Zynga: gli ultimi saranno i primi

Il CEO parla del modus operandi della sua azienda: ormai avrebbe la forza per non preoccuparsi di dover arrivare prima sul mercato. Le cause in materia di proprietà intellettuale mosse da piccoli sviluppatori sembrano dimostrarlo

Roma – “Non abbiamo bisogno di essere primi sul mercato”: così il CEO di Zynga Mark Pincus ha spiegato in un memo ai suoi impiegati la strategia e le priorità dell’azienda sviluppatrice di social game.

Pincus, in pratica, sembra dire che la posizione della sua azienda le permette di non doversi scapicollare per arrivare prima con un nuovo prodotto, dal momento che ha la forza e la diffusione per imporre i propri giochi anche se arrivano lievemente in ritardo rispetto alla concorrenza: l’importante è che si riesca sempre a mettere a disposizione giochi migliori degli altri. Un po’, spiega Pincus, come hanno fatto Facebook, Google e Apple rispettivamente con i social network, i motori di ricerca e i lettori mp3.

Quella di reagire ai concorrenti è peraltro un’accusa che le era già stata mossa: relativamente alla paternità di alcuni giochi Zynga si trova in causa con la brasiliana Vostu. Questa, in una controdenuncia, contesta a Zynga di avere come pratica consueta quella di copiare dagli sviluppatori più piccoli e distribuire al meglio sfruttando le proprie sinergie eclissando in questo modo i primi ad arrivare sul mercato.

Contro Zynga si sono mosse altresì Playdom, NimbleBit e, da ultimo, Bingo Blitz , tutti produttori che le contestano di aver sviluppato giochi molto simili ai loro.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nickless scrive:
    JavaScript è bacato dalla nascita
    Il buon JavaScript è bacato dalla nascita, e sappiamo bene che lavorare ad oggetti in JavaScript non è comodo.Poi i framework come prototype o jquery semplificano la notazioni, ma sono sempre pezze sopra una mezza schifezza.Dall'altra non è facile sostituire uno standard: dart temo non passerà perché gli altri non ne vogliono sapere di altro potere google nella rete, e ne hanno ben donde.Ci vorrebbe uno standard condiviso, non dico per forza via W3C, ma si comincia dal sedersi intorno ad un tavolo: i boss di W3C, Google, MS, Adobe, Opera, Apple, Firefox, IBM, RedHat, Ubuntu etc ... e concordano con uno standard condiviso: e che NON sia per forza retocompatibile.JavaScript sarebbe bello venisse superato. Ma temo questo resti un sogno.
  • pix303 scrive:
    non vedo la verbosità
    Scusate ma non vedo la verbosità che segnalate... mi potete indicare quale in quale parte Dart è molto più verboso?Personalmente lo trovo chiaro e ha cose che js non ha o necessita di altri framework (classi, import, navigazione dom, ecc... ). Se non fosse per l'incertezza sul fatto che verrà adottato o meno non mi farei tanti scrupoli ad utilizzarlo.Ma qualcuno mi smentisca ;)
    • Nickless scrive:
      Re: non vedo la verbosità
      - Scritto da: pix303
      Scusate ma non vedo la verbosità che segnalate...
      mi potete indicare quale in quale parte Dart è
      molto più
      verboso?come no: è molto più breve "// no support"
  • mirko scrive:
    linea per linea una app codificata?
    mariuccia, che dici?non è una app, nemmeno un programma,e nemmeno uno script "tradotto"da un linguaggio ad un altro.la pagina che hai linkato mettesemplicemente a confronto le differentimodalità con cui compiere "azioni"nei due linguaggi,tipo "una variabile si assegna così"e "una popup si fa uscire così"...ciao ciao
  • Porcaro scrive:
    Hmm... non ci siamo
    Ho dato un'occhiata al codice. Per fare le stesse cose bisogna scrivere il doppio delle righe. FAIL.
    • tucumcari scrive:
      Re: Hmm... non ci siamo
      - Scritto da: XXXXXro
      Ho dato un'occhiata al codice. Per fare le stesse
      cose bisogna scrivere il doppio delle righe.
      FAIL.Si perché la validità di un linguaggio la misuri dal numero righe di codice?Personalmente non ho un giudizio positivo su Dart (non diversamente da quanto potrei dire di Java... queste sono considerazioni personali) ma la tua argomentazione è totalmente da bimbominkia.
      • hermanhesse quello Tost0 scrive:
        Re: Hmm... non ci siamo
        Però c'è da dire che Java (e javascript) sono già molto verbose.Più di C#.Più di Lisp.Più (sicuramente) di Python.Meno di Delphi - object Pascal (o meglio... lo sono forse della stessa misura ma in modo differente)Analogo al C - C++, ma ovviamente in questo caso dipende cosa stai facendo E non bisogna contare l'onere della garbage collection.Dart sembra più verbose ancora.Pertanto imho non lo vedo bene.
        • brain scrive:
          Re: Hmm... non ci siamo
          - Scritto da: hermanhesse quello Tost0
          Però c'è da dire che Java (e javascript) sono già
          molto
          verbose.
          Più di C#.
          Più di Lisp.
          Più (sicuramente) di Python.
          Meno di Delphi - object Pascal (o meglio... lo
          sono forse della stessa misura ma in modo
          differente)
          Analogo al C - C++,Sicuro?generatore di mandelbrot in c#include "stdio.h"main(){ int b=0,c=0,q=60,_=q;for(float i=-20,o,O=0,l=0,j,p;j=O*O,p=l*l, (!_--|(j+p
          4)?fputc(b?q+(_/3):10,(i+=!b,p=j=O=l=0,c++,stdout)), _=q:l=2*O*l+i/20,O=j-p+o),b=c%q,c
          • Basta Basta pirateria scrive:
            Re: Hmm... non ci siamo
            - Scritto da: brain
            - Scritto da: hermanhesse quello Tost0

            Però c'è da dire che Java (e javascript) sono
            già

            molto

            verbose.

            Più di C#.

            Più di Lisp.

            Più (sicuramente) di Python.

            Meno di Delphi - object Pascal (o meglio... lo

            sono forse della stessa misura ma in modo

            differente)

            Analogo al C - C++,

            Sicuro?
            generatore di mandelbrot in c

            #include "stdio.h"
            main()
            {
            int b=0,c=0,q=60,_=q;for(float
            i=-20,o,O=0,l=0,j,p;j=O*O,p=l*l,

            (!_--|(j+p
            4)?fputc(b?q+(_/3):10,(i+=!b,p=j=O=l=0,

            _=q:l=2*O*l+i/20,O=j-p+o),b=c%q,c }

            più conciso di così ;)Soprattutto leggibilissimo...
      • Mark scrive:
        Re: Hmm... non ci siamo

        Si perché la validità di un linguaggio la misuri
        dal numero righe di
        codice?No, però è una caratteristica importante.Se per scrivere una XXXXXXXta qualsiasi devo scrivere un fiume di codice sicuramente non si aumenta la produttività, tu che dici?
        • Wolf01 scrive:
          Re: Hmm... non ci siamo
          Più che produttività, che tanto con gli ide adesso basta fare TAB e si autocompleta il comando, al massimo lo scegli con frecciasu e frecciagiù, il problema della verbosità è sul piano "più byte da scaricare".Altrimenti perché esisterebbero i compressori per i css e javascript che tolgono spazi inutili e ritorni a capo?
        • panda rossa scrive:
          Re: Hmm... non ci siamo
          - Scritto da: Mark

          No, però è una caratteristica importante.
          Se per scrivere una XXXXXXXta qualsiasi devo
          scrivere un fiume di codice sicuramente non si
          aumenta la produttività, tu che
          dici?Dico che la produttivita' non la misuri nello sviluppo, ma nella manutenzione di un codice.Un codice piu' leggibile e' molto piu' produttivo di uno meno leggibile.
          • gnammolo scrive:
            Re: Hmm... non ci siamo
            sante parole
          • Mark scrive:
            Re: Hmm... non ci siamo
            Si certo, anche
          • brain scrive:
            Re: Hmm... non ci siamo
            - Scritto da: Mark
            Si certo, ancheforse
          • Arturu scrive:
            Re: Hmm... non ci siamo
            QUOTOOOO- Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Mark




            No, però è una caratteristica importante.

            Se per scrivere una XXXXXXXta qualsiasi devo

            scrivere un fiume di codice sicuramente non
            si

            aumenta la produttività, tu che

            dici?

            Dico che la produttivita' non la misuri nello
            sviluppo, ma nella manutenzione di un
            codice.
            Un codice piu' leggibile e' molto piu' produttivo
            di uno meno
            leggibile.
        • echoesp1 scrive:
          Re: Hmm... non ci siamo
          Esistono tante variabili che determinano le differenze tra i vari linguaggi: l'ambito di applicazione,i paradigmi di programmazione, la presenza del byte-code, il garbage collector, la sintassi, il compilatore utilizzato, la leggibilità del codice, ecc...Poi c'è da dire che non sempre il miglior linguaggio viene utilizzato, non è raro incontrare successi inspiegabili.
    • Fabio Giaffaglio ne scrive:
      Re: Hmm... non ci siamo
      Non mi sembra proprio che bisogna scrivere il doppio rispetto a JS.Anzi in certe cose si scrive tanto quanto a JQuery.
    • secchio scrive:
      Re: Hmm... non ci siamo
      - Scritto da: XXXXXro
      Ho dato un'occhiata al codice. Per fare le stesse
      cose bisogna scrivere il doppio delle righe.
      FAIL.Ma che codice hai guardato? Ma non vedi che il doppio delle righe degli esempi è semplicemente perché le parti di Dart sono spiegate tramite commenti!?!?FAIL
Chiudi i commenti