Office 2016, ora anche su Mac OS X

La nuova versione della nota suite di produttività arriva anche sui sistemi della Mela, con una versione preview che anticipa le novità ed è destinata a scadere entro poche settimane

Roma – A un paio di mesi dall’annuncio dell’arrivo di Office 2016 per PC (Windows e non), Microsoft ha ora distribuito una preview di quello che sarà il pacchetto Office 2016 su sistemi Mac OS X (da Yosemite in poi). Promesse funzionalità e un’interfaccia alla pari con la versione Windows, e una stretta integrazione con le piattaforme cloud di Microsoft.

Office 2016 è dunque un prodotto destinato ad aggiornare la suite di produttività che, nel caso dei Mac, era ancora fermo alla versione 2011: in realtà Microsoft ha recentemente distribuito versioni aggiornate di OneNote e Outlook, e ora con il pacchetto Office completo arrivano le nuove incarnazioni di World, Excel e PowerPoint.

Con Office 2016 per OS X la corporation di Redmond si prefigge l’obiettivo di fornire agli utenti della Mela una suite che non sfiguri rispetto alla sua controparte per Windows, con un’interfaccia rinnovata e una UI in stile Ribbon più simile a quella della versione per OS a finestre/piastrelle. Anche le scorciatoie da tastiera ricalcano ora quelle utilizzate dagli utenti Windows.

Non mancano ovviamente le ottimizzazioni specifiche per OS X, come il pieno supporto agli schermi Retina, una modalità a pieno schermo, applicativi che girano in sandbox e altro ancora. Il focus “cloud-centrico” di Microsoft colpisce anche su Mac e Office 2016 prevede l’accesso con credenziali in grado di sincronizzare il lavoro sui documenti compiuto su piattaforme e dispositivi diversi, una più stretta integrazione con lo storage remoto di OneDrive e Office 365.

La preview di Office 2016 per OS X è gratuita ma ha la data di scadenza incorporata fissata a 60 giorni, mentre Microsoft promette di aggiornare costantemente il software con novità e nuovo codice appena sfornato. Il debutto di Office 2016 per Mac è previsto per l’estate, e gli utenti di Office 365 avranno accesso immediato alle nuove applicazioni. E chi invece non fosse interessato alle suite ad abbonamento? Nessuna notizia al riguardo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    E noi siamo contenti!
    E con manifesta soddisfazione accogliamo questa sentenza!Un altro piccolo passo nella direzione di emilinare gli abusi che la casta parassita commette per sfruttare le leggi a proprio beneficio.
    • Guybrush scrive:
      Re: E noi siamo contenti!
      - Scritto da: panda rossa
      E con manifesta soddisfazione accogliamo questa
      sentenza!
      Un altro piccolo passo nella direzione di
      emilinare gli abusi che la casta parassita
      commette per sfruttare le leggi a proprio
      beneficio.Purtroppo, caro PR, non funziona così. Straight Pride (Orgoglio Etero, se così si può dire) è una associazione di... boh? Gente? Che, al pari del "Gregge Virtuoso" (cit: Porky's 2) tentava di bloccare la messa in scena di alcuni "brani famosi" di William Shakespeare, definendoli "Pornografia".Quando una Lobby si fa scrivere una legge ad hoc, lo fa con tutti i crismi... incluso pagare un law writer sufficientemente abile.E' comunque cosa buona e giusta che se c'è una legge, questa sia fatta rispettare a tutti.GT
      • mondo cane scrive:
        Re: E noi siamo contenti!
        - Scritto da: Guybrush
        Quando una Lobby si fa scrivere una legge ad hoc,
        lo fa con tutti i crismi... incluso pagare un law
        writer sufficientemente
        abile.Da noi si chiamano "ghost writer" e i nostri sono diciamo "particolarmente talentuosi" e le condizioni in cui versa la nostra giustizia (no solo a causa loro ma anche a causa loro) sono più che esplicative.
    • mondo cane scrive:
      Re: E noi siamo contenti!
      caspita credevo che fosse "viva e vibrante". :D
Chiudi i commenti