Lessig: Book Search asfissierà la cultura

Il noto professore di Harvard ha dipinto un possibile scenario futuro post-Book Search. Le opere verrebbero dominate da un sistema di licenze applicate al singolo stralcio

Roma – Il patto da 125 milioni di dollari che Google ha stipulato con gli editori statunitensi costituirebbe un serio rischio per il futuro della cultura. Si tratterebbe di un cammino verso la follia , sospinto da un accordo che asfissierebbe il sapere umano, in particolare quello veicolato da testi, saggi e tomi.

Non ha risparmiato le sue critiche Lawrence Lessig, illustre docente alla Harvard Law School nonché intellettuale impegnato nel mondo della cultura libera online. Opinioni poco lusinghiere nei confronti delle conseguenze dell’accordo tra BigG e Authors Guild , inserite all’interno di un articolo apparso su The New Republic .

Lessig non ha tanto puntato il dito contro Mountain View o contro Book Search in sé. Nel lungo articolo, l’accademico statunitense ha sottolineato come i principi giuridici a tutela del copyright debbano essere applicati ai contenuti della Rete in una maniera diversa, attentamente rivista .

“Il patto – ha scritto Lessig – costruisce un mondo in cui il controllo potrebbe essere esercitato al livello di una singola pagina di un testo, addirittura di una singola citazione”. In pratica, nell’universo possibile dipinto da Lessig potrebbe venire introdotto un meccanismo perverso in cui ogni singolo bit (o singola parola) verrebbe coperto da un sistema di licenze .

E questo, per Lessig, trasformerebbe le biblioteche digitali volute da Book Search in veri e propri Barnes & Noble elettronici. Il pericolo maggiore verrebbe dalla diffusione di testi molto simili ai film, in cui ogni singolo stralcio (ad esempio una canzone) viene tutelato da una specifica forma di diritto d’autore. La condivisione libera sarebbe così a rischio, perché non si tratterebbero più i libri digitali come opere singole .

Lessig non ha comunque condannato in toto un accordo che renderebbe più semplice e universale l’accesso libero al sapere umano sotto forma di testo. Le sue paure risiedono invece in uno scenario futuro in cui un comune studente si ritrovi a poter consultare soltanto il 20 per cento di ogni libro disponibile in formato digitale.

Cosa ha dunque proposto Lessig? Una radicale trasformazione del copyright su Internet, affinché ci sia un registro obbligatorio che ricordi chi detiene cosa . Il tutto proteggendo la singola opera nella sua interezza e non le sue singole parti. La legge dovrebbe poi regolamentare questo registro, obbligando i detentori dei diritti a prendervi parte. Pena, la trasformazione dei loro testi in opere di pubblico dominio.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • so sempre io scrive:
    Sono gli stati uniti il male
    La devono finire a reputarsi i poliziotti del mondo, con scuse banali come guerre preventive, attacchi cibernetici, armi batteriologiche, si sentono liberi di attaccare i paesi che producono petrolio, morissero tutti il mondo vivrebbe meglio.!!!
    • ninjaverde scrive:
      Re: Sono gli stati uniti il male
      - Scritto da: so sempre io
      La devono finire a reputarsi i poliziotti del
      mondo, con scuse banali come guerre preventive,
      attacchi cibernetici, armi batteriologiche, si
      sentono liberi di attaccare i paesi che producono
      petrolio, morissero tutti il mondo vivrebbe
      meglio.!!!Va beh, però certo gli altri non sono meglio....Forse va bene preparare un burca (se non lo porti tu)....Tuttavia è ovvio che con le guerre non si risolve niente, è da secoli che è così, ma non lo si vuol capire.Come un proverbio Valdostano cita:"Togliere i ricci dalla castagne, spalare neve, ammazzare la gente: sono lavori inutili"
    • cognome scrive:
      Re: Sono gli stati uniti il male
      - Scritto da: so sempre io
      La devono finire a reputarsi i poliziotti del
      mondo, con scuse banali come guerre preventive,
      attacchi cibernetici, armi batteriologiche, si
      sentono liberi di attaccare i paesi che producono
      petrolio, morissero tutti il mondo vivrebbe
      meglio.!!!E si, poi ti ritrovi con amazzinejak che ti dice cosa devi e cosa non devi fare. E se non lo fai ti tira un missile termonucleare sulla casa.Adesso ha un nuovo giocattolo e contro qualcuno lo deve pur usare il povero pazzo...
Chiudi i commenti