A quanto un cellulare TIM, Omnitel, Wind e Blu?

Breve panoramica tra le offerte dei telefonini messi in vendita dai quattro gestori di rete mobile: prezzi, caratteristiche salienti, novità


Roma – Gli operatori di rete mobile non si limitano, com’è noto, a vendere abbonamenti o schede prepagate, ma mettono a disposizione degli utenti anche alcuni cellulari prodotti da fornitori internazionali, che poi i gestori personalizzano con i propri servizi già attivati al momento dell’acquisto. In molti casi, le promozioni degli operatori prevedono omaggi e bonus presenti nelle confezioni dei cellulari, spesso provvisti di schede prepagate di diverso taglio incluse nel prezzo.

TIM
La collezione di TIM prevede un parco di offerte di cellulari piuttosto vario. I GPRS sono i Motorola V66 (tri band), Motorola Accompli 008 (dual band) e Motorola Timeport 260 (tri band). I prezzi sono di fascia alta: rispettivamente 1.049.000 lire, 1.229.000 lire e 699.000 lire, sempre IVA inclusa.

Altri cellulari della collezione WAP di TIM sono prodotti da Motorola, Samsung, Nokia, Sony, Telit e Alcatel. Qui il prodotto di punta è costituito dal Sony CMD MZ5 Dual Band, disponibile al prezzo di 1.999.000 lire (IVA inclusa). Le caratteristiche di questo cellulare includono, tra l’altro, un display a sei linee (96×72 pixel), un Jog-dial multidirezionale, memory stick da 64 MB e la possibilità di rimanere accesso in stand by fino a centotrenta ore oppure duecentodieci minuti di conversazione. Nelle confezioni di questi prodotti è inclusa anche una scheda TIM prepagata da 10mila lire.

Sale invece a 50mila lire il taglio della scheda offerta insieme ai prodotti della collezione I-Timmy WAP, forniti da Siemens, Telit, Motorola, Ericsson e disponibili a prezzi tendenzialmente più bassi rispetto a quelli della serie esaminata in precedenza. Il più economico in assoluto è il cellulare Motorola T2288 Dual Band, venduto al prezzo di 199mila lire (IVA inclusa), che garantisce un periodo di permanenza in stand by di cento ore (e centodieci minuti di conversazione). Un altro telefonino appartenente alla collezione i-Timmy è l’Ericsson T20e Dual Band (329.000 lire IVA inclusa), provvisto di giochi e servizi come ad esempio la personalizzazione della suoneria in base al chiamante e la possibilità d’inviare SMS particolari (con melodie, loghi, screensaver). Il periodo di stand by dichiarato dal produttore per questo cellulare arriva a duecento ore (seicento minuti di conversazione).

La maggior parte dei prodotti esaminati includono, oltre a normali opzioni come la possibilità d’inviare SMS o l’avviso di chiamata, il servizio TIM Conference, che permette di comunicare con più persone contemporaneamente.
La più recente offerta promozionale di TIM è il i-TIMMY WAP Siemens C35i (Dual Band) venduto a 299.000 lire (IVA inclusa).


Omnitel Vodafone
Omnitel mette a disposizione dei clienti un gran numero di cellulari: solo la collezione Facile Omnitel raccoglie ventuno diversi modelli, prodotti soprattutto da Panasonic (altri fornitori sono Motorola, Alcatel, Philips, Savvy, Siemens). Tutte le confezioni includono, insieme al telefonino, una scheda prepagata Omnitel da 50mila lire (in alcuni casi è accluso anche uno zainetto portacellulare). Per tutti i modelli, al momento dell’acquisto sono già attivati una casella di posta elettronica e il servizio You & Me.

I prezzi sono di fascia medio-bassa, variando dalle 159mila alle 349mila lire, IVA inclusa. Prevedibile eccezione è costituita dal Motorola Accompli A008 GPRS, venduto al prezzo di 1.299.000 lire IVA inclusa.
Omnitel offre anche altre due collezioni di cellulari, con o senza SIM già inclusa nel prodotto. Tra tutti i modelli, il più professionale è forse il Nokia 9210 Communicator (italiano), dotato di un cavetto seriale per il collegamento al PC e di un Cd Rom. È disponibile al prezzo di 1.990.000 lire (IVA inclusa).
Omnitel ha lanciato, per i clienti aziendali, una promozione che consente di acquistare il telefono Panasonic GD92 a rate (ventiquattro rate mensili da 5mila lire l’una).

Wind
L’offerta di Wind , rispetto ai concorrenti, prevede un numero più limitato di modelli. I prezzi variano da un minimo di 199mila lire IVA inclusa (Siemens M30) a un massimo di 699mila lire (IVA inclusa in entrambi i casi), costituito dal cellulare Motorola Timeport T260, dotato di funzioni GPRS. Altri modelli sono prodotti da Alcatel, Sony, Ericsson, Trium Mars. Il Motorola Timeport T260 è tri band, con un display da 96×64 pixel, 100 slot di memoria per comandi vocali. Questo cellulare fa parte dei modelli offerti da Wind per la promozione Go Wind; le confezioni Go Wind includono una scheda ricaricabile WindAttiva da 50mila lire, l’attivazione gratuita della tariffa di telefonia fissa 1088 e un Cd Rom per configurare il proprio PC alla connessione a internet tramite InWind. Per il Motorola Timeport T260 offerto nella promozione Go Wind, sono previsti anche altri due Cd Rom (Wizard GPRS e quello di sincronizzazione TrueSync), più un cavo seriale per la trasmissione dati.

Blu
Blu offre una vasta gamma di marche di cellulari: Nokia, Siemens, Motorola, Samsung, Trium Mars, Philips, Sony, Sagem, Ericsson. Anche quest’operatore vende il GPRS Motorola T260: il prezzo stabilito è di 649mila lire (IVA inclusa) e nella confezione sono incluse due schede prepagate Blu da 50mila lire ciascuna, un gadget (telo da mare) e un Cd Rom per configurare l’accesso a internet. Gli stessi omaggi sono anche presenti nel nuovo modello offerto da Blu, il Trium Mars (199mila lire IVA inclusa), cui è associata una scheda prepagata da 50mila lire inclusa nel prezzo. Questo modello garantisce sulla carta cento ore consecutive in stand by e due ore e mezzo di conversazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    LA TRUFFA
    Il n. verde cmq esiste e l'abbonato solamente non risulta in elenco....ho chiesto al 12 di telecom. Riguardo l'intera truffa non vi è sorto il dubbio che is potesse trattare di qualcuno che non ha hackato la mailbox di galactica bensì fosse qualcuno che già lavorasse presso Galactica s.p.a. in liquidazione (bast.....!!!) ???? Cmq credo che bisognerebbe fare chiarezza su questo evento e credo che sia non meno utile 'illuminarci' sui risvolti di tale vicenda...anche perchè galactica è responsabile verso NOI abbonati per violazione della legge sulla privacy e sul trattamanto dei dati personali ...e non sto scherzando... credo che dovrebbe interessare un po tutti noi abbonati anzi ex-abbonati di galactica sapere chi ha cercato di carpire illegalmente i nostri dati (e delle nostro carte di credito!)   ....
  • Anonimo scrive:
    anche da root@galactica.it
    A me la mail è arrivata da root@galactica.it ed è partita da un server di galactica.A parte questo, come fanno ad avere la mail con la quale mi sono iscritto che è un alias inventato?C'è qualcosa di strano..
    • Anonimo scrive:
      Re: anche da root@galactica.it
      Non sono un genio e non ho seguito le vicende al meglio, ma non vorrei che il server di posta sia stato hackerato. una volta penetrato e presi i privilegi di root (non semplice peraltro a meno di bug disastrosi) creare un account di posta è questione di pochi minuti e qualche comando. Si spiegherebbe perchè i messaggi ti risultano provenienti da root@galactica.it tramite i loro server.In breve, ci si connette, si usa l'exploit (o altro sistema), si crea un account e si spediscono in tutta tranquillità le mail utilizzando gli indirizzi presenti sul server.Probabilmente (sempre che sia così intendiamoci) i problemi degli ultimi tempi hanno fatto abbassare la guardia degli admin.Bye
  • Anonimo scrive:
    Si chiama social engineering
    ...e questo e`un caso anche abbastanzainfelice; il lameronzo avrebbe potuto inventarsi un nome almeno corretto...tant'e`, in quest'era di utonti qualchefurbo che ci casca va a finire che si trova...Pino Silvestre
    • Anonimo scrive:
      Re: Si chiama social engineering
      onestamente io son convinto che un social enginnering fatto cosi' bene , e' da anni che non si vedeva.Lasciamo da parte quei 2 errori commessi sicuramente in modo non voluto , ma bisogna rendere atto all'autore che la mossa e l'idea e' stata azzeccatissima.Erano mesi che non vedevo un esempio cosi' convincente di social enginnering.ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: Si chiama social engineering
        E' la + bella mail di social engeneering che abbia mai letto. Chiunque ci cascherebbe, anche perché uno pensa...sì potrebbe essere un furbo che mi vuole fregare i dati, ma ha anche il numero verde. :-) Quindi con la scusa del numero verde, che peraltro non so se esiste, riesce a farsi mandare per e-mail un sacco di account.COMPLIMENTI°!
        • Anonimo scrive:
          Re: Si chiama social engineering ( NO, TRUFFA )
          E' anche vero che questo tipo di truffa fu'utilizzata 4 anni fa' su America On Line, e 2/3anni fa' ci fu' un fatto molto simile operatoai danni degli utenti Telecom Italia Net .Ritengo questo genere di cose puramente delletruffe, non lodabili nell'inventiva dato chequesti metodi sono utilizzati da anni, anche inaltri campi, e sono documentati da numerosi"paper" su internet. Le mail di questo genere vertono spesso suipiu' disparati argomenti per farsi dare informazioni di carattere personale e commerciale.Dati che vengono poi utilizzati per campagnepubblicitarie, e/o vengono rivenduti a terzi.Uno dei tanti "Internet Scams" e consiglio a tuttidi vedere il sito: http://www.scambusters.orgSaluti- Scritto da: Mr.Wolf
          E' la + bella mail di social engeneering che
          abbia mai letto. Chiunque ci cascherebbe,
          anche perché uno pensa...sì potrebbe essere
          un furbo che mi vuole fregare i dati, ma ha
          anche il numero verde. :-) Quindi con la
          scusa del numero verde, che peraltro non so
          se esiste, riesce a farsi mandare per e-mail
          un sacco di account.
          COMPLIMENTI°!
    • Anonimo scrive:
      Re: Si chiama social engineering
      Chissà, magari ha scritto stuff per dare ai truffati un indizio per non cascarci (molti pirati amano giocare e dare chance alle proprie vittime). E' un ipotesi:) Oppure voleva essere una scappatoia per provare, in caso fosse ritnracciato, che non era altro che uno scherzo?Non so...Non vedo chi possa cascarci, cmq
    • Anonimo scrive:
      Re: Si chiama social engineering
      - Scritto da: Pino Silvestre
      ...e questo e`un caso anche abbastanza
      infelice; il lameronzo avrebbe potuto
      inventarsi un nome almeno corretto...In che senso, l'identità assunta tramite l'indirizzo email?Cioè, galactica.stuff@galactica.it?Bè, probabilmente non poteva non aggiungerequalcosa, perché con tutta probabilitàl'indirizzo galactica@galactica.it èil vero indirizzo della direzione.Da qualche parte i dati gli sarebbero dovutiarrivare, se no non avrebbe avuto senso...
  • Anonimo scrive:
    il numero verde ...
    ho cercato di capire da elenco.iol.it a chi sarebbe intestato quel numero, ma ...***************************************RISULTATO RICERCA: la ricerca non ha dato nessun risultato ***************************************
    • Anonimo scrive:
      Re: il numero verde ...
      Quando sottoscrivi un contratto per un numeroverde, nel modulo c'e' una "checkbox" da flaggareper decidere se rendere quel numero pubblico oprivato.Si pensi a tutti i "RAS" aziendali, o numeri di servizio... perche' una azienda dovrebbe renderlipubblici?ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: il numero verde ...
        - Scritto da: anonimo
        Quando sottoscrivi un contratto per un numero
        verde, nel modulo c'e' una "checkbox" da
        flaggare per decidere se rendere quel numero
        pubblico o privato.
        Si pensi a tutti i "RAS" aziendali, o numeri
        di servizio... perche' una azienda dovrebbe
        renderli pubblici?
        ciaoper non dare l'opportunita' di pensare male.
Chiudi i commenti