Morpheus: informazione online, fase 2

Il file-sharing di MusicCity propone agli utenti di diventare i nodi della nuova era dell'informazione su internet. Parte un'esplorazione affascinante che può condurre lontano. Il proclama di Morpheus


Web – E’ ancora presto per sperare anche solo di comprendere l’effettiva portata di questa idea, ma la spinta verso l’adozione del file-sharing come strumento di informazione collettivo, capace di far circolare idee e informazioni in modo democratico, orizzontale e rapidissimo è arrivata. Ad essere promotrice di questa visione è MusicCity, la “spacciatrice” di uno dei leader tra i sistemi di file-sharing, Morpheus .

Il file-sharing come mezzo democratico di scambio orizzontale tra utenti è dal tempo al centro delle riflessioni di molti sull’impatto delle tecnologie. Ma la presa di posizione di MusicCity spinge dritta in una direzione, quella dell’informazione e delle sue fonti, con una chiarezza che finora era mancata. Per accorgersi di quanto l’azienda punti sulle potenzialità della condivisione libera di file tra utenti basta leggere la home page che il programma presenta in queste ore a chi lo utilizza. Un vero e proprio proclama:

“Hai capito che la maggiorparte delle informazioni visive nel mondo sono filtrate e fornite solo da poche fonti? A molte importanti immagini, così come eventi registrati in audio e video non viene permesso di raggiungere la televisione o la stampa. Con Morpheus puoi creare e condividere le VERE informazioni come le vedi in giro per il mondo”.

L’idea di fondo, dunque, è quella di dare all’utilizzo di un network distribuito, fino ad oggi concepito essenzialmente per lo scambio di file più o meno legali, uno “spessore” in più, un elemento che può consentire al file-sharing di massa di fare un salto di qualità.

Le intenzioni di MusicCity sembrano più che serie: “mai prima nella storia le persone hanno avuto l’opportunità di registrare video, audio e immagini e utilizzarle per offrire proprie informazioni e creare articoli sui grandi eventi nel mondo”. Una visione, dunque, nella quale ogni utente del network, ogni suo “nodo”, diventa allo stesso tempo fruitore dell’informazione condivisa dagli altri e fonte egli stesso dell’informazione.

Per spingere su questo fronte, l’azienda ha messo in piedi il “Morpheus News Network”, un ambiente pensato per consentire la pubblicazione delle news prodotte dagli utenti di Morpheus che MusicCity vorrebbe divenissero paladini della trasparenza dell’informazione. Il funzionamento del News Network è pressoché identico a quello già utilizzato per il passaggio dei file tra gli utenti. Cambia soltanto l’interfaccia, che propone degli esempi di contenuti realizzati con questa visione e suddivide le possibilità di ricerca proponendo immagini, audio e video.

Qualunque utente, dunque, può costruirsi il proprio “giornale” scaricando i materiali che ritiene o individuando, tra la folla dei contributori, quelli che forniscono informazioni di maggiore interesse per sé.

L’alba di una nuova era?

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Microsoft vuole sicurezza ?
    Certo, infatti hotmail usa FreeBSD ;)
  • Anonimo scrive:
    la storia di napster si ripete ....
    Sembrano i tempi in cui le case discografiche strillavano contro napster e più strillavano, più i server napster spuntavano fuori come i funghi. L'unica cosa che Culp può fare è un richiamo al buon senso ... chi lo vorrà ascoltare lo ascolterà.Non può fare nient'altro: lasciamolo strillare.
  • Anonimo scrive:
    Boia da che pulpito!...
    ...vien la predica!Dopo aver passato gli anni dal 1995 in poiad automatizzare tutto in modo che gli utentinon possano dire a un programma o a uno script:"No! Fermo! Stai fermo! Che ca££o fai?"...ora parlano di problemi di sicurezza.Non so se ridere o piangere.Più probabilmente ci sarà da piangere...
  • Anonimo scrive:
    Troll a parte,Micro$oft dovrebbe fa una vampa sola
    Solo un pazzo come Michele Coppo(o chi si firma per lui)puo`stare tranquillo in una situazione di monopolio senza concorrenza; e`lagentaglia come lui che predica la liberaconcorrenza che poi vede normale che si usiun unico webserver come quella ciofeca di IIS,SOLO Outlook, SOLO Internet Explorer,e poi una azienda che da una parte si prene tutti i dati degli utenticon il PASSPORT e dall'altra fa dellelicenze software secondo cui qualunqueporcheria faccia il software loro non c'entrano niente...Bill Gates si permette anche il lussodi paragonare questa informatica fatta didozzinalita`e di marketing sporco all'ingegneria vera, dove si testa tutto,dove se un automobile ha un difetto difabbrica esistono responsabili che paganocon la loro testa...Che capa di m%%%% sto zio billPino Silvestre
    • Anonimo scrive:
      Re: Troll a parte,Micro$oft dovrebbe fa una vampa sola
      Oè, uomo dal nome di sciampo, ma ti rendo conto delle panzane che scrivi?Mi auguro che lo fai per alzare il tono della polemica, 'che se veramente pensassi quanto scrivi, si che dovresti preoccupare...Michele Coppo
      • Anonimo scrive:
        Re: Troll a parte,Micro$oft dovrebbe fa una vampa sola
        direi che sei tu l'unico che si deve preocupare...se sei riuscito a soppravivere fino ad ora non e di certo alle tue qualita nascoste...ma alla fortuna...che prima o poi finisce...- Scritto da: Michele Coppo
        Oè, uomo dal nome di sciampo, ma ti rendo
        conto delle panzane che scrivi?
        Mi auguro che lo fai per alzare il tono
        della polemica, 'che se veramente pensassi
        quanto scrivi, si che dovresti
        preoccupare...

        Michele Coppo
    • Anonimo scrive:
      Re: Troll a parte,Micro$oft dovrebbe fa una vampa sola
      e questa la cosa peggiore...
      Bill Gates si permette anche il lusso
      di paragonare questa informatica fatta di
      dozzinalita`e di marketing sporco
      all'ingegneria vera, dove si testa tutto,
      dove se un automobile ha un difetto di
      fabbrica esistono responsabili che pagano
      con la loro testa...
    • Anonimo scrive:
      Re: Troll a parte,Micro$oft dovrebbe fa una vampa sola
      vedi carissimo, se sei ignorante come un asino e ti permetti di dare della gentaglia a chi non la pensa come te non devi rompere l'anima al resto del mondo.Se di informatica non capisci nulla e per te esistono solo Explorer IIS o outlook forse è meglio che prima di parlare ci pensi 6 volte o anche 12!!!!! e forse è ancora meglio se prima di parlare di sicurezza ti apri qualche manuale e studi qualche cosa. Il problema è, a mio modesto parere, non dei sistemi Microsoft ma dei sistemisti che sono ignoranti come capre! le patch che proteggevano dal nimda erano in corcolazione da una vita, prova ne è che non tutti i sistemi ne sono caduti vittima; comunque voi parlate tanto di sicurezza e buttate fango su microsoft ma guardate che un server linux configurato male non è più sicuro di un server microsoft non patchato!!!adesso smetto tanto so benissimo che è tutto fiato sprecato, caro il mio genialoide dell'informatica...lo vuoi un consiglio? prima di mettere le mani sulla tastiera controlla di aver acceso il cervelloMaurizio Riva
    • Anonimo scrive:
      Micro$oft dovrebbe fa una vampa sola - CONDIVIDO
      - Scritto da: Pino Silvestre
      SOLO Outlook, SOLO Internet Explorer,
      e poi una azienda che da una parte
      si prende tutti i dati degli utenti
      con il PASSPORT e dall'altra fa delle
      licenze software secondo cui qualunque
      porcheria faccia il software loro non
      c'entrano niente...esatto: questa è la condizione di MONOPOLIO di FATTO in cui ci troviamo:il MONOPOLISTA può permettersi di sputare in faccia alla clientela (salvo poi dire: "non sono stato io a sputarvi, ma gli amministratori di sistema e gli sviluppatori!")E' ora di proporre un BOICOTTAGGIO di TUTTO quanto sia di proprietà della M$.E' ora che il "popolo della Internet LIBERA" si alzi e proponga atti di lotta LEGALE contro il MONOPOLISTA ILLEGALE.
  • Anonimo scrive:
    le ridicole garanzie di sicurezza di micro$oft
    cito da ZIO BUDDA, che rimanda a una serie di articoli su IL NUOVO:
    http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0,1007,82076,00.htmlConclusione: l'azienda MONOPOLISTA microsoft pretende che si applichino criteri di sicurezza maggiori al software delle sue piattaforme, ma non sa proporre condizioni di sicurezza per le sue stesse piattaforme.Chi continua a fidarsi dei proclami di Zio Bill ?
  • Anonimo scrive:
    Non prendetelo sottogamba .....
    Il pericolo di iniziative di questo tipo, classici casi di FUD, e' quello di essere prese sottogamba.Non e' che questi signori non hanno capito nulla di sicurezza, ma solo che, avendo una base software di scarsa qualita' e non migliorabile, possono solo tentare di scardinare il modo e la volonta' di lavorare di chi fa meglio di loro.Queste cose le hanno sempre sapute fare bene, fin dai tempi della lettera di Bill agli hobbisti.Non prendeteli sottogamba, non sono stupidi, ma pericolosi ....
  • Anonimo scrive:
    Sicurezze, Sistemi Operativi e Peracottari
    C'e' qualcuno qui che si crede l'UNTO, come Berluskoni.Quel qualcuno sul suo computer ha installato leenooz (che fa sempre cagare).Ora, ma perche' non rimane a giocare con il suo leenooz (che fa sempre cagare) senza venire a stressare il resto del mondo?Se vuole usare leenooz (che fa sempre cagare) CappelloRosso o leenooz (che fa sempre cagare) UomoDrago, perche' non lo fa, senza venirci a descrivere i suoi movimenti intestinali?A noi, che lui usa leenooz (che fa sempre cagare) che ci frega?Michele Coppo
    • Anonimo scrive:
      Re: Sicurezze, Sistemi Operativi e Peracottari
      - Scritto da: Michele Coppo
      C'e' qualcuno qui che si crede l'UNTO, come
      Berluskoni.Probabilmente si era rovesciato l'insalata addosso...
      Quel qualcuno sul suo computer ha installato
      leenooz (che fa sempre cagare).Io uso sia Windows (xché devo) sia Linux (xché devo) e devo dire che winsozz fa schifo come bachi (sicurezza e kernel), mentre linux come gestione è troppo complesso, ma meno vulnerabile ad attacchi.

      Ora, ma perche' non rimane a giocare con il
      suo leenooz (che fa sempre cagare) senza
      venire a stressare il resto del mondo?Io "gioco" sia sotto windows e sotto linux, e dico che per certe cose conviene windows e per altre sicuramente linux.

      Se vuole usare leenooz (che fa sempre
      cagare) CappelloRosso o leenooz (che fa
      sempre cagare) UomoDrago, perche' non lo fa,
      senza venirci a descrivere i suoi movimenti
      intestinali?Perché te ci descrivi i tuoi? A noi che ce ne frega? Vai in bagno e liberatene...

      A noi, che lui usa leenooz (che fa sempre
      cagare) che ci frega?A te se non te ne frega nulla vai in bagno a liberarti di quello che ti ribolle nello stomaco...Ciao!PS: sei proprio un troll c@g@c@##o!
    • Anonimo scrive:
      Re: Sicurezze, Sistemi Operativi e Peracottari
      non ho capito se scrivi tutte questo perché lo pensi davvero o perché godi a lanciare flame e a rompere le scatole alla gente. siccome penso, nonostante tutto, di avere a che fare con persone intelligenti (e rientri quindi nel primo caso) ti rispondo:- Scritto da: Michele Coppo
      C'e' qualcuno qui che si crede l'UNTO, come
      Berluskoni.
      Quel qualcuno sul suo computer ha installato
      leenooz (che fa sempre cagare).fesseria numero 1: qui nessuno si crede unto dal signore o da Linus Torvalds; se qualcuno se la tira semplicemente perché ha installato Linux io sono il primo che gli vado contro. e in ogni caso, che ci sia qualche utente antipatico non implica che il sistema faccia cagare. ma andiamo avanti...
      Ora, ma perche' non rimane a giocare con il
      suo leenooz (che fa sempre cagare) senza
      venire a stressare il resto del mondo?
      Se vuole usare leenooz (che fa sempre
      cagare) CappelloRosso o leenooz (che fa
      sempre cagare) UomoDrago, perche' non lo fa,
      senza venirci a descrivere i suoi movimenti
      intestinali?
      A noi, che lui usa leenooz (che fa sempre
      cagare) che ci frega?perché, se tu non te ne sei ancora accorto, questo è un forum di discussione. e se io penso che Linux può essere una soluzione al problema di cui si sta parlando sono liberissimo di dirlo. ciò che è insensato è pensare a linux (o ad un altro sistema, ovviamente) come la soluzione a *qualunque* tipo di problema. d'accordo?
      Michele Coppociaogodzilla
    • Anonimo scrive:
      Re: Sicurezze, Sistemi Operativi e Peracottari
      - Scritto da: Michele Coppo
      C'e' qualcuno qui che si crede l'UNTO, come
      Berluskoni.Dall'atteggiamento che hai, sembrerebbe che lo sia proprio tu.
      Quel qualcuno sul suo computer ha installato
      leenooz (che fa sempre cagare).L'hai provato? che hai contro linux? Il tuo cervello non riesce ad andare oltre il prompt di login?
      Ora, ma perche' non rimane a giocare con il
      suo leenooz (che fa sempre cagare) senza
      venire a stressare il resto del mondo?Uso linux dal '94, non ci gioco, ci lavoro e soprattutto non stresso la gente sul fatto che lo uso e che sia infinitamente piu' sicuro e stabile dei sistemi m$.
      Se vuole usare leenooz (che fa sempre
      cagare) CappelloRosso o leenooz (che fa
      sempre cagare) UomoDrago, perche' non lo fa,
      senza venirci a descrivere i suoi movimenti
      intestinali?Ma ti sei mai letto? Quello sei proprio tu che stressi la gente con concetti del tipo GPL is evil, linux = merda, etc. Quindi oltre che idiota, sei pure ignorante.
      A noi, che lui usa leenooz (che fa sempre
      cagare) che ci frega?Appunto, continua ad usare i tuoi cari wizard per deficenti su sistemi m$ ed ad applicare patch, mesi dopo la scoperta delle voragini dell' SO, tanto a non che ce ne frega?
      Michele CoppoP.S.: Sei sempre il mio lamer preferito, sei il primo in classifica ormaiBeRToZ
    • Anonimo scrive:
      Re: è garantita la libertà di espressione
      - Scritto da: Michele Coppo
      C'e' qualcuno qui che si crede l'UNTO, come
      Berluskoni.com'è noto Silvio Berlusconi ha un'amnmirazione notevole per Gates, e lo ha eletto a proprio simbolo, quindi il tuo riferimento è ridicolo
      Ora, ma perche' non rimane a giocare con il
      suo leenooz (che fa sempre cagare) senza
      venire a stressare il resto del mondo?per dare noia a quelli come te, e per avere uno spazio pubblicitario in cui dimostrare che esiste una alternativa al MONOPOLIO di zio Bill
      Se vuole usare leenooz (che fa sempre
      cagare) CappelloRosso o leenooz (che fa
      sempre cagare) UomoDrago, perche' non lo fa,
      senza venirci a descrivere i suoi movimenti
      intestinali?senza suscitare questi tuoi deliziosi interventi purgativi?non ce ne priveremmo mai!
      A noi, che lui usa leenooz (che fa sempre
      cagare) che ci frega?a me interessa, e quindi puoi impiccarti
  • Anonimo scrive:
    The Microsoft Way
    I prodotti MS non funzionano come dovrebbero nel mondo reale? Ma modifichiamolo, questo benedetto mondo..
    • Anonimo scrive:
      Re: The Microsoft Way
      peccatto che lo modificano in PEGGIO...;-0)- Scritto da: rdce
      I prodotti MS non funzionano come dovrebbero
      nel mondo reale? Ma modifichiamolo, questo
      benedetto mondo..
  • Anonimo scrive:
    W l'open source
    W l'open source ma W anche microsofzche se non ci fosse l'op non esisterebbeW L'ibm che usa linux su i propri main frame
  • Anonimo scrive:
    IL TERRORISTA DEI SO/SW
    E' il DRAGASACCOCCE DI REDMOND (alas Bill Gates).Bush farebbe bene a dirigere un pò di missili (chiaramente "per sbaglio") sul H.Q. del DRAGA a Redmond per ripulire il mondo da quei papaveri all' oppio santo.Bin Laden in confronto è un Santo.
  • Anonimo scrive:
    Meno markenting, piu' sviluppo.
    Come sopra, invece di prendere per i fondelli la gente.
  • Anonimo scrive:
    Dilettantismo o Malafede ?
    Queste affermazioni sembrano scritte da qualcuno che non ha minimamente in testa cosa voglia dire sicurezza...Faccio un esempio... nel campo crittografico, uno dei campi più importanti parlando proprio di sicurezza, il primo passo per l'accettazione di un nuovo algoritmo è proprio la pubblicazione e la sua più ampia diffusione al fine di individuarne i punti deboli... la forza sta nella chiave, non nella segretezza dell'algoritmo... qui invece si propone un algoritmo debolissimo, ma segreto, sperando che i punti deboli non vengano scoperti... a mio parere questo è un dilettante, o peggio, è in malafede...
  • Anonimo scrive:
    Per guarire la febbre basta rompere il termometro
    E' chiara la ricetta: basta non cercare le falle, fidarsi di chi vende una pseudosicurezza a suon di contanti e credere nel mondo di Candido.Salvo il fatto che quando ho un conto on-line ed i miei dati sono accessibili tramite semplice indirizzo URL (ai server IIS non fischiano le orecchie ?), il mio "ricco" conto corrente rischia di volatilizzarsi da un momento all'altro ma il "povero" Bill non paga mai (vedi disclaimer e licenzine varie). Se Microsoft ha tanta cura dei suoi clienti, perchè dalla comunicazione di un problema non difficile da risolvere, al rilascio della patch, rilascio non pubblicizzato dai giornali, passano magari un mese e mezzo (vedi bug di cui sopra) in cui i conti correnti dei clienti Microsoft sono alla mercè del primo ragazzino che passa (ps. irresponsabile per legge).Ma per fare scomparire la febbre si sà che è più facile rompere il termometro che curare l'ammalato (cronico).
  • Anonimo scrive:
    ha proprio ragione lui!
    "Allo stesso modo, questa non è una richiesta di mettere da parte la libertà di parola quanto invece di cessare di gridare al fuoco in mezzo ad una affollata platea di spettatori al cinema"Beh francamente questo Gulp parla proprio bene....dice cose di buon senso, sicuramente è una brava personcina.
  • Anonimo scrive:
    HEY RAGA..... SENTITE QUESTA!!!!!
    PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRPRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    NON SI CHIAMA PULP!!!!
    SI CHIAMA CULP .... CA**O NON SAPETE LEGGERE BRANCO DI UTONTI UTONNI ATTONITI TONNATI E MARINATIMINIMO RISPETTO A TUTTI VOI
  • Anonimo scrive:
    Ma non sarebbe meglio che M$ facesse sw migliore?
    Cioè, abbandonerebbe la politica di creazione sw fin qui seguita, creando sw magari più complesso, ma più robusto; soprattutto creando un o.s. sicuramente più difficile, ma più performante, stabile e sicuro.Esempio: al rilascio ufficiale win2000 era afflitto da più di 60000 bug documentati, Red Hat 6.2 ad 1 anno dal rilascio da poco più di 300.Magari perderebbe un pò di mercato, con però indubbi vantaggi che l'assenza del monopolio arrecherebbe all'informatica, sul piano del progresso tecnico, anche in termini di sicurezza!E' più semplice, no? Senza stare a creare commissioni d'esperti, richieste assurde al legislatore USA (come quella di bandire la GPL o limitarla perchè antiamericana), etc.
  • Anonimo scrive:
    Open Source = Talebani
    Voi che strillate e vi stracciate le vesti, voi dell'Open Source, voi linuzisti... siete peggio dei Talebani.Portate sul digitale una analogia della follia del pazzo criminale Bin Laden.United We Stand contro di voi, che credete che la liberta' sia violare i sistemi degli altri.Come i Taleban verranno distrutti, analogamente voi anarchici digitali, linuzisti e opensorciari da due soldi, cadrete nell'oblio che vi meritate.Michele Coppo
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source = Talebani
      vaffa e abbastanza chiaro ???
      linuzisti e opensorciari da due soldi,
      cadrete nell'oblio che vi meritate.lasciamo stare che e meglio...
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source = Talebani
      Mangiato pesante?- Scritto da: Michele Coppo
      Voi che strillate e vi stracciate le vesti,
      voi dell'Open Source, voi linuzisti... siete
      peggio dei Talebani.
      Portate sul digitale una analogia della
      follia del pazzo criminale Bin Laden.

      United We Stand contro di voi, che credete
      che la liberta' sia violare i sistemi degli
      altri.

      Come i Taleban verranno distrutti,
      analogamente voi anarchici digitali,
      linuzisti e opensorciari da due soldi,
      cadrete nell'oblio che vi meritate.

      Michele Coppo
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source = Talebani
      E' più semplice: chiedi alla M$ di fare sw migliore più sicuro (se ci riesce)!win2000 al suo rilascio aveva più di 60000 bug denunciati e documentati anche dalla M$; Red Hat 6.2 ad 1 anno dal rilascio (1 anno) poco + di 300!Per non parlare di OpenBSD, davanti al quale win* sfigura.Ha scelto la M$ di darvi facilità?L'avete voluta ed accettata?Bene, questo è il prezzo, ed è sempre troppo poco; se l'open source partisse con progetti tesi a violare win* ed a creargli virus vari, AHI, AHI, AHI......
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source = Talebani
      clap clap, complimenti, uno sano di mente leggendoti non potrà far altro che fare il contrario di ciò che tu dici, id1ota lobotomizzato.- Scritto da: Michele Coppo
      Voi che strillate e vi stracciate le vesti,
      voi dell'Open Source, voi linuzisti... siete
      peggio dei Talebani.
      Portate sul digitale una analogia della
      follia del pazzo criminale Bin Laden.

      United We Stand contro di voi, che credete
      che la liberta' sia violare i sistemi degli
      altri.

      Come i Taleban verranno distrutti,
      analogamente voi anarchici digitali,
      linuzisti e opensorciari da due soldi,
      cadrete nell'oblio che vi meritate.

      Michele Coppo
    • Anonimo scrive:
      Michele Coppo sei un troll
      - Scritto da: Michele Coppo
      Voi che strillate e vi stracciate le vesti,
      voi dell'Open Source, voi linuzisti... siete
      peggio dei Talebani.sei un troll, quelli cheimpestano i newsgroup affossandolicon migliaia di messaggi inutili.Meriteresti un'automobile micro$oftcol cofano saldato, il caburanteMicro$oft, i tappetini micro$ofte l'olio te lo dovrebbe cambiare soloun Micro$oft Certified Car Expertil fanatico sei tu, che vedi plausibile unmondo dove TUTTO il software e` Micro$oft,come chi vorrebbe tutta la terrasotto un'unica religione....Pino Silvestre
      • Anonimo scrive:
        Re: Michele Coppo sei un troll
        Io sarei il fanatico?Ma se non fate altro che tirare M_E_R_D_A addosso a tutti coloro che non la pensano come voi!!Neanche come i Talebani, siete **PEGGIO** dei Talebani...Linuzisti: meritereste di essere cancellati dalla faccia dell'InformaticaMichele Coppo
        • Anonimo scrive:
          Re: Michele Coppo sei un troll
          L'open source non scredita nessuno che non la pensa come i suoi molti sostenitori, semplicemente sul piano "politico", cerca di affermare una diversità, non un monopolio, che svilisce l'avanzamento tecnologico in campo informatico; almeno dell'informatica offerta all'utente qualunque.Le espressioni pesanti, rivolte ad M$ ed ai suoi sostenitori, sono niente rispetto a quelle con tono diplomatico rivolte da Bill & C. (non solo M$ ma soprattutto) al mondo open source.Lei sà che pochi mesi or sono i dirigenti M$ hanno chiesto al legislatore USA di rendere il sw con licenza GPL fuori legge o limitarlo? Semplicemente perchè a loro dire è anticapitalista ed antiamericano. Il perchè invece è che Linux sta rodendo il mercato server di win*; e sta spopolando nel mercato embedded, anche se è un mercato ancora in fasce. La caratteristica di Linux di sfruttare al max le risorse (all'opposto di win*) ne fanno un o.s. eccezzionale per l'embedded (palmari, cellulari, etc.), non solo ma gli sviluppatori open source ciò l'hanno capito da tempo, e Linux è avanti su questo terreno rispetto a win+ (ci sono già sw per Linux embedded, e tool rad per creare programmi in Linux embedded).Per non parlare delle altre frasi sempre "diplomatiche" ma minacciose, del fatto che M$ da alcuni anni sta schedando i principali programmatori GPL. Del fatto che mentono sugli o.s. open source (tranne BSD): di Linux, Bill Gates disse che non era adatto per mission-critical, eppure è utilizzato da NASA, ist. di fisica teorica e nucleare per calcoli di QCD, QED; per tutte quelle vere mission-critical non per barzellette commerciali (dove win* ad alto livello non è nemmeno considerato).Potrei continuare, ma suppongo che basti! Di certo non hanno mai detto niente dei *BSD alla M$: sono troppo difficili per raggiungere la massa, ma Linux no.Gli utenti Linux, dapprima non vedevano di buon occhio l'Apple con il suo Mac, perchè era troppo facile, ed aveva tolto all'utente del sistema quella potenza che gli UNIX e parzialmente il DOS (anche l'MSDOS) garantivano. Ma poi con win* il nemico (solo sotto il piano dell'o.s.) è diventato win*, perchè oggettivamente ogni win* sul piano tecnico fa "schifo".Non esiste l'o.s. perfetto, ogni o.s. è il frutto di compromessi tra performance, stabilità e sicurezza, facilità d'uso. A parte i *BSD che non considerano la facilità, per ogni altro o.s. la facilità lede le altre qualità.Con il suo o.s. la M$ ha prodotto un sistema che guardava quasi completamente alla facilità, ed invitava così l'utente a diventare un UTONTO, facendogli perdere quella potenza informatica (e conoscenza) più di ogni altro o.s.Da "amico" Bill Gates divenne nemico, poichè grazie alla facilità del suo o.s. (e non solo, come ha evidenziato il processo in USA) si conquistò il monopolio, a spese degli utenti, ben felici di pagare in soldi e sw (avendo così un sw peggiore) pur di garantirsi la facilità d'uso.Non è colpa dell'open source, quindi le "penetrazioni" in server win*, ma dapprima di chi l'installa e poi della M$. La deficienza degli o.s. win* e sw M$ è una conseguenza della filosofia di base di come è stato costruito l'o.s.ed il sw.Paragonando: se si lascia la porta aperta (o parzialmente aperta) di un palazzo, perchè prendersela con chi vi entra invece che con chi non l'ha chiusa?Questo non vuol dire che gli o.s. open source siano perfetti, ma come ogni UNIX, e più di ogni altro UNIX, sono migliori dei win*.Oltrettutto, questi o.s. sono disponibili a costo zero, per cui se si desidera un'o.s. più sicuro, performante e stabile, non costa nulla in termini di soldi: certo costa in termini di facilità d'uso, ma quest'ultima sul piano tecnico non conta niente!
        • Anonimo scrive:
          Re: Michele Coppo sei un Komunista
          - Scritto da: Michele Coppo
          Io sarei il fanatico?
          Ma se non fate altro che tirare M_E_R_D_A
          addosso a tutti coloro che non la pensano
          come voi!!
          Neanche come i Talebani, siete **PEGGIO**
          dei Talebani...No. piuttosto chi è fanatico, come te, dei "prodotti" microsoft è ** Komunista ** (perchè si affida a un MONOPOLISTA anti-mercato)
          Linuzisti: meritereste di essere cancellati
          dalla faccia dell'Informatica
          invece saranno i MONOPOLISTI a cedere, e tutto il mondo LIBERO ne gioverà. (tutti tranne ZioBill e Michele Coppo)
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source = Talebani
      - Scritto da: Michele Coppo
      Voi che strillate e vi stracciate le vesti,
      voi dell'Open Source, voi linuzisti... siete
      peggio dei Talebani.Presto, lo stiamo perdendo!!! 100 cc di guttalax endovena!
      Portate sul digitale una analogia della
      follia del pazzo criminale Bin Laden.Ragazzo... tu sei malato, da quando hanno riaperto le porte dell'istituto di sanita' mentale in cui sei ricoverato?
      United We Stand contro di voi, che credete
      che la liberta' sia violare i sistemi degli
      altri.Non ce n'e' bisogno, i sistemi m$ si violano da soli con un semplice rutto.
      Come i Taleban verranno distrutti,
      analogamente voi anarchici digitali,
      linuzisti e opensorciari da due soldi,
      cadrete nell'oblio che vi meritate.Beh, se l'altra parte del mondo e' come te, sono felice di essere un linuxaro.
      Michele CoppoP.S.: Dove eri sparito? mi mancava la tua demenza senile in questi forum.BeRToZ
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source = Talebani
      - Scritto da: Michele Coppo
      Voi che strillate e vi stracciate le vesti,
      voi dell'Open Source, voi linuzisti... siete
      peggio dei Talebani.
      Portate sul digitale una analogia della
      follia del pazzo criminale Bin Laden.

      United We Stand contro di voi, che credete
      che la liberta' sia violare i sistemi degli
      altri.

      Come i Taleban verranno distrutti,
      analogamente voi anarchici digitali,
      linuzisti e opensorciari da due soldi,
      cadrete nell'oblio che vi meritate.

      Michele CoppoMa ci credi a quello che hai scritto o volevo solo consumarti un poco i polpastrelli delle dita?Secondo te ha più peso un numero ristretto di persone che sanno quello che vogliono, oppure il resto che si fa pilotare come pecore?Rispondi a questo (senza suggerimenti) e capirai la cavolata che hai scritto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Open Source = LIBERO MERCATO
      - Scritto da: Michele Coppo
      Voi che strillate e vi stracciate le vesti,noi chiediamo la FINE del MONOPOLIO. Tu lo difendi?
      voi dell'Open Source, voi linuzisti... siete
      peggio dei Talebani.detto da te è un complimento, scontinua così, che ci fa una bbella figura
      Portate sul digitale una analogia della
      follia del pazzo criminale Bin Laden.tutto il contrario: noi vogliamo il LIBERO MERCATO. Altrove non esiste, perché esiste il MONOPOLIO di microsoft. Tale condizione patologica del mercato è stata da lungo tempo DENUNCIATA da molti di noi che chiami talebani.Ebbene: avevamo ragione NOI. Tutto ciò è stato riconosciuto dai tribunali AMERICANI e non dai mullah islamici di Kabul
      United We Stand contro di voi, che credete
      che la liberta' sia violare i sistemi degli
      altri.tu stai prendendo lucciole per anterne: l'open Source non ha questi obbiettivi. Se lo dici sei un mentitore.E a proposito dei tuoi auguri, vedo la "reazione" de lmonopolista e dei suoi seguaci sempre più ridotta al dove pronunciar MALEDIZIONI contro i pinguini dilaganti.Brutto segno.(per VOI)significa che non avete argomenti.
  • Anonimo scrive:
    AUTOPATCHING
    QUESTA E' LA NUOVA ERA DELLA SICUREZZA, NON IMPEDIRE LA LIBERTA' DI PAROLA!Ma dico? Scherziamo?? Guarda sarai pure uno strapagato esperto di sicurezza del microzozz ma spari certe cazzate.. :P
  • Anonimo scrive:
    Inutile rigirare la frittata!
    Pazzesco... invece di recitare il mea culpa per produrre di SO colabrodo e bacati e di imparare dalle lezioni passate non si trova di meglio che dare la colpa a chi mette in evidenza le carenze di sicurezza!Cara Micro$oft, per una volta abbi l'umilta' di *imparare* da chi in questo campo ne sa piu' di te.. Linux, SELinux, OpenBSD hanno *tanto* da insegnarti.Se worms, vbscript, DOS e virus imperversano sulle tue piattaforme, che poi sono anche le piu' usate, e' solo perche' finora non hai dato la priorita' a un argomento fondamentale come la sicurezza.Riconoscere i propri errori e darsi da fare per migliorare e' un segno di intelligenza, non di debolezza.
  • Anonimo scrive:
    Arrestiamo Georgi Guninski (www.guninski.com)
    E' gia...secondo il tizio dell'articolo gente come Georgi Guninski anziche pubblicare sul suo sito tutti i bei buchi di sicurezza di Windows, compresi gli ultimo software (MS Office XP - the more money I give to Microsoft, the more vulnerable my Windows computers are Advisory and demonstration), dovrebbe collaborare con M$ e non divulgare certe notizie e informazioni.Mi sembra giusto, noi casalinghe che usiamo il computer e Windows in particolare non dobbiamo sapere come è fatto un frullatore, ci è solo concesso di usarlo, e se quel frullatore è difettoso e ci potrebbe scoppiare in faccia, dobbiamo aspettare che ce lo comunichi la Mulinex....Bha, mi sembra che la M$ stia dicendo che tutti questi virus a giro siano colpa di gente come Georgi.E cmq, il mio server Apache non fa altro che ricevere richieste da parte di computer infettati da Nimda, computer spesso di grandi reti e di grandi società che rischiano la perdita o la divulgazione di dati importanti....e che perfino un bambino sarebbe in grado di scruttare le feautures di Nimda...E allora sapete cosa vi dico? Che l'ignoranza uccide e il sapere è potere, potere di fare e di disfare.Ricetta del giorno:Metti un apache sulla tua macchina, fai ogni tanto un more /var/log/httpd/error.log e vedi le macchine che ti bussano sulla porta 80. Quelle macchine hanno nimda il che vuol dire che hanno un utente guest con diritti di administratore.Fai un bel NBTSTAT -A e vedi un po' come è fatta la sua rete. A questo punto da explorer metti un \\ ed entra nella sua macchinaSe trovi una stampante di rete stampagli un avviso che è infetto e di curarsi.Bhe, che dire? Mi si deve condannare per questo?Adesso ci saranno bambini che seguiranno il mio consiglio per cancellare HD e ci saranno amministratori che provvederanno ad una bella disinfestazione del loro server.Salutoni, Alessandro Marzinialessandro.marzini@tin.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Arrestiamo Georgi Guninski (www.guninski.com)
      non e proprio cosi semplice...comunque...;-0)tralasciando le implicazioni "morali";-0)
      Ricetta del giorno:
      Metti un apache sulla tua macchina, fai ogni
      tanto un more /var/log/httpd/error.log e
      vedi le macchine che ti bussano sulla porta
      80. Quelle macchine hanno nimda il che vuol
      dire che hanno un utente guest con diritti
      di administratore.
      Fai un bel NBTSTAT -A e
      vedi un po' come è fatta la sua rete. A
      questo punto da explorer metti un \\ nimdato
      ed entra nella sua macchina
      Se trovi una stampante di rete stampagli un
      avviso che è infetto e di curarsi.
      Bhe, che dire? Mi si deve condannare per
      questo?
      Adesso ci saranno bambini che seguiranno il
      mio consiglio per cancellare HD e ci saranno
      amministratori che provvederanno ad una
      bella disinfestazione del loro server.

      Salutoni,
      Alessandro Marzini
      alessandro.marzini@tin.it
  • Anonimo scrive:
    What microsoft wants, microsoft wrongs
    il titolo dice tutto
  • Anonimo scrive:
    Information want to be free
    L'informazione deve essere libera, costi quello che costi.Chissa come mai i server di chi si tine informato e *patccha* e si fa un culo cosi' per tenere sicuri i suoi server non e' stato infettatto da alcun worm.L'intelligenza e' l'arma non l'omerta'.Figa cosa mi tocca sentire, il pienata dei peti sta diventando questo... PD!
    • Anonimo scrive:
      Re: Information want to be free
      - Scritto da: X-MaD
      L'informazione deve essere libera, costi
      quello che costi.
      Chissa come mai i server di chi si tine
      informato e *patccha* e si fa un culo cosi'
      per tenere sicuri i suoi server non e' stato
      infettatto da alcun worm.Sara', ma chi ha fatto i worm come conosceva le vulnerabilita' ? (visto che non l'avra' programmato in 1 giorno).E quando le patch creano altre vulnerabilita' nuove ? (gia' successo).
      L'intelligenza e' l'arma non l'omerta'.Anche la conoscienza, e M$ la vuole negare. Per portare ad un medio evo dell'informatica.
      • Anonimo scrive:
        Re: Information want to be free
        - Scritto da: Gray
        - Scritto da: X-MaD
        Sara', ma chi ha fatto i worm come conosceva
        le vulnerabilita' ? (visto che non l'avra'
        programmato in 1 giorno).
        E quando le patch creano altre
        vulnerabilita' nuove ? (gia' successo).I buchi che usa NIMDA ad esempio erano gia' stati chiusi da mesi.
        Anche la conoscienzaAppunto io che ho detto.
  • Anonimo scrive:
    Che paghino allora!!!
    "Secondo Culp da una parte c'è la maggioranza degli esperti che, trovata una vulnerabilità, informa il produttore e lavora con esso per sviluppare le patch e quando queste sono sviluppate ne parla pubblicamente con altri esperti, garantendo così l'utente. "E perche' mai un "esperto" dovrebbe "informare il produttore e lavorare con esso ...." ??I buchi sono scoperti dai CLIENTI di quel software, che pero' l'hanno pagato per buono.Se M$ vuole che lavoriamo insieme:1) La pianta di spacciare il suo tornaconto (limitare i casini che procura al suo parco istallato) come etica comportamentale.2) CACCIA I SOLDI!!!! E MOLTIIIII !!!!
  • Anonimo scrive:
    La chiave dell'articolo...
    ...a mio parere va cercata in questa affermazione:"[...] l'amministratore non ha bisogno di sapere come funziona una vulnerabilità per capire come proteggersi contro di questa, non più di quanto un individuo debba sapere qual è la causa del malditesta per poter prendere un'aspirina."Questa e' una grandissima sciocchezza. Il sistemista non puo' essere paragonato al paziente, in un esempio come questo, bensi' al medico. E, come tale, dovrebbe essere capace di giudicare se e' sufficiente curare il malato con l'aspirina o con altre medicine.Quello che il sig. Pulp propone - continuando con il suo esempio - e' una classe di medici che somministrano farmaci in virtu' di 'direttive dall'alto': installano Service Pack perche' 'gli e' stato detto' di fare cosi'. La sicurezza, tuttavia, non si puo' e non si deve basare su scatole chiuse ed inaccessibili. La sicurezza portata all'accesso diventa paranoia, in questo caso, tuttavia, un po' di paranoia sarebbe necessaria. Per tale motivo non ci si puo' accontentare delle scatole chiuse. Chi mi assicura che al loro interno non vi sia una bomba? (backdoor) Se qualcuno me lo assicura, quale credito posso dare alle sue parole?Ricordiamoci che, come tanti altri, questo articolo nasce sull'onda della tragedia di New York che ha portato alla ribalta i problemi di sicurezza (non solo informatica!) nella vita sociale. Anche se 'l'uomo della strada', davanti a questo articolo, potrebbe dare ragione a Pulp qualunque 'addetto ai lavori' (non soltanto sistemista!) dovrebbe comprendere che il problema e' molto piu' profondo e radicato.Per concludere non dimentichiamo che un qualunque Hacker professionista, data la descrizione della deficienza, puo' essere in grado di ricavare da solo la ricetta. Se costui decide di pubblicarla (l'ideologia Hacker si basa sulla liberta' di accesso all'informazione!) ecco rientrare in gioco migliaia di lamers e script kiddies!
    • Anonimo scrive:
      Re: La chiave dell'articolo...
      - Scritto da: Alessio Cecchin
      ...a mio parere va cercata in questa
      affermazione:

      "[...] l'amministratore non ha bisogno di
      sapere come funziona una vulnerabilità per
      capire come proteggersi contro di questa,
      non più di quanto un individuo debba sapere
      qual è la causa del malditesta per poter
      prendere un'aspirina."
      Questa e' una
      grandissima sciocchezza. Il sistemista non
      puo' essere paragonato al paziente, in un
      esempio come questo, bensi' al medico. E,
      come tale, dovrebbe essere capace di
      giudicare se e' sufficiente curare il malato
      con l'aspirina o con altre medicine.Esatto! Questo dimostra che le competenze del soggetto in materia di sicurezza e di mal di testa si equivalgono..."... c'e' un dottore in sala?" ;)
  • Anonimo scrive:
    Mi sa che qui nessuno ha letto bene l'articolo
    Pulp non è contro l'informazione, ma è contro le ricette già pronte all'uso.Non è contro la diffusione delle informazioni, ma è contro la fornitura di codici già pronti per commettere crimini.Chi non capisce questa differenza è uno stupido.Chi pensa invece che dovrebbe essere normale scambiarsi testi "come fare per entrare in questo sistema, passo dopo passo", non sta dalla parte della sicurezza, ma dalla parte dei criminali e deve essere considerato come tale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sa che qui nessuno ha letto bene l'articolo

      Pulp non è contro l'informazione, ma è
      contro le ricette già pronte all'uso.
      Non è contro la diffusione delle
      informazioni, ma è contro la fornitura di
      codici già pronti per commettere crimini.
      Chi non capisce questa differenza è uno
      stupido.cioe se le scrive da solo va bene ??? mi sa che di stupidi ce ne sono tanti...e indignati di meno va...
      Non è contro la diffusione delle
      informazionie per questo che m$ brilla di trasparenza...e non solo nelle pratiche commerciali...
      Chi pensa invece che dovrebbe essere normale
      scambiarsi testi "come fare per entrare in
      questo sistema, passo dopo passo", non sta
      dalla parte della sicurezza, ma dalla parte
      dei criminali e deve essere considerato come
      tale.ecco il solito difensore della legalita...ma va laaaaaa...
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sa che qui nessuno ha letto bene l'articolo
      - Scritto da: Indignato da voi
      Pulp non è contro l'informazione, ma è
      contro le ricette già pronte all'uso.
      Non è contro la diffusione delle
      informazioni, ma è contro la fornitura di
      codici già pronti per commettere crimini.
      Chi non capisce questa differenza è uno
      stupido.E allora mi sa che tu rientri nell'insieme di coloro che non capiscono la differenza.Pulp ha detto che un amministratore può fare il suo lavoro anche installando patch senza sapere cosa sistemano e cosa fanno.Se questa è informazione...
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi sa che qui nessuno ha letto bene l'articolo

        Pulp ha detto che un amministratore può fare
        il suo lavoro anche installando patch senza
        sapere cosa sistemano e cosa fanno.

        Se questa è informazione...No, non e' informazione... ma trovare una via di mezzo? Metti che io trovo un bug in IIS (o chi per lui): posso scrivere un exploit e renderlo pubblico; in tal caso il primo lamer che passa lo prende, lo compila e si diverte a buttar giu' server come se nulla fosse. Oppure posso rendere nota la vulnerabilita', SENZA scrivere un exploit funzionante ma "semplicemente" dichiarando su quale punto debole fa leva: se dico "sfrutta un buffer overflow nello stack tcp/ip in modo che un pacchetto con header appositamente formattato va a scrivere in questa zona del kernel permettendo di inserire una backdoor con accesso a livello di superuser", credi che un lamer avrebbe la capacita' e la voglia di creare un exploit? Al contrario, invece, chi si occupa seriamente di sicurezza quasi sicuramente sapra' estrapolare le informazioni necessarie a capire il bug ed a correggerlo. Certo, un hacker coi controc@%%i puo' fare lo stesso, ma quella e' gente che non ha mai avuto bisogno della "pappa pronta". Quindi, tornando alla tua osservazione, i SysAdmin non applicheranno patches alla cieca, ma sapranno che la patch "corregge i buffer overflow etc. etc...".I latini dicevano che la virtu' sta nel mezzo: se possiamo, diamogli retta! (Pubblicita' Progresso)
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi sa che qui nessuno ha letto bene l'articolo
          - Scritto da: CoBra

          Pulp ha detto che un amministratore può
          fare

          il suo lavoro anche installando patch
          senza

          sapere cosa sistemano e cosa fanno.



          Se questa è informazione...

          No, non e' informazione... ma trovare una
          via di mezzo? Metti che io trovo un bug in
          IIS (o chi per lui): posso scrivere un
          exploit e renderlo pubblico; in tal caso il
          primo lamer che passa lo prende, lo compila
          e si diverte a buttar giu' server come se
          nulla fosse. E io, povero sysAdm non "eletto" per diventare eccellenti in un lavoro occorrono studio ed esperienza, 2 cose che non tim mantengono, però, posso inventare una "pezza" da mettere al server, chessò, con un sistema che filtri determinate chiamate maliziose... aspettando che gli "eletti" creino un patch ufficiale (10 giorni? 2 mesi? 1 anno?)
          Oppure posso rendere nota la
          vulnerabilita', SENZA scrivere un exploit
          funzionante ma "semplicemente" dichiarando
          su quale punto debole fa leva: se dico
          "sfrutta un buffer overflow nello stack
          tcp/ip in modo che un pacchetto con header
          appositamente formattato va a scrivere in
          questa zona del kernel permettendo di
          inserire una backdoor con accesso a livello
          di superuser", credi che un lamer avrebbe la
          capacita' e la voglia di creare un exploit?No, a meno che qualcuno che se ne intende non renda noto l'exploit solo dal lato dei "cattivi"; in questo modo i sysadm di tutto il mondo saprebbero che c'è un buco che sfrutta un buffer overflow ecc.. ecc.. senza sapere come e quando verrà rilasciata la patch, mentre, potenzialmente, tutti i lamer del mondo potrebbero avere l'exploit... bell'esempio di sicurezza.
          I latini dicevano che la virtu' sta nel
          mezzo: se possiamo, diamogli retta!
          (Pubblicita' Progresso)Già, la virtu' sta nel mezzo... soprattutto se i "cattivi" e i "buoni" combattono con le stesse armi... non vorrei mettermi contro uno armato di bazooka con in mano solo un coltellino, pur sapendo che un "esperto" diche che quel tipo potrebbe avere armi da fuoco.L'unica informazione utile è quella libera.Saluti, Rob
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi sa che qui nessuno ha letto bene l'articolo

          Oppure posso rendere nota la
          vulnerabilita', SENZA scrivere un exploit
          funzionante ma "semplicemente" dichiarando
          su quale punto debole fa leva: se dico
          "sfrutta un buffer overflow nello stack
          tcp/ip in modo che un pacchetto con header
          appositamente formattato va a scrivere in
          questa zona del kernel permettendo di
          inserire una backdoor con accesso a livello
          di superuser", credi che un lamer avrebbe la
          capacita' e la voglia di creare un exploit?cio non toglie che devi metterti li a scrivere la cosa e passare il tempo a testarla, indirizzi di memoria, blah, blah.blah...e comunque comodo se qualcuno l'ha gia fatto...ti prendi il codice e dai un occhiata alla parte principale...
          avuto bisogno della "pappa pronta". Quindi,
          tornando alla tua osservazione, i SysAdmin
          non applicheranno patches alla cieca, ma
          sapranno che la patch "corregge i buffer
          overflow etc. etc...".
          I latini dicevano che la virtu' sta nel
          mezzo: se possiamo, diamogli retta!
          (Pubblicita' Progresso)ma se la maggior parte di admin non sa neanche come si fa a fabbricare un paccheto con un header in un certo modo...figuriamoci se e in grado di capire come si va a scrivere nel kernel...per molti il kernel e kernel32.dll...
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sa che qui nessuno ha letto bene l'articolo
      - Scritto da: Indignato da voi
      Pulp non è contro l'informazione, ma è
      contro le ricette già pronte all'uso.
      Non è contro la diffusione delle
      informazioni, ma è contro la fornitura di
      codici già pronti per commettere crimini.Gli script kiddy li ha inventati M$, e' l'unico sistema operativo in cui questa specie riesce a sopravvivere, anzi a prosperare, e questo proprio perche' la logica di nascondere tutto impedisce a sistemisti seri di personalizzarsi il system.
      Chi non capisce questa differenza è uno
      stupido.Non dare del tuo agli altri :)
      Chi pensa invece che dovrebbe essere normale
      scambiarsi testi "come fare per entrare in
      questo sistema, passo dopo passo", Il piu' delle volte basta leggere bugtrak per capire come puo' funzionare un exploit, altre volte sono complessi e senza un esempio non capiresti come funzionano.
      non sta
      dalla parte della sicurezza, ma dalla parte
      dei criminali e deve essere considerato come
      tale.Tipo la M$ ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sa che qui nessuno ha letto bene l'articolo
      - Scritto da: Indignato da voi
      Pulp non è contro l'informazione, ma è
      contro le ricette già pronte all'uso.
      Non è contro la diffusione delle
      informazioni, ma è contro la fornitura di
      codici già pronti per commettere crimini.
      Chi non capisce questa differenza è uno
      stupido.lo stupido e' chi pensa che una multinazionale distingua tra il nero e il grigio scuro, tra il grigio scuro e il grigio e cosi' via fino ad arrivare al bianco...con questa politica un grave buco come quello famoso del server iis non sarebbe venuto fuori, considerando che la microsoft ci ha messo due mesi prima di darne la notizia e che ha fatto enormi pressioni presso chi si occupa di sicurezza per tacitare il tutto...non parliamo di windows 2000 che e' meglio...
      Chi pensa invece che dovrebbe essere normale
      scambiarsi testi "come fare per entrare in
      questo sistema, passo dopo passo", non sta
      dalla parte della sicurezza, ma dalla parte
      dei criminali e deve essere considerato come
      tale.ora.. non voglio mettermi a fare un trattato di sociologia o politica sociale ma da sempre chi puo' "delinquere legalmente" o con le spalle protette lo fa senza starsi a preoccupare troppo della legge... diffondere informazione su buchi e sicurezza serve a chi deve proteggersi da queste persone o dai gruppi di pressione non potendo contare sulla loro stessa forza... inoltre con questa politica la microsoft riuscirebbe a togliere di mezzo il suo principale controllore "sociale" che sono gli utenti piu' smaliziati e gli esperti di sicurezza delle reti....in assenza di tale controllore chi impedirebbe a chicchessia di agire ancora di piu' in monopolio e chi potrebbe impedire a quei famosi gruppi forti di sfruttare, magari d'accordo con chicchessia, i buchi per interessi propri?quindi calma con lo "stupido" e soprattutto calma con i i "criminali" che quelli abbondano sempre dove ci sono alte concentrazioni di capitale...ciacciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sa che qui nessuno ha letto bene l'articolo
      - Scritto da: Indignato da voi
      Pulp non è contro l'informazione, ma è
      contro le ricette già pronte all'uso.
      Non è contro la diffusione delle
      informazioni, ma è contro la fornitura di
      codici già pronti per commettere crimini.
      Chi non capisce questa differenza è uno
      stupido.Capisco.A partire dalla descrizione di una vulnerabilita', descrizione che deve descrivere il problema abbastanza bene per:- permettere ai sysadm di tutelarsi in attesa di patch- permettere ai creatori di progs sulla sicurezza di cercare delle soluzioni nei loro programmi- permettere alla M$ di capire il buco e correggerlo.Forse io sono stupido, ma tu e il tuo amico pensate che chi programma sia solo in grado di copiare da un esempio. Capisco che lui pensi cosi', visto dove lavora ma tu? Sei mica in M$ Italia?
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sa che qui nessuno ha letto bene l'articolo
      - Scritto da: Indignato da voi
      Pulp non è contro l'informazione, ma è
      contro le ricette già pronte all'uso.Hihi... Ancora sto Pulp! Si chiama Scott Culp! ;-)
      Non è contro la diffusione delle
      informazioni, ma è contro la fornitura di
      codici già pronti per commettere crimini.
      Chi non capisce questa differenza è uno
      stupido.Infatti, in pieno.Cmq basta che vedi il livello dei reply al tuo msg, fatto dai soliti, ed hai capito dove sta di casa la stupidita'
      Chi pensa invece che dovrebbe essere normale
      scambiarsi testi "come fare per entrare in
      questo sistema, passo dopo passo", non sta
      dalla parte della sicurezza, ma dalla parte
      dei criminali e deve essere considerato come
      tale.Magari il come fare può ancora essere accetto basta che non sia pronto per un cut & paste...
  • Anonimo scrive:
    Sta scherzando, vero?

    [...]
    l'amministratore non ha bisogno di sapere
    come funziona una vulnerabilità per capire
    come proteggersi contro di questa, non più
    di quanto un individuo debba sapere qual è
    la causa del malditesta per poter prendere
    un'aspirina.
    [...]Ma stiamo scherzando? L'amministratore è il "medico", non l'individuo con il mal di testa... bah...ciao.TeO:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Sta scherzando, vero?
      parlando di dottori, magari si crede il ministro della sanita...;-0)- Scritto da: TeO:-)

      [...]

      l'amministratore non ha bisogno di sapere

      come funziona una vulnerabilità per capire

      come proteggersi contro di questa, non più

      di quanto un individuo debba sapere qual è

      la causa del malditesta per poter prendere

      un'aspirina.

      [...]
      Ma stiamo scherzando? L'amministratore è il
      "medico", non l'individuo con il mal di
      testa... bah...

      ciao.
      TeO:-)
  • Anonimo scrive:
    Sicurezza & Marketing
    Questo problema insiste e persiste perchè M$ stà testardamente tentando di espandersi nel settore high-end.Come è noto, tale settore, richiede un livello di sicurezza accettabile, però M$ non ha prodotti che riescano a soddisfare questa richiesta (del resto Win è stato inizialmente progettato come OS per PC stand-alone o per piccole LAN).Ma voglio precisare una cosa: anche IBM, SUN, ecc. hanno le loro patch per la sicurezza, ma i loro prodotti non sono un "colabrodo" (per forza: chi li ha progettati non aveva certo in mente i PC) come quelli M$ (ogni settimana ne esce almeno una nuova!).Voi direte che i software M$ sono molto diffusi e che di riflesso ci sono più persone sguinzagliate alla ricerca dei bachi ... sì questo è parzialmente vero, ma che dire di Linux dove il sorgente è completamente pubblico ?Se si dispone del codice sorgente, la localizzazione di falle nella sicurezza diviene molto più semplice e sono richiesti molti meno bug hunter per trovarle.Però non se ne trovano così tante o, almeno, non così gravi ...Che succederebbe se il codice sorgente di Win divenisse pubblico ?Quante falle in più si troverebbero ?Quindi, nascondendo, in parte si riduce il ritmo di localizzazione dei bug, ma non si incrementa la qualità del software. Anche perchè i costi di "nascondere" sono inferiori a quelli di "miglioramento della qualità" (una patch, dopotutto, costa!).Se M$ togliesse la possibilità di diffondere informazioni riguardo alla sicurezza dei propri prodotti (censura), di fatto, anzichè incrementare la sicurezza, illuderebbe gli utenti e consentirebbe invece un più facile accesso da parte di malintenzionati (perchè non sarebbero rilasciate pacthes e non ci sarebbe modo di scovarli).Immaginatevi che succederebbe se divenissero illegali tools per la verifica della sicurezza come debuggers, portscanners o altri utili giocattolini.Tutti si crederebbero sicuri, mentre non lo sarebbero per niente ... Cmq, al momento attuale, quanti sono i manager IT di aziende di una certa dimensione che si fidano a piazzare procedure "mission critical" o dati critici (soprattutto da rendere disponibili su Internet) su sw di M$ ?O quanti credono fermamente nelle sue politiche per l'incremento della sicurezza ?Io non conosco proprio nessuno ... e, difficilmente, riusciranno a fargli cambiare idea o, almeno, certo non con questi mezzi.Gano
  • Anonimo scrive:
    PEZZENTI
    Pezzenti pezzenti pezzenti, sono soltanto dei pezzenti. Hanno miliardi di dollari e li spendono in marketing idiota e in sviluppo di SO bacatissimi. Dovrebbero vergognarsi e basta.
  • Anonimo scrive:
    stupide affermazioni.
    1)i prodotti della microsoft sono i piu' carenti dal punto di vista sicurezza, solo che siccome il loro codice non e' open, nessuno gli dice i bachi che si riscontrano ne loro si sbattono per toglierli.loro fanno la politica"meno si sa piu' mangiamo senza gente che rompe e meno lavoriamo".gli incompetenti dimostrano di essere loro.2)quelle pubblicazioni guarda caso sono le piu' utilizzate dai bravi amministratori, perche' cosi anche loro possono conoscere i bachi di sistema senza sbattersi a trovarli a mano.al contrairo, gli hacker e i virus writer sono cosi' preparati che sono i primi a trovarli da se. non hanno bisogno di rivistine.e non sono certo gli incomptenteti a creare i danni veri, perche' un virus buono o un buko buono si possono ottenere solo colla innovazione.per fare danno bisogna sfruttare subito le debolezze, non c'e' tempo di leggerle.dal momento che sono in giro, sono destinate a essere inutilizzabili.non per niente i virus writer, prima di pubblicare il codice dei virus, lo fanno girare.questo perche' i bravi amministratori sanno cosa sfogliare.microsoft come al solito propone la ignoranza come metodo per fare i comodi suoi e avere meno problemi.la ignoranza non e' la soluzione a nulla pero.i bachi rimangono sia che siano conosciuti o no; microsoft cerka solo di aumentare la sicurezza di prodotti scadenti, non di quelli buoni. i prodotti buoni non hanno bachi, per cui non c'e' nullla da diffondere.microsoft mi vende dei programmi per buoni, per cui se c'e' un bako sono lor0o i colpevoli, non ki trova il bako, ne chi lo sfrutta.se il bako non si sapesse, allora microsoft potrebbe vendermi sempre prodotti skadenti e cio' e' inaccettabile.abbasso le politike microsoft dell'ignoranza.
    • Anonimo scrive:
      Re: stupide affermazioni.
      - Scritto da: pelukkoO_O
      ...
      microsoft come al solito propone la
      ignoranza come metodo per fare i comodi suoi
      e avere meno problemi.TalebaMicrosoft ?
    • Anonimo scrive:
      Re: stupide affermazioni.
      - Scritto da: pelukkoO_O
      1)i prodotti della microsoft sono i piu'
      carenti dal punto di vista sicurezzaSono i più bersagliati, e per questo quelli apparentemente più bucati.
      al contrairo, gli hacker e i virus writer
      sono cosi' preparati che sono i primi a
      trovarli da se. non hanno bisogno di
      rivistine.Falso... i creatori di Nimda hanno usato un concentrato di tecniche già utilizzate da altri.Non hanno inventato ne' scoperto nulla.
      e non sono certo gli incomptenteti a creare
      i danni veri, perche' un virus buono o un
      buko buono si possono ottenere solo colla
      innovazione.Falso... vedi Nimda.
      per fare danno bisogna sfruttare subito le
      debolezze, non c'e' tempo di leggerle.dal
      momento che sono in giro, sono destinate a
      essere inutilizzabili.Falso... vedi Nimda.Il buco principale che sfrutta Nimda su IIS è noto da mesi, e da mesi erano disponibili patch.
      microsoft come al solito propone la
      ignoranza come metodo per fare i comodi suoi
      e avere meno problemi.la ignoranza non e' la
      soluzione a nulla pero.Su questo sono d'accordo... ma stai travisando.Microsoft non dice che non bisogna dare notizia dei buchi (anche perchè se ti iscrivi alla sua mailing list sulla sicurezza è microsoft stessa che li comunica).Microsoft dice che non bisogna divulgare gli esempi degli exploit, altrimenti qualsiasi bambino di 8 anni sarà in grado di fare danni.
      i prodotti
      buoni non hanno bachi, per cui non c'e'
      nullla da diffondere.I prodotti "buoni" secondo la tua definizione NON esistono.
      microsoft mi vende dei programmi per buoni,
      per cui se c'e' un bako sono lor0o i
      colpevoli, non ki trova il bako, ne chi lo
      sfrutta.Certo... se metto un macigno sulle rotaie di un tratto del pendolino e faccio una strage è colpa della Ferrovia dello Stato che non protegge le rotaie....
      se il bako non si sapesse, allora
      microsoft potrebbe vendermi sempre prodotti
      skadenti e cio' e' inaccettabile.abbasso le
      politike microsoft dell'ignoranza.Sbagli.Il buaco deve conoscersi, ma non deve essere reso noto il metodo per sfruttarlo.Termopilucco.
      • Anonimo scrive:
        Re: stupide affermazioni.

        - Scritto da: pelukkoO_O

        1)i prodotti della microsoft sono i piu'

        carenti dal punto di vista sicurezza

        Sono i più bersagliati, e per questo quelli
        apparentemente più bucati.beh possiamo accordarcisono i piu' bersagliati, i piu' bucati e i piu' carenti dal punto di vista della sicurezza :)
        Falso... i creatori di Nimda hanno usato un
        concentrato di tecniche già utilizzate da
        altri.
        Non hanno inventato ne' scoperto nulla.appunto.. se con un baco noto si riesce a fare questo figurati con uno ignoto

        per fare danno bisogna sfruttare subito le

        debolezze, non c'e' tempo di leggerle.dal

        momento che sono in giro, sono destinate a

        essere inutilizzabili.

        Falso... vedi Nimda.
        Il buco principale che sfrutta Nimda su IIS
        è noto da mesi, e da mesi erano disponibili
        patch.gia' se tutto e' noto da mesi ci sono problemi figurati se tutto rimane tra le quattro mura della microsoft che a produrre patch ci mette anni e a informare decenni...
        Microsoft non dice che non bisogna dare
        notizia dei buchi (anche perchè se ti
        iscrivi alla sua mailing list sulla
        sicurezza è microsoft stessa che li
        comunica).quando vuole lei e come vuole lei...e se per interesse proprio mi rubasse del software che ho in fase di sviluppo nel mio computer grazie a un baco di cui non si sa niente pubblicamente perche' la microsoft ha tacitato tutto?come la metteremmo in questo caso?
        Microsoft dice che non bisogna divulgare gli
        esempi degli exploit, altrimenti qualsiasi
        bambino di 8 anni sarà in grado di fare
        danni.qui entriamo nel campo delle leggende metropolitane... anche un bambino di 8 anni puo' usare una pistola ma uno e' difficile che riesca a prendere la mira, due se fa danni li fa a caso..quello di cui ho veramente paura e' di chi fa danni intenzionalmente e sapendo quello che fa... non me ne frega niente se uno script kiddie mi danneggia il computer.. probabilmente e' talmente deficiente che non saprebbe cosa farsene dei miei dati e magari non riuscirebbe neanche a risalire alla mia identita'.. chi mi fa paura e' chi sfrutta bachi noto solo a lui per controllarmi, terrorizzarmi o sfruttarmi....
        I prodotti "buoni" secondo la tua
        definizione NON esistono.ma questo non vuol dire che non si deve cercare di farli piu' buoni possibile, cosa che microshit non fa...
        Certo... se metto un macigno sulle rotaie di
        un tratto del pendolino e faccio una strage
        è colpa della Ferrovia dello Stato che non
        protegge le rotaie.... beh.. se pero' i macigni li hanno messi ai bordi della ferrovia quelli che l'hanno costruita, se si sa che esistono persone in grado di spostare macigni con le mani e se la ferrovia non e' protetta in alcun modo e' ancora solo colpa di chi ha spinto il macigno?e se non l'avesse spostato intenzionalmente?
        Sbagli.
        Il buaco deve conoscersi, ma non deve essere
        reso noto il metodo per sfruttarlo.cioe' il baco non si conosce :)comunque.. perche' siete tutti precisini e vi attaccate alle minime scemenze quando si tratta di difendere questi monopolisti incalliti e poi quando si parla di hackers e script kiddies li buttate nello stesso calderone come fossero il peggior male che il mondo abbia prodotto?mi sembra che stiate esagerando...ciacciao
      • Anonimo scrive:
        Re: stupide affermazioni.
        - Scritto da: termopilucco


        - Scritto da: pelukkoO_O

        1)i prodotti della microsoft sono i piu'

        carenti dal punto di vista sicurezza

        Sono i più bersagliati, e per questo quelli
        apparentemente più bucati.falso. e cmq ci farebbe piacere che ce lo dimostrassi...

        al contrairo, gli hacker e i virus writer

        sono cosi' preparati che sono i primi a

        trovarli da se. non hanno bisogno di

        rivistine.

        Falso... i creatori di Nimda hanno usato un
        concentrato di tecniche già utilizzate da
        altri.
        Non hanno inventato ne' scoperto nulla.e chi ha fatto le "tecniche" di cui sopra? le ha raccolte dall'albero?

        e non sono certo gli incomptenteti a
        creare

        i danni veri, perche' un virus buono o un

        buko buono si possono ottenere solo colla

        innovazione.

        Falso... vedi Nimda.ma se Nimda si è diffuso è perché il sistema era bacato... ci vuole tanto a capirlo? forse non si sarebbe diffuso così tanto, ma a questo punto è stato meglio, ai fini della sicurezza, che qualcuno lo abbia saputo... o no?

        per fare danno bisogna sfruttare subito le

        debolezze, non c'e' tempo di leggerle.dal

        momento che sono in giro, sono destinate a

        essere inutilizzabili.

        Falso... vedi Nimda.
        Il buco principale che sfrutta Nimda su IIS
        è noto da mesi, e da mesi erano disponibili
        patch.già. potresti fornirmi un URL con data per piacere?

        microsoft come al solito propone la

        ignoranza come metodo per fare i comodi
        suoi

        e avere meno problemi.la ignoranza non e'
        la

        soluzione a nulla pero.

        Su questo sono d'accordo... ma stai
        travisando.
        Microsoft non dice che non bisogna dare
        notizia dei buchi (anche perchè se ti
        iscrivi alla sua mailing list sulla
        sicurezza è microsoft stessa che li
        comunica).
        Microsoft dice che non bisogna divulgare gli
        esempi degli exploit, altrimenti qualsiasi
        bambino di 8 anni sarà in grado di fare
        danni.sarà anche vero. ma ragioniamo un attimo: se io sono un amministratore disattento, quanto meno mi renderò conto che qualcuno mi avrà attaccato e mi procurerò la patch. se invece nessuno mi attacca me ne frego finché non mi bucano del tutto

        i prodotti

        buoni non hanno bachi, per cui non c'e'

        nullla da diffondere.

        I prodotti "buoni" secondo la tua
        definizione NON esistono.su questo sono d'accordo

        microsoft mi vende dei programmi per
        buoni,

        per cui se c'e' un bako sono lor0o i

        colpevoli, non ki trova il bako, ne chi lo

        sfrutta.

        Certo... se metto un macigno sulle rotaie di
        un tratto del pendolino e faccio una strage
        è colpa della Ferrovia dello Stato che non
        protegge le rotaie.... ma se ci metto cento lire e il pendolino deraglia ugualmente...? con questo non voglio dire che tutti dobbiamo senirci autorizzati a mettere monete sulle rotaie, ma il capotreno deve essere quantomeno preoccupato da questa eventualità

        se il bako non si sapesse, allora

        microsoft potrebbe vendermi sempre
        prodotti

        skadenti e cio' e' inaccettabile.abbasso
        le

        politike microsoft dell'ignoranza.

        Sbagli.
        Il buaco deve conoscersi, ma non deve essere
        reso noto il metodo per sfruttarlo.non sono d'accordo: finora mi penetra uno script-kiddie che non sa fare niente, mi accorgo di essere bucato e 'tappo'. un domani invece mi entrerà solo chi è davvero in grado di fare danni seri.
        Termopilucco.ciaogodzilla
        • Anonimo scrive:
          Re: stupide affermazioni.


          Falso... i creatori di Nimda hanno usato
          un

          concentrato di tecniche già utilizzate da

          altri.

          Non hanno inventato ne' scoperto nulla.

          e chi ha fatto le "tecniche" di cui sopra?
          le ha raccolte dall'albero?Le hanno trovate nei siti che divulgano gli exploit con gli esempi talmente facili da eseguire che chiunque può utilizzarli.Se così non fosse avrebbero usato nuovi exploit.
          ma se Nimda si è diffuso è perché il sistema
          era bacato... ci vuole tanto a capirlo?
          forse non si sarebbe diffuso così tanto, ma
          a questo punto è stato meglio, ai fini della
          sicurezza, che qualcuno lo abbia saputo... o
          no?Non hai capito. Leggi tutto il messaggio.Che molti dei prodotti MS siano bucati non è mistero (come TUTTI gli OS, chi più chi meno).Che MS sia particolarmente bersagliata è OVVIO.E' una questione di numeri. Se trovo un exploit voglio che sia utilizzabile sul maggior numero di macchine possibile. E,come puoi vedere,del Thread è anche una questione di antipatie.Se mi dici che MS non vuole che si sappia in giro dei suoi buchi sono più che d'accordo con te.MS dice che non bisogna arrivare al dettaglio nella descrizione degli exploit.Si vuole evitare che un bambinetto si svegli navighi in un sito, trovi un exploit, faccia COPIA e INCOLLA e tiri giù un server.Mi sembra semplice.MS DEVE fornire in modo celere i dettagli sufficienti per arginare il buco (non per exploitarlo).Tutto qui. [circa l'exploit principale di Nimda]
          già. potresti fornirmi un URL con data per
          piacere?Di corsa:http://www.microsoft.com/technet/treeview/default.asp?url=/TechNet/security/bulletin/ms00-078.aspti faccio notare la data:October 17, 2000
          sarà anche vero. ma ragioniamo un attimo: se
          io sono un amministratore disattento, quanto
          meno mi renderò conto che qualcuno mi avrà
          attaccato e mi procurerò la patch. se invece
          nessuno mi attacca me ne frego finché non mi
          bucano del tuttoSì.. e quindi? Questo può succedere con tutti i sistemi operativi.
          ma se ci metto cento lire e il pendolino
          deraglia ugualmente...? con questo non
          voglio dire che tutti dobbiamo senirci
          autorizzati a mettere monete sulle rotaie,
          ma il capotreno deve essere quantomeno
          preoccupato da questa eventualitàE invece il problema è prorpio questo.Tutti in internet si sentono autorizzati a mettere 100 lire sulla rotaia e vedere cosa succede, per poi accusare chi ha costruito gestisce le ferrovie.Credimi il problema è proprio questo.Che poi in MS caschino sempre negli stessi errori è cosa nota: il buffer overflow, che ha permesso circa il 50% degli exploit può essere facilmente evitato in fase di progettazione del software.[sul far conoscere i dettagli degli exploit]
          non sono d'accordo: finora mi penetra uno
          script-kiddie che non sa fare niente, mi
          accorgo di essere bucato e 'tappo'. un
          domani invece mi entrerà solo chi è davvero
          in grado di fare danni seri.E' come sperare che, avendo una porta di casa senza serratura, entrino solo ragazzini inesperti del furto. In realtà entreranno ANCHE ragazzini inesperti del furto.E' anche vero, come dici, che è probabile che gli inesperti siano i primi a trovare la porta aperta.Ma a questo punto, tornando ai sistemi operativi e ai programmi, senza il supporto del costruttore come chiudi il buco? Modifichi il Kernel di Linux? O fai reverse Enginering su quello di Win?Comunque devi aspettare che il produttore dia i dettagli per chiudere il buco. Tirando le somme:1) Informazione repentina e precisa sui buchi e su come evitarli.2) Sulla divulgazione degli esempi alla portata di tutti mi sembra che ci siano dei pro e dei contro.Alla luce della discussione di sopra direi che chi divulga gli exploit dovrebbe divulgare anche le patch. Contemporaneamente.SalutiTermopilucco.
  • Anonimo scrive:
    MA ANDATE A CAGARE...
    come sopra...
  • Anonimo scrive:
    E' una vergogna!!
    L'unico "comportamento ingiustificabile" e' quello di microsoft che, per salvare la faccia dopo le recenti ed innumerevoli figuracce rimediate dai suoi prodotti (IIS in primis), vuole rispolverare il vecchio modello della "security through obscurity". Che pero' notoriamente e' un approccio alla sicurezza che non paga, ed alla fine si rivela per quello che e': una str*nzata.
  • Anonimo scrive:
    "E lo sputtanamentooo ollee"
    "E lo sputtanamentooo ollee"Pulp ha detto, con altre parole in pratica,che la Micro$oft si e`stufata del fattoche chiunque puo`pubblicamente leggereun elenco dettagliato delle troiate chesi trovano nei prodotti Micro$oft,con la scusa "ufficiale" che questeinformazioni vengono usate in modo nocivoe che ci sono (dicendolo tra le righe)amministratori di host che anchespiattellandogli in faccia come lavorano malecontinuano a non patchare;la motivazione reale e`che ad ognisecurity advisory sull'ennesimo bugdi (ad esempio) IIS o Outlook la costosissimamacchina commerciale riceve una bottatremenda e la gente gia`sta cominciandoa capire che esistono alternativea Office closed source e che forsenon c'e`bisogno di 5 milioni per avereun PC per farci semplicemente due letteree navigare...Pino Silvestre
  • Anonimo scrive:
    Semplicemente ridicoli!
    Con questi ridicoli discorsi Microsoft come al solito non trova di meglio da fare che scaricare le colpe su altri invece che assumersi la responsabilita' di una sua concezione del software "colabrodo". Gli esperti di sicurezza fanno bene a mettere in luce i bug di Microsoft perche' in questo campo a mio parere la conoscenza deve poter essere di tutti. E' responsabilita' della Microsoft scrivere programmi sicuri ed e' responsabilita' sua studiare e diffondere immediatamente le patch.E poi come esperto di sicurezza vi dico che i bug di Microsoft sfruttati per esempio dal Nimda o da Red Code sono RIDICOLI! Sono gli errori di sicurezza piu' ELEMENTARI che si possano fare e sono anche i piu' conosciuti. E nonostante questo Microsoft vuole che siano gli esperti a tacere invece che inserire loro un minimo di sicurezza nei loro prodotti. Insomma, quando si dice avere la faccia come...
    • Anonimo scrive:
      Re: Semplicemente ridicoli!
      Appunto, visto che quei bugs sono così conosciuti, gli amministratori dei vari server avrebbero benissimo potuto installarsi le patch!!!Comunque non è solo windows a essere pieno di bugs (vedi www.securityfocus.com)!!!
  • Anonimo scrive:
    Pulp: folle o leccaculo?
    LECCACULO!
  • Anonimo scrive:
    Non tutto è sbagliato
    Queste affermazioni sono decisamente forti e poco condivisibili. Ma su una cosa sono d'accordo: "fornire la ricetta per bucare il software".Non dico non si debba denunciare un bacco del software, anzi, ma dare proprio le istruzioni in modo che anche un idiota qualunque possa sfruttare l'occasione (sentendosi un Dio) mi pare pure esagerato !del resto, discutere approfonditamente del buco senza dare l'istruzione non è per nulla limitante e se ne puo' scrivere un libro. E' piuttosto un atteggiamento di professionalità.
    • Anonimo scrive:
      SI INVECE...
      COSI FINISCE CHE VIENI ATTACCATO SOLO DAI PIU BRAVI...bella cazzata...e in questo modo i lamer dovranno smettere o mettersi a studiare...e se si mettono davvero a studiare...li sono kezzi...e alla fine qualche tool (anche in betatest) spuntera fuori munito di codice...non cambiera un kezzo...magari ci mettera qualche giorno in piu...
      Queste affermazioni sono decisamente forti e
      poco condivisibili. Ma su una cosa sono
      d'accordo: "fornire la ricetta per bucare il
      software".
      Non dico non si debba denunciare un bacco
      del software, anzi, ma dare proprio le
      istruzioni in modo che anche un idiota
      qualunque possa sfruttare l'occasione
      (sentendosi un Dio) mi pare pure esagerato !
      del resto, discutere approfonditamente del
      buco senza dare l'istruzione non è per nulla
      limitante e se ne puo' scrivere un libro. E'
      piuttosto un atteggiamento di
      professionalità.
      • Anonimo scrive:
        Re: SI INVECE...

        COSI FINISCE CHE VIENI ATTACCATO SOLO DAI
        PIU BRAVI...bella cazzata...
        e in questo modo i lamer dovranno smettere o
        mettersi a studiare...e se si mettono
        davvero a studiare...li sono kezzi...Hai detto STUDIARE. Non ho detto questo. Ho detto che è stupido permettere che un deficiente copi senza usare il cervello e faccia danni inutili.Il professionista buca un sito o un software non per fare danni, bensì per vericicare la sicurezza dei sistemi, cercando un workaround al problema.Ora, se buchi un sito IIS (non volevo dire Linux !) se mai mandi un'email al webmaster per comunicarglielo e basta. Non credo tu voglia rompere tutto e cancellare il suo contenuto. Altrimenti divieni un delinquente.
        • Anonimo scrive:
          Re: SI INVECE...
          penso che purtroppo la stupidita umana non avra mai fine...anzi, better tech better idiots...il discorso e questo...loro cominciano timidamente a nascondere l'informazione e se glielo permettiamo dopo giu sul pedale dell'accelleratore...QUESTO NON MI VA GIU...tutto il resto sono d'accordo...diciamo che queste informazioni dovrebbero essere disponibili GRATUITAMENTE a tutti che dimostrano di avere certi requisiti (REALI) sia informatici che umani...questo andrebbe bene...ma non nascondere come vogliono loro...

          COSI FINISCE CHE VIENI ATTACCATO SOLO DAI

          PIU BRAVI...bella cazzata...

          e in questo modo i lamer dovranno
          smettere o

          mettersi a studiare...e se si mettono

          davvero a studiare...li sono kezzi...

          Hai detto STUDIARE. Non ho detto questo. Ho
          detto che è stupido permettere che un
          deficiente copi senza usare il cervello e
          faccia danni inutili.
          Il professionista buca un sito o un software
          non per fare danni, bensì per vericicare la
          sicurezza dei sistemi, cercando un
          workaround al problema.
          Ora, se buchi un sito IIS (non volevo dire
          Linux !) se mai mandi un'email al webmaster
          per comunicarglielo e basta. Non credo tu
          voglia rompere tutto e cancellare il suo
          contenuto. Altrimenti divieni un
          delinquente.
          • Anonimo scrive:
            Re: SI INVECE...

            penso che purtroppo la stupidita umana non
            avra mai fine...anzi, better tech better
            idiots...C'è chi dice che la popolazione mondiale e aumenta mentre il livello intellettivo rimane costante.
            tutto il resto sono d'accordo...diciamo che
            queste informazioni dovrebbero essere
            disponibili GRATUITAMENTE a tutti che
            dimostrano di avere certi requisiti (REALI)
            sia informatici che umani...questo andrebbe
            bene...ma non nascondere come vogliono
            loro...Infatti, non ho mai detto di tenere nascosto un bacco, anzi va pubblicizzato il più possibile ma senza dare la ricettina. In questo modo, si propone comunque il problema, chi è esperto ci arriva lo stesso, e si evita di avere una montagna di imbecilli che innondano la rete di attacchi stupidi. Del resto mi pare che siamo d'accordo.
          • Anonimo scrive:
            Re: SI INVECE...
            piu che altro sono sfumatture...direi che non siamo d'accordo piu sul metodo che sulla questione in generale...per il resto credo che qualche lezione di buon senso servirebbe a tutti...a volte persino a me...;-0)
            Del resto mi pare che siamo d'accordo.
          • Anonimo scrive:
            Re: SI INVECE...

            piu che altro sono sfumatture...direi che
            non siamo d'accordo piu sul metodo che sulla
            questione in generale...Beh, spiegare che esiste il bug non dando la ricettina passo passo può essere percettibile comunque da un professionista, il quale ha modo di investigare anche più a fondo. In questo modo è preservata la divulgazione.Quello che dico è solamente di evitare gli imbecilli (purtroppo sono tanti).Del resto, questi ultimi sono presenti anche nello schieramento di chi dovrebbe mantenere il sistema sicuro (installando le pathces, ecc.)
          • Anonimo scrive:
            Re: SI INVECE...
            - Scritto da: AntibufalaSe c'e' qualcuno che puo' vantare diritti sulla creazione ek diffuzione degli script kiddye e' proprio M$.E ora vuole nasconderlo.Avrei dovuto capirlo quando hanno dichiarato che volevano piu' security: lo fanno a livello commerciale annziche' tecnico come al loro solito.
          • Anonimo scrive:
            Re: SI INVECE...
            Forse hai sbagliato thread. Sei completamente fuori tema.
          • Anonimo scrive:
            Re: SI INVECE...
            - Scritto da: AntibufalaScusa, ma non si stava parlando di questo ?!?!

            piu che altro sono sfumature...direi che

            non siamo d'accordo piu sul metodo che

            sulla questione in generale...
            Beh, spiegare che esiste il bug non dando la
            ricettina passo passo può essere
            percettibile comunque da un professionista,
            il quale ha modo di investigare anche più a
            fondo. In questo modo è preservata la
            divulgazione.
            Quello che dico è solamente di evitare gli
            imbecilli (purtroppo sono tanti).
            Del resto, questi ultimi sono presenti anche
            nello schieramento di chi dovrebbe mantenere
            il sistema sicuro (installando le pathces,
            ecc.)Quello che dico io e' che proprio M$ ha creato quegli imbecilli ! Infatti se c'e' qualcuno che puo' vantare diritti sulla creazione e diffuzione degli script kiddye e' proprio M$.E ora vuole nasconderlo.Ti sembra cosi' fuori tema ????Il seguito e' una pura opinione personale:Avrei dovuto capirlo quando hanno dichiarato che volevano piu' security: lo fanno a livello commerciale annziche' tecnico come al loro solito.
        • Anonimo scrive:
          Re: SI INVECE...

          Ora, se buchi un sito IIS (non volevo dire
          Linux !) se mai mandi un'email al webmaster
          per comunicarglielo e basta.guai!non farlo che finisci in galera...a questo siamo arrivati..tanto vale, forse, distribuire il codice e permettere anche ai deficienti di entrare.. cosi' quando qualcuno si vedra' invasa la propria casa da persone che non conosce pensera' bene di mettere una porta o almeno di dir loro di andare fuori... Non credo tu
          voglia rompere tutto e cancellare il suo
          contenuto. Altrimenti divieni un
          delinquente.no sei un delinquente anche se entri per testare... e' emblematico il caso di un disgraziato che per conto della societa' X stava lavorando sui server della societa' Y, essendoci un accordo tra X e Y.. bene trovato un buco in questi server e comunicatolo alla societa' Y la societa' Y l'ha denunciato....contenti? a questo siamo arrivati...non permettiamo loro di andare oltre!ciacciao
    • Anonimo scrive:
      Re: Non tutto è sbagliato
      Uhm...In realtà non la vedo così.. se tu posti le istruzioni per eseguire un possibile attacco, io, pur senza essere un "guru", posso studiare una "toppa" da mettere al volo al sistema (chessò, mettendo a monte di IIS un Apache che filtri le richieste maliziose) in attesa che tu e gli altri "eletti" possiate creare una patch, in tutto questo ci hanno guadagnato: 1) Lo script kiddie che ha seguito il post e prova su un po' di server a fare ca@@ate 2) Io che, avendo un'idea del problema, posso almeno cercare di montare una persinana davanti alla finestra aperta; non serve a molto, ma meglio che niente in attesa che voi "eletti" mi forniate la "grata" per difendermi. 3) Io che ho aggiunto un po' di quella conoscenza che, un passo alla volta, mi permetterà di diventare un "eletto".Se posti solo descrizioni criptiche, un cracker è in grado di capirti, e bisogna vedere se la sua buonafede è abbastanza alta da non divulgare a degli script-kiddies le info in suo possesso.. A quel punto, io continuo a dormire sogni beati con la mia finestra spalancata che fa un sacco di spifferi... o, meglio, so che fa gli spifferi ma non dove, e non posso metterci una toppa.Ciao, Rob
  • Anonimo scrive:
    Micorosft Says, Microsoft Does.
    Se hanno detto che lo faranno, sicuramente si metteranno a farlo.Tocchiamoci i gioielli e andiamo avanti.
  • Anonimo scrive:
    Pulp! Come dire un po' sangue e un po' merda!!
    Commentare una frase del genere:"Fornire una ricetta per sfruttare un buco - scrive Pulp - non aiuta a proteggere le reti. Nella maggioranza dei casi, proteggersi da un buco è applicare un fix che modifica il sistema, in altri casi i sistemi possono essere protetti con nuove procedure di gestione. Ma sia in un caso che nell'altro, l'amministratore non ha bisogno di sapere come funziona una vulnerabilità per capire come proteggersi contro di questa, non più di quanto un individuo debba sapere qual è la causa del malditesta per poter prendere un'aspirina"A dir poco allucinante!!! Come dire è inutile parlare dei buchi di un software. E' inutile comunicarli su Internet per aiutare i sistemisti a proteggere le proprie reti. E' meglio stare zitti e aspettare che la MS "produca" delle buone patch come quelle per IIS... Nessuno si ricorda delle ultime "cagate" sulle patch della MS???Come dire se nessuno sa del buco, noi stiamo tranquilli, voi non lo sapete e dormite tranquilli, se per caso succede sarà solo un altro 11 settembre... Di tanto in tanto, circa una volta all'anno, capita che un giorno si chiamo 11 settembre, o non è vero??Bugtraq insegna molto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Pulp! Come dire un po' sangue e un po' merda!!
      non fargli dire quello che non ha detto, OK e` della M$ ma stavolta non ha detto solo cazzatesecondo me e` solo un discorso inutile perche` gli esperti di sicurezza non distribuiscono a destra e a manca le info per sfruttare i buchi, quelli che lo fanno e scrivono i tool lo fanno ovviamente con la precisa intenzione di permettere a chiunque di fare danni(magari perche` odiano la M$ e vogliono vederla nella polvere, io non li biasimo...)il tipo dice che non servono le info dettagliate su come sfruttare i bug, ha ragione, si puo` parlare del problema approfonditamente ma non e` necessario spiegare le cose in modo che anche un incompetente possa sfruttarlecmq ribadisco a me non importa un cazzo, piu` buchi scoprono in IIS e IE/OE, piu` aziende abbandoneranno la M$, quindi a me va bene
      • Anonimo scrive:
        Re: Pulp! Come dire un po' sangue e un po' merda!!

        il tipo dice che non servono le info
        dettagliate su come sfruttare i bug, ha
        ragione, si puo` parlare del problema
        approfonditamente ma non e` necessario
        spiegare le cose in modo che anche un
        incompetente possa sfruttarlegia adesso in "universita" (chiamarla cosi e troppo) insegnano cazzate...quando uscira il bug si fara cosa ??? TEORIA DEL BUG ???ma non dire cazzate...gia di "professionisti" oggi e pieno il mondo...quando ci sono informazioni disponibili...immaginati quanti asini ci saranno quando le informazioni saranno disponibili in parte...SE saranno disponibili e non a pagamento...e invece io penso che sia importante capire come funziona il bug (anche perche ci sono molti bug che escono dopo e funzionano piu o meno allo stesso modo)...
        • Anonimo scrive:
          Re: Pulp! Come dire un po' sangue e un po' merda!!
          Ma si chiama Pulp ???A me risulta che si chiami Scott Culparticolo originale:http://www.microsoft.com/technet/treeview/default.asp?url=/technet/columns/security/noarch.aspP.I. ha colipo ancora?Tornando al thread credo che ci siano cose condivisibili, Scott non dice non ci devono essere gli scopritori di bug e gli esperti di sicurezza.Dice solo "evitate di vedere le armi all'angolo della strada", non lo si puo' condividere?Perche', e questo lo dico io, c'e' una bella differenza tra chi scrive e pubblica sorgenti per testare dei bugs e chi pubblica sorgenti per infierire (programmi pronti per l'uso diciamo ;) )
          • Anonimo scrive:
            Re: Pulp! Come dire un po' sangue e un po' merda!!

            Dice solo "evitate di vedere le armi
            all'angolo della strada", non lo si puo'
            condividere?Mi sembra nascondere dietro ad una cortina fumogena i problemi del loro software. Io credo che un'azienda non possa commercializzare un software che deve essere "sicuro" per le funzionalita' che va a soddisfare ma che in realta' sicuro non e'.
            Perche', e questo lo dico io, c'e' una bella
            differenza tra chi scrive e pubblica
            sorgenti per testare dei bugs e chi pubblica
            sorgenti per infierire (programmi pronti per
            l'uso diciamo ;) )Su questo concordo. Ma il problema non sono gli esperti di sicurezza ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Pulp! Come dire un po' sangue e un po' merda!!
            - Scritto da: L'esperto

            Dice solo "evitate di vedere le armi

            all'angolo della strada", non lo si puo'

            condividere?

            Mi sembra nascondere dietro ad una cortina
            fumogena i problemi del loro software.Se avesse detto allora avrei pensato questa cosa, ma ha detto solo di non portare armi tra tutti.Ci sara' pure una differenza tra parlarne e tra fornire strumenti atti all'offesa? NO?!Come dici tu i problemi non sono gli esperti di sicurezza ma coloro che amano definirsi a volte tali ed a volte qualcos'altro. parlo per esperienza personale passata-
            Io credo che un'azienda non possa
            commercializzare un software che deve essere
            "sicuro" per le funzionalita' che va a
            soddisfare ma che in realta' sicuro non e'.Che bel discorso.Io invece credo che il sw va fatto al meglio e poi corretto e supportato in continuazione. Almeno finche' verra' fatto dall'uomo.Daltro canto se non lo vendi e lo dai a tutti come speri di trovarne i bugs?!Io almeno non sono in grado di progettare e costruire un sw che sia perfetto, cazzi miei.Saluti
  • Anonimo scrive:
    I "MANAGER DELLA SICUREZZA" microsoft
    Vendono solo barzellette e fumo negli occhi.Per questi "manager" è finita la trippa per gatti.Non incantano più nessuno.Aiuto POLIZIAAAAAAAA!!!!!!!!!Mi hanno rubato tutti i COMPUTERS!Mi hanno svuotato gli UFFICI!!Calma signori, abbiamo messo tutto là dentro, nel SERVER là in fondo.IBM SUPPORTA LINUX!
    • Anonimo scrive:
      Re: I
      la pubblicita IBM e bestiale ;-0)e poi chiamarli manager sicurezza mi sembra esagerato...- Scritto da: Alien
      Vendono solo barzellette e fumo negli occhi.
      Per questi "manager" è finita la trippa per
      gatti.
      Non incantano più nessuno.


      Aiuto POLIZIAAAAAAAA!!!!!!!!!
      Mi hanno rubato tutti i COMPUTERS!
      Mi hanno svuotato gli UFFICI!!

      Calma signori, abbiamo messo tutto là
      dentro, nel SERVER là in fondo.

      IBM SUPPORTA LINUX!

  • Anonimo scrive:
    Ma vendono software o patate?
    "Non chiedetevi se il prodotto acquistato funziona. Fidatevi!"Cosa? ma diamo i numeri?Forse si tratta di una nuova delirante strategia commerciale:"Invece di risolvere tutti i problemi, vediamo se si riesce e convincere i clienti a pretendere meno.Per fare questo accordiamoci con tutti gli altri produttori."Non è possibile, dev'essere un errore di traduzione dell'intervista originale.Dev'essere così, perchè neanche il mio fruttivendolo è così spudorato quando cerca di rifilarmi la roba vecchia. :)Che la pace trionfi su tutto,razze, politica e religioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma vendono software o patate?
      non sta dicendo cosi`, sta dicendo che gli esperti devono cercare di non parlare fra loro in modo che anche un imbecille possa sfruttare le info per fare danninon e` tanto difficile in fondola verita`, credimi, e` che della M$ non gliene frega niente a nessuno, quando si scoprono nuovi buchi e vengono cazziati dai loro amati clienti ogni informatico dal canada al botswana gode profondamente
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma vendono software o patate?
      - Scritto da: un deluso dell'acquisto
      "Non chiedetevi se il prodotto acquistato
      funziona. Fidatevi!"Eh eh..... lo faccio tutte le mattine quando mi siedo davanti al mio bel terminale AS400..
      Cosa? ma diamo i numeri?Come sempre... non ci vedo nulla di anormale in questo... Quando mai non le hanno sparate grosse?Eppure, sarebbe quello che dovrebbe accadere.
      Per fare questo accordiamoci con tutti gli
      altri produttori."Quali produttori? Ma si è accorta che ha il monopolio? Ma con chi si deve accordare?Il suo principale concorrente è proprio quel Linux che ha definito un Giocattolo, un virus, e altre deficenze varie...Con chi si deve accordare? Con Netscape, che stà fallendo a causa delle sue pratiche monopolistiche?Ha voluto il monopolio? E adesso, da sola, si arrangia.Troppo comodo dividere i guadagni in una parte soltanto (la sua). Invece i problemi scaricarli sugli altri.
      Non è possibile, dev'essere un errore di
      traduzione dell'intervista originale.Senz'altro. Infatti, altrimenti ci potrebbe essere una denuncia per pubblicità ingannevole.Anche perchè, una pubblicità che dice che l'unico modo per violare un server con Win2000 è a martellate, poi ammettere candidamente che i sw sono tutti bucati (dimenticando di specificare che ce chi lo è di più, e chi meno), e poi dire anche che sono i clienti che devono pretendere di meno.... salvo poi da un'altra parte continuare a dire che si va incontro alle esigenze degli utenti.Cmq, tra tutti, è quello che almeno ha detto le cose come stanno."O riusciamo a nascondere i buchi, oppure noi di M$ non riusciamo a fare un SO decente...."
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma vendono software o patate?
        - Scritto da: l

        Cmq, tra tutti, è quello che almeno ha detto
        le cose come stanno.
        "O riusciamo a nascondere i buchi, oppure
        noi di M$ non riusciamo a fare un SO
        decente...."Credo che sia piu' corretto cosi':"O riusciamo a nascondere i buchi, oppure TUTTI SAPRANNO che noi di M$ non riusciamo a fare un SO decente..."
  • Anonimo scrive:
    avete infomazioni su bachi? vendeteli
    ha ragione microsoft che e` contraria all`open source, se scoprite dei bachi in windows non andate in giro a raccontarlo a tutti gratis, tenetevelo per voi, la conoscenza ha un valore, magari potete trovare qualcuno che e` interessato a pagarla bene quest`informazione, chi sa, magari anche microsoft stessa
    • Anonimo scrive:
      Re: eliminiamo l'open source
      - Scritto da: coerente
      ha ragione microsoft che e` contraria
      all`open source, se scoprite dei bachi in
      windows non andate in giro a raccontarlo a
      tutti gratis, tenetevelo per voi, la
      conoscenza ha un valore, magari potete
      trovare qualcuno che e` interessato a
      pagarla bene quest`informazione, chi sa,
      magari anche microsoft stessae perche no. l`open source sta trasformando il mestiere dell'informatico in un opera pia e i programmatori in monaci trappisti e questo per merito due o tre programmatori flesciati dall'lsd negli anni 70.Io come altri non intendiamo regalare niente a nessuno, vogliamo essere pagati per il nostro lavoro e per le nostre conoscenze (un dipendente programmatore prende meno di un metalmeccanico).Rivogliamo l'era d'oro della programmazione quando i programmatori potevano permettersi una macchina e una casa dignitosa, non un appartamento condiviso in 5 a milano e un motorino condiviso con un marocchino.Quando vedo il proliferare di siti che a gratis forniscono progr. e informazioni gratuite mi sale il sangue alla testa, siete voi che state trasformando centinaia di incompetenti in progr della domenica, che per la legge della domanda e dell'offerta fanno decrescere sempre più i nostri stipendi.Lo sport più in voga nelle varie sw house e quella di assumere inprova per poi licenziare decine di programmatori fino a trovare quello che ha qualche nozione in più riuscendo a dargli anche quattro lire (dicendogli ti abbiamo fatto un favore), oppure importano (come se fosse caffe) programmatori da paesi del terzo mondo (causando fra l'altro problemi agli stessi paesi che dopo aver istruito questi programmatori ad alto costo se li vedono fregare, e contribuire ad acrescere la richezza di paesi già ricchi).mi dispiace per chi promuove e ama l`open source, ma guardate cosa fanno i migliori rappresentanti della vostra religione, alla fine si vendono per centinaia di milioni alle varie sun, ibm, ms ecc..
      • Anonimo scrive:
        Re: eliminiamo l'open source
        - Scritto da: bastaopenvogliamoisoldi
        - Scritto da: coerente

        ha ragione microsoft che e` contraria

        all`open source, se scoprite dei bachi in

        windows non andate in giro a raccontarlo a

        tutti gratis, tenetevelo per voi, la

        conoscenza ha un valore, magari potete

        trovare qualcuno che e` interessato a

        pagarla bene quest`informazione, chi sa,

        magari anche microsoft stessa
        e perche no. l`open source sta trasformando
        il mestiere dell'informatico in un opera pia
        e i programmatori in monaci trappisti e
        questo per merito due o tre programmatori
        flesciati dall'lsd negli anni 70.
        Io come altri non intendiamo regalare niente
        a nessuno, vogliamo essere pagati per il
        nostro lavoro e per le nostre conoscenze
        (un dipendente programmatore prende meno di
        un metalmeccanico).Se tu e gli altri non volete regalare niente, fatelo, chi se ne frega, che colpa ne hanno i programmatori flasciati dall'lsd se loro lavoricchiando per hobby fanno meglio di quello che voi tirate fuori in 8 ore di lavoro + straordinari ?Non esistono cose chiamate investimenti in ricerca, in risorse, in mezzi ?Queste sono tutte cose che un'azienda dovrebbe permettersi di fare ed un privato o uno di quei programmatori flasciati no.Se l'opensource e' concorrenziale con il software commerciale e' un problema del sw commerciale, hanno voluto la libera concorrenza; poi si mettono a piagniucolare se 4 hobbisti programmano meglio di loro !
        Rivogliamo l'era d'oro della programmazione
        quando i programmatori potevano permettersi
        una macchina e una casa dignitosa, non un
        appartamento condiviso in 5 a milano e un
        motorino condiviso con un marocchino.Ti consiglierei di metterti a programmare seriamente per UNIX. Gli stipendi sono decisamente migliori; pensa che io ho anche tempo la sera per fare programmini da distribuire free :) E mi posso permettere l'lsd ;-P
        Quando vedo il proliferare di siti che a
        gratis forniscono progr. e informazioni
        gratuite mi sale il sangue alla testa, siete
        voi che state trasformando centinaia di
        incompetenti in progr della domenica, che
        per la legge della domanda e dell'offerta
        fanno decrescere sempre più i nostri
        stipendi.Ma fino a ieri noi non eravamo i guru ?I sacri detentori del sapere delle scatole magiche ? Quelli che ti rispondono "ma vatti a leggere l'HOWTO" quando gli chiedi qualcosa ?
        mi dispiace per chi promuove e ama l`open
        source, ma guardate cosa fanno i migliori
        rappresentanti della vostra religione, alla
        fine si vendono per centinaia di milioni
        alle varie sun, ibm, ms ecc..Fate qualcosa di meglio: che valga il prezzo pagato e la gente lo comprera' !
      • Anonimo scrive:
        Re: eliminiamo l'open source
        AVETE ROTTO LE PALLE!!!Open Source non vuol dire gratis!!!Come ha detto Gray, se non sei capace di venderti è un problema tuo, se le aziende con fantastiliardi di paperdollari non riescono a produrre SW migliore di "quattro hobbisti" (come li chiami tu, anche se poi dici che si vendono a centinaia di mil) è solo perché investono tutto e solo in marketing, invece di fare le cose bene.Ti sei mai chiesto perché il SW di questi "quattro hobbisti" ha fatto nascere e sta tenendo su Internet? Non c'era MS che pompava grana dietro con la pubblicità! Ti sei mai chiesto perché l'OS sta avendo così tanto successo? Sì, è una moda, ma sarebbe quantomeno da idioti investire tutto quello che si sta investendo sull'OS solo per una moda o per andare contro a MS... evidentemente ci sono vantaggi sia tecnici che economici.
      • Anonimo scrive:
        Re: eliminiamo l'open source

        - Scritto da: coerente
        ...
        il mestiere dell'informatico in un opera pia
        e i programmatori in monaci trappisti e
        questo per merito due o tre programmatori
        flesciati dall'lsd negli anni 70.
        Io come altri non intendiamo regalare niente
        a nessuno, vogliamo essere pagati per il
        nostro lavoro e per le nostre conoscenze
        (un dipendente programmatore prende meno di
        un metalmeccanico).
        Rivogliamo l'era d'oro della programmazione
        quando i programmatori potevano permettersi
        una macchina e una casa dignitosa, non un
        appartamento condiviso in 5 a milano e un
        motorino condiviso con un marocchino.
        Quando vedo il proliferare di siti che a
        gratis forniscono progr. e informazioni
        gratuite mi sale il sangue alla testa, siete
        voi che state trasformando centinaia di
        incompetenti in progr della domenica, che
        per la legge della domanda e dell'offerta
        fanno decrescere sempre più i nostri
        stipendi.
        ... ecc. ecc. ...Scusa, ma ti è mai saltato in testa di costituire una tua azienda invece di farti sfruttare come un pollazzo ?Se vali veramente, non aver paura: otterrai buoni risultati economici.Altrimenti, se vali poco, è bene che ti rendi conto che quello che hai è quello che meriti ... perchè nessun incompetente, in questo settore, riesce a reggersi sulle proprie gambe.Come anche tu dici, fare il programmatore di mestiere non significa di riflesso essere un buon programmatore.Ma l'opensource non c'entra nulla (anzi, semmai può essere un pretesto per porti sul mercato).Senza rancore.Gano
        • Anonimo scrive:
          Re: eliminiamo l'open source

          Scusa, ma ti è mai saltato in testa di
          costituire una tua azienda invece di farti
          sfruttare come un pollazzo ?
          Se vali veramente, non aver paura: otterrai
          buoni risultati economici.Purtroppo non è detto. Puoi essere un ottimo tecnico ma un pessimo commerciale. In questo caso, sei già in liquidazione prima di partire.
          Come anche tu dici, fare il programmatore di
          mestiere non significa di riflesso essere un
          buon programmatore.Concordo pienamente.
          Ma l'opensource non c'entra nulla (anzi,
          semmai può essere un pretesto per porti sul
          mercato).Vedi prima. L'open source, per rendere, richiede degli investimenti; i quali possono essere in termini di tempo (WE e serate/notti) oppure in denaro. IBM sta investendo molto su Linux ed il mondo che vi gira intorno, e questo potrebbe anche segnare la fine di Linuz stesso. Diverrà un oggetto commerciale ...
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source
            - Scritto da: Antibufala

            Se vali veramente, non aver paura:
            otterrai

            buoni risultati economici.

            Purtroppo non è detto. Puoi essere un ottimo
            tecnico ma un pessimo commerciale. In questo
            caso, sei già in liquidazione prima di
            partire.Mettere su una ditta non significa, prendo una sedia, programmo, fatta.Ti metti con uno che faccia il commerciale.
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source

            - Scritto da: Antibufala



            Se vali veramente, non aver paura:

            otterrai


            buoni risultati economici.



            Purtroppo non è detto. Puoi essere un
            ottimo

            tecnico ma un pessimo commerciale. In
            questo

            caso, sei già in liquidazione prima di

            partire.


            Mettere su una ditta non significa, prendo
            una sedia, programmo, fatta.
            Ti metti con uno che faccia il commerciale.Stiamo dicendo la stessa cosa.
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source

            Mettere su una ditta non significa, prendo
            una sedia, programmo, fatta.
            Ti metti con uno che faccia il commerciale.Già poi il commerciale ti ciula i soldi...Lo so bene io che faccio il commerciale per una swhouse.
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source
            - Scritto da: Antibufala

            Vedi prima. L'open source, per rendere,
            richiede degli investimenti; i quali possono
            essere in termini di tempo (WE e
            serate/notti) oppure in denaro. IBM sta
            investendo molto su Linux ed il mondo che vi
            gira intorno, e questo potrebbe anche
            segnare la fine di Linuz stesso. Diverrà un
            oggetto commerciale ...e la cosa ti fa schifo, vero?preferisci batterti contro i fanatici religiosi piuttosto che contro buoni tecnici ben pagati, vero?Proprio il comportamento che ci si attende da un seguace del MOnopolist M$
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source


            Vedi prima. L'open source, per rendere,

            richiede degli investimenti; i quali
            possono

            essere in termini di tempo (WE e

            serate/notti) oppure in denaro. IBM sta

            investendo molto su Linux ed il mondo che
            vi

            gira intorno, e questo potrebbe anche

            segnare la fine di Linuz stesso. Diverrà
            un

            oggetto commerciale ...

            e la cosa ti fa schifo, vero?
            preferisci batterti contro i fanatici
            religiosi piuttosto che contro buoni tecnici
            ben pagati, vero?Assolutamente no. Ma come ben sai, introdurrà tutte le problematiche contro cui ti batti tu oggi.
            Proprio il comportamento che ci si attende
            da un seguace del MOnopolist M$Non hai capito nulla. ei partito in 4a prima di approfondire, denota una grande superficialità intellettuale.
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source
            - Scritto da: Antibufala

            e la cosa ti fa schifo, vero?

            preferisci batterti contro i fanatici

            religiosi piuttosto che contro buoni
            tecnici

            ben pagati, vero?

            Assolutamente no. Ma come ben sai,
            introdurrà tutte le problematiche contro cui
            ti batti tu oggi. con le premesse del codice sempre e solo chiuso si (ed ecco il disastro monopolistico M$)io mi batto per liberare risorse, per non dover essese schiavo di UNA sola azienda, ma per usufruire di + offerte, che in questo regime non esiste.L'open source fornisce un'altra possibilità, temuta da chi non può approfittarne, come te
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source

            - Scritto da: Antibufala


            e la cosa ti fa schifo, vero?


            preferisci batterti contro i fanatici


            religiosi piuttosto che contro buoni

            tecnici


            ben pagati, vero?



            Assolutamente no. Ma come ben sai,

            introdurrà tutte le problematiche contro
            cui

            ti batti tu oggi.

            con le premesse del codice sempre e solo
            chiuso si (ed ecco il disastro monopolistico
            M$)Ti faccio notare che codice chiuso lo trovi anche da SUN, IBM, Oracle e tutte le società commerciali. Prima di parlare apri gli occhi.
            io mi batto per liberare risorse, per non
            dover essese schiavo di UNA sola azienda, ma
            per usufruire di + offerte, che in questo
            regime non esiste.Sei schiavo ? Attualmente le offerte sono innumerevoli e la libertà di scelta è assoluta. Probabilmente sei tu ad avere problemi nel proporre alternative al mercato.
            L'open source fornisce un'altra possibilità,
            temuta da chi non può approfittarne, come teNon lo temo minimamente, perchè dovrei. Ne approfitto nel momento in cui mi garantisce certi standard necessari alla clientela con cui tratto.Attualmente non è così, e quindi mi rivolgo verso Oracle, Microsoft, Sun, Borland ecc.
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source
            Scusa, ma gli standard qualitativi che garantisce l'open source, sono alti: sicuramente nel mondo UNIX, in win* lo è Apache, personalmente in win* (di cui non ne voglio sapere) non né so altro, ma sicuramente Apache batte IIS o l'eguaglia su win*.Non conosco la tua clientela, ma posso dirti, che ogni mission-critical "verìa" cioè in campo tecnico/scientifico (NASA, CERN, etc.) utlizza sw open source, sviluppato con persone (scienziati, tecnici, etc.) di prim'ordine all'interno di ist. univ.A solo esempio nel calcolo parallelo su cluster: Beowulf, ma anche nel desktop: geko il motore html più potente che esiste integrato in mozilla ed altri.Oltrettutto le ditte citate da te, tranne M$, attingono a questi software: io ho installato anche UNIX proprietari e c'era sw open source (su AIX di default il web server è Apache), ed investono anche ad espandere e migliorare il codice.Anche la M$ ha ammesso che il modello è qualitativamente sup. ma secondo lei anticapitalista.Secondo me, i tuoi clienti, cercano la mamma dietro che li assista, rappresentata dall grande ditta.Giganti come Yahoo!! ed altri fanno da soli, hanno semplicemente confrontato i sw ed gli o.s. ed hanno optato per l'open source: Yahoo!! ha FreeBSD.
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source

            Scusa, ma gli standard qualitativi che
            garantisce l'open source, sono alti:Non ho mai detto il contrario. Ma le richieste del mondo business sono anche di altra natura.
            sicuramente Apache batte IIS o l'eguaglia su
            win*.Che cosa significa Apache batte IIS. In termini di sicurezza ti do ragione, ma del resto metterei sempre un firewall davanti. In termini di performance non sono pienamente d'accordo (benchmark alla mano: http://www.zdnet.com/products/stories/reviews/0,4161,2551188,00.html).
            Non conosco la tua clientela, ma posso
            dirti, che ogni mission-critical "verìa"
            cioè in campo tecnico/scientifico (NASA,
            CERN, etc.) utlizza sw open source,
            sviluppato con persone (scienziati, tecnici,
            etc.) di prim'ordine all'interno di ist.
            univ.Parlavo di applicazioni business (90% del mercato mondiale informatico). In ambito accademico non è richiesta la produttività quanto altri parametri: efficienza di calcolo ecc.
            Oltrettutto le ditte citate da te, tranne
            M$, attingono a questi software: io ho
            installato anche UNIX proprietari e c'era sw
            open source (su AIX di default il web server
            è Apache), ed investono anche ad espandere e
            migliorare il codice.Certo, da quel punto te lo fanno pagare salato. Non sono degli istituti di beneficienza.
            Secondo me, i tuoi clienti, cercano la mamma
            dietro che li assista, rappresentata dall
            grande ditta.I clienti che ho io lavorano in ambito istituzionale e finanziario. Sono grosse realtà e optano sempre, dico sempre, per soluzioni con un nome dietro (non fosse altro per le garanzie).
            Giganti come Yahoo!! ed altri fanno da soli,
            hanno semplicemente confrontato i sw ed gli
            o.s. ed hanno optato per l'open source:
            Yahoo!! ha FreeBSD.Direi che in questo settore c'è equilibrio (http://uptime.netcraft.com/up/today/requested.html) con un buon posizionamento sia di Windows che FreeBSD.
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source
            Per quanto riguarda Apache, bisogna intendersi: è il web server più diffuso, ed è in espansione; tuttavia va considerato diversamente, se lavora su o.s. UNIX o su win*: le performance in o.s. UNIX sono alte, le più alte di un web server e non solo in termini di sicurezza. Su win* non rispecchia le performance che ha su UNIX, direi che pareggia con iis, ma questo è opinionabile, poichè è difficile estrarre un applicativo dall'o.s. di nascita e riferimento, molto probabilmente in UNIX nelle performance di Apache c'è molto degli UNIX. Tuttavia la nuova relase (ora siamo alla 1.3.x) la 2.0 ora in BETA distanzia iis anche in win* (vi sarebbe poi da dire che molto probabilmente essendo visibili i sorgenti anche M$ li "vede" e ne prende lezione per il suo iis).Per quanto riguarda gli o.s. dovrebbe sapere che l'ist. gov. USA addetto al rilascio delle certificazioni per la sicurezza, non ha mai rilasciato a nessun win* la certificazione max (4) per l'installazione in rete, ma solo in locale: ogni UNIX c'è l'ha e quello che ha il più alto punteggio è OpenBSD (Open Source). Molte banche USA ci hanno armato i propri Firewalls, ed altre lo stanno facendo.Non solo, i BSD, battano su quasi ogni classifica anche gli altri UNIX, commerciali: io ho installato UNIX comm. e non: ebbene la facilità che hanno gli UNIX commerciali (facilità non riferita ai win*) li pregiudica rispetto ai BSD: ogni o.s. è il frutto di compromessi tra performance, stabilità e sicurezza, facilità d'uso. I BSD non guardano alla facilità, ma solo a performance e sicurezza, viceversa gli UNIX commerciali, cercano d'implementare una certa facilità, che consenta al loro UNIX di poter abbracciare più tecnici ed operatori possibili, e di poter essere installato rapidamente. Ciò non significa che gli UNIX del ramo SysVR4 non possano competere con i BSD, semplicemente per ragioni commerciali, di cui sopra, non lo si fà, si dovrebbe rendere più complesso l'o.s, ed allora venderebbero solo ai pochi Yahoo!! o simili.Ma tutto questo con il lato tecnico, non centra niente: un'o.s. open o no lo si dovrebbe valutare sul piano qualitativo, solo attraverso valutazioni puramente tecniche.E' la M$ che ha introdotto quest'aberrazione negli ultimi anni, piegando il mondo economico: quante volte nelle recensioni, un prodotto sw giudicato mediocre tecnicamente ma ottimo a livello di facilità d'uso, assume un giudizio complessivo ottimo.Non vedo come possa riferire che win* compete con FreBSD, nelle mission-critical, vengono fuori quelli aspetti da lei ritenuti "accademici"; e per questo si preferiscono in quei casi i BSD.I router che instradano dati massivi (reti geografiche), sono equipaggiati con i BSD, CISCO consiglia di default FReeBSD, ora che i suoi concorrenti stanno armando i router con NetBSD, che ha un'elevata capacità (la più alta) di networking, CISCO lo sta valutando. Non ha mai valutato win*, e li preferisce agli UNIX commerciali come i suoi concorrenti. E CISCO fa commerce.Anche dove sto facendo consulenza attualmente (Enel), il sito www.enel.it risulta armato con FreeBSD (ometterò ovv. la vers.) e una vers. di win2000 con BETA PAck.FreeBSD, ha il compito (anzi il cluster con FreBSD) d'instradare i dati e quello di Firewalls, i server win sono presenti per soddisfare richieste di utenti win, che in genere lo UNIX (visto il monopolio M$) non può soddisfare, plug-in, ecc.Per cui dove è richiesto, quelle performance da lei definite "accademiche", devono essere implementate; e non sono i sw commerciali a soddisfarle.Questo intendevo quando ho portato l'esempio di Yahoo!!. So perfettamente che (purtroppo) vi sono siti armati con win*, ma quando vi è la richiesta di notevoli performance, allora si cade sullo UNIX, e se la richiesta è alta, sull'open source. Concluderò ricordando che quasi tutti gli ISP hanno Linux: Tin.it (Slack), Libero (Red Hat), e non mi sembrano società di beneficienza.
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source

            Per quanto riguarda Apache, bisogna
            intendersi: ....Su win* non rispecchia
            le performance che ha su UNIX, direi che
            pareggia con iis, ma questo è opinionabile,
            poichè è difficile estrarre un applicativo
            dall'o.s. di nascita e riferimento, molto
            probabilmente in UNIX nelle performance di
            Apache c'è molto degli UNIX. Bisogna anche considerare che Apache sfrutta egregiamente i threads di Windows, pertanto ritengo corretta l'affermazione che per siti dinamici (dove c'è business applicativo) Apache è inferiore in termini prestazionali di IIS. Ovviamente sotto Unix non è possibile fare un confronto.
            Tuttavia la
            nuova relase (ora siamo alla 1.3.x) la 2.0
            ora in BETA distanzia iis anche in win* (vi
            sarebbe poi da dire che molto probabilmente
            essendo visibili i sorgenti anche M$ li
            "vede" e ne prende lezione per il suo iis).Bisognerà solamente attendere quando uscirà dalla beta. Sino ad allora risulta poco utile.
            Per quanto riguarda gli o.s. dovrebbe sapere
            che l'ist. gov. USA .... Molte banche USA ci
            hanno armato i propri Firewalls, ed altre lo
            stanno facendo.Infatti non ho mai parlato di firewall Microsoft. I clienti con i quali tratto hanno solo firewall certificati SUN e non ne voglioni sentire di altri (ne ISA, ne Linux)
            E' la M$ che ha introdotto quest'aberrazione
            negli ultimi anni, piegando il mondo
            economico: quante volte nelle recensioni, un
            prodotto sw giudicato mediocre tecnicamente
            ma ottimo a livello di facilità d'uso,
            assume un giudizio complessivo ottimo.Dobbiamo distinguere. Un prodotto destinato al settore consumer ha come core la facilità di utilizzo. Un prodotto server è un'altra cosa. Ora, MS ha promosso dei prodotti server che sono delle vere ciofeche, ma ha anche prodotto server come SQL Server e IIS che per il loro compito lavorano benissimo. Il discorso sicurezza, nella maggior parte dei casi, è delegato ai vari firewalls, router, ecc. con sistemi operativi opportuni (non MS).
            Non vedo come possa riferire che win*
            compete con FreBSD, nelle mission-critical,
            vengono fuori quelli aspetti da lei ritenuti
            "accademici"; e per questo si preferiscono
            in quei casi i BSD.Ho sempre parlato di applicativi commerciali (anche web).
            Anche dove sto facendo consulenza
            attualmente (Enel), il sito www.enel.it
            risulta armato con FreeBSD (ometterò ovv. la
            vers.) e una vers. di win2000 con BETA PAck.
            FreeBSD, ha il compito (anzi il cluster con
            FreBSD) d'instradare i dati e quello di
            Firewalls, Mi pare un'ottima scelta e la condifido pienamente.
            i server win sono presenti per
            soddisfare richieste di utenti win, che in
            genere lo UNIX (visto il monopolio M$) non
            può soddisfare, plug-in, ecc.Non credo proprio. Dipende da che cosa e come si sviluppano gli applicativi.
            Questo intendevo quando ho portato l'esempio
            di Yahoo!!. So perfettamente che (purtroppo)
            vi sono siti armati con win*, ma quando vi è
            la richiesta di notevoli performance, allora
            si cade sullo UNIX, e se la richiesta è
            alta, sull'open source. Dalle statistiche si evice che servers molto stressati (quindi con richieste elevatissime di performance) sono equipaggiati con software Microsoft.
            Concluderò
            ricordando che quasi tutti gli ISP hanno
            Linux: Tin.it (Slack), Libero (Red Hat), e
            non mi sembrano società di beneficienza.Se per questo: Omnitel.it, enel.it, cariplo.it, CiaoWeb.it, Ferrari.it, ecc, ecc hanno IIS
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source
            Vorrei precisare, che un ist. accademico gov. svizzero, ha effettuato, pochi mesi fà, test su circa 10000 siti: ebbene da detto test (effettuato da ist. gov.e quindi attendibile) è risultato Apache circa 2 volte più veloce di IIS. Tuttavia, bisogna considerare che la stragrande maggioranza di siti testati con Apache erano UNIX, il chè lievita di molto le performance di Apache, medie su win*, separate, l'ist. non l'ha presentate, per cui rimane dimostrato che (almeno) su UNIX Apache distanzia IIS, e di molto!Per la scelta da me riportata dell'enel.it, al contrario di lei non la ritengo un'ottima scelta, perchè come lei ha (nella fine del suo post) riportato enel.it ha iis, ecco spiegato la presenza di win*, (che non avesse compiti d'instradamento dati e firewalls era evidenziato anche dal fatto che oltre ad essere un win*, ha BETA pack.). Molto probabilmente è usato sulla parte FreeBSD, Apache, usato come filtro per IIS, che ha molti bug. Ma d'altronde il monopolio M$ constringe a queste convivenze UNIX/win*, se si vogliono soddisfare gli utenti "casalinghi", la presenza di win* garantisce l'installazione sullo stesso server di varii applicativi per il net che nascono o esclusivamente per il mondo win*, o vengono portati in ritardo sugli UNIX. Ma tutto questo è lesivo in termini di performance, stabilità e sicurezza, del sito stesso.Che gli o.s. e sw open source vengano usati nel mondo commerciale, non mi sembra una chimera: vero è che si tende ad usare i *BSD solo quando si ha bisogno, per la loro elevata difficoltà d'utilizzo, ma Linux rappresenta un valido antagonista di win* in primis e degli altri UNIX poi.La politica seguita dal mondo commerciale (almeno in Italia ed Europa) è quella di mettere win* dapperttutto, dove più si può; appena non si può sostituire con UNIX, se poi sono richieste performance che come lei dice sono "accademiche" vengono messi UNIX *BSD.Ma se dà un'occhiata ai siti che offrono lavoro in USA e Gran Bretagna, si accorge di come è pressante nel mondo commerciale la richiesta di esperti Linux (oltre che *BSD). Le realtà di quei paesi sono diverse dalla nostra, sul piano tecnico/scientifico la maggior parte della popolazione è meglio preparata, ciò porta ad un maggior numero di tecnici UNIX (Linux, *BSD, Solaris, etc.). Il nodo centrale per cui riguarda la presenza di tecnici dell'o.s., ma come le ho ricordato, grandi realtà informatiche come Yahoo!! possono permettersi il lusso di formarseli i propri tecnici, per ogni livello; un'altro nodo centrale è la velocità d'installazione ed utilizzo.Gli o.s. closed source, garantiscono una migliore velocità d'installazione e configurazione (con win* in testa), introducendo una facilità d'utilizzo (sempre con win* in testa) che porta un maggior numero di tecnici sull'o.s.. Ma questi o.s. sono, statistiche alla mano, mediamente sopra gli o.s. UNIX open source, nei bug di sicurezza (e non solo), con win* in testa (e di molto).E' l'altra faccia della medaglia: Sun l'ha capito: quando Linux con kernel 2.4.1 si è ricompilato su macchine Sun ed ha dato prova di essere più performante di Solaris, ha creato una semispecie di licenza GPL per il suo o.s., di cui ora è possibile studiare e modificare i sorgenti.Con questa mossa Sun recupererà molto probabilmente del terreno perso su Linux.Concludendo, nel mondo economico, vi è la presenza di sw open source (alcune volte direttamente con le stesse case che forniscono i server, ed il sw), è un problema dello stesso mondo (Italiano ed Europeo, gli USA e GB sono avanti su questo terreno), cercare di fare da soli, senza avere quello stesso sw all'interno del pack presentato dalle case stesse che gli forniscono l'o.s.Se uno si compra router CISCO per reti geografiche, questo è armato con *BSD, ma a quel punto lo paga (poco, ma lo si paga), se si fà da soli, no.
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source

            elevata difficoltà d'utilizzo, ma Linux
            rappresenta un valido antagonista di win* in
            primis e degli altri UNIX poi.Non ho mai detto il contrario. Anzi, lo ritengo molto interessante e la mia intenzione è di approfondire l'argomento. Non ritengo corretta la "guerra di religione" lanciata il più delle volte, da tecnici vicini al mondo Linux. Tutto li.
            La politica seguita dal mondo commerciale
            (almeno in Italia ed Europa) è quella di
            mettere win* dapperttutto, dove più si può;
            appena non si può sostituire con UNIX, se
            poi sono richieste performance che come lei
            dice sono "accademiche" vengono messi UNIX
            *BSD.Mi dispiace, ma deve mettere in conto anche altri aspetti, quali la produttività nel settore sviluppo ecc. ecc. Molti applicativi su UNIX sono scritti in Java, e le performance generali decadono vertiginosamente.
            Ma se dà un'occhiata ai siti che offrono
            lavoro in USA e Gran Bretagna, si accorge di
            come è pressante nel mondo commerciale la
            richiesta di esperti Linux (oltre che *BSD).Certo !! E' un settore che deve ancora espandersi e quindi richiede risorse.
            Con questa mossa Sun recupererà molto
            probabilmente del terreno perso su Linux.Penso che un grande aiuto a Linux non venga dai vari SUN e IBM, quanto da Borland, la quale ha creduto in Linux creando degli strumenti per sviluppatori adatti alle imprese (parlo di Kylix e JBuilder). Uno dei problemi di base di Linux consiste nel fatto che è stato pensato per i sistemisti (nelle varie distribuzioni troviamo 10 editors di testo) e non per l'utente. Questi strumenti RAD permetteranno di sviluppare più velocemente soluzioni per l'utente finale.
          • Anonimo scrive:
            Re: eliminiamo l'open source
            - Scritto da: Antibufala



            preferisci batterti contro i
            fanatici



            religiosi piuttosto che contro buoni


            tecnici



            ben pagati, vero?





            Assolutamente no. Ma come ben sai,


            introdurrà tutte le problematiche
            contro cui ti batti tu oggi. questa è la TUA visione, e quindi non attribuirmela, per favore.Tra le aziende che hanno trovato un canale di sviluppo nell'Open Source non c'è Microsoft, e questo dà fastidio ai suoi fans, che ne vedono (giustamente) un punto debole.Il motivo per cui non c'è un tale interesse, da parte del MONOPOLISTA microsoft è da leggersi nel fattoche M$ si è sempre sottratta a un'EQUA competizione, fondando le sue fortune sulla padronanza monopolistica dei suoi sistemi.L'esempio di Internet è illuminante: dopo 10 anni di WEB, M$ ha deciso di entrare in competizione su Internet, fondandosi sulla sua posizione di monopolio sui desktop. Le altre aziende, penalizzate dal monopolio instaurato da microsoft, hanno potuto solo prendere le briciole.E ora, quando sorge una potente alternativa al colosso monopolista, ecco ce un win-maniac ci fa la predica e ci dice che nulla cambierà, che le aziende che hanno dato caburante a LINUX ne diventeranno padroni.Io rispondo: col cavolo!Come Internet (basata su tecnologia aperta) non è stata (ancora) fagocitata da nessuno, (nonostante le manovre monopolistice di Zio Bill, il migliore in questo genere di "imprese"), neanche gli altri mondi APERTI saranno in pericolo.E queste è dovuto alla naura APERTA del software e delle infrasrutture, che non dipendono da nessun MONOPOLISTA.Quindi i suddetti win-maniac possono acquietarsi: LINUX non diventerà mai un feudo di IBM, o di HP, o di chicchessia, perché è simile all'acqua: più tenti di stringerla nella mano e pù ti sfugge.Esattamente il contrario che avviene con tcnologia proprietaria e chiusa (nonché sotto monopolio di fatto) come il mondo windows (o apple).



            con le premesse del codice sempre e solo

            chiuso si (ed ecco il disastro
            monopolistico

            M$)

            Ti faccio notare che codice chiuso lo trovi
            anche da SUN, IBM, Oracle e tutte le società
            commerciali. Prima di parlare apri gli
            occhi.infatti mi riperisco al codice Open Source che queste aziende stanno supportando. Apri le orecchie, prima di sbraitare

            io mi batto per liberare risorse, per non

            dover essese schiavo di UNA sola azienda,
            ma

            per usufruire di + offerte, che in questo

            regime non esiste.

            Sei schiavo ? si. DEVO mangiare cibo per arrivare a domani.Come pure DEVO usare un sistema operativo per sfruttare il mio PC.Cerco di ridurre le mie schiavitù al minimo indispensabile: ad esempio uso sistemi non MONOPOLIZZATI.Tu queste schiavitù non le hai?
            Attualmente le offerte sono
            innumerevoli e la libertà di scelta è
            assoluta. nel mercato desktop no. Nessuno ti ha detto la novita? Microsoft è stata riconosciuta godere di un MONOPOLIO di FATTO. Ciò attesta che nel mercato desktop PC non c'è reale concorrenza, a causa delle simpatiche manovre di M$ per escludere i competitori.Continua a illuderti di vivere in un mercato desktop PC libero.
            Probabilmente sei tu ad avere
            problemi nel proporre alternative al
            mercato.Posso rispondere in due modi a questa tua oltraggiosa affermazione:Se io fossi un operatore nel mercato desktop PC mi dovrei sentire oltraggiato perchè oltre ad essere DANNEGGIATO dal MONOPOLIO, ora c'è un "dipendente" di questo monopolio che deride le mie difficoltà. Io ti disprezzerei per questa tua affermazione, paragonabile alla famosda frase di Maria Antonietta : "hanno fame? Dategli le brioches!"Come CONSUMATORE mi sento DANNEGGIATOda QUALSIVOGLIA monopolio, perché riduce la possibilità che io possa accedere a PIU' prodotti e al PIU' basso prezzo. E ti disprezzerei perché difendi (deridendo i competitori del monopolio) una condizione di oppressione del mercato, dimostrando che ne sei parte (a meno che tu nn sia masochista)Quindi questo tuo commento fallo a chi lo merita, non certo a me.


            L'open source fornisce un'altra
            possibilità,

            temuta da chi non può approfittarne, come
            te

            Non lo temo minimamente, perchè dovrei. perché toglierebbe spazio al MONOPOLISTA, a te molto caro.
      • Anonimo scrive:
        Re: eliminiamo l'open source
        Che l'open source sia una forma d'economia diversa, è vero; che sia responsabile di licenziamenti di massa ( o mancate ssunzioni sempre di massa) vorrei dubitarlo.Certo la disponibilità di sw op.source, costringe ad un ripensamento sia dei bugdet, sia degli introiti; ma come dimostra l'IBM, Sun, HP, etc. queste 2 forme d'economia possono convivere.Come con l'introduzione degli mp3; l'esistenza di sw op. source, costringerà le sw house a profitti inferiori, così come l'mp3 (o org vorbis) vi porterà le case musicali (pagare 50000 un Cd musicale è ingiusto e il corrisposto è superiore a ciò che viene dato ).Il punto è un'altro: quanto si vuole guadagnare spennando i polli (già perchè pratica M$ e sw house affini, è di dare qualunque robaccia a prezzo alto, ma i furbi che vedono target M$ o affini pensano che è oro; salvo prendersela poi con gli hack/crack, insieme alla M$ perchè hanno dimostrato quel che è il sw acquistato).Perchè il discorso della M$ in questione, vuole spuntare un'arma che ha l'open source: M$ ha sempre ammesso che il modello open source è qualitativamente superiore al modello closed source (salvo dire che è impossibile per il capitalismo), cioè anche win* e robaccia simile, avrebbero da guadagnarci in forma open source (diventando o.s. migliori, se oggi di o.s. si può parlare dei win*).Una delle armi che ha l'open source (arma virtuale), è proprio quella di evidenziare come il modello (nonostante la differenza tra o.s.) sia superiore proprio nella sicurezza (non solo, ma è sicuramente l'aspetto che più risalta alla media).Ciò che propone M$ (ma attenzione buona parte dei bug-scopritori, se non la maggior parte scopritrice dei bug più importanti ed insidiosi, è attivo in ambito open source) é: statevene zitti, parlate solo quando è possibile parare il colpo, io ci guadagno, magari anche voi. Far passare una tesi del genere equivarrebbe ad rendere scoperto ai bug i soli o.s. open source (e magari gli altri UNIX) sicuramente coperto win* che si vedrebbe così paragonato (orrore) virtualmente agli UNIX (virtualmente perchè i bug ci sarebbero, ma rivelati quando non possono più nuocere).Il risultato sarebbe che chi non volesse aderire all'iniziativa, gentilmente proposta, potrebbe compromettere i sistemi, come vuole, senza che il cliente possa porvi rimedio: neanche sostituendo l'o.s. o il software (non lo sa!). E' qui che M$ avrebbe da guadagnarci, spuntando un'arma degli UNIX, ma soprattutto di Linux, che visto il fatto di essere il più user-friendly tra gli UNIX è il vero concorrente win*.Siccome poi la maggior parte di bug-scopritori, sono open source, questa mi sembra una velata minaccia rivolta a loro.Chi ha dato inizio all'open source, non erano gente utopistica, sognatrice, ma quelli che oggi sono emeriti professori ed insegnano in numerosi istituti univ. come il M.I.T.Che alcuni esponenti lavorino anche per società, generalmente, su progetti open source (magari gli stessi di prima dell'assunzione, non mi sembra un dramma; l'arrivo di fondi su un progetto open source (purchè non sia eccessivamente pilotato) è un'ottima cosa; che poi significhi migliori guadagni per il programmatore, sarei contento per lui!All'open source, quindi, va dato l'invito a stare attenti, ogni proclama di casa M$, ultimamente tende a combattere l'associazione, magari anche con mezzi illegali: come la richiesta avanzata ai legislatori USA di proibire o limitare l'uso a livello commerciale di o.s. open source e relativo sw.
      • Anonimo scrive:
        Re: eliminiamo l'open source
        Che l'open source sia una forma d'economia diversa, è vero; che sia responsabile di licenziamenti di massa ( o mancate ssunzioni sempre di massa) vorrei dubitarlo.Certo la disponibilità di sw op.source, costringe ad un ripensamento sia dei bugdet, sia degli introiti; ma come dimostra l'IBM, Sun, HP, etc. queste 2 forme d'economia possono convivere.Come con l'introduzione degli mp3; l'esistenza di sw op. source, costringerà le sw house a profitti inferiori, così come l'mp3 (o org vorbis) vi porterà le case musicali (pagare 50000 un Cd musicale è ingiusto e il corrisposto è superiore a ciò che viene dato ).Il punto è un'altro: quanto si vuole guadagnare spennando i polli (già perchè pratica M$ e sw house affini, è di dare qualunque robaccia a prezzo alto, ma i furbi che vedono target M$ o affini pensano che è oro; salvo prendersela poi con gli hack/crack, insieme alla M$ perchè hanno dimostrato quel che è il sw acquistato).Perchè il discorso della M$ in questione, vuole spuntare un'arma che ha l'open source: M$ ha sempre ammesso che il modello open source è qualitativamente superiore al modello closed source (salvo dire che è impossibile per il capitalismo), cioè anche win* e robaccia simile, avrebbero da guadagnarci in forma open source (diventando o.s. migliori, se oggi di o.s. si può parlare dei win*).Una delle armi che ha l'open source (arma virtuale), è proprio quella di evidenziare come il modello (nonostante la differenza tra o.s.) sia superiore proprio nella sicurezza (non solo, ma è sicuramente l'aspetto che più risalta alla media).Ciò che propone M$ (ma attenzione buona parte dei bug-scopritori, se non la maggior parte scopritrice dei bug più importanti ed insidiosi, è attivo in ambito open source) é: statevene zitti, parlate solo quando è possibile parare il colpo, io ci guadagno, magari anche voi. Far passare una tesi del genere equivarrebbe ad rendere scoperto ai bug i soli o.s. open source (e magari gli altri UNIX) sicuramente coperto win* che si vedrebbe così paragonato (orrore) virtualmente agli UNIX (virtualmente perchè i bug ci sarebbero, ma rivelati quando non possono più nuocere).Il risultato sarebbe che chi non volesse aderire all'iniziativa, gentilmente proposta, potrebbe compromettere i sistemi, come vuole, senza che il cliente possa porvi rimedio: neanche sostituendo l'o.s. o il software (non lo sa!). E' qui che M$ avrebbe da guadagnarci, spuntando un'arma degli UNIX, ma soprattutto di Linux, che visto il fatto di essere il più user-friendly tra gli UNIX è il vero concorrente win*.Siccome poi la maggior parte di bug-scopritori, sono open source, questa mi sembra una velata minaccia rivolta a loro.Chi ha dato inizio all'open source, non erano gente utopistica, sognatrice, ma quelli che oggi sono emeriti professori ed insegnano in numerosi istituti univ. come il M.I.T.Che alcuni esponenti lavorino anche per società, generalmente, su progetti open source (magari gli stessi di prima dell'assunzione, non mi sembra un dramma; l'arrivo di fondi su un progetto open source (purchè non sia eccessivamente pilotato) è un'ottima cosa; che poi significhi migliori guadagni per il programmatore, sarei contento per lui!E comunque, lavorando come sistemista, non mi è sembrato che vi fosse una corsa al "assumi & licenzia"; se sei capace le società tendono ad averti; anzi anche davanti ad argomenti poco conosciuti, tendevano a far passare al cliente una conoscenza sup. Ma certamente vogliono conoscere le tue capacità; ed il fatto che sia disponibile sw open source, rende possibile a chi ha capacità e voglia di imparare UNIX e sw generico di alto livello, e quando vuole se programmatore, anche ad modificare il sw, magari entrando a far parte del team di sviluppo: cosa che le società notano con piacere.All'open source, quindi, va dato l'invito a stare attenti, ogni proclama di casa M$, ultimamente tende a combattere l'associazione, magari anche con mezzi illegali: come la richiesta avanzata ai legislatori USA di proibire o limitare l'uso a livello commerciale di o.s. open source e relativo sw.
      • Anonimo scrive:
        Re: eliminiamo l'open source
        - Scritto da: bastaopenvogliamoisoldi

        e perche no. l`open source sta trasformando
        il mestiere dell'informatico in un opera pia
        e i programmatori in monaci trappisti e
        questo per merito due o tre programmatori
        flesciati dall'lsd negli anni 70.Saranno anche stati Flashati, ma se ti danno merda da flashati, pensa come sei ridotto!Tutti questi flashati hanno aperto le porte al mondo in centinaia di settori, comunque... e lo hanno fatto in grande libertà e spensieratezza ... perché avevano le palle per farlo.Non sei all'altezza?Dedicati ad un altro mestiere in cui non sudi sette camice per tirare fuori una routine e poi dedicati a del sano word-napster-web per passare il tempo, se ti senti "portato per l'informatica".Come faccio io! :-)
        Io come altri non intendiamo regalare niente
        a nessuno, vogliamo essere pagati per il
        nostro lavoro e per le nostre conoscenze
        (un dipendente programmatore prende meno di
        un metalmeccanico).Non credo proprio.Ho almeno 10 conoscenti che girano in BMW pagata in 1 anno, hanno una casa bella grossa e sono SODDISFATTI DEL PROPRIO LAVORO.1 solo di questi è ingegnere informatico.Sono pazzi? Hanno venduto il deretano?Sei forse invidioso perchè VORRESTI essere in grado e ti sei venduto come tale, ma alla fine non batti chiodo con il mestiere che avresti voluto?Rassegnati.Come tanti altri che sono laureati e fanno i cassieri, gli operai ecc.Si prende lavoro dove c'è bisogno.Non mi creerai bisogno del tuo programma se me lo so FARE.
        Rivogliamo l'era d'oro della programmazione
        quando i programmatori potevano permettersi
        una macchina e una casa dignitosa, non un
        appartamento condiviso in 5 a milano e un
        motorino condiviso con un marocchino.Hai detto bene, era d'oro.Erano tempi fortunati.Ma non sono stati tempi "giusti".Programmare mediocremente (come ormai molti sanno fare) è da "operai dell'informatica" e come tali non possono essere considerati "GURU".I guru, invece si vedono. Splendono di luce propria.E ringraziali, se ne lasciano un po' in giro per qualche sito.Tanti sviluppatori "a pagamento" scopiazzano da quello che viene fatto in versione free! Questo mi dimostra qualcosa.
        Quando vedo il proliferare di siti che a
        gratis forniscono progr. e informazioni
        gratuite mi sale il sangue alla testa, siete
        voi che state trasformando centinaia di
        incompetenti in progr della domenica, che
        per la legge della domanda e dell'offerta
        fanno decrescere sempre più i nostri
        stipendi.Prima li definisci programmatori della domenica e poi mi dici che ti fanno concorrenza.La domanda parla anche di competenze, non solo di denaro.I veri programmatori pensano, progettano, gestiscono, dirigono altri programmatori che non ci arrivano da soli.ecc ecc.INVENTANO.E non hanno necessità di nascondersi dietro ad un CopyRight.Il lavoro per la gente che ha valore, c'è sempre.Altrimenti ci si arrabatta come manodopera.Io sono un mediocre e me ne sono reso conto. Mi credevo di essere figo, proprio come te.E quelli come te si vogliono nascondere dietro regole ... ecc. E magari imporre al mondo di non arrangiarsi a farsi le cose ... (come gli elettricisti e i cambi di lampadine) e di non spiegare a tutti come si fa.Se vali, si vedrò, altrimenti ti amalgamerai al resto della manodopera.A questo punto, se sei sottopagato, lo saresti anche se fossi un impiegato in banca allo sportello.
        mi dispiace per chi promuove e ama l`open
        source,non mi pare.
        ma guardate cosa fanno i migliori
        rappresentanti della vostra religione, alla
        fine si vendono per centinaia di milioni
        alle varie sun, ibm, ms ecc..Questo significa che ci si può guadagnare, se si sa lavorare.Persino regalando conoscenza estrema al mondo GRATUITAMENTE.
      • Anonimo scrive:
        Re: eliminiamo il MONOPOLIO, prima
        - Scritto da: bastaopenvogliamoisoldi


        mi dispiace per chi promuove e ama l`open
        source, ma guardate cosa fanno i migliori
        rappresentanti della vostra religione, alla
        fine si vendono per centinaia di milioni
        alle varie sun, ibm, ms ecc..questa per i tipi innamorati dei soldi come te sarebbe un'ottima sistemazione, e quindi non essere incoerente.Che l'Open source non sia una religione lo dimostra proprio il fatto che queste persone vengono assunte da aziende "chave" del sistema ICT.I guasti che suggerisci si devono solo alla presenza di un MONOPOLIO nel mercato, come quello M$.
      • Anonimo scrive:
        Re: eliminiamo l'open source
        - Scritto da: bastaopenvogliamoisoldi
        e perche no. l`open source sta trasformando
        il mestiere dell'informatico in un opera pia
        e i programmatori in monaci trappisti e
        questo per merito due o tre programmatori
        flesciati dall'lsd negli anni 70.Come al solito c'e` qualcuno (tu in questo caso) che non vuole capire.Tutto l'intervento dell'esperto di sicurezza MS *NON* aveva *NULLA* a che fare con l'Open Source Software, bensi` con due concezioni diverse della sicurezza.Punto.L'esperto MS propugnava il concetto di "Security by obscurity", tutto il resto del mondo informatico da *DECENNI* si e` reso conto che questa politica sulla sicurezza e` inadeguata e destinata a fallire.Punto.Dove si collochi in questo scenario l'Open Source Software non lo so, ce lo vedi solamente tu.Alla faccia delle convinzioni che sono i paladini dell'OSS ad essere fanatici.Questo solo per riportare il discorso nel suo alveo naturale.
  • Anonimo scrive:
    Decisamente non ci siamo
    Questo fantomatico esperto di sicurezza sembra non voler ricordare che "security by obscurity" si e` dimostrato da anni un concetto inadeguato.Delle due l'una: o non lo sa, ed allora *NON* e` un esperto di sicurezza ma un esperto di pubbliche relazioni della MS, oppure lo sa ma preferisce sorvolare, ed allora il suo intervento e` malizioso e capzioso.Scegliete pure voi, in ogni caso la sua opinione non vale un soldo bucato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Decisamente non ci siamo
      tempo che non sapremmo mai se e scemo o malintenzionato...come non sapremo mai qual'e il MALE minore tra queste due alternative...ormai tutti scelgono il male minore...non il bene...- Scritto da: villo
      Questo fantomatico esperto di sicurezza
      sembra non voler ricordare che "security by
      obscurity" si e` dimostrato da anni un
      concetto inadeguato.
      Delle due l'una: o non lo sa, ed allora
      *NON* e` un esperto di sicurezza ma un
      esperto di pubbliche relazioni della MS,
      oppure lo sa ma preferisce sorvolare, ed
      allora il suo intervento e` malizioso e
      capzioso.
      Scegliete pure voi, in ogni caso la sua
      opinione non vale un soldo bucato.
  • Anonimo scrive:
    Bug o Feature?
    Nell'articolo di MS si arriva ad affermare che i bug sono inevitabili in quanto i Sistemi Operativi sono quanto di più complesso abbia mai realizzato l'Uomo!A parte che seguendo questo ragionamento gli Shuttle dovrebbero essere infinitamente meno complessi di Windows 95 (visto che ne è esploso solo uno), ma sostenere che i bug sono parte integrante del software è una affermazione che sfiora il ridicolo!Insomma: il bug stesso diventa una feature?Cari utenti, non è possibile avere software funzionante che sia anche complesso; ma non preoccupatevi: non lamentatevi e Microsoft provvederà a fornirvi le patch necessarie.A spese sue?No. A spese vostre.
  • Anonimo scrive:
    proclami politici
    di tanto in tanto MS tira fuori un qualche proclama politico a seconda del punto su cui intende attaccare o difendersi al momento.come quando qualche mese fa era necessario attaccare il movimento opensource, altre volte la pirateria, altre ancora la privacy...al momento sono sotto pressione per gli scandali dei numerosi worm che hanno devastato la credibilita' in quanto a sicurezza di diversi prodotti microsoft, sia server che desktop.e quindi eccoti l'ennesimo proclama politico per screditare in maniera astuta chi dimostra le fatiscenze di architetture software non proprio esemplari.adesso arriveranno i soliti servi ingenui a difendere (chissa' poi perche') anche questo intervento politico (come gli altri preparato ad hoc da esperti di comunicazione al soldo di MS)
  • Anonimo scrive:
    ...vi sta dando dei c0gl1on1?
    "La principale responsabilità di un produttore - sostiene Pulp - è quella verso i propri clienti e non verso una comunità di esperti auto-definita."embè? e gli comprate ancora qualcosa a uno che vi dice così? Però i soldi da voi li prende, salvo poi sfottervi. Meditate meditate....
  • Anonimo scrive:
    non si sopportano piu'
    passero' a linux che peraltro ho gia' installato.. non l'ho mai fatto completamente per pigrizia, devo ammetterlo...inoltre non ho mai preso virus perche' sono un utente abbastanza attento alle problematiche di sicurezza...ma non li sopporto piu'....la licenza incollata sul case del computer, le politiche di monopolio, la loro arroganza, incompetenza, boria burocratica...non li sopporto piu'...passero' a linux e dato che ho 'avviato' al computer e a internet decine di persone in vita mia faro' quanto potro' per farle passare a linux (sempre che sia possibile in termini di praticita' per l'utente)...dovro' fare qualche sacrificio e tapparmi il naso per altre schifezze (il tentativo di trasformare linux in qualcosa che non e' e non deve essere) ma almeno quando sentiro' certe boiate mi incavolero' un po' di meno...penoso comunque il discorso sull'autocensura..mi sembra un po' interessato ma soprattutto campato in aria.. i danni che possono venire dalla non conoscenza possono essere anche maggiori...pochi esempi... i numerosi buchi di sicurezza dei client di posta della microsoft mettono in evidenza la crisi di un tipo di client che va' ripensato... non e' possibile ricevere una mail e non averne il controllo... cosi' come gli attacchi denial of service mettono in luce pecche infrastrutturali della rete che vanno discusse e approfondite... altro che autocensura... critica.. forte critica... chi vuole integrare browser e sistema operativo pensando alla sicurezza come una patch continua e' un folle.. non puo' poi pretendere che una intera comunita' si faccia carico delle sue responsabilita'...non si sopportano piu'..
    • Anonimo scrive:
      Re: non si sopportano piu'
      all'inizio puo sembrare un po diverso...ma se hai un po di atteggiamento mentale verso l'informatica, in un paio di giorni sei a posto...e fra qualche mese...dai qualche occhiatta anche ai Free o OpenBSD...
      passero' a linux
      • Anonimo scrive:
        Re: non si sopportano piu'
        - Scritto da: blah
        all'inizio puo sembrare un po diverso...ma
        se hai un po di atteggiamento mentale verso
        l'informatica, in un paio di giorni sei a
        posto...
        e fra qualche mese...dai qualche occhiatta
        anche ai Free o OpenBSD...grazie dell'incoraggiamento ma non ti preoccupare, uso linux da anni :).. il problema e' passare integralmente... due anni fa' ho dovuto rinuciare per via del masterizzatore e della scheda isdn..oggi so che stiamo molto meglio a driver e supporto periferiche, inoltre ho un po' di tempo in piu'...quindi

        passero' a linux integralmente... il mio problema e' che voglio proprio disinstallare windows definitivamente... e data la larghissima diffusione che ha e' virtualmente impossibile... o meglio bisogna fare qualche rinunica... ma come ho gia' detto, non li sopporto piu'..ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: non si sopportano piu'
          i giochi (e qualche altro programma SCRITTO A CAZZO) in emulazione sotto linux non sono tanto divertenti...;-0)quindi rinunciare a windows e impossibile...poi comunque, UTILIZZARLO IL MENO POSSBILE...SIII...
          integralmente... il mio problema e' che
          voglio proprio disinstallare windows
          definitivamente... e data la larghissima
          diffusione che ha e' virtualmente
          impossibile... o meglio bisogna fare qualche
          rinunica...
          ma come ho gia' detto, non li sopporto piu'..io ho cominciato a svilluppare anticorpi gia da un pezzo...hihhih
  • Anonimo scrive:
    Pulp SUX !!
    Mo voglio vedere cosa gli risponde Guninski ;)
  • Anonimo scrive:
    La sicurezza deve essere nel progetto
    Sì, sarebbe tutto corretto, se non fosse per il fatto che un conto è sviluppare del software con un occhio attento alla sicurezza, e un conto ben diverso è 'non' progettare dei colabrodi. E' vero che molti degli 'esperti di sicurezza' si divertono a stigmatizzare le problematiche altrui per poi proporre i propri prodotti o i propri servizi, ma è anche vero che (s)parlare delle insicurezze dei prodotti MS è come sparare sulla Croce Rossa.Come tale, il discorso di MS arriva 'troppo' a ridosso di due episodi imbarazzanti per la sicurezza dei loro prodotti (Code Red e Nimda) da non poter non essere considerato come un tentativo di scaricare su altri le proprie responsabilità.Sarebbe da mettere in conto anche il fatto che molti dei server bucati sono gestiti da incompetenti convinti dal marketing che la gestione di un server Nt fosse facilissima, e in questo la MS ha grosse responsabilità. Solo pochi mesi fa la Home Page del sito italiano di MS scriveva a grosse lettere "Niente può fermare windows 2000, il sistema operativo più potente e sicuro." e nella colonna accanto: "Windows 2000 security patch". Direi che siamo a dir poco nel ridicolo.Se i clienti non applicano le patch, FORSE dopo questi episodi una dose consistente di polli inizierà a seguire la manutenzione dei propri server con maggiore assiduità, e la situazione migliorerà. A questo punto non so cosa abbia provocato i maggiori benefici, se il comportamento di MS o quello dei worm. Non che questo sia un merito per chi ha scritto i worm, semmai è un demerito per MS.
    • Anonimo scrive:
      Re: La sicurezza deve essere nel progetto
      Aggiungo alcune osservazioni.Trattare problematiche della sicurezza con soluzioni out of the box (l'esempio dell'aspirina e del mal di testa) e' quantomeno pericoloso.Intanto, vuol dire NON diffondere una cultura della sicurezza e delle sue, sottolineo, pratiche. Vuol dire che si vuole preferire che l'utenza si comporti come il paziente che va dal medico per chiedere la pilloletta, senza alcuna cognizione di causa. Insomma, "vieni da mamma Microsoft che ti do la pilloletta che risolvera' i tuoi problemi"; una spinta a non avere competenze e a comportarsi sempre piu' passivamente nei confronti del software: situazione che farebbe molto comodo a Microsoft.Poi, le soluzioni out of the box hanno il difetto di far sentire il cliente al sicuro in ogni situazione, quando in realta' non lo e'. Ricordo come anni avevo sentito parlare di come l'installazione di un firewall potesse spingere l'utente a non preoccuparsi piu' di eventuali tentativi di accesso e quindi a non monitorare il firewall. La conseguezza era che chi veniva bucato se ne accorgeva solo dopo tanto tempo, con tutte le conseguenze che questa situazione comportava.A questo si aggiunge che, da come si puo' dedurre dalle dichiarazioni di tale manager della sicurezza, Microsoft ha qualche deficenza nella capacita' di comunicare ai in propri clienti informazioni sulle problematiche di sicureza. Se esce una patch e questa contiene importanti aggiornamenti sulla sicurezza e l'utenza la ignora, e' evidente che qualcosa non va. O Microsoft non fa abbastanza per comunicare l'importanza di tali aggiornamenti, o l'utenza e' poco recettiva e necessita (ma, dopo quello che e' successo di recente, sarebbe meglio dire necessitava) di qualche campagna di sensibilizzazione.
  • Anonimo scrive:
    un programma non è sicuro ....
    se non sono conosciuti i suoi bachi.... MA SE NON CE NE SONO o se ce ne sono pochi perche fatto bene e rimane aggiornato !!!!
  • Anonimo scrive:
    BLA BLA BLA BLA
    for (int i=1;i
Chiudi i commenti