USA, un'impresa su due licenzia per abuso di email

Il management contesta l'uso improprio delle risorse aziendali: siti porno, email personali, blogging. Si controlla il computer, si licenzia il dipendente

Roma – Utilizzare beni aziendali come fossero propri: questa, in sostanza, la colpa di moltissimi dipendenti. Che per tale ragione negli USA vengono spesso licenziati in tronco .

Lo ha rilevato una nuova indagine, svolta a più livelli dalla American Management Association (AMA) e dall’ Istituto ePolicy , che hanno passato al setaccio 304 diverse aziende . Una su due licenzia per “abusi” commessi al computer.

Se tra le ragioni di licenziamento l’indagine fa troneggiare quella dell’accesso ai siti porno, non sono da meno gli altri abusi di Internet . Tra questi figurano l’uso improprio della posta elettronica, il blogging che esula dalle policy aziendali tanto per collaboratori che per dirigenti , la presenza di file sospetti sul PC, il tempo in eccedenza trascorso digitando sulla tastiera e moltissimi altri parametri che, se da una parte possono stupire se addotti a ragione di licenziamento, dall’altra rientrano appieno negli elementi di valutazione concessi al management che dirige l’azienda e non sempre comunicati con chiarezza al personale.

D’altro canto, come ben sanno i lettori di Punto Informatico , le dinamiche normative che governano l’impiego delle risorse aziendali sono molto simili in tutto il mondo: l’errore in cui spesso cade il dipendente è quello di considerare un bene aziendale come personale, quando così non è .

Non v’è dubbio che sia illegittimo procedere a controlli al di là dei limiti della semplice ragionevolezza: non vi sarà autorità, salvo casi particolari, che consenta l’impiego di sistemi invasivi di controllo della persona . Ma gli strumenti di lavoro, come bene materiale, vengono sottoposti al normale controllo della resa, e gli strumenti informatici e telematici non fanno eccezione. Sottoporli a controllo non significa violare la privacy, ma semplicemente aggirarla declinando il controllo sugli apparecchi e non sulle persone che li utilizzano.

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sherpya scrive:
    ma pare python
    beh non sembra male ma con la folla di lunguaggi che c'e'...
  • Bill scrive:
    VB è il meglio
    Oh ragà dovresto iniziare a scrivere programmi in VB.NET e buttare nel cesso tutto il resto, avreste le performance migliori di C++ (tanto l'ho creato sempre io) e la semplicità di cough cough Java ma molto molto più potente...Poprio ieri ho creato un driver in VB.NET per attaccare la spina del televisore al mio PC un intel eternum da 2500000000 GHz con 150 Tera di RAM e 12 Milioni di GB di HD su cui ho appena montato Vista Basic e gira alla grande (il televisore)Il tuo Bill
    • quoto scrive:
      Re: VB è il meglio
      - Scritto da: Bill
      Oh ragà dovresto iniziare a scrivere programmi in
      VB.NET e buttare nel cesso tutto il resto,
      avreste le performance migliori di C++ (tanto
      l'ho creato sempre io) e la semplicità di cough
      cough Java ma molto molto più
      potente...
      Poprio ieri ho creato un driver in VB.NET per
      attaccare la spina del televisore al mio PC un
      intel eternum da 2500000000 GHz con 150 Tera di
      RAM e 12 Milioni di GB di HD su cui ho appena
      montato Vista Basic e gira alla grande (il
      televisore)

      Il tuo BillQuanto l'hai pagato?Ma si trova da mediaword o devo ordinarlo direttamente sul sito MS?Posso montarci kubuntu?
  • Anonimo scrive:
    Ma cosa ho studiato a fare Java e C?
    Questo e' facile come un linguaggio di scripting, anzi, di piu'. Completo come Java e performante come C...ci manca solo che interpreti gli appunti presi su un tovagliolino da cocktail!Corro a bruciare tutti i manuali che ho in casa e a costruire un altare per sto tizio!
  • Axel scrive:
    C++, Java e C# ???
    "e alle performance runtime di C++, Java e C#"che razzo c'entrano le performance runtime di C++ che è codice compilato nativamente per il processore su cui deve girare da quelle di Java e C# che invece usano macchine virtuali per eseguire il codice precompilato in ByteCode e MSIL ?????...voglio sperare che all'articolista sia solamente "scappata" per la fretta una frase del genere!
  • den2k scrive:
    D'accordo ma...
    ...non e' tanto il linguaggio che conta, di quelli ce ne possono essere migliaia, e' il codice che produce il compilatore che conta. Il linguaggio e' un po' come un editor, ognuno sceglie il proprio (e ci sono piu' editor che programmatori) ma e' il risultato che conta. Ognuno scrive il proprio linguaggio, se ad altri piace lo usano, altrimenti muore li! Per fortuna si e' ancora liberi di scegliere il proprio linguaggio!
    • Piccolo Principe scrive:
      Re: D'accordo ma...
      - Scritto da: den2k
      ...non e' tanto il linguaggio che conta, di
      quelli ce ne possono essere migliaia, e' il
      codice che produce il compilatore che conta. Il
      linguaggio e' un po' come un editor, ognuno
      sceglie il proprio (e ci sono piu' editor che
      programmatori) ma e' il risultato che conta.
      Ognuno scrive il proprio linguaggio, se ad altri
      piace lo usano, altrimenti muore li! Per fortuna
      si e' ancora liberi di scegliere il proprio
      linguaggio!Ma l'editor di un programma si può cambiare, il linguaggio no...
      • krane scrive:
        Re: D'accordo ma...
        - Scritto da: Piccolo Principe
        - Scritto da: den2k

        ...non e' tanto il linguaggio che conta, di

        quelli ce ne possono essere migliaia, e' il

        codice che produce il compilatore che conta. Il

        linguaggio e' un po' come un editor, ognuno

        sceglie il proprio (e ci sono piu' editor che

        programmatori) ma e' il risultato che conta.

        Ognuno scrive il proprio linguaggio, se ad altri

        piace lo usano, altrimenti muore li! Per fortuna

        si e' ancora liberi di scegliere il proprio

        linguaggio!

        Ma l'editor di un programma si può cambiare, il
        linguaggio
        no...Dipende se salva in un linguaggio proprietario o conosciuto.
        • di passaggio scrive:
          Re: D'accordo ma...
          vabè magari intendeva che da un certo punto lo cambi.Non che ti porti dietro tutti i progetti. Il codice è testo, quello l'avrai x sempre.
    • Fiamel scrive:
      Re: D'accordo ma...
      - Scritto da: den2k
      ...non e' tanto il linguaggio che conta, di
      quelli ce ne possono essere migliaia, e' il
      codice che produce il compilatore che conta. Il
      linguaggio e' un po' come un editor, ognuno
      sceglie il proprio (e ci sono piu' editor che
      programmatori) ma e' il risultato che conta.
      Ognuno scrive il proprio linguaggio, se ad altri
      piace lo usano, altrimenti muore li! Per fortuna
      si e' ancora liberi di scegliere il proprio
      linguaggio!Sono d'accordo solo in parte.É ovvio che un compilatore non dovrebbe mai usare due istruzioni laddove ne possa usare una sola, ma...Sto facendo dei test sulle prestazioni di due Application Servers ed il dilemma é lampante: ci sono casi in cui il problema é un consumo eccessivo di memoria, mentre altri in cui la CPU é troppo sotto sforzo. Lo stesso pezzo di codice, eseguito magari molte volte, puó allocare un sacco di memoria. Nel caso in cui il problema sia la quantitá di memoria allocata, sarebbe meglio che venisse liberata al piú presto (il compilatore potrebbe aggiungere un'instruzione per farlo alla fine della funzione o anche durante, dove l'oggetto non viene piú usato), mentre nel caso sia la CPU, é meglio liberare la memoria in un secondo momento (quindi il compilatore non dovrebbe aggiungere automaticamente quelle istruzioni). In questo caso, la migliore soluzione é dare al programmatore istruzioni/meccanismi con cui possa riconoscere la situazione di emergenza, ma se nel linguaggio non ci sono... le prestazioni dell'applicazione vanno a farsi friggere!Questo é il problema del Garbage Collector di Java (beh, veramente la storia é un pó piú complicata).Quello che intendi tu come "linguaggio", secondo me é in realtá la sua sintassi. Questa visione non é piú applicabile a molti linguaggi, in quanto sono legati strettamente ad alcune librerie di base (vedi la reflection di Java), il cui funzionamento é intrinsecamente lento (ma non potrebbe essere altrimenti, visto il suo scopo). Alcuni meccanismi potrebbero essere implementati diversamente, magari in modo piú complicato, ma la scelta é stata quella di legare quel linguaggio a quelle librerie, per le quali il compilatore piú di tanto non puó fare.Sempre nel caso di Java, poi, le prestazioni dipendono molto anche dalla Virtual Machine in cui viene fatto girare, che devono supportare funzionalitá specifiche del linguaggio (ad esempio mi hanno detto, ma devo controllare, che alla fine della creazione di un oggetto in Java, viene effettuata un'operazione sincronizzata di copia dell'oggetto su tutti i core e le CPU paralleli, il che richiede un sacco di tempo e non é controllabile/disabilitabile), molte delle quali non possono essere controllate né da programma, né da compilatore.
  • ciliani scrive:
    stessa performance di c++ e java?
    Non si possono mettere sullo stesso piano le perfomance di c++ e java...
    • pippo condriaco scrive:
      Re: stessa performance di c++ e java?
      - Scritto da: ciliani
      Non si possono mettere sullo stesso piano le
      perfomance di c++ e
      java...Esatto ... e non si possono comparare le caratteristiche di Python con quelle di questi due linguaggi. I programmatori Python non hanno mai portato le loro applicazioni in C++ per renderle più performanti.Se i programmatori python vogliono applicazioni più performanti scrivono un pezzetto di codice C e lo inseriscono in un modulo python.Morale ... se python è fatto così è perché è essenzialmente un linguaggio di scripting evoluto (come PERL) e non ha bisogno di compilatori diversi di quello che già possiede.
  • robyroby scrive:
    Ennesimo linguaggio
    Esistono più linguaggi che programmatori che sviluppano!Certo è una affermazione provocatoria, ma se prendete un buon dizionario d Informatica, scoprirete che tra gli anni 60-80 furono inventati centinaia di linguaggi, ma ben pochi riuscirono ad affermarsi.La stessa cosa si sta ripetendo con i linguaggi java e C++ e sui derivati. Ma alla fine il linguaggio conta poco sono la disponibilità di classi per far e qualcosa e la sua velocità di esecuzione che ne fanno la fortuna. C e Java non tramonteranno mai, gli altri sono solo esercizi di singoli che vogliono legare il proprio nome in ambito informatico a pseudo-invenzioni che in pochi anni saranno dimenticate.
    • ciccio pasticcio scrive:
      Re: Ennesimo linguaggio
      - Scritto da: robyroby
      Esistono più linguaggi che programmatori che
      sviluppano!
      Ma alla fine il linguaggio conta poco
      sono la disponibilità di classi per far e
      qualcosa e la sua velocità di esecuzione che ne
      fanno la fortuna. C e Java non tramonteranno mai,ecco un altro che non ha mai programmato in vita sua:gia' mettere java e velocita' in una stessa frase e' una cosa che nessun programmatore farebbe mai, dire poi che e' la disponibilita'di classi a fare la fortuna ....
      • Ale scrive:
        Re: Ennesimo linguaggio
        tu invece dimostri proprio una graaande esperienza e competenza....chiunque affermi, nel 2008, che Java è lento farebbe meglio a tornare a studiare.Avere più linguaggi di programmazione, di natura diversa è SEMPRE utile.
        • ciccio scrive:
          Re: Ennesimo linguaggio
          Non avete idea di cosa dite!Java veloce? ah ah ah rispettto al c++???!!! aha ha haha
          • MDA scrive:
            Re: Ennesimo linguaggio
            - Scritto da: ciccio
            Non avete idea di cosa dite!
            Java veloce? ah ah ah rispettto al c++???!!! aha
            ha
            hahaSe il codice è scritto bene (non da ex Visual Basic) è veloce (salvo la fase di partenza se non si usa SwiXAT) come C++, non come C, ma più veloce di C# !Basta fare dei programmi in questi linguaggi per vedere la differenza.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ennesimo linguaggio
            Il problema di linguaggi come Java, C# e anche un po' C++, e' il mascheramento di cosa succede veramente a basso livello. Programmando in c, se fai una malloc, e sei un buon programmatore, ti preoccupi di fare anche una free per non avere memory leak. Linguaggi di piu' alto livello permettono anche a cani di programmatori di produrre codice senza avere l'accortezza di seguire buone prassi di programmazione, come ad esempio una accorta gestione della memoria. E i risultati infatti si vedono...
          • di passaggio scrive:
            Re: Ennesimo linguaggio
            dipende dal tipo di programmi che fai... se realizzi applicazioni a finestre di tipo gestionale le "malloc" e compagnia varia sai a che ti servono? a perdere tempo, molto tempo. Ripeto, dipende da quello che si deve fare. Non si posson fare programmi di un certo tipo con linguaggi sicuram più efficienti ma che ti creano troppi problemi e nn ti vengono incontro. Senza contare che io, da programmatore, VOGLIO potermene fregare di certe cose nella maggior parte dei casi e voglio concentrarmi sulla mia logica di programma, nn sulla logica del pc!
          • di passaggio scrive:
            Re: Ennesimo linguaggio
            infatti... quello che intendevo io è proprio questo... nn concordo sul mese dell'esempio citato.. :-Pforse ci può volere anche di più... ma appunto, che senso ha? ma nn solo xkè i pc hanno 1 GB di ram, ma xkè alcune applicazioni non hanno proprio vincoli particolari... se il risultato viene restituito in 1 o 2 secondi, invece che in 237 msec all'utente umano importa poco in diversi ambiti. Senza contare ke gestire la memoria è una preoccupaz in più ke ti distoglie dalla logica di programma. Ma poi è proprio questo il modo di evolversi... un giorno magari ci sembreranno antiquati e noiosi i linguaggi Object-Oriented... senza linguaggi di questo tipo oggi nn ci sarebbero in commercio (o a gratis sulla rete) applicativi di un certo livello...
          • Assemblator e scrive:
            Re: Ennesimo linguaggio
            - Scritto da: Anonimo
            Linguaggi di piu' alto livello
            permettono anche a cani di programmatori di
            produrre codice senza avere l'accortezza di
            seguire buone prassi di programmazioneSe non fai qualsiasi programma almeno in assembly (nel senso che potresti direttamente creare l'eseguibile scrivendo l'esadecimale in un file) sei solo una pippa e non un VERO programmatore!
          • di passaggio scrive:
            Re: Ennesimo linguaggio
            "Se non fai qualsiasi programma almeno in assembly (nel senso che potresti direttamente creare l'eseguibile scrivendo l'esadecimale in un file) sei solo una pippa e non un VERO programmatore!"intendi dire se nn hai mai programmato in assembly in tutta la tua vita? o ti riferisci al saper fare ogni programma in assembly? :-)leggo l'ironia nella tua risposta cmq, giusto?
          • amico Appalache scrive:
            Re: Ennesimo linguaggio
            I VERI programmatori sviluppano direttamente in binario :D[img]http://www.ninisworld.com/oddsends/justforfun/funpicts/realprogrammers.jpg[/img]
          • logicaMente scrive:
            Re: Ennesimo linguaggio
            Paragonabili, decisamentehttp://www.kano.net/javabench/datahttp://www.stefankrause.net/wp/?p=4
          • Bill scrive:
            Re: Ennesimo linguaggio
            - Scritto da: ciccio
            Non avete idea di cosa dite!
            Java veloce? ah ah ah rispettto al c++???!!! aha
            ha
            hahaSi perché rispetto al perl?:) mi fanno morire questi...
          • Lulu scrive:
            Re: Ennesimo linguaggio
            Ma sapere compilare 2 programmi significa fare il programmatore?????A ciccio sei ridicolo, qualunque programmatore che lavora e fa quello nella vita sa benissimo che fare i confronti che fai tu non ha alcun senso.....sono piu' veloce, meno veloce....ma veloce a fare cosa?Ma la scelta del linguaggio dipendera' da cosa devi fare o no!!!!!!Stai sicuro che le cose per cui il c++ e' piu' adatto si fanno in c++, quelle per cui e' piu' adatto il java si fanno in java.Un programmatore che si rispetti sa usarli tutti e 2 sfruttandone al meglio i pregi a seconda di cosa gli serve....I ragazzini che si fanno le pippette, si preoccupano di parlare di velocita'.
    • Luks scrive:
      Re: Ennesimo linguaggio
      definire linguaggi come python e perl degli "esercizi" mi sembra un po' eccessivo, tant'è che non sono stati dimenticati in un paio d'anni come dici te, ci sono linguaggi che pur non arrivando ai livelli d'eccellenza di C++ e Java contnueranno ad essere usati
  • Banana joe scrive:
    Non l'unica alternativa.
    Gli sviluppatori python hanno qualche alternativa oltre a portare su c o c++, psyco e pyrex.Rimanere legato a mono o .net, che da' indubitabili vantaggi, lascia comunque a python ruby il vantaggio di poter essere usati per scripts lanciati da un interprete. Ma essere disponibile su .net non impedisce successivamente di fare un interprete.
Chiudi i commenti