Violazione dei dati? Emorragia economica

Uno studio rivela: l'impatto economico sulle imprese derivante dalla violazione della sicurezza delle informazioni non fa che aumentare. Un quadro preoccupante

Roma – Nella moderna società telematica i dati e le informazioni in formato digitale sono tutto : perderli, o fronteggiarne il furto, significa subire danni ingenti per il business e la sicurezza degli utenti. Che si tratti di attacchi di phishing andati a buon fine, smarrimento di portatili da lavoro o violazione del database di numeri di carte di credito di uno store virtuale, il trend è quello: nel corso del 2006, la violazione della sicurezza delle informazioni ha fatto perdere un mucchio di quattrini , e la situazione al momento non sembra poter far altro che peggiorare.

Il Ponemon Institute , che ha per missione la diffusione di una gestione responsabile delle informazioni e della privacy nel business come nell’e-government, fotografa la disdicevole situazione nell’edizione 2006 del suo studio di settore, basato sulla raccolta di dati provenienti da 31 casi reali di perdita di informazioni.

La ricerca evidenzia come ogni incidente costi, in media, 4,7 milioni di dollari. Su questa cifra totale, 2,5 milioni riflettono il costo affrontato dalle aziende per la perdita di occasioni di business . Indicativa è poi l’individuazione dell’enorme disparità tra l’impatto finanziario delle violazioni e il danaro speso per porvi rimedio: sulla perdita media di 26.000 record al costo di 182 dollari ciascuno, le aziende investono soltanto 180.000 dollari nella prevenzione di futuri incidenti. Come a dire: se fossero stati spesi prima con una politica di sicurezza più accorta, si sarebbe trattato di un investimento indubbiamente profittevole .

Il confronto tra il costo unitario per record andato perduto rilevato nello studio del 2005 e quello dell’anno in corso permette di avere la consapevolezza concreta di quanto il fenomeno vada vieppiù peggiorando : dai 132 dollari dell’anno scorso si è passato ai già citati 182 dollari, con i costi lievitati che includono la scoperta del furto o della violazione, la comunicazione dell’accaduto agli utenti coinvolti e l’assistenza necessaria ad aiutare le vittime affette dell’incidente.

Malinconicamente, lo studio conclude dicendo che “il costo maggiore da sostenere è quello generato dalla drastica diminuzione di fiducia nell’azienda, che si traduce in un abbandono inaspettato di clienti influenzati negativamente dall’incidente”. Secondo l’Institute resta valida l’idea che “un’oncia di prevenzione ha più valore di una libbra di cura”.

È doveroso inoltre riportare come la ricerca sia stata finanziata da PGP Corporation e Vontu Corporation , aziende IT che hanno fatto delle tecnologie di sicurezza il loro core business , e che evidentemente si aspettano di beneficiare dei risultati dell’analisi , nell’eventualità in cui le aziende decidessero di investire davvero la cifra utile per garantirsi quella oncia di protezione in grado di salvare, col minimo sforzo di prevenzione, dati, utenti e affari tutti insieme.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Prodotto già commercializzato in Italia
    Salve in commercio esiste già un prodotto di questo tipo. E' il NAS KRAUN "KR.NS" che integra al suo interno un comodissimo client bit-torrent per impostare download SalutiYury
    • Anonimo scrive:
      Re: Prodotto già commercializzato in Ita
      - Scritto da:
      Salve in commercio esiste già un prodotto di
      questo tipo. E' il NAS KRAUN "KR.NS" che integra
      al suo interno un comodissimo client bit-torrent
      per impostare download
      ma cohen lo sa?
  • Anonimo scrive:
    interessante...
    se ho capito bene, faranno dei client che scaricano senza bisogno di tenere acceso il pc?è utilissimo... lasciare il computer acceso la notte fa rumore e si consumano anche i componenti che non sono necessari per scaricare... così invece si potrà scaricare, e poi la mattina trasferire tutto da questo dispositivo al pc? mi chiedo solo come si farà ad impostare le connessioni e se sarà abbastanza sicuro...
    • Anonimo scrive:
      Re: interessante...
      credo di si... il router è una specie di firewall (la kerio, che faceva il miglior firewall cioè il kpf4, ora della sunbelt, fa anche un router...)
  • Anonimo scrive:
    gli utenti non vogliono che??
    "Gli utenti non vogliono scaricare dati sul proprio computer di casa"ma de che??????che stanno a dì??????
  • Anonimo scrive:
    Ottima idea infilare il DRM nei router
    Davvero
  • pacionet scrive:
    E lo storage ?
    OK computer spento e router acceso a scaricare. Ma i file (di enormi dimensioni) dove li mette ? I router saranno dotati di enormi hard-disk ?
    • Anonimo scrive:
      Re: E lo storage ?
      - Scritto da: pacionet
      OK computer spento e router acceso a scaricare.
      Ma i file (di enormi dimensioni) dove li mette ?
      I router saranno dotati di enormi hard-disk
      ?Basta connettere un NAS. Un case esterno USB 2.0 + Ethernet con funzionalità NAS lo trovi specie su eBay ad un 40-50 euro in su. (in Italia il doppio)
      • Anonimo scrive:
        Re: E lo storage ?
        Io ho un QNAP TS-201 (2 x 500GB Barracuda) e il client BitTorrent va una meraviglia. Spegni il PC e pensa a tutto lui!
  • Anonimo scrive:
    Quasi tutti i router potrebbero averlo
    Solo se i produttori aggiungessero il codice ai firmware dei prodotti.Ovviamente non lo fanno e sbandierano prodotti specifici per una cosa piuttosto banale. In moltissimi router sul mercato basta al produttore utilizzare un client bittorrent open source.
    • Anonimo scrive:
      Re: Quasi tutti i router potrebbero aver
      - Scritto da:
      Solo se i produttori aggiungessero il codice ai
      firmware dei
      prodotti.
      Ovviamente non lo fanno e sbandierano prodotti
      specifici per una cosa piuttosto banale. In
      moltissimi router sul mercato basta al produttore
      utilizzare un client bittorrent open
      source.
      ma non tutti i router hanno possibilità di collegarci un hard disk
      • The FoX scrive:
        Re: Quasi tutti i router potrebbero aver
        Dici?Ed i NAS dove li metti?
        • Anonimo scrive:
          Re: Quasi tutti i router potrebbero aver
          utilissimo...qui si parla di una roba rivolata a chi "non vuole usare il pc di casa per scaricare file" e tu proponi un NAS...certo tutti a casa hanno 2-3 NAS server...facilmente portatili.
          • Guybrush scrive:
            Re: Quasi tutti i router potrebbero aver
            - Scritto da:
            utilissimo...qui si parla di una roba rivolata a
            chi "non vuole usare il pc di casa per scaricare
            file" e tu proponi un NAS...certo tutti a casa
            hanno 2-3 NAS server...facilmente
            portatili.Be' un NAS domestico e' una enclosure da 30-40 eur dotata di interfaccia ethernet oltre a quella usb.Non serve un NAS da 1terabyte, basta un hdd da 200gb il cui costo si aggira intorno ai 70 eur.Morale della fiaba:con 150-160 eur ti sei fatto il tuo NAS domestico il cui consumo medio si aggira intorno ai 15W.Omaggi.
            GT
          • Anonimo scrive:
            Re: Quasi tutti i router potrebbero aver
            - Scritto da:
            utilissimo...qui si parla di una roba rivolata a
            chi "non vuole usare il pc di casa per scaricare
            file" e tu proponi un NAS...certo tutti a casa
            hanno 2-3 NAS server...facilmente
            portatili.Beata ignoranza...-------http://cgi.ebay.com/LAN-USB-File-FTP-Samba-NAS-SERVER-3-5-HDD-Hard-Disk_W0QQitemZ150050878541QQihZ005QQcategoryZ1484QQssPageNameZWDVWQQrdZ1QQcmdZViewItemLAN USB/File/FTP/Samba NAS SERVER 3.5" HDD Hard Disk This seller accepts PayPal Buy It NowGBP 25.99http://cgi.ebay.com/LAN-SERVER-3-5-HDD-Hard-Disk-USB-File-FTP-Samba-NAS_W0QQitemZ150027307997QQihZ005QQcategoryZ1484QQssPageNameZWDVWQQrdZ1QQcmdZViewItemLAN SERVER 3.5" HDD Hard Disk USB/File/FTP/Samba NAS This seller accepts PayPal Buy It NowGBP 25.99GBP 10.00 --------http://www.trovaprezzi.it/prezzo_storage-backup_sc101.aspx Netgear NAS SENZA HARD DISK PER 2 HDSC101IS - STORAGE CENTRAL PER CONDIVIDERE FINO A 2 HARD DISK IN UNA RETE 10 / 100,1 PORTA 10 / 100 LAN 2 SLOT PER HARD DISK 3,5 IDE95,40-------
          • The FoX scrive:
            Re: Quasi tutti i router potrebbero aver
            - Scritto da:
            utilissimo...qui si parla di una roba rivolata a
            chi "non vuole usare il pc di casa per scaricare
            file" e tu proponi un NAS...certo tutti a casa
            hanno 2-3 NAS server...facilmente
            portatili.Vedo che ti hanno gia' esaurientemente risposto.E io a casa ce l'avro' presto il mio NAS personale, riciclando un vecchio doppio pentium (liscio!!!) e con un controller RAID 0/1 cui attacchero' 2 HD da 160GB in RAID 1, il tutto controllato da un Linux leggero e condiviso tramite Samba
          • Anonimo scrive:
            Re: Quasi tutti i router potrebbero aver
            - Scritto da: The FoX

            - Scritto da:

            utilissimo...qui si parla di una roba rivolata a

            chi "non vuole usare il pc di casa per scaricare

            file" e tu proponi un NAS...certo tutti a casa

            hanno 2-3 NAS server...facilmente

            portatili.

            Vedo che ti hanno gia' esaurientemente risposto.
            E io a casa ce l'avro' presto il mio NAS
            personale, riciclando un vecchio doppio pentium
            (liscio!!!) e con un controller RAID 0/1 cui
            attacchero' 2 HD da 160GB in RAID 1, il tutto
            controllato da un Linux leggero e condiviso
            tramite
            SambaUn doppio Pentium "liscio" ?! Che vorresti dire? Due Pentium 1 ?? Non esistono motherboard dual Pentium 1. Per mettere su un NAS in SAMBA RAID 0 o 1 ti conviene sicuramente prendere il Netgear SC101 che costa un 100 euro, metterci dentro due HDU 160GB ATA100/133 e con un 200 euro hai un NAS.
          • The FoX scrive:
            Re: Quasi tutti i router potrebbero aver
            Cerca Tomcat III...E perche' dovrei spendere altri soldi e non riutilizzare cio' che gia' ho?
  • Anonimo scrive:
    Ma chi scarica che fa?
    Lascia il coso acceso giorno e notte a rubare file in giro? Bella roba
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma chi scarica che fa?
      - Scritto da:
      Lascia il coso acceso giorno e notte a rubare
      file in giro? Bella
      robaUn hard disk di rete in un case in alluminio senza necessità di ventole fa pochissimo rumore e consuma un 10Watt rispetto a tenere acceso un intero PC tutta la notte a scaricare.
    • Anonimo scrive:
      TROLL DETECTED
      (troll2)
  • Anonimo scrive:
    Più che altro è senza senso...
    Basta tenere un PC a basso consumo (PII o III) accesso (magari con alimentatore senza ventole) ed ecco che ci si fà girare sopra BitTorrent, Samba, apache+ftp, etc... e tutto quello che si vuole.E poi per aggiornare i programmi si può fare tutto tramite X o VNC.Non capisco perchè bisogni prendere un hardware dedicato che magari ha buchi da tutte le parti e lo smettono di aggiornare dopo due mesi (così si avrà sempre bittorrent versione k.x.y.z)
    • Anonimo scrive:
      Re: Più che altro è senza senso...
      Può essere a basso consumo quanto vuoi ma non consumerà mai tanto poco quanto un sistema DSP con HDU di rete tipo NAS (un 25-40Watt complessivi massimi).- Scritto da:
      Basta tenere un PC a basso consumo (PII o III)
      accesso (magari con alimentatore senza ventole)
      ed ecco che ci si fà girare sopra BitTorrent,
      Samba, apache+ftp, etc... e tutto quello che si
      vuole.
      E poi per aggiornare i programmi si può fare
      tutto tramite X o
      VNC.
      Non capisco perchè bisogni prendere un hardware
      dedicato che magari ha buchi da tutte le parti e
      lo smettono di aggiornare dopo due mesi (così si
      avrà sempre bittorrent versione
      k.x.y.z)
      • Anonimo scrive:
        Re: Più che altro è senza senso...
        - Scritto da:
        Può essere a basso consumo quanto vuoi ma non
        consumerà mai tanto poco quanto un sistema DSP
        con HDU di rete tipo NAS (un 25-40Watt
        complessivi
        massimi).
        a parte il consumo di sicuro hai dei vantaggi: è più configurabile, più gestibile, ci metti quello che vuoi tu quando e come vuoi tu.
  • Anonimo scrive:
    Non mi interessa
    ...che se lo tengano.
  • TheLoneGunman scrive:
    Ma l'asus non l'aveva già fatto?
    http://www.techtop.it/2006/08/asus-wl-700ge-media-server-con-client-bittorrentIo di certo non me ne comprerò mai uno perchè nessuno assicura che il firmware di tali apparecchiature verrà aggiornato in eterno. Tempo 2-3 anni e probabilmente bisognerà dire ciao al supporto per versioni più recenti del protocollo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma l'asus non l'aveva già fatto?
      - Scritto da: TheLoneGunman
      http://www.techtop.it/2006/08/asus-wl-700ge-media-

      Io di certo non me ne comprerò mai uno perchè
      nessuno assicura che il firmware di tali
      apparecchiature verrà aggiornato in eterno. Tempo
      2-3 anni e probabilmente bisognerà dire ciao al
      supporto per versioni più recenti del
      protocollo.si è vero asus lo faceva già. Comunque che dici? il firmware asus è linux e c'è gente che lo aggiorna di continuo (vedi oleg oppure openwrt per qualcosa di diverso).E comunque in questo articolo anche se dicono "hardware" è software.
  • Anonimo scrive:
    Potente!!!
    WOW penso sia il sogno di un sacco di gente!!!! Vabbe' che tanto lo fermeranno
Chiudi i commenti