Canon pensa ai super dischi da 1000 GB

I labs del colosso giapponese hanno svelato un nuovo materiale che promette densità di memorizzazione stratosferiche


Tokyo (Giappone) – Canon sostiene di poter contribuire entro pochi anni a rivoluzionare il mercato dello storage portando la densità di memorizzazione dei dischi magnetici comunemente utilizzati negli hard disk a valori fino a 10 volte superiori a quelli attuali.

I laboratori di ricerca di Canon hanno infatti svelato un nuovo materiale capace di supportare 500 Gbit per pollice quadrato, circa 5 volte più di quanto possa vantare l’hard disk più tecnologicamente avanzato attualmente in commercio.

Gli obiettivi di Canon sono quelli di arrivare entro la fine del decennio a raddoppiare questa densità e stipare su di un unico piatto ben 1000 Gbit per pollice quadrato che permetterebbe di produrre agevolmente hard disk da oltre 1000 GB.

I ricercatori del colosso giapponese hanno sviluppato un substrato costituito da elementi magnetici e formato da microscopici fori, chiamati “nanoholes”, al cui interno si trovano particelle di cobalto, nichel e altre leghe in grado di trattenere le cariche magnetiche in modo molto più efficiente rispetto ai materiali utilizzati oggi.

Canon sostiene di esser in grado di raggiungere alte densità di memorizzazione molto più in fretta dei propri avversari, ancora impegnati, a suo dire, a cercare di spremere fino all’ultima goccia le tecnologie in loro possesso. Il processo di produzione di questi nuovi dischi, inoltre, dovrebbe rivelarsi anche più economico.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    SQLServer XML su Computer Programming
    se posso permettermi, c'è un interessante articolo su questa tecnologia su Computer Programming di questo mese (la seconda parte sul numero di novembre). come dice Maks, il supporto XML di SQLServer è tutt'altro che basic.Matrops. l'articolo è interessante soprattto xchè l'ho scritto io, insieme a Neural :-)
  • Anonimo scrive:
    veramente
    sql server "mastica" XML da un bel po.Con l'ultima release di sqlxml si va ben oltre l'infarinatura.Cmq ben vengail pieno supporto alle nuove tecnologie.Per me sqlxml e' stata la manna in molti lavori.Ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: veramente
      Infatti se tu avessi letto la news avresti trovato scritto: "Nonostante SQL Server 2000 integrasse già un supporto parziale verso XML"... ;-)Ciao!- Scritto da: maks
      sql server "mastica" XML da un bel po.
      Con l'ultima release di sqlxml si va ben
      oltre l'infarinatura.
      Cmq ben vengail pieno supporto alle nuove
      tecnologie.
      Per me sqlxml e' stata la manna in molti
      lavori.

      Ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: veramente

        Infatti se tu avessi letto la news avresti
        trovato scritto: "Nonostante SQL Server 2000
        integrasse già un supporto parziale verso
        XML"... ;-)Il supporto XML in SQL2k è tutt'altro che parziale! Inoltre chi ha scritto questo articolo mi dà l'idea di conoscere molto poco l'argomento:
        Nonostante SQL Server 2000 integrasse già un
        supporto parziale verso XML, soprattutto dal
        lato client, gli sviluppatori non potevano
        accedere a queste funzionalità attraverso Visual
        Studio.NET EEEEHHH? ma le funzionalità XML di SQL2k sono accessibili via HTTP da chiunque, non è necessaria nessuna integrazione con i tool di sviluppo! mah...
Chiudi i commenti