Amministrative, si muovono i LUG

Ai candidati senesi dell'imminente consultazione elettorale il Linux User Group chiede un impegno concreto verso l'open source. Si parla di maggiore accessibilità e sicurezza

Siena – Sono circa 15 milioni gli italiani chiamati a votare a fine maggio alle consultazioni amministrative, un appuntamento che sta riscuotendo un certo interesse tra i sostenitori dell’open source come occasione per far valere considerazioni e richieste sull’adozione degli strumenti a codice aperto da parte della Pubblica Amministrazione. A muoversi in questi giorni è in particolare lo SLUG – Siena Linux User Group .

In una nota rivolta ai candidati degli opposti schieramenti, i promotori dello SLUG hanno chiesto l’adozione di tre punti programmatici .

Il primo si riferisce all’impegno di rendere pubblici i documenti e i moduli del comune di Siena anche in formato OpenDocument o PDF . “Il sito del comune di Siena ha da tempo intrapreso la lodevole prassi di fornire documenti e moduli in formato digitale sul suo sito web – spiegano allo SLUG – Solitamente questi documenti sono in formato Microsoft Word o Microsoft Excel. Sarebbe un importante segnale di apertura e di modernità da parte del Comune di Siena che tutta la documentazione elettronica venisse sempre fornita anche in formati liberi”.

Il secondo è invece legato all’adozione della CIE, la Carta di identità elettronica . Nonostante le vicissitudini in cui è incorso il progetto, lo SLUG ritiene che quando verrà introdotta sarà necessario ricorrere il più possibile a soluzioni aperte, soprattutto per garantire sicurezza. “L’emissione della CIE, la generazione delle chiavi crittografiche, la trasmissione dei dati e l’autenticazione della carta e della firma elettronica – spiegano i promotori dell’iniziativa – necessitano un sistema informatico complesso e composto da diverse componenti. La componente più vicina al cittadino e che permette l’uso diretto della CIE è la procedura di autenticazione. Cercare di avere almeno il software per l’autenticazione della CIE rilasciato con licenza libera testimonierebbe un concreto e fattivo impegno del Comune di Siena per la libertà e la sicurezza dei cittadini e sarebbe garanzia di trasparenza e accessibilità”.

Altro nodo essenziale per lo SLUG che i candidati dovrebbero integrare ai propri programmi riguarda l’ open source nella didattica . Si chiede cioè che le soluzioni a codice aperto trovino più spazio nelle scuole comunali. “I linguaggi e gli strumenti liberi possono essere installati nella struttura didattica senza costi in licenze. I programmi liberi possono essere copiati e consegnati agli studenti tutte le volte che serve. Studiare con linguaggi di programmazione liberi permette a docenti e studenti di lavorare, in maniera uniforme, con le più moderne tecniche di sviluppo senza dover ricorrere a costosi aggiornamenti software. Allorché esista un alternativa libera valida ad un pacchetto software questa dovrebbe avere sempre l’opzione preferenziale”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti