Videogiochi? Benefici, ma serve più ricerca

La Federation of American Scientists chiede fondi per studiare l'uso formativo dei videogiochi: insegnano e sviluppano abilità utili, oltre ad aumentare le capacità organizzative e strategiche di chi li usa

Washington (USA) – I membri della Federation of American Scientists hanno richiesto al governo degli Stati Uniti di finanziare e promuovere lo studio empirico dei videogiochi , così come degli effetti che l’intrattenimento digitale può avere sui giocatori.

Nonostante i molti studi sugli ipotetici effetti antisociali di certi videogiochi, sempre più esperti ritengono che i videogame possano sviluppare abilità utili ed essere utilizzate in ambito didattico.

In un rapporto pubblicato dai membri della FAS, l’organizzazione fa capire che gli skill richiesti dall’intrattenimento interattivo e digitale possono costituire “un elemento in più per la forza lavoro statunitense”. I ricercatori hanno quindi chiesto a Washington di “permettere agli atenei di scoprire i benefici dei videogiochi”: la ricerca scientifica in questo ambito, assai costosa, necessita di grandi risorse finanziarie.

I benefici legati alla chiarezza empirica sui lati positivi dei videogiochi potrebbero imprimere una forte accelerazione al mercato ed all’industria videoludica. Se le aziende riuscissero ad ottenere la prova scientifica dell’efficacia del mezzo , la piattaforma videoludica potrebbe diventare il terreno fertile su cui sviluppare progetti didattici nazionali per inserire i videogiochi all’interno dei programmi scolastici.

Il rapporto pubblicato da FAS suggerisce che le future classi dirigenti avranno bisogno delle varie abilità richieste da un videogioco: la natura interattiva e comunicativa dei giochi su computer, secondo gli esperti americani, allena “abilità strategiche ed organizzative” fino a permettere un aumento delle “facoltà di adattamento e di flessibilità mentale”.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    "Troppa televisione fa male"?
    Che scoperta!Basta cercare sul vocabolario la parola "Troppo"."troppo * fa male".
  • Anonimo scrive:
    Colpa di Telecom
    è già visto che è telecom a fornire l'IPTV è certamente colpevole della diffusione dell'autismo, forse questi medici dovrebbero fare un corso di statistica prima di sparare fesserie del genere.E se la pioggia fosse causa di depressione e la depressione causa di autismo?E se la pioggia fosse causa di temperature più basse e il freddo origine di autismo?E se e se e se... mi sa che le loro correlazioni sono campate per aria.
  • Anonimo scrive:
    sintomi generali di autismo
    La persona utilizza il linguaggio in modo bizzarro o appare del tutto muta; spesso ripete parole, suoni o frasi che sente pronunciare (ecolalia).Apparente carenza di interesse e di reciprocità con gli altriDi solito un limitato repertorio di comportamenti viene ripetuto in modo ossessivo; si possono osservare sequenze di movimenti stereotipati detti appunto stereotipie.Si riscontra una marcata resistenza al cambiamento che per alcuni può assumere le caratteristiche di un vero e proprio terrore fobicoIn altre parole la persona appare desautorata La televisione (e ogni esperienza vissuta in modo traumatico/passivo) tende a produrre catalisi nel pensiero, e a desautorare la personacatalisi: fenomeno di accelerazione o ritardo di reazioni chimiche, dovuto alla presenza di sostanze (catalizzatori) che restano inalterate durante la reazione
  • Anonimo scrive:
    Provoca anche ciò che non è misurabile:
    l'autismo del pensiero e di conseguenza l'ipnosi di massa, in vari gradisoprattutto quando il pensiero di chi ascolta non è chiamato in causa, come in certi telegiornali che interpretano e commentano le notizie con toni fortemente emotivi e perentoritutti i disattenti sono a rischio
    • MandarX scrive:
      Re: Provoca anche ciò che non è misurabi
      - Scritto da:
      l'autismo del pensiero e di conseguenza l'ipnosi
      di massa, in vari
      gradi
      soprattutto quando il pensiero di chi ascolta non
      è chiamato in causa, come in certi telegiornali
      che interpretano e commentano le notizie con toni
      fortemente emotivi e
      perentori
      tutti i disattenti sono a rischione vedremo delle brutte se il trusted computing prendera piedeè la stessa cosa, molto peggio anzi
    • Alucard scrive:
      Re: Provoca anche ciò che non è misurabi
      - Scritto da:
      l'autismo del pensiero e di conseguenza l'ipnosi
      di massa, in vari
      gradi
      soprattutto quando il pensiero di chi ascolta non
      è chiamato in causa, come in certi telegiornali
      che interpretano e commentano le notizie con toni
      fortemente emotivi e
      perentori
      tutti i disattenti sono a rischio


      Quoto.Ormai c'è gente che prende per oro colato tutto ciò che passa per la tv, spot compresi.
  • Anonimo scrive:
    Ovvio!!!!
    C'è gente che piazza i figli davanti alla tv sitter. BRAVI.. PENTITEVI
  • TheLoneGunman scrive:
    Con tutti sti reality...
    Con tutti sti reality già bisogna ringraziare che non scatti la follia omicida!Oh no, è ricominciato Pupe e Secchioni!!!"Wendy, la mazza!!!!!"
    • Anonimo scrive:
      Re: Con tutti sti reality...
      - Scritto da: TheLoneGunman
      Con tutti sti reality già bisogna ringraziare che
      non scatti la follia
      omicida!

      Oh no, è ricominciato Pupe e Secchioni!!!

      "Wendy, la mazza!!!!!"eheh come si fa a non quotare!!!
  • jodosha scrive:
    Mi hanno copiato il pezzo!!
    Vorrei segnalare un abuso di PI, ieri ho segnalato alla redazione un mio post, che stranamente somiglia molto a questo articolo.Ecco il link al mio intervento:http://www.thedigitalconspiracy.net/2006/10/17/la-tv-causa-lautismo/
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi hanno copiato il pezzo!!
      - Scritto da: jodosha
      Vorrei segnalare un abuso di PI, ieri ho
      segnalato alla redazione un mio post, che
      stranamente somiglia molto a questo
      articolo.

      Ecco il link al mio intervento:
      http://www.thedigitalconspiracy.net/2006/10/17/la-Non entro nel merito della copia, anche se gli articoli sono effettivamente simili (non è che avete preso entrambi spunto da un articolo inglese?), però il tuo personalmente lo trovo più informativo di quello di PI
      • jodosha scrive:
        Re: Mi hanno copiato il pezzo!!

        (non è che
        avete preso entrambi spunto da un articolo
        inglese?)No, io ho segnalato soltanto il mio e ho anche ricevuto i ringraziamenti e le rassicurazioni della redazione. Linko anche la fonte dove ho preso la notizia:http://science.slashdot.org/article.pl?sid=06/10/17/0435250&from=rssCome puoi notare è differente dai due articoli in questione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi hanno copiato il pezzo!!

          No, io ho segnalato soltanto il mio e ho anche
          ricevuto i ringraziamenti e le rassicurazioni
          della redazione. Linko anche la fonte dove ho
          preso la
          notizia:

          http://science.slashdot.org/article.pl?sid=06/10/1

          Come puoi notare è differente dai due articoli in
          questione.Entrando nel merito del problema :-Se hai fatto la segnalazione e la redazione ti ha ringraziato dandoti delle rassicurazioni, allora hai una prova valida giuridicamente (se si e' trattato di uno scambio via mail).-Il tuo blog e' rilasciato con licenza CC 2.5, quindi,come si legge nella licenza stessa :Attribution-ShareAlike 2.5You are free: * to copy, distribute, display, and perform the work * to make derivative works * to make commercial use of the workIn questo caso si tratterebbe di un lavoro "derivato", ovvero simile ma non identico al prodotto iniziale.Verrebbe dunque violata la condizione di Attribuzione nel caso in oggetto (mancando il riferimento al tuo articolo)Inoltre il prodotto derivato resta "Share Alike", quindi questo articolo di P.I. dovrebbe esser distribuito sotto licenza CC.Ovviamente tutte le condizioni di cui sopra vengono a cessare se hai preso accordi specifici con chi pubblica l'articolo, cosi' come descritto sempre nella licenza (e questo non lo posso sapere)Mia opinione personale (che sono nessuno) dopo l'analisi fatta sopra :Un link alla tua notizia ci vorrebbe (o basterebbe anche un ringraziamento per la segnalazione...), ma visto che hai postato la tua lamentela in pubblico, di fatto il link c'e' e chi legge puo' farsi un'idea propria su quanto accaduto.
          • jodosha scrive:
            Re: Mi hanno copiato il pezzo!!
            Trovo giustissima la tua analisi e ti ringrazio per l'attenzione.Abbandoniamo per un attimo i dettagli legali, ti sembra deontologicamente e moralmente corretto?Soprattutto per una testata come questa che parla di blogosfera, di licenze C e CC e del diritto di citare le opere altrui.Sono davvero deluso
          • Lamb scrive:
            Re: Mi hanno copiato il pezzo!!
            Ciaoil link avrebbe dovuto essere nel pezzo, è saltato solo per distrazione. PI come vedi dagli articoli pubblicati tutti i giorni pubblica una quantità di link perché crede che questo rappresenti un valore aggiunto.Ho quindi aggiunto il riferimento alla tua segnalazione, certo rilevante.Sul resto taccio per non alimentare polemiche inutili.Ciao, alla prossimaLamberto di PI
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi hanno copiato il pezzo!!
            - Scritto da: jodosha
            Trovo giustissima la tua analisi e ti ringrazio
            per
            l'attenzione.
            Abbandoniamo per un attimo i dettagli legali, ti
            sembra deontologicamente e moralmente
            corretto?
            Soprattutto per una testata come questa che parla
            di blogosfera, di licenze C e CC e del diritto di
            citare le opere
            altrui.
            Sono davvero delusohmm...occhio a non prendere un granchio pero', dipende cosa vi siete scritti via mail.Se hai dato il permesso di pubblicare senza richiedere riconoscimento, c'e' poco da fare.Comunque ora hanno fatto una nuova comma "bis" (parlando di "deontologicamente corretto") in una vecchia legge, secondo la quale (art.65 legge 22 aprile) [i]i soggetti che realizzano, con qualsiasi mezzo, la riproduzione totale o parziale di articoli di riviste o giornali, devono corrispondere un compenso agli editori per le opere da cui i suddetti articoli sono tratti [/i]Ne parla pure Grillo.Quindi, ironicamente, i giornali possono copiare agli utenti mettendo un semplice riferimento (nemmeno il link), mentre il contrario si puo' fare solo a pagamento.(ma ora non parlo di P.I., e' un discorso inerente la morale della stampa di cui chiedi sopra)P.s.Io pero' fossi in te manderei una mail all'autore dell'articolo, spiegando il problema ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi hanno copiato il pezzo!!

            Se hai dato il permesso di pubblicare senza
            richiedere riconoscimento, c'e' poco da
            fare.c'e' un post di pi che spiega mi pare d'altra parte il complottismo e' molto autisticamente e televisivamente italiano
    • Ubu re scrive:
      Re: Mi hanno copiato il pezzo!!
      - Scritto da: jodosha
      Vorrei segnalare un abuso di PI, ieri ho
      segnalato alla redazione un mio post, che
      stranamente somiglia molto a questo
      articolo.

      Ecco il link al mio intervento:
      http://www.thedigitalconspiracy.net/2006/10/17/la-Ciao Jodosha,volevo farti complimenti per il sito in erba, ma soprattutto volevo porti una domanda: usare l'inglese aumenta l'importanza o la validità di quello che dici?Secondo te se punto informatico se si chiamasse www.computersciencepoint.com sarebbe più importante?A mio avviso sei caduto nella trappola del colonizzato, quella che costringe di cercare di assomigliare al padrone straniero nel tentativo di acquistare importanza.
  • UMM scrive:
    TV?
    e chi la guarda più...
    • Anonimo scrive:
      Re: TV?
      - Scritto da: UMM
      e chi la guarda più... sottoscrivo
    • Alucard scrive:
      Re: TV?
      - Scritto da: UMM
      e chi la guarda più...In Italiano solo qualche milioncino di persone.
      • UMM scrive:
        Re: TV?
        Un milione di superflui, gente che non serve.
        • Anonimo scrive:
          Re: TV?
          - Scritto da: UMM
          Un milione di superflui, gente che non serve.questa è solo arroganza di chi si crede superiore agli altri, sappi che delal tv no nti livberareai tanto facilmente.La TV fa e continuerà a fare opinione.
          • UMM scrive:
            Re: TV?
            - Scritto da:
            La TV fa e continuerà a fare opinione.Se ne sei convinto...
          • Anonimo scrive:
            Re: TV?
            - Scritto da:

            - Scritto da: UMM

            Un milione di superflui, gente che non serve.

            questa è solo arroganza di chi si crede superiore
            agli altri, sappi che delal tv no nti livberareai
            tanto
            facilmente.
            La TV fa e continuerà a fare opinione.ecco questa è la prova che l'articolo ha ragione....la tv rende autistici!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: TV?


            delal tv no nti
            livberareai
            ecco questa è la prova che l'articolo ha
            ragione....la tv rende autistici!!!In questo caso parrebbe dislessici.γσ
        • Alucard scrive:
          Re: TV?
          - Scritto da: UMM
          Un milione di superflui, gente che non serve.Si ma la società si basa su quei milioni di superflui e non su quel migliaio che ancora sanno usare il cervello. Facciamo fuori tutti i tvomani? *_*
    • Anonimo scrive:
      Re: TV?
      - Scritto da: UMM
      e chi la guarda più...straquoto!
Chiudi i commenti