco bravo e ora spegni il PC dato che
        l'elettricità che stai usando molto probabilmente
        te la sta fornendo un impianto Nucleare Francese,
        perchè se non lo sai noi importiamo energia
        elettrica proprio dalla Francia La importiamo dalla Francia perchè ci costa meno che produrcela in casa. L'Italia potrebbe essere autosufficente dal punto di vista energetico, ma la politica non ha interesse....
      • Osvy scrive:
        Re: Assange?
        - Scritto da: lux
        Ecco bravo e ora spegni il PC dato che
        l'elettricità che stai usando molto probabilmente
        te la sta fornendo un impianto Nucleare Francese,
        perchè se non lo sai noi importiamo energia
        elettrica proprio dalla Francia che ce la
        fornisce con quei bei reattori nucleari che ha
        costruito attaccato ai nostri confiniIntervengo su questo specifico punto del tuo intervento perché l'ho letto spesso e voglio confutarlo "per logica".Un impianto ha una durata di vita. Poi viene dismesso, a quel punto diciamo che cessa di essere pericoloso. Ora, se questa tecnologia decidiamo che E' pericolosa, non ha senso costruire altre centrali solo perché tanto ne abbiamo accanto... perché allora non la finiamo più.Se tutti smettiamo di costruirle ad un certo punto quelle vecchie verranno chiuse per fine ciclo e ad un certo punto non ci saranno più centrali in funzione. A me la logica suggerisce questo
        • lux scrive:
          Re: Assange?
          - Scritto da: Osvy
          Intervengo su questo specifico punto del tuo
          intervento perché l'ho letto spesso e voglio
          confutarlo "per
          logica".
          Un impianto ha una durata di vita. Poi viene
          dismesso, a quel punto diciamo che cessa di
          essere pericoloso. Ora, se questa tecnologia
          decidiamo che E' pericolosa, non ha senso
          costruire altre centrali solo perché tanto ne
          abbiamo accanto... perché allora non la finiamo
          più.
          Se tutti smettiamo di costruirle ad un certo
          punto quelle vecchie verranno chiuse per fine
          ciclo e ad un certo punto non ci saranno più
          centrali in funzione. A me la logica suggerisce
          questoLa logica dovrebbe dirti anche che forse dovresti ridurre la tua richiesta di energia cosa che invece non fai, ha senso battersi contro il nucleare e poi utilizzare l'energia prodotta con esso?La mia logica direbbe di no, la tua non lo soNon vogliamo il Nucleare? benissimo sono d'accordo ma chiediamo anche al nostro governo di non comprare energia dagli stati che usano il nucleare per produrla, certo poi bisognerà cambiare le nostre abitudini.
          • Osvy scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: lux
            La logica dovrebbe dirti anche che forse dovresti
            ridurre la tua richiesta di energia cosa che
            invece non faie tu che ne sai? :-)
            ha senso battersi contro il
            nucleare e poi utilizzare l'energia prodotta con
            esso?se mi serve per avere il tempo di sviluppare produzioni alternative,si che ne ha di senso, visto che ormai le centrali che ci sono, ci sono,e tra l'altro se anche noi in Italia non comprassimo più l'energia prodotta dalle centrali francesi, il pericolo diminuirebbe fino ad un certo punto, perché gli impianti nucleari producono "comunque" un tot di energia, non è come una idroelettrica che se chiudi la saracinesca smetti di produrre, o la stessa cosa in una a metano o a petrolio. In una centrale nucleare la reazione che produce elettricità prosegue anche se quella elettricità non ti serve, è per questo che per es. la si riusa in ogni caso la notte per "riportare" in su l'acqua delle centrali idroelettriche.
            La mia logica direbbe di no, la tua non lo so
            Non vogliamo il Nucleare? benissimo sono
            d'accordo ma chiediamo anche al nostro governo di
            non comprare energia dagli stati che usano il
            nucleare per produrla, certo poi bisognerà
            cambiare le nostre abitudini.La mia logica mi dice quello che ho già scritto, cioè che se decidiamo che le centrali nucleari sono troppo pericolose, dobbiamo evitare di crearne di nuove. Poi, se sia possibile "disinnescare" quelle già esistenti, cioè farle chiudere prima del previsto, grazie a nuove tecnologie e/o a risparmi, tanto meglio. A me pare di essere del tutto logico e senza essere utopico (come sarei se chiedessi di non prendere l'energia dalle centrali francesi).Comunque, come avevo precisato all'inizio del mio post:"Intervengo su questo specifico punto"questa cosa di cui ho scritto è solo una parte del ragionamento contro-nucleare, una parte che ho scritto solo perché appunto spesso leggo questa storia del "ma tanto ce l'hanno i paesi accanto". Togliamo pure questa, restano tutti gli altri motivi, a cominciare dal fatto che il nucleare (se conteggiamo tutto quello che si deve) è costoso. saluti
          • shevathas scrive:
            Re: Assange?

            e tra l'altro se anche noi in Italia non
            comprassimo più l'energia prodotta dalle centrali
            francesi, il pericolo diminuirebbe fino ad un
            certo punto, perché gli impianti nucleari
            producono "comunque" un tot di energia, non è
            come una idroelettrica che se chiudi la
            saracinesca smetti di produrre, o la stessa cosa
            in una a metano o a petrolio. In una centrale
            nucleare la reazione che produce elettricità
            prosegue anche se quella elettricità non ti
            serve, è per questo che per es. la si riusa in
            ogni caso la notte per "riportare" in su l'acqua
            delle centrali
            idroelettriche.
            anche spengere e riaccendere una centrale convenzionale non è uno scherzetto. Ecco perché anche quelle tradizionali rimangono accese la notte.
            La mia logica mi dice quello che ho già scritto,
            cioè che se decidiamo che le centrali nucleari
            sono troppo pericolose, dobbiamo evitare di
            crearne di nuove. Poi, se sia possibile
            "disinnescare" quelle già esistenti, cioè farle
            chiudere prima del previsto, grazie a nuove
            tecnologie e/o a risparmi, il ragionamento calza, ma allo stato attuale le nuove tecnologie di produzione semplicemente non esistono. Solare ed eolico non sono in grado di sostituire più del 3%/5% del fabbisogno energetico, per i loro limiti intrinseci, e in ogni caso una diversificazione delle fonti è meglio. Paradossalmente il nucleare, dal punto di vista delle emissioni di radon nell'atmosfera, è anche meglio di carbone e petrolio.
            ho scritto solo perché appunto spesso leggo
            questa storia del "ma tanto ce l'hanno i paesi
            accanto". Togliamo pure questa, restano tutti gli
            altri motivi, a cominciare dal fatto che il
            nucleare (se conteggiamo tutto quello che si
            deve) è costoso.
            salutiil problema dei costi del nucleare è che spesso per il nucleare si calcola TUTTO, dall'estrazione dell'uranio alla dismissione della centrale e si confronta con il costo a Kw/h di altro calcolato usando solamente il costo del combustibile.
          • Teo_ scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: shevathas

            altri motivi, a cominciare dal fatto che il

            nucleare (se conteggiamo tutto quello che si

            deve) è costoso.

            saluti

            il problema dei costi del nucleare è che spesso
            per il nucleare si calcola TUTTO, dall'estrazione
            dell'uranio alla dismissione della centrale e si
            confronta con il costo a Kw/h di altro calcolato
            usando solamente il costo del
            combustibile.E invece io credo che col nucleare non si conteggia (e non sarebbe possibile farlo) tutto quello che si deve.Non ho mai visto in un conteggio dei costi del nucleare la stima della gestione per migliaia di anni delle scorie, oppure il considerare un eventuale per quanto statisticamente poco probabile costo a livello di sanità per un qualsiasi incidente.
          • Osvy scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: Teo_

            il problema dei costi del nucleare è che spesso

            per il nucleare si calcola TUTTO,
            dall'estrazione

            dell'uranio alla dismissione della centrale e si

            confronta con il costo a Kw/h di altro calcolato

            usando solamente il costo del

            combustibile.

            E invece io credo che col nucleare non si
            conteggia (e non sarebbe possibile farlo) tutto
            quello che si deve.
            Non ho mai visto in un conteggio dei costi del
            nucleare la stima della gestione per migliaia di
            anni delle scorieEcco, giusto. E poi già lasciare una tale "eredità" ai nostri posteri, è un "costo" di "non rispetto" nei confronti di coloro ai quali lasciamo in gestione un problema che è servito per risolvere i nostri di problemi.
            oppure il considerare un
            eventuale per quanto statisticamente poco
            probabile costo a livello di sanità per un
            qualsiasi incidente.E questo speriamo di non doverlo mai conteggiare...Comunque, per completezza di informazione, segnalo questo intervento che ho appena letto. E' scritto dal prof. Zichichi, so che molti lo schifano, posso dire che per me è un mito.. come al solito il suo intervento è "originale" e va contro molto di quello che abbiamo sentito in questi giorni:http://www.ilgiornale.it/interni/se_latomo_fa_esplodere_lignoranza/18-03-2011/articolo-id=512116-page=0-comments=1Certo che ormai qui siamo pesantemente OT, eravamo partiti da Assange. ciao
          • deactive scrive:
            Re: Assange?
            - Scritto da: lux
            - Scritto da: Osvy


            Intervengo su questo specifico punto del tuo

            intervento perché l'ho letto spesso e voglio

            confutarlo "per

            logica".

            Un impianto ha una durata di vita. Poi viene

            dismesso, a quel punto diciamo che cessa di

            essere pericoloso. Ora, se questa tecnologia

            decidiamo che E' pericolosa, non ha senso

            costruire altre centrali solo perché tanto ne

            abbiamo accanto... perché allora non la finiamo

            più.

            Se tutti smettiamo di costruirle ad un certo

            punto quelle vecchie verranno chiuse per fine

            ciclo e ad un certo punto non ci saranno più

            centrali in funzione. A me la logica suggerisce

            questo

            La logica dovrebbe dirti anche che forse dovresti
            ridurre la tua richiesta di energia cosa che
            invece non fai, ha senso battersi contro il
            nucleare e poi utilizzare l'energia prodotta con
            esso?
            La mia logica direbbe di no, la tua non lo so
            Non vogliamo il Nucleare? benissimo sono
            d'accordo ma chiediamo anche al nostro governo di
            non comprare energia dagli stati che usano il
            nucleare per produrla, certo poi bisognerà
            cambiare le nostre
            abitudini.pensi davvero ( e intendo realisticamente parlando ) che un nostro governo darebbe mai ascolto alla gente in termini cosi' tecnici?
          • lux scrive:
            Re: Assange?
            No ma questo non dovrebbe impedire di provarci, altrimenti si fa solo propaganda.Se il nucleare è il male va osteggiato in tutte le sue forme è non solo in quelle che hanno una valenza politica e propagandistica, mi piacerebbe vere scendere in piazza contro il nucleare in Italia e contro l'acquisto di energia prodotta col nucleare in Francia, ma mi rendo conto che la seconda ha meno interesse per lo scopo che alcuni partiti vogliono ottenere.
  • 6691 scrive:
    dimostrazione lampante
    Assange è la dimostrazione lampante che anche chi fa grandi cose può sparare XXXXXXX madornali.In altri termini chiunque ha le sue idee e alcune sono ottime idee e altre sono grandissime XXXXXXX.Chi ha alcune idee giuste non necessariamente le ha TUTTE giuste.A noi distinguere tra le une e le altre.
    • ciccio quanta ciccia scrive:
      Re: dimostrazione lampante
      Più che XXXXXXX, è una banalità grande come una casa... è ovvio che Internet può essere controllato e usato per controllare e influenzare ecc. ecc.... lo stesso potevano dirlo anni fa per la radio, la TV, il telefono... al contrario di questi però Internet ti permette di raggiungere più persone, di essere più attivo e via di seguito... guarda caso dice queste cose dopo che da un lato gli hanno creato qualche problema e dall'altro non è più sotto i riflettori...
  • ciccio quanta ciccia scrive:
    Rivolte su FB...
    ... ma per favore!!!Il founder di Wikileaks ha portato degli esempi, primo fra tutti quello relativo ad un gruppo di dissidenti che avevano dato avvio ad una rivolta in Egitto. Vicenda risalente ad alcuni anni fa, scatenatasi grazie ad un social network come Facebook. Secondo Assange, lo stesso sito in blu era stato sfruttato dalla polizia locale per identificare, arrestare, torturare.E ci mancherebbe altro che non li abbiano presi.. ma dai su... se vuoi ribaltare un governo che fai? Organizzi un gruppo su FB??? E poi ti lamenti che ti arriva la pula in casa?? Organizza così anche le rapine in banca e gli attentati terroristici dai... magari con aggiornamenti via Twitter...Se fai politica via FB non sei un rivoluzionario... sei un bimbominkia! Ma non si possono sentire certe XXXXXXXte dai... allora se non beccavano Provenzano magari quest'anno apriva pure lui su FB al posto dei pizzini... e magari ci metteva pure il "like"... che tristezza!!!!
    • W la france scrive:
      Re: Rivolte su FB...

      Se fai politica via FB non sei un
      rivoluzionario... sei un bimbominkia! Quoto in tutto.
    • Sandro scrive:
      Re: Rivolte su FB...
      E secondo te il latitante detto Scarface non aveva un account su FB? Se si parla di libertà la rete non lo sarà mai, cosi come non sarà mai rivoluzionario mettere un mi piace su un video del Che...E quindi in pratica Assange ha ragione a dire che internet é solo controllo.L'unica libertà che esiste é quella di fare cosa ti offrono loro.
      • ciccio quanta ciccia scrive:
        Re: Rivolte su FB...
        Cosa c'entra? Anche il criceto del vicino può avere un account su FB se è per questo ma non mi venire a dire che è il luogo adatto per incontrarsi segretamente e tramare rivoluzioni... Queste sono cose che si fanno in segretezza, quindi un social network è l'opposto per definizione della segretezza. Dire che chi ha usato FB x ribaltare il regime è stato poi preso e torturato è di una banalità sconcertante... e cosa pensava Assange o pensavano questi egiziani che sarebbe sucXXXXX? Che Mubarak gli avesse messo 8000 "like"??? Già che c'erano potevano riunirsi in diretta mondiale CNN ed Al Jazeera...Se sei in un regime sai di esserlo e quindi ti comporti di conseguenza... se vuoi combatterlo non lo puoi fare alla luce del sole sbandierando le tue opinioni, devi agire in altri modi o ti beccano all'istante... non ci vuole una laurea, no?! Secondo te i carbonari avrebbero usato FB???Assange ha ragione a dire che Internet è *SOLO* controllo? Qualsiasi infrastruttura pubblica è controllo per sua stessa natura... poi non è vero che sia SOLO controllo e questo lui lo sa bene.
  • Scrivi il codice antispam scrive:
    Dichiarazioni ridicole
    "Internet è il male"... certo. Peccato che senza Internet, Wikileaks non sarebbe mai esistita.Dichiarazioni ridicole di uno che in quattro e quattr'otto i soliti bimbimin**ia avevano fatto assurgere a genio/santo/liberatore del mondo senza alcun motivo.Internet non è il male nè il bene, è solo uno strumento, è solo un prodotto di un inevitabile progresso tecnologico. L'unica cosa che c'è da fare è informare la gente sui rischi che corre per la propria privacy se non usa questo strumento nel modo corretto. Dire "Internet è il male" è come dire che "la scienza è il male"... ridicolo...
    • abbello scrive:
      Re: Dichiarazioni ridicole
      "Internet è il male" è un titolo giornalistico di PI, Assange ha detto altre cose, leggilo l'articolo prima di sparare cavolate
      • Scrivi il codice antispam scrive:
        Re: Dichiarazioni ridicole
        - Scritto da: abbello
        "Internet è il male" è un titolo giornalistico di
        PISu quello non avevo dubbi. La serietà di PI è quella che è, cioè ZERO.
        Assange ha detto altre cose, leggilo
        l'articolo prima di sparare
        cavolateL'ho letto (non l'articolo di PI, ma quelli linkati, che in genere sono molto meglio).Infatti non ha detto che Internet è il male, ha detto " it is not a technology that favours freedom of speech, it is not a technology that favours human rights " che è comunque una bestialità. A parte il fatto che nessuna tecnologia è buona o cattiva (ma forse lui non s'è pronunciato sul "buono o cattivo", a differenza di quanto suggerito dal titolo demente di PI), è ridicolo dire che Internet non favorisca la libertà di parola quando se non fosse per Internet Wikileaks non sarebbe mai e poi mai esistita.
        • Osvy scrive:
          Re: Dichiarazioni ridicole
          - Scritto da: Scrivi il codice antispam
          - Scritto da: abbello

          "Internet è il male" è un titolo giornalistico
          di PI

          Su quello non avevo dubbi. La serietà di PI è
          quella che è, cioè ZERO.vabbè, non esageriamo, non si sputa nel notes dove si scrive ;-)
          è ridicolo dire che Internet non
          favorisca la libertà di parola quando se non
          fosse per Internet Wikileaks non sarebbe mai e
          poi mai esistita.ecco, appunto, mi pare esatto! volevo scriverlo io.Poi che "ovviamente" governi, spie più o meno deviate ecc. vogliano averne il controllo, è un altro discorso.Certo che nel concreto Internet in mano ad un governo dittatoriale è un "disastro": se affidi i tuoi dati e quello che pensi ad Internet, è necessario che ci sia una garanzia solida, cioè un paese fortemente democratico. Democratico nei fatti (quello che sta succedendo in USA con gli account Twitter non è molto tranquillizzante, sebbene gli USA non siano classificati tra i paesi canaglia...).Un esempio per capirsi: io che vivo in Italia, pòsto qui e altrove come la penso, credendo di poterlo fare, cioè di poter manifestare liberamente il mio pensiero. Ora mettiamo che viene una dittatura e che ce l'abbia con quelli che la pensano come me... con un po' di impegno, sarebbe facile scoprire come la penso. Molto più facile di quando al più pubblicavano mie lettere sui quotidiani. ciao
    • historyiswh atishappen ing scrive:
      Re: Dichiarazioni ridicole
      bisognerebbe forse considerare che ogni inevitabile progressoporta sempre con se un'inevitabile perdita ed entrambi restano non facilmente rintracciabili nell'apparenza della trasformazione
  • Solange scrive:
    Ipocrita
    Se fosse come dice lui i suoi 5 minuti di celebrita' non li avrebbe mai avuti...
    • legione scrive:
      Re: Ipocrita
      - Scritto da: Solange
      Se fosse come dice lui i suoi 5 minuti di
      celebrita' non li avrebbe mai
      avuti...credi? O in realtà stavano comodi a parecchi? Alla fine ha dato l'impressione che la rete sia liberissima per la felicità di tanti, ma le sue esternazioni erano molto banali. Perdi un pedone per controllare la regina ...
  • Mike07 scrive:
    Il bene e il male
    Come tutto ciò che è umano, c'è sempre un rovescio della medaglia, e a questo non poteva sottrarsi Internet: grande strumento di informazione e disinformazione, di unità e di divisione, ma credo che sia un'altra arma (a doppio taglio) per la democrazione e come tale và trattato.
  • Andreabont scrive:
    Il suo quarto d'ora..
    Il suo quarto d'ora l'ha avuto, che si rassegni, ora il mondo ha altre preoccupazioni. Le rivelazioni di Wikileaks hanno fatto a volte scalpore, ma non c'è stata nessuna apocalisse mediatica, come preannunciato.Capitolo chiuso.
  • abbello scrive:
    Ha ragione
    Ha perfettamente ragione, finché i governi se ne fregano, tutti possono fare quello che vogliono su internet, ma quando decidono di chiuderlo non ci sono santi che tengano: internet non è da meno di altri strumenti di comunicazione.Bisogna ripensare a costruire una rete veramente libera e non soggetta al dittatore di turno.
    • lux scrive:
      Re: Ha ragione
      - Scritto da: abbello
      Bisogna ripensare a costruire una rete veramente
      libera e non soggetta al dittatore di
      turno.La fai tu nel tuo garage di casa?
      • trullo scrive:
        Re: Ha ragione
        il punto centrale e' che internet e' controllabile e quel che facciamo online puo' essere tracciato bene o male. anche prendendo contromisure (TOR o altri sistemi) non c'e' la certezza matematica di avere sempre una garanzia di anonimato totale.e se non si e' anonimi un ipotetico governo puo' venire a bussarti alla porta e chiederti conto di quel che hai detto fatto su internet.
        • iGonzolo scrive:
          Re: Ha ragione

          e se non si e' anonimi un ipotetico governo puo'
          venire a bussarti alla porta e chiederti conto di
          quel che hai detto fatto su
          internet. ma nemmeno tanto ipotetico...
      • Rover scrive:
        Re: Ha ragione
        Tu non lo fai di sicuro. A te va bene così.In realtà quello che ha detto Assange è banale ma purtroppo veritiero.
        • info scrive:
          Re: Ha ragione
          il problema vero è che come al solito le persone partono con le migliori intenzioni, e poi finiscono col riuscire a trasformare qualsiasi cosa tocchino in XXXXX.Tutto quello che il genere umano fa, parte con degli ideali bellissimi,per poi essere storpiato e piegato agli interessi del primo coi soldi,governi compresi.E' la mentalità che deve cambiare,non gli strumenti. Qualsiasi cosa si costruisca avrà sempre qualcosa di non perfetto,e già internet era stato costruito come qualcosa di quasi perfetto (basta studiarsi come lo avevano progettato).. purtroppo senza il cervello anche un frullatore può diventare un tritura-pulcini.E' il cervello che manca, non i mezzi.
          • blackshard scrive:
            Re: Ha ragione
            Verissimo. Sono d'accordo.
          • Torsolo scrive:
            Re: Ha ragione
            - Scritto da: info
            il problema vero è che come al solito le persone
            partono con le migliori intenzioni, e poi
            finiscono col riuscire a trasformare qualsiasi
            cosa tocchino in
            XXXXX.
            Tutto quello che il genere umano fa, parte con
            degli ideali bellissimi,per poi essere storpiato
            e piegato agli interessi del primo coi
            soldi,governi
            compresi.Purtroppo è vero, di solito finisce così. Anche se uno dice di amarsi e di perdonare anche il tuo nemico, qualche secolo dopo i suoi fedeli si danno a torture indicibili, squartamenti, guerre sante...
            E' la mentalità che deve cambiare,non gli
            strumenti. Qualsiasi cosa si costruisca avrà
            sempre qualcosa di non perfetto,e già internet
            era stato costruito come qualcosa di quasi
            perfetto (basta studiarsi come lo avevano
            progettato).. purtroppo senza il cervello anche
            un frullatore può diventare un
            tritura-pulcini.
            E' il cervello che manca, non i mezzi.Infatti uno strumento in sé non è né buono, né malvagio, ma è l'uso che se ne fa che può essere ottimo o deleterio. Gli entusiasti della prima ora non hanno tenuto conto che non c'era solo un possibile utilizzo della rete. Quelli attuali si fanno tranquillamente schedare su FB, con nome, cognome, foto, abitudini...
          • legione scrive:
            Re: Ha ragione
            - Scritto da: info
            il problema vero è che come al solito le persone
            partono con le migliori intenzioni, e poi
            finiscono col riuscire a trasformare qualsiasi
            cosa tocchino in
            XXXXX.
            Tutto quello che il genere umano fa, parte con
            degli ideali bellissimi,per poi essere storpiato
            e piegato agli interessi del primo coi
            soldi,governi
            compresi.
            E' la mentalità che deve cambiare,non gli
            strumenti. Qualsiasi cosa si costruisca avrà
            sempre qualcosa di non perfetto,e già internet
            era stato costruito come qualcosa di quasi
            perfetto (basta studiarsi come lo avevano
            progettato).. purtroppo senza il cervello anche
            un frullatore può diventare un
            tritura-pulcini.
            E' il cervello che manca, non i mezzi.Quello di lux sicuramente
        • anony scrive:
          Re: Ha ragione
          - Scritto da: Rover
          Tu non lo fai di sicuro. A te va bene così.
          In realtà quello che ha detto Assange è banale ma
          purtroppo
          veritiero.veritiero? (rotfl)(rotfl)ma se si contraddice da solo nel giro di due paragrafi..."Internet è il male" (eh sì, e il demonio dove lo mettiamo?)e poi, "ma Wikileaks è la parte buona di Internet (cioè del male)" (parte buona del male? ma che sta a dì? mi sa che ormai si è fuso...
          • Rover scrive:
            Re: Ha ragione
            Intanto c'è di mezzo una traduzione.E comunque internet è il bene e il male insieme. Dipende dall'uso che se ne fa.Per esempio possiamo catalogare le truffe online tra la parte negativa, la maggiore facilità di reperire informazioni la parte positiva (poi c'è il fatto che non sempre sono veritiere, ecc....)Ma basta con questa visione manicheista (cioè tutto bene o tutto male).
          • anony scrive:
            Re: Ha ragione
            - Scritto da: Rover
            Intanto c'è di mezzo una traduzione.lo so benissimo, ma la contraddizione rimane comunque. solo più sottile.
            Ma basta con questa visione manicheista (cioè
            tutto bene o tutto
            male).sono d'accordissimo anch'io. Internet è solo uno strumento, dipende dall'uso che se ne fa. Ma mi sembra fin troppo evidente che i pregi/vantaggi surclassano (e di molto) i rischi/svantaggi.Altrimenti non saremmo qui a parlarne, e non ci sarebbero fior di governi sparsi per tutto il mondo che cercano in tutti di modi di "censurare" e "limitare" internet.nota bene: ho detto "limitare" non "chiudere" o "spegnere", perché ovviamente tali opzioni nell'odierno mondo tecnologicamente avanzato sono assai sconvenienti e controproducenti.
          • mmmhhh scrive:
            Re: Ha ragione
            Mi suoni di infiltrato...
          • little magpie scrive:
            Re: Ha ragione
            perfettamente daccordo con te, mi pare che la "battuta" di Assange possa rientrare nel tema dibattuto su questo sito di Media e Legge http://www.medialaws.eu/facciamo-un-gioco-qual-e-il-punto-di-contatto-tra-l%E2%80%99autorita-francese-per-le-comunicazioni-la-libia-e-la-camorra/ Scrive sul fatto che Skype, da anni, viene additato come lo strumento della mafia per le comunicazioni protette da intercettazioni della magistratura perché criptate, peró lo stesso strumento ha certamente protetto gli insorti di questi mesi in tutti i paesi del Nordafrica o arabi dall'essere catturati. Domani se Skype sará obligata a fornire i codici, a un paese (e altri lo seguiranno) le comunicazioni diverranno meno sicure per tutti. Questo oltre al fatto che dietro alle pressioni potrebbero esserci le compagnie telefoniche, che non hanno mai digerito il Voip
          • alter54 scrive:
            Re: Ha ragione
            ocio!,l'Ignorante perenne di fronte al vitreo strumento,accende sempre la spia gialla,e si domanda "a chi giova tutto c.i.o?" perche il vecchio mi disse una volta che "fidarsi e bene non fidanzarsi è meglio".ciau pais W al me pais!@ssange!!!
    • Andreabont scrive:
      Re: Ha ragione
      A me sembra che Internet non sia mai stata fermata da nessuno. possono mettere i bastoni tra le ruote, come in Cina o recentemente in nord Africa, ma non ho mai sentito di blocchi totali.Forse per gente comune accedere alla rete in quella situazione diventa quasi impossibile, ma tener fuori gli "addetti ai lavori" è molto più complicato.
      • Rover scrive:
        Re: Ha ragione
        Ma controllare non è sinonimo di fermare!
        • Andreabont scrive:
          Re: Ha ragione
          Vero. Ma sfido i governi a controllare chi sa come sfuggire ai controlli XD
          • legione scrive:
            Re: Ha ragione
            - Scritto da: Andreabont
            Vero. Ma sfido i governi a controllare chi sa
            come sfuggire ai controlli
            XDChi è certo di sfuggire ai controlli e molto facilmente controllabile. La rete non è tua, tu supponi di fare qualche cosa, ma in realtà fisicamente non hai la minima idea di cio che accade.
          • Andreabont scrive:
            Re: Ha ragione
            La rete non è di nessuno, nemmeno dei governi. Conosco i sistemi che possono essere usati per controllare, li vedo ogni giorno, anche se usati in una università per evitare che gli studenti abusino della connettività offerta dall'ateneo, non sono così diversi, come logica, da quelli che possono essere usati in grande.Ti assicuro che i metodi ci sono, Internet è stata costruita per evitare di essere fermata da una eventuale guerra atomica, non teme qualche filtro.Anche spegnere i router, cosa che sembrerebbe definitiva, non ha fermato la rete, la connettività in qualche modo arriva sempre.Ripeto: per chi sa come fare, non per tutti.
          • come prego scrive:
            Re: Ha ragione
            - Scritto da: Andreabont
            [...]
            Ripeto: per chi sa come fare, non per tutti.scusa me questa è solo una pia illusione
    • VirQuam net scrive:
      Re: Ha ragione
      Ha torto marcio. E lo sa bene. Internet è un mezzo di comunicazione. Probabilmente il più potente che l'umanità abbia mai avuto. Può essere usato per diffondere informazione e documenti altrimenti segreti (Assange dovrebbe saperlo), oppure per organizzare crimini. Di fatto oggi è il canale più efficace per la lotta alle dittature, ai regimi totalitari, alle violazioni dei diritti umani. Ed è il più efficace mezzo di comunicazione per organizzare i soccorsi nel caso di catastrofi naturali.Basta guardarsi attorno. Dissidenti di Cuba, Iran, Cina, Myanmar, eccetera, fino alle recenti proteste e rivolte popolari in Tunisia, Egitto, Libia, Yemen, Bahrein, Algeria, Marocco e via dicendo, sono tutte nate dalla comunicazione via internet, da blog e social network. I regimi tentano di bloccare e controllare i dissidenti su Internet? Questo è ovvio, ed avviene proprio perché è Internet il luogo della libertà di espressione e della democrazia. Per questo Internet concorrerà anche quest'anno all'assegnazione del premio Nobel per la pace. http://internetforpeace.org/manifesto.cfm
      • Torsolo scrive:
        Re: Ha ragione
        Come riporta Reuters nel link nell'articolo, per Assange è proprio il suo sito che ha avuto un ruolo cruciale per quelle rivolte. Nel link a The Economic Times, non si legge che "Internet è il male", come il titolone qua. Le frasi che avrebbe detto sarebbero, secondo The Economic Times:"There was actually a Facebook revolt in Cairo three or four years ago,""It was very small... After it, Facebook was used to round up all the principal participants and they were then beaten, interrogated and incarcerated.""So while the Internet has in some ways an ability to let us know to an unprecedented level what government is doing... it is also the greatest spying machine the world has ever seen,"Il che è un discorso che fila. Infatti Internet e le sue possibilità sono state molto mitizzate, ma non è tutta rose e fiori. Poi:"It is not a technology that favours freedom of speech,""It is not a technology that favours human rights. Rather it is a technology that can be used to set up a totalitarian spying regime, the likes of which we have never seen."Se si riferisse a Facebook non farebbe una piega, ma dall'articolo sembra che continui a riferirsi ad Internet in generale. Comunque sia, aveva preso FB come esempio. Ok che Internet potrebbe essere usata per... ma dire in senso assoluto che non favorisce la libertà di parola, generalizzando l'esempio di Facebook è un po' azzardato. Però i governi se vogliono sapere chi ha detto cosa, con qualche ISP complice e servizio pure... vedi anche Twitter e "l'acXXXXX federale".Non è per difendere Assange, che comunque come personaggio non mi convince troppo e diversi suoi collaboratori gli hanno dato un calcio nel sedere.
      • legione scrive:
        Re: Ha ragione
        - Scritto da: VirQuam net
        Ha torto marcio. E lo sa bene.

        Internet è un mezzo di comunicazione.E come tale permette di far circolare qualsiasi notizia, poi tu puoi far diventare più rilevante una (quella più comoda) rispetto alle altre che rimarranno info di nicchia o peggio
        Probabilmente il più potente che l'umanità abbia
        mai avuto. Può essere usato per diffondere
        informazione e documenti altrimenti segreti
        (Assange dovrebbe saperlo), oppure per
        organizzare crimini.Oppure per disinformare e pilotare (come con la tv) le idee della maggioranza delle persone

        Di fatto oggi è il canale più efficace per la
        lotta alle dittature, ai regimi totalitari, alle
        violazioni dei diritti umani.E già, ho visto cadere molte dittature grazie ad internet
        Ed è il più
        efficace mezzo di comunicazione per organizzare i
        soccorsi nel caso di catastrofi
        naturali.Infatti la rete su cui si appoggia internet è indipendente dalle catatstrofi, con internet abbiamo il collegmento p2p tra i cervelli.
        Basta guardarsi attorno. Dissidenti di Cuba,
        Iran, Cina, Myanmar, eccetera, fino alle recenti
        proteste e rivolte popolari in Tunisia, Egitto,
        Libia, Yemen, Bahrein, Algeria, Marocco e via
        dicendo, sono tutte nate dalla comunicazione via
        internet, da blog e social network.E i risultati si sono visti ...

        I regimi tentano di bloccare e controllare i
        dissidenti su Internet? Questo è ovvio, ed
        avviene proprio perché è Internet il luogo della
        libertà di espressione e della democrazia.Certi regimi, altri invece sfruttano la connessione e controllano le persone, i comportamenti e li usano e pilotano a proprio uso e consumo. Sono semplicemente regimi che si sono evoluti tecnologicamente. Non tutti sono ancora all'età della pietra. In realtà nulla è realmente libero, tutto e controllabile e pilotabile, dipende da quanto interessa. Se poi vuoi credere a babbo natale, ben per te, tanti vivono e poi muoiono felici convinti di aver vissuto una vita libera, altri accettano la condizione ...
  • filce scrive:
    Gran calma...
    Ci andrei cauto. La diffusione esplosiva di Internet è stata possibile perchè non era più pensabile tenerla rinchiusa alle università. Se non puoi fermarla, sfruttala. Dunque le varie lobbies l'hanno resa attuabile perché sarebbe stato un formidabile trampolino per spostare l'economia su dimensioni diverse da quelle all'epoca consolidate e anche, certo, uno strumento di manipolazione più sofisticato della tv, più oneroso da gestire perché aumentano gli attori in gioco ma redditizio a lungo termine. Bisognava catalizzare e tener d'occhio la fascia emergente della nuova classe media, quei 30-40enni stanchi dell'edonismo degli anni 80 e che nei '90 non avevano ancora trovato una dimensione nella quale riconoscersi.Adesso ormai è un ecosistema onnipresente, capillare, diffuso, il presente, ma ancora relegato a postazioni fisse. Ed ecco che da qualche anno, tempestivamente, è stata resa possibile la nuova rivoluzione mobile. Wifi in aumento, sostituiti i vecchi palmari con phone e tablet ipperefficienti, dotati di telecamera-gps-piattaforma inerziale, pronti a farci stare eternamente collegati e a riferire all'occorrenza dove siamo, cosa diciamo e cosa vediamo. Difficile non credere ad Assange, perché è un hacker, una creatura prodotta e perfettamente integrata dallo e nello stesso sistema che condanna. E quel che dicono queste persone, manipolate, impaurite, stizzite o meno, va tenuto in grande considerazione.L'evoluzione di apparati militari, così a memoria, non ha portato a nulla di buono, disinteressato o privo di lati oscuri.
    • lux scrive:
      Re: Gran calma...
      Assange è solo uno che presto tornerà ad essere quello che è sempre stato una nullità, ha XXXXXXX per un po di tempo dei boccaloni spacciando per rivelazioni sconvolgenti chiacchiere da portinaia e dicendo di avere chissà quali altri segreti ancora più sconvolgenti ma che guarda caso si astiene dal rivelare, era fuffa prima e continua ad essere fuffa ora, affermazioni come "Internet è un ostacolo alla libertà" e " Il sito delle soffiate agirebbe nel lato buono della Rete, offrendo ai netizen nuove possibilità di conoscenza e informazione." danno l'idea dell'idiozia di questa persona che dice una cosa e il suo esatto contrario nello stesso discorso, non è altro che un piazzista di aspirapolvere, che si spaccia per salvatore del genere umano
      • Anonymous scrive:
        Re: Gran calma...
        - Scritto da: luxahuauhahuahu XDDProprio "detta col cuore". :D
      • fiertel91 scrive:
        Re: Gran calma...
        - Scritto da: lux
        Assange è solo uno che presto tornerà ad essere
        quello che è sempre stato una nullità, ha XXXXXXX
        per un po di tempo dei boccaloni spacciando per
        rivelazioni sconvolgenti chiacchiere da portinaiaIgnorante. Torna a informarti dai TG.
        • lux scrive:
          Re: Gran calma...
          - Scritto da: fiertel91
          - Scritto da: lux

          Assange è solo uno che presto tornerà ad essere

          quello che è sempre stato una nullità, ha
          XXXXXXX

          per un po di tempo dei boccaloni spacciando per

          rivelazioni sconvolgenti chiacchiere da
          portinaia

          Ignorante. Torna a informarti dai TG.Ecco che è arrivato uno dei boccaloni che si è sentito punto sul vivo, torna a giocare con l'iPhone che il mondo reale per te è troppo complicato
          • legione scrive:
            Re: Gran calma...
            - Scritto da: lux
            - Scritto da: fiertel91

            - Scritto da: lux


            Assange è solo uno che presto tornerà ad
            essere


            quello che è sempre stato una nullità, ha

            XXXXXXX


            per un po di tempo dei boccaloni spacciando
            per


            rivelazioni sconvolgenti chiacchiere da

            portinaia



            Ignorante. Torna a informarti dai TG.

            Ecco che è arrivato uno dei boccaloni che si è
            sentito punto sul vivo, torna a giocare con
            l'iPhone che il mondo reale per te è troppo
            complicatoPer lui sarà complicato, per te no, ci sono altri che pensano per te tu fai solo da ripetitore ...
          • urrrr scrive:
            Re: Gran calma...
            ed ecco che parte il qualunquismo e le affermazioni di chi sa cos'è la vera verità ma non ce la racconta!rofl...
          • lux scrive:
            Re: Gran calma...
            - Scritto da: legione
            - Scritto da: lux

            - Scritto da: fiertel91


            - Scritto da: lux



            Assange è solo uno che presto tornerà ad

            essere



            quello che è sempre stato una nullità, ha


            XXXXXXX



            per un po di tempo dei boccaloni spacciando

            per



            rivelazioni sconvolgenti chiacchiere da


            portinaia





            Ignorante. Torna a informarti dai TG.



            Ecco che è arrivato uno dei boccaloni che si è

            sentito punto sul vivo, torna a giocare con

            l'iPhone che il mondo reale per te è troppo

            complicato
            Per lui sarà complicato, per te no, ci sono altri
            che pensano per te tu fai solo da ripetitore
            ...Se tu hai bisogno di Assange per capire come gli USA gestiscono la politica estera sei proprio un ingenuo che non ha le idee molto chiare su come funzioni il mondo reale,quelle di Assange era solo gossip da parrucchiere niente di più, quali sarebbero i segreti sconvolgenti che ha rivelato?Che un ambasciatore ha una bassa opinione del presidente di uno stato?Certo ci voleva Assange per dare questa sconvolgente notiziaChe in un conflitto muoiono per errore anche innocenti?Accidenti che notizia sconvolgenteDimmene altre sono proprio curioso stupiscimi con queste grandi rivelazioni
  • Ciro Menotti scrive:
    I deliri di una attention whore
    Il ragazzetto si sentiva un pelino bistrattato dai media, quindi punta i piedini e stringe i pugnetti sparando amene bestialità.
  • infame scrive:
    ora abbiamo la prova...
    ...Assange è un idiota!:-)
Chiudi i commenti