Portogallo: isolate quella Baia

I rappresentanti dell'industria del noleggio cinematografico contro The Pirate Bay. Ogni anno 15 milioni di download devasterebbero il settore. Agli ISP chiesto un blocco generale degli accessi

Roma – A muoversi è stata l’ Associação do Comércio Audiovisual de Portugal (ACAPOR), ovvero l’organizzazione che in Portogallo rappresenta gli interessi delle principali società specializzate nel noleggio dei film.

Insieme al ministero locale della Cultura, ACAPOR ha recentemente ufficializzato l’avvio di un’azione legale nei confronti della Baia più famosa del P2P. The Pirate Bay agevolerebbe ogni anno il completamento di 15 milioni di download illeciti .

Un danno enorme per l’intera industria del cinema a noleggio, che andrebbe così limitato attraverso il blocco generale del torrentismo . I legali di ACAPOR hanno infatti chiesto ai vari provider locali di chiudere qualsiasi accesso a disposizione dei pirati della Baia .

Un vero e proprio blocco nazionale, che dovrebbe estromettere dal web anche il sito Piratatuga.net , che ospita attualmente svariati link ad altrettanto svariate tipologie di contenuti audiovideo.

Secondo ACAPOR, Piratatuga.net avrebbe lo stesso impatto devastante di The Pirate Bay, dal momento che ha finora attirato almeno 50mila utenti al giorno . L’organizzazione ha chiesto che i proprietari del sito vengano identificati e processati.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • geppetto scrive:
    azienda che va bene
    novell è un'azienda che va bene, fa profitto, vende molto bene nel mondo business, fa degli ottimi server.. diversi fra i più grandi supercomputer utilizzano suse come sistema operativo (nessuno ubuntu...).. quindi a chi scrive che sta fallendo dico che non è così.. sta vendendo, non fallendo.. Mandriva stava fallendo, Canonical sta fallendo, non red hat o novell, le uniche due che hanno saputo fare business con linux.. Opensuse 11.3 è largamente la migliore distro linux mai realizzata, la installerebbe anche un bimbo e funziona bene... l'apporto di novell è stato determinante e dire che era meglio prima qunado se ne occupava la comunità è una cosa di una falsità quasi esilarante, visto che suse è stata closed fino 3 anni fa.. e le comunità sanno partorire solo progetti tutti uguali e tutti mediocri.. se non ci fossero red hat e novell, linux sarebbe ancora alle installazioni via shell... Detto questo, credo che vmware possa continuare in questo lavoro egregio
    • collione scrive:
      Re: azienda che va bene
      veramente al 90% i 200 milioni di dollari d'incasso sono legati ai coupon di microsoftin pratica il 90% dei guadagni di novell viene dai finanziamenti elargiti da Ballmeril perchè lo facciano è ovvio
    • anonimo scrive:
      Re: azienda che va bene
      - Scritto da: geppetto
      novell è un'azienda che va bene, fa profitto,
      vende molto bene nel mondo business, fa degli
      ottimi server.. diversi fra i più grandi
      supercomputer utilizzano suse come sistema
      operativo (nessuno ubuntu...).. quindi a chi
      scrive che sta fallendo dico che non è così.. sta
      vendendo, non fallendo.. Mandriva stava fallendo,
      Canonical sta fallendo, non red hat o novell, le
      uniche due che hanno saputo fare business con
      linux.. Opensuse 11.3 è largamente la migliore
      distro linux mai realizzata, la installerebbe
      anche un bimbo e funziona bene... l'apporto di
      novell è stato determinante e dire che era meglio
      prima qunado se ne occupava la comunità è una
      cosa di una falsità quasi esilarante, visto che
      suse è stata closed fino 3 anni fa.. e le
      comunità sanno partorire solo progetti tutti
      uguali e tutti mediocri.. se non ci fossero red
      hat e novell, linux sarebbe ancora alle
      installazioni via shell... Detto questo, credo
      che vmware possa continuare in questo lavoro
      egregioCanonical non sta fallendo, è in perdita, fallimento è un'altra cosa.
      • Francesco_Holy87 scrive:
        Re: azienda che va bene
        Bisogna essere lungimiranti, investire per riguadagnare in futuro.Assistenza, gadget, Ubuntu ONE, Ubuntu Music Store e tra poco anche software a pagamento nei repository man mano daranno a Canonical tutto ciò che ha speso e anche di più.
    • Thescare scrive:
      Re: azienda che va bene
      - Scritto da: geppetto
      e le comunità sanno partorire solo progetti tutti
      uguali e tutti mediocri.. Hai dimenticato di dire che non ci sono più le mezze stagioni e si stava meglio quando si stava peggio....
    • lol scrive:
      Re: azienda che va bene

      la comunità è una
      cosa di una falsità quasi esilarante, visto che
      suse è stata closed fino 3 anni fa.. e le
      comunità sanno partorire solo progetti tutti
      uguali e tutti mediocri.. se non ci fossero red
      hat e novell, linux sarebbe ancora alle
      installazioni via shell...Siamo seri per favore! il kernel che usi è fatto dalla comunità, Novell fa parte della comunità e anche l'utente.riguardo la shell, se sei un professionista non dovrebbe spaventarti ...anzi dovrebbe essere il tuo pane.
  • anonimo scrive:
    Addio SUN, Addio Novell
    La vedo dura per OpenOffice e l'open source in generale dopo Sun c'era Novell come maggiore contributore.
    • collione scrive:
      Re: Addio SUN, Addio Novell
      veramente redhat contribuisce più di sun e novell e google nemmeno scherzanovell ha fatto il patto col diavolo per rastrellare un pò di spiccioli, vendendosi pure l'anima e portandoci in famiglia quella bestia di monobeh se lo meritano il fallimento
      • anonimo scrive:
        Re: Addio SUN, Addio Novell
        - Scritto da: collione
        veramente redhat contribuisce più di sun e novell
        e google nemmeno
        scherza
        Sì ma non è che se c'è il primo allora gli altri non contano. Novell ha contribuito tantissimo all'open source, e se sparisce è una grave perdita. Così come la cessione di SUN a Oracle non è una bella cosa.Il patto col diavolo ha portato loro soldi, ma ha creato una cattiva immagine di Novell e di Suse che sino a quel momento era superiore a Ubuntu come facilità di installazione e utilizzo.Mono non è una bestia, ma è Free Software e fra l'altro ha convinto Microsoft a utilizzare licenze aperte e fornire anche quel patto di non aggressione di cui non ricordo il nome per quanto riguarda la parte dello stack di .NET che è stata standardizzata ECMA/ISO.Alla fine Java che sembrava meglio di Mono ha portato alla causa Oracle vs Google.Comunque so già come chi critica Mono la pensi, inutile discutere oltre, tanto si dicono sempre le stesse cose.
        • r1348 scrive:
          Re: Addio SUN, Addio Novell
          Se SUSE finisce a VMware, non dovrebbero esserci problemi, anche loro contribuiscono molto software open, soprattutto in ambito grafico (kms, ttm, gallium3d...). La stessa Tungsten è confluita in VMware, ed i suoi sviluppatori hanno continuato il loro lavoro.
        • Anti Mono scrive:
          Re: Addio SUN, Addio Novell

          Mono non è una bestia, ma è Free Software e fra
          l'altro ha convinto Microsoft a utilizzare
          licenze aperte e fornire anche quel patto di non
          aggressione di cui non ricordo il nome per quanto
          riguarda la parte dello stack di .NET che è stata
          standardizzata
          ECMA/ISO.
          Alla fine Java che sembrava meglio di Mono ha
          portato alla causa Oracle vs
          Google.
          Comunque so già come chi critica Mono la pensi,
          inutile discutere oltre, tanto si dicono sempre
          le stesse
          cose.Sì, è inutile: MONO è LA bestia.E Novell deve morire.
        • collione scrive:
          Re: Addio SUN, Addio Novell
          - Scritto da: anonimo
          Sì ma non è che se c'è il primo allora gli altri
          non contano. Novell ha contribuito tantissimo
          all'open source, e se sparisce è una grave
          perdita. Così come la cessione di SUN a Oracleovviamente non è una cosa buona, ma se opensuse finisce nelle mani di vmware tanto megliovmware usa linux per i suoi sistemi di virtualizzazione high-end ed è la società che sta dietro galliuminsomma tra vmware e novell credo che vmware sia più in sintonia con lo spirito dell'opensource

          Il patto col diavolo ha portato loro soldi, ma ha
          creato una cattiva immagine di Novell e di Suse
          che sino a quel momento era superiore a Ubuntu
          come facilità di installazione e
          utilizzo.
          infatti, suse era la miglior distribuzione prima che novell la comprassericordo quando ancora redhat si chiamava redhat e non esisteva fedora e c'era caldera e suse già allora era di una facilità incredibile rispetto alle altrenovell l'ha un pò mortificata quella distribuzione, infatti è da un bel pezzo che ad ogni release escono fuori bug vergognosi ( l'ultima release mi è crashato più volte durante l'installazione )
          Mono non è una bestia, ma è Free Software e fra
          l'altro ha convinto Microsoft a utilizzare
          licenze aperte e fornire anche quel patto di non
          aggressione di cui non ricordo il nome per quanto
          riguarda la parte dello stack di .NET che è stata
          standardizzata
          ECMA/ISO.beh sul fatto che mono sia free software posso citarti uno della microsoft su un caso simile http://arstechnica.com/microsoft/news/2010/09/microsoft-patent-infringing-android-isnt-really-free.arsse sei pieno di minacce di infrazione di brevetti che razza di open sei?riguardo .net, ms ha formalizzato le specifiche di c# ( che è al 100% implementabile e royalty free ) ma rimangono un bel pò di brevetti sul cli che è il cuore di .net, brevetti che non sono coperti nemmeno dalla community promise, per cui un domani ms potrebbe venire a battere cassa
          Alla fine Java che sembrava meglio di Mono ha
          portato alla causa Oracle vs
          Google.java aveva una situazione legale al limite dell'assurdo e mi meraviglia che la comunità ci si sia buttata a capofittoStallman però l'ha sempre detto che java non era open nè free e infatti lui ha spinto lo sviluppo di openjdk che è protetta da un contratto stipulato con Sun ( prevedere che java può essere implementato liberamente a patto che segua pari pari le specifiche )google non ha seguito le specifiche perchè dalvik è java così come babbo natale è buddista, però google non usa nemmeno il marchio java e quindi imho oracle non otterrà un tubo da questa querelle
          Comunque so già come chi critica Mono la pensi,
          inutile discutere oltre, tanto si dicono sempre
          le stesse
          cose.io non critico il software mono, io critico la posizione legale in cui versase de Icaza lanciasse un progetto di porting di mono a llvm, cioè c# e gli altri linguaggi .net ma su un backend llvm e quindi senza il runtime .net, allora sarei pienamente con luiusare il motore .net ( che è coperto da brevetti ) ti espone a futuri problemi legali e ms non è una società che fa beneficenza ed è famigerata per le pugnalate alle spalle che negli anni ha inflitto ad amici e nemicidel resto la storia di ms comincia quando Bill ruba letteralmente la gui da macos per farci windows
          • r1348 scrive:
            Re: Addio SUN, Addio Novell
            Credo che qualsiasi runtime .NET sia coperto dai brevetti Microsoft, che difatti "proteggono" la tecnologia, non l'implementazione.
          • collione scrive:
            Re: Addio SUN, Addio Novell
            infatti è cosìperò non ho capito perchè dici che proteggono la tecnologia e non l'implementazionequei brevetti di fatto ti impediscono di implementare liberamente .net, quindi la loro validità è ancora più esteso di un banale copyright che invece protegge solo le implementazioniriguardo la mia uscita su llvm, in quel caso non sarebbe più c# su .net, ma c# su llvm e quindi si bypasserebbe completamente .net non violando così nessun brevetto
          • Disinformat ico scrive:
            Re: Addio SUN, Addio Novell

            infatti, suse era la miglior distribuzione prima
            che novell la
            comprasse

            ricordo quando ancora redhat si chiamava redhat e
            non esisteva fedora e c'era caldera e suse già
            allora era di una facilità incredibile rispetto
            alle
            altre

            novell l'ha un pò mortificata quella
            distribuzione, infatti è da un bel pezzo che ad
            ogni release escono fuori bug vergognosi (
            l'ultima release mi è crashato più volte durante
            l'installazione
            )
            Bravo ! Suse era la migliore distribuzione desktop prima che Novell la comprasse, contribuiva allo sviluppo di KDE che era una interfaccia pulita e ad oggetti e si teneva stretta le QT con Trolltech. Era indipendente persino dalle GTK, la potevi anche compilare a mano con una manciata di dipendenze da programmi tipo GPG e roba simile, con il proprio code style e la propria filosofia di sviluppo. Poi è arrivata Novell che possiede Ximian (cioè un branco di XXXXXXsti), la quale ha spaccato tutto, il progetto di KDE è stato cestinato e sostituito con un accrocchio simil-Vista chiamato scherzosamente KDE4, dipendente da metà delle librerie Gnome, dai database e roba simile, i responsabili del progetto precedente di KDE se ne sono andati e Trolltech è stata comprata da Nokia.Ricordiamoci d'altra parte che il potere di SCO, di fatto è nato dai brevetti Unix rilasciati nel '95 con estrema lungimiranza da Novell, che ai tempi aveva preso un brutto colpo focalizzano la sua attenzione sulla gestione delle reti in Microsoft, prima ovviamente che lo squalo di nome Bill, decidesse di inserire i drives per IPC in Windows For Workgroup.Insomma questa, come è stata l'IBM dei bei tempi, è la classica azienda dove coesistono decine di visioni diverse altamente confusionare e contraddittorie. Se si divide c'è la speranza che riescano a mettersi d'accordo su qualcosa, sempre che non ricomincino a farsi causa da soli.
          • luisito scrive:
            Re: Addio SUN, Addio Novell
            - Scritto da: Disinformat ico
            Bravo ! Suse era la migliore distribuzione
            desktop prima che Novell la comprasse,
            contribuiva allo sviluppo di KDE che era una
            interfaccia pulita e ad oggetti e si teneva
            stretta le QT con Trolltech.


            Era indipendente persino dalle GTK, la potevi
            anche compilare a mano con una manciata di
            dipendenze da programmi tipo GPG e roba simile,
            con il proprio code style e la propria filosofia
            di sviluppo.Confermo!Cavolo, ricordo che mi ero convinto finalmente a passare linux dopo aver provato un SUSE Evaluation cd; mi era piaciuta talmente che avevo deciso di prendere la versione a pagamento con manualePoi è con l'arrivo di novell si è sparsa la voce di una possibile perdita di qualità della distribuzione così rimandai il passaggio in attesa di smentite...inutile dire che quelle voci erano fondate :(
            Se si divide c'è la speranza che riescano a
            mettersi d'accordo su qualcosa, sempre che non
            ricomincino a farsi causa da
            soli.Bah, chissà, dubito però che rivedremo la SUSE di un tempo
          • anonimo scrive:
            Re: Addio SUN, Addio Novell
            - Scritto da: Disinformat ico

            infatti, suse era la miglior distribuzione prima

            che novell la

            comprasse



            ricordo quando ancora redhat si chiamava redhat
            e

            non esisteva fedora e c'era caldera e suse già

            allora era di una facilità incredibile rispetto

            alle

            altre



            novell l'ha un pò mortificata quella

            distribuzione, infatti è da un bel pezzo che ad

            ogni release escono fuori bug vergognosi (

            l'ultima release mi è crashato più volte durante

            l'installazione

            )



            Bravo ! Suse era la migliore distribuzione
            desktop prima che Novell la comprasse,
            contribuiva allo sviluppo di KDE che era una
            interfaccia pulita e ad oggetti e si teneva
            stretta le QT con Trolltech.


            Era indipendente persino dalle GTK, la potevi
            anche compilare a mano con una manciata di
            dipendenze da programmi tipo GPG e roba simile,
            con il proprio code style e la propria filosofia
            di sviluppo.


            Poi è arrivata Novell che possiede Ximian (cioè
            un branco di XXXXXXsti), la quale ha spaccato
            tutto, il progetto di KDE è stato cestinato e
            sostituito con un accrocchio simil-Vista chiamato
            scherzosamente KDE4, dipendente da metà delle
            librerie Gnome, dai database e roba simile, i
            responsabili del progetto precedente di KDE se ne
            sono andati e Trolltech è stata comprata da
            Nokia.

            Ricordiamoci d'altra parte che il potere di SCO,
            di fatto è nato dai brevetti Unix rilasciati nel
            '95 con estrema lungimiranza da Novell, che ai
            tempi aveva preso un brutto colpo focalizzano la
            sua attenzione sulla gestione delle reti in
            Microsoft, prima ovviamente che lo squalo di nome
            Bill, decidesse di inserire i drives per IPC in
            Windows For
            Workgroup.

            Insomma questa, come è stata l'IBM dei bei tempi,
            è la classica azienda dove coesistono decine di
            visioni diverse altamente confusionare e
            contraddittorie.


            Se si divide c'è la speranza che riescano a
            mettersi d'accordo su qualcosa, sempre che non
            ricomincino a farsi causa da
            soli.Novell però ha cambiato la licenza di Yast rendendolo GPLHa creato OpenSuse, prima con la Suse tedesca potevi installare gratis la loro distro solo tramite FTP. C'era anche un modo per farsi un CD tramite FTP. Però mi sembra che Novell con OpenSuse abbia reso la vita più facile.Fra l'altro la vecchia Suse tedesca scriveva in una parte del sito che la versione FTP era identica a quella professional e da un'altra parte invece che avevano dei pacchetti diversi, però non diceva quali. Yast era un bel tool ma pesantissimo da caricare. Poi c'era gente che scriveva che era lento per via delle QT, in realtà era lento perché in fase di avvio caricava un mare di script.Concordo comunque che mischiando Ximian e tutto il resto alla fine ci si ritrovava un po' spaesati. Infatti sono passato a Ubuntu. Con Suse poi troppe volte non c'era l'rpm e dovevo compilare da me. Con Ubuntu è raro che ci sia bisogno di compilare.
          • collione scrive:
            Re: Addio SUN, Addio Novell
            tutto vero ma a che prezzo? instabilità continua?opensuse è per sled/sles quello che fedora è per rhel e cioè un banco di prova da sXXXXXre per provare le nuove tecnologie da incorporare nelle future versioni a pagamentoho modo di lavorare con sled ed è tutt'altra musica rispetto a opensusetanto per dirna una, la penultima release di opensuse andava in crash durante l'installazione, cose che su linux non vedevo da 10 anni
          • Disinformat ico scrive:
            Re: Addio SUN, Addio Novell

            Concordo comunque che mischiando Ximian e tutto
            il resto alla fine ci si ritrovava un po'
            spaesati. Infatti sono passato a Ubuntu.

            Con Suse poi troppe volte non c'era l'rpm e
            dovevo compilare da me. Con Ubuntu è raro che ci
            sia bisogno di
            compilare.Mah, io Suse (quella vera, non open) l'ho usata prima dell'acquisto di Novell, ed era un'ottima distribuzione, a mio parere però già allora le dipendenze dei pacchetti erano un po` pesanti (giusto a titolo d'esempio, se volevi installare mplayer ti caricava anche il lirc).Poi è nata Kubuntu e la prima volta che l'ho installata mi sono sentito a casa. A sistema funzionante mi ha installato GTK con GIMP e il layout era perfeettamente in linea con QT.Ho resistito 4 anni senza mettere nemmeno l'ORBIT con la mia suite completa e integrata, poi è arrivata la prima release attesa di KDE 4.0 messa su, due giorni per farla partire, bug con le schede Nvidia e andava a scatti. Per installare una stampante, nella vecchia versione c'era il gestore stampanti, attivavi, sceglievi la stampante, ti scaricava i drivers e andava ... lì ti mandava col browser direttamente sull'installazione di CUPS !!! Tolta subito e passato a Ubuntu con gravi conseguenze psicologiche.L'ultima volta che ho installato Kubuntu è stato l'anno scorso, per prova su un dual core 64, dopo che mi avevano detto che la KDE4.5 era "pronta". Dopo essere partita è crashato 10 volte akonadi, l'ho chiusa e non ho più voluto vederla.Ora dopo gli ultimi sviluppo di Ubuntu che sul mio sistema ha l'audio che fa schifo (pulseaudio) che non mi stampa alcuni PDF se non metto Acrobat e mi crasha il KERNEL guando apro Chromium e Virtualbox insieme (un buggettino), sono tornato a Xp per poter lavorare e col Cygwin mi sento un po` a casa.Se andiamo avanti così sarò costretto pure io a gettare tutto e comprare un iPAD ;).
        • poke 36879 virgola 27 scrive:
          Re: Addio SUN, Addio Novell

          Mono non è una bestia, ma è Free Software e fra
          l'altro ha convinto Microsoft a utilizzare
          licenze aperte....Da leggersi:...fra l'altro ha convinto M$ a dire a tutti che utilizza licenze aperte...
          Alla fine Java che sembrava meglio di Mono ha
          portato alla causa Oracle vs
          Google.Grazie al cielo sono pronte alternative OSS per Java nel caso succeda qualcosa all'originale...
    • barra78 scrive:
      Re: Addio SUN, Addio Novell
      Novell merita massimo rispetto ma è una di quelle aziende che non ha capito come sfruttare l'opensource per FARE SOLDI (da reinvestire nell'opensource per fare ALTRI soldi ecc)....RH in questo è la regina. Mono è geniale e continuerà a campare bene (se De Icaza e gli altri del progetto gnome guadagnano soldi a palate è perchè in Novell ENTRANO SOLDI A PALATE) e non soffrirà per la situazione in essere (Il ramo "ex-ximian" vale oro e lo riconoscono tutti, MS per prima).Non mi preoccupa il futuro dell'opensource, anzi sono certo che questo "scremarsi" non potrà che giovare al mondo dell'open. troppe distro per un mercato troppo piccolo.Scompare Mandriva (vedi la fuga di programmatori), scompare suse/opensuse, quelli che restano (Rh e Canonical) avranno più risorse....
      • Matteo scrive:
        Re: Addio SUN, Addio Novell
        - Scritto da: barra78
        Novell merita massimo rispetto ma è una di quelle
        aziende che non ha capito come sfruttare
        l'opensource per FARE SOLDI (da reinvestire
        nell'opensource per fare ALTRI soldi
        ecc)....

        RH in questo è la regina.

        Mono è geniale e continuerà a campare bene (se De
        Icaza e gli altri del progetto gnome guadagnano
        soldi a palate è perchè in Novell ENTRANO SOLDI A
        PALATE) e non soffrirà per la situazione in
        essere (Il ramo "ex-ximian" vale oro e lo
        riconoscono tutti, MS per
        prima).

        Non mi preoccupa il futuro dell'opensource, anzi
        sono certo che questo "scremarsi" non potrà che
        giovare al mondo dell'open.

        troppe distro per un mercato troppo piccolo.
        Scompare Mandriva (vedi la fuga di
        programmatori), scompare suse/opensuse, quelli
        che restano (Rh e Canonical) avranno più
        risorse....SUSE non scompare, la prende VMWare e (magari) la riporta ai fasti che furono. Benché abbia dei bug grossolani a volte, openSUSE per certi versi è una delle distribuzioni linux più avanzate a nostra disposizione.La sua totale scomparsa porterebbe solo male (soprattutto a KDE, visto che tra le big è l'unica ad averlo come DE di default)
        • barra78 scrive:
          Re: Addio SUN, Addio Novell
          Vedi il mio dubbio resta: VMWARE avrà voglia/tempo/interesse nel riportare opensuse ai vecchi fasti?e anche se fosse: è un'azienda più vicina a GTK, se mollano KDE o cmq lo supportano poco (come Canonical....)?
          • collione scrive:
            Re: Addio SUN, Addio Novell
            non penso che molleranno kde e qt visto il supporto che stanno avendo da parte di tutto il mondo del software proprietariooggi come oggi, software multipiattaforma è sinonimo di qtcerto vmware fornisce soluzioni di virtualizzazioni e a prima vista verrebbe da pensare "che c'azzecca vmware con una distribuzione per pc, workstation e server aziendali?"però potrebbe essere l'occasione per vmware di creare un pacchetto unico chiavi in mano per le azienderedhat del resto ha buttato a mare vmware e abbracciato kvm, segno che l'attuale tendenza è di creare prodotti integratisarà un caso ma oggi il settore IT si sta popolando di aziende che agiscono così, a partire da apple che storicamente ha sempre fornito pacchetti completi
Chiudi i commenti