Antitrust, News Corp sfida Google in Europa

Ancora una volta un editore contro Big G, ancora una volta per le news in Rete. Come andrà questa volta?

Roma – Anche News Corp, buona ultima, ha deciso di muovere battaglia legale a Google in Europa: l’editore rivendica un trattamento iniquo dei propri contenuti da parte degli algoritmi del search di Mountain View. Gli estratti delle notizie anticipati da Big G svelano troppo , dice l’esposto presentato all’antitrust del Vecchio Continente, e ciò crea un danno poiché gli utenti non visitano affatto i siti dove queste notizie sono state pubblicate. L’alternativa di non figurare nell’indice di Google è giudicata inaccettabile.

La storia di Google e del suo servizio Google News è già stata turbolenta in Europa: da tempo alcuni editori hanno manifestato il proprio disagio riguardo l’aggregazione dei loro contenuti sulle pagine di Big G, con controversi balletti dentro e fuori l’indicizzazione a seconda delle convenienze del momento. Emblematici i casi spagnoli e tedeschi , con le stesse aziende che prima hanno invocato a gran voce l’uscita da Google News e poi hanno rimpianto le proprie scelte o addirittura fatto marcia indietro .

Ora News Corp, che possiede due importanti quotidiani britannici come The Sun e Daily Mail , rilancia la questione . Questa volta la questione ruota attorno a una eccessiva rigidità del sistema adottato da Google per venire incontro alle richieste degli editori : secondo quanto si apprende, all’azienda non andrebbe giù la scelta tra proporre un estratto dalla lunghezza giudicata eccessiva (tanto da rendere pleonastica la visita al sito del quotidiano) e l’assenza completa dall’indice del search. Di fatto l’editore sarebbe messo davanti a una scelta tra solo due opzioni, mentre preferirebbe avere maggiore controllo su quanto e come è pubblicato online.

Le rimostranze di News Corp si vanno ad unire alla già complessa situazione in seno all’Antitrust europeo che riguarda Google: ci sono in ballo questioni relative ad Android e alle app pre-installate su tutti gli smartphone equipaggiati con questo sistema operativo, ci sono altre rimostranze relative all’indicizzazione dei concorrenti sul search per antonomasia, e ovviamente le già citate divergenze con i giornali presenti in Rete. Per ora non ci sono ancora dichiarazioni ufficiali sulla vicenda, che è ben lontana da essere conclusa: più che un semplice pronunciamento, occorrerà definire nuove forme di applicazioni di norme vecchie e pensate per un mondo molto diverso dall’attuale .

Un pronunciamento su almeno parte di queste vicende è atteso già entro questa settimana .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • aphex_twin scrive:
    Giustamente ....
    ... non vedo nessuna obiezione a questa parte dell'articolo."In questo modo sono cambiate moltissime le dinamiche dei <b
    dati di telemetria raccolti da remoto </b
    : le cosiddette PHA (Potentially Harmful App) sono per lo più rimaste fuori dalle memorie interne <b
    grazie a 6 miliardi di controlli effettuati sulle app installate </b
    , e ogni giorno <b
    i servizi di Google hanno verificato 400 milioni di terminali </b
    per eventuali compromissioni a livello di comunicazione." :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 aprile 2016 10.56-----------------------------------------------------------
    • ... scrive:
      Re: Giustamente ....
      - Scritto da: aphex_twin
      ... non vedo nessuna obiezione a questa parte
      dell'articolo.

      "In questo modo sono cambiate moltissime le
      dinamiche dei <b
      dati di telemetria
      raccolti da remoto </b
      : le cosiddette PHA
      (Potentially Harmful App) sono per lo più rimaste
      fuori dalle memorie interne <b
      grazie a 6
      miliardi di controlli effettuati sulle app
      installate </b
      , e ogni giorno <b

      i servizi di Google hanno verificato 400 milioni
      di terminali </b
      per eventuali
      compromissioni a livello di
      comunicazione."

      :) :) :) :) :)(linux) :) :) :) :) :)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux) :) :)(linux)(nolove)(nolove)(nolove)(nolove)(nolove)(linux) :) :)(linux)(nolove)(cylon)(cylon)(cylon)(nolove)(linux) :)(linux)(linux)(nolove)(cylon)(rotfl)(cylon)(nolove)(linux)(linux) :)(linux)(nolove)(cylon)(cylon)(cylon)(nolove)(linux) :) :)(linux)(nolove)(nolove)(nolove)(nolove)(nolove)(linux) :) :)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux) :) :) :) :) :)(linux) :) :) :) :)
    • Funz scrive:
      Re: Giustamente ....
      - Scritto da: aphex_twin
      ... non vedo nessuna obiezione a questa parte
      dell'articolo.

      "In questo modo sono cambiate moltissime le
      dinamiche dei <b
      dati di telemetria
      raccolti da remoto </b
      : le cosiddette PHA
      (Potentially Harmful App) sono per lo più rimaste
      fuori dalle memorie interne <b
      grazie a 6
      miliardi di controlli effettuati sulle app
      installate </b
      , e ogni giorno <b

      i servizi di Google hanno verificato 400 milioni
      di terminali </b
      per eventuali
      compromissioni a livello di
      comunicazione."Insomma, se non controllano l'ecosistema Android è un verminaio, se controllano fanno male lo stesso (ed è un verminaio lo stesso, secondo voi).Insomma, Google qualunque cosa faccia sbaglia, mentre Apple col suo controllo totale è sempre nel giusto.
      • aphex_twin scrive:
        Re: Giustamente ....
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: aphex_twin

        ... non vedo nessuna obiezione a questa parte

        dell'articolo.



        "In questo modo sono cambiate moltissime le

        dinamiche dei <b
        dati di telemetria

        raccolti da remoto </b
        : le
        cosiddette
        PHA

        (Potentially Harmful App) sono per lo più
        rimaste

        fuori dalle memorie interne <b

        grazie a
        6

        miliardi di controlli effettuati sulle app

        installate </b
        , e ogni giorno
        <b


        i servizi di Google hanno verificato 400
        milioni

        di terminali </b
        per eventuali

        compromissioni a livello di

        comunicazione."

        Insomma, se non controllano l'ecosistema Android
        è un verminaio, se controllano fanno male lo
        stesso (ed è un verminaio lo stesso, secondo
        voi).
        Insomma, Google qualunque cosa faccia sbaglia,
        mentre Apple col suo controllo totale è sempre
        nel
        giusto.E va benissimo se controllo il Play Store , ci mancherebbe , ma sarebbe anche interessante sapere cosa ne pensate delle parti che ho messo in grassetto.
        • Funz scrive:
          Re: Giustamente ....
          - Scritto da: aphex_twin
          - Scritto da: Funz

          - Scritto da: aphex_twin


          ... non vedo nessuna obiezione a questa
          parte


          dell'articolo.





          "In questo modo sono cambiate
          moltissime
          le


          dinamiche dei <b
          dati di
          telemetria


          raccolti da remoto </b
          : le

          cosiddette

          PHA


          (Potentially Harmful App) sono per lo
          più

          rimaste


          fuori dalle memorie interne <b


          grazie a

          6


          miliardi di controlli effettuati sulle
          app


          installate </b
          , e ogni giorno

          <b



          i servizi di Google hanno verificato 400

          milioni


          di terminali </b
          per eventuali


          compromissioni a livello di


          comunicazione."



          Insomma, se non controllano l'ecosistema
          Android

          è un verminaio, se controllano fanno male lo

          stesso (ed è un verminaio lo stesso, secondo

          voi).

          Insomma, Google qualunque cosa faccia
          sbaglia,

          mentre Apple col suo controllo totale è
          sempre

          nel

          giusto.

          E va benissimo se controllo il Play Store , ci
          mancherebbe , ma sarebbe anche interessante
          sapere cosa ne pensate delle parti che ho messo
          in
          grassetto.perché, tu credi veramente che Apple col suo sistema blindato e iper-sorvegliato non faccia di più e di peggio?Dimmi, di si, confermami per l'ennesima volta quanto sei prigionerio del tuo mondo di fantasia...Insomma, se non controllano l'ecosistema Android è un verminaio, se controllano fanno male lo stesso (ed è un verminaio lo stesso, secondo voi).Insomma, Google qualunque cosa faccia sbaglia, mentre Apple col suo controllo totale è sempre nel giusto.
  • Etype scrive:
    Origini sconosciute
    "sugli smartphone equipaggiati con il sistema operativo di Google è possibile installare app provenienti da qualsiasi origine (ovviamente sbloccando l'apposita funzione tra le impostazioni), e ciò può essere un problema per quanto attiene la solidità complessiva dell'ecosistema."Come fa ad essere un problema se devi andare in una zona specifica per abilitarla,non lo fai mica per caso ma volontariamente.
  • rebmaister scrive:
    bolle di sapone
    Il numero delle app di Android e compagnia è una bella balla, come il numero di risultati dei motori di ricerca: in genere dopo la seconda o terza pagina i "milioni di risultati" cominciano a non azzeccarci molto con la ricerca effettuata.
Chiudi i commenti