Cancellato il pizzo sulla circolazione delle informazioni

La Commissione Bilancio alla Camera decide di togliere dal collegato alla Finanziaria quelle misure che hanno allarmato rete ed editoria e che avrebbero modificato il diritto d'autore

Roma – La notizia l’ha data in una nota Franco Grillini , deputato dell’Ulivo: è quella della cancellazione di certe misure del collegato alla Finanziaria che, come ben sanno i lettori di Punto Informatico, rischiavano di creare non pochi problemi alla libera informazione in rete. Una questione talmente centrale da aver spinto la celebre associazione Peacelink a varare una campagna di informazione e protesta.

“La commissione Bilancio della Camera – spiega Grillini – ha soppresso la parte relativa all’editoria ricompresa nel collegato fiscale. Per questa parte avevo presentato un emendamento che abrogava la proposta di far pagare, a qualsiasi titolo, la rassegna stampa”.

In sostanza la Commissione ha abolito l’art. 32 destinato a modificare le attuali normative sul diritto d’autore in senso restrittivo, proponendo un complesso sistema di autorizzazioni e compensi per la riproduzione parziale o totale con qualsiasi mezzo di articoli di riviste e giornali. Gli effetti sulla libera circolazione di informazioni in rete con una normativa di questo tipo avrebbero potuto essere ad ampio raggio .

“Si trattava – sottolinea Grillini – di un provvedimento non necessario, difficile da applicare e che avrebbe finito per limitare la libertà di diffusione delle informazioni e di circolazione delle idee”.

Ma la storia di questo articolo potrebbe non finire qui . La cancellazione in Commissione fa sì, infatti, che l’argomento sia rimosso anche dal futuro dibattito in Aula. Ma esiste la possibilità che il Governo presenti nuovamente il testo di quell’articolo in una fase successiva, quando cioè decidesse di chiedere la fiducia sul collegato. La richiesta di fiducia, come noto, si traduce in un voto diretto sul provvedimento senza spazi per correzioni ed emendamenti. La speranza, dunque, è che il Governo prenda atto della cancellazione avvenuta in Commissione.

Lo spiega lo stesso Grillini: “Rivolgo un appello alla Presidenza del Consiglio dei Ministri affinché nella discussione, prevista per la prossima settimana, qualora si ponga la questione di fiducia questo articolo non sia reintrodotto”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Idea vecchia di 17 anni
    Vecchia quanto la storia uscita su un Topolino (non so quale numero)che aveva già proposto questa idea e che lessi si e no all'età di dieci anni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Idea vecchia di 17 anni
      - Scritto da:
      Vecchia quanto la storia uscita su un Topolino
      (non so quale numero)che aveva già proposto
      questa idea e che lessi si e no all'età di dieci
      anni.Si ma allora era solo una bella fiaba.
      • Anonimo scrive:
        Re: Idea vecchia di 17 anni
        - Scritto da:


        - Scritto da:

        Vecchia quanto la storia uscita su un Topolino

        (non so quale numero)che aveva già proposto

        questa idea e che lessi si e no all'età di dieci

        anni.

        Si ma allora era solo una bella fiaba.Topolino owna
  • Anonimo scrive:
    mW/s???
    che vuol dire "generare fino a 100 milliwat al secondo per ogni persona che passa"?
    • Anonimo scrive:
      Re: mW/s???
      - Scritto da:
      che vuol dire "generare fino a 100 milliwat al
      secondo per ogni persona che
      passa"?Se fosse vero, che se passano 700,000 persone al giorno, e camminano ognuna per 30 secondi si ottengono 580 W/h (0,58 KW/h). Praticamente la carica di una batteria da automobile.Quisquilie, ma in questi tempi di caro petrolio, tutto fa brodo....
      • Anonimo scrive:
        Re: mW/s???
        Forse non hai le idee abbastanza chiare sulle unità di misura...W*h = EnergiaW/h = Potenza per unità di tempoLa seconda mi sembra non abbia molto senso
  • Anonimo scrive:
    In Italia qualcuno......
    In italia qualcuno parlerebbe di sfruttamento delle masse.......Io penso che se si facesse più ricerca anche su queste "strane" applicazioni il mondo ne trarrebbe guadagno.Auguriamo per il momento, buon passeggio ai Giapponesi
  • Anonimo scrive:
    futuro, uomo batteria
    come in una novella Matrix, vedo che un giorno cercheremo di trasformare sempre l'energia, che non vada sprecataogni passo e spostamento di peso riconvertito, ogni volta che ti siedi o cambi posizione, o fai variare della temperatura... tutto recuperato...diminuiremo la velocità d'aumento dell'entropia? :)
  • Anonimo scrive:
    Da noi
    In Italia costruirebbero una bella centrale nucleare di fianco alla stazione della metro.In alternativa una centrale a carbone oppure un inceneritore (conosciuti anche con il nome di "termovalorizzatori").
    • Anonimo scrive:
      Re: Da noi
      - Scritto da:
      In Italia costruirebbero una bella centrale
      nucleare di fianco alla stazione della
      metro.

      In alternativa una centrale a carbone oppure un
      inceneritore (conosciuti anche con il nome di
      "termovalorizzatori").In giappone, a differenza che in italia, non hanno grossi problemi a fare termovalorizzatori e company, altrimenti sarebbero sommersi di rifiuti affollati come sono... proprio come certe regioni italiane così tanto anti-termovalorizzatori...
      • Anonimo scrive:
        Re: Da noi
        da noi non si costruiscono nememno nuove centrali, discariche e affini.Gli italiani vogliono energia da sprecare ma non centrali per produrla, almeno non vicino a casa loro. non vogliono nemmeno i cavi ad alta tensione. Vogliono buttare l'immondizia possibilmente senza differenziarla, che lo faccinao gli altri per loro, non vogliono però le discariche a casa loro, si facciano a casa degli altri.alla fine tutti vogliono tutto senza dare niente. io sarei molto duro. vuoi la corrente e ti becchi al tua centrale, vuoi buttare immondizia e ti becchi al tua discarica, altrimenti usi le candele e ti tieni l'immondizia in casa.Se no finisce come da noi a Cuneo che tutti portano rifiuti nella nostra discarica, ora vogliono inviarcene per l'ennesima volta dalla campania. e quando sarà piena saremo sempre noi a doverla riaprire altrove, quando invece tra differienza e sistemiminnovativi stiamo riciclando e recuperando al punto da svuotare cosa è stato precedentemente riempito.poi paga sempre chi la discarica se la è fatta
  • Anonimo scrive:
    notizia sbagliata presa da un blog-trash
    la notizia vera, di lunedi' scorso, parla di energia sufficiente solo per alimantere una lampadina da 100 watt per 10 minuti, un progetto del tutto sperimentale. non so chi si sia inventato che la pressione alimenta le biglietterie automatiche..pura fantasia italica!
    • Anonimo scrive:
      Re: notizia sbagliata presa da un blog-t
      - Scritto da:
      la notizia vera, di lunedi' scorso, parla di
      energia sufficiente solo per alimantere una
      lampadina da 100 watt per 10 minuti, un progetto
      del tutto sperimentale. non so chi si sia
      inventato che la pressione alimenta le
      biglietterie automatiche..pura fantasia
      italica!La riferisce cosi' anche Kyodo News.http://home.kyodo.co.jp/modules/fstPhotos/index.php?cmenuid=44
  • Anonimo scrive:
    Fermi tutti! Si viaggia gratis!
    Se tutti si fermano le macchinette non funzionano più... :DE la gente non paga il biglietto.In Italia mi sa che durerebbero poco. (geek)
  • Anonimo scrive:
    ricopriamo il mondo di quarzo!
    Facciamo tutti i pavimenti in materiali piezoelettrici... tutti i tetti con pannelli solari... e magari risolviamo buona parte dei problemi ;)
  • Anonimo scrive:
    Asili
    Per me dovrebbero usare un sistema simile negli asili... avete presente quanto si muovono i bambini? Ogni asilo potrebbe alimentare un luna-park.
    • Anonimo scrive:
      Re: Asili
      - Scritto da:
      Per me dovrebbero usare un sistema simile negli
      asili... avete presente quanto si muovono i
      bambini? Ogni asilo potrebbe alimentare un
      luna-park.eh ma sono troppo leggeri, senno' gia' l'avremmo fatto con le formiche, che non dormono mai.
      • Anonimo scrive:
        Re: Asili
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Per me dovrebbero usare un sistema simile negli

        asili... avete presente quanto si muovono i

        bambini? Ogni asilo potrebbe alimentare un

        luna-park.

        eh ma sono troppo leggeri, senno' gia' l'avremmo
        fatto con le formiche, che non dormono
        mai.l'avrebbero fatto loro non noi ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Asili
      - Scritto da:
      Per me dovrebbero usare un sistema simile negli
      asili... avete presente quanto si muovono i
      bambini? Ogni asilo potrebbe alimentare un
      luna-park.In germania c'è una discoteca che alimenta buona parte dei propri impianti accessori (ovviamente non luci e audio) con questo metodo.
  • Anonimo scrive:
    derivata dello spostamento
    Siccome penso che non sia la pressione che genera elettricità ma bensì la variazione di pressione il sistema non sia applicabile in italia...insomma per generarsi una variazione di pressione la coda deve essere in movimento, caratteristica nn comune alle code delle stazioni ferroviarie italiane...ciaoDany
    • Anonimo scrive:
      Re: derivata dello spostamento
      - Scritto da:
      Siccome penso che non sia la pressione che genera
      elettricità ma bensì la variazione di pressione
      il sistema non sia applicabile in
      italia...insomma per generarsi una variazione di
      pressione la coda deve essere in movimento,
      caratteristica nn comune alle code delle stazioni
      ferroviarie
      italiane...

      ciao

      DanyNon è che le persone vengano teletrasportate sopra tali pedane... ci dovranno pure camminare sopra per arrivarci.
      • Funz scrive:
        Re: derivata dello spostamento

        Non è che le persone vengano teletrasportate
        sopra tali pedane... ci dovranno pure camminare
        sopra per
        arrivarci.E poi le puoi piazzare in tutti i luoghi di passaggio.Evidentemente hanno calcolato che con l'energia generata ripagano tutto il sistema in un tempo ragionevole e poi ci guadagnano. Poi e' tutta energia pulita e rinnovabile, che proviene direttamente da quello che i molto onorevoli signori passeggeri giapponesi hanno mangiato a colazione :D
    • Anonimo scrive:
      Re: derivata dello spostamento
      - Scritto da:
      Siccome penso che non sia la pressione che genera
      elettricità ma bensì la variazione di pressione
      il sistema non sia applicabile in
      italia...insomma per generarsi una variazione di
      pressione la coda deve essere in movimento,
      caratteristica nn comune alle code delle stazioni
      ferroviarie
      italiane...Nelle stazioni giapponesi effettivamente c'e' molto movimento e nessuna coda. Questo perche' ci son schiere e schiere di macchinette automatiche che in pochissimi secondi rilasciano un biglietto, e inoltre accettano qualsiasi cartamoneta anche piu' alla volta ed in maniera rapidissima, infine hanno e danno sempre il resto.In caso di problemi un pulsante permette di mettersi in comunicazione con un addetto.Nelle ore di punta puo' capitare che ci sia folla alle macchinette e dover attendere, ma solo il tempo di una persona davanti a se', ovvero circa 5-10 secondi, 40 se e' imbranato, 1-2 minuti se turista o sta rinnovando un abbonamento. ma nel frattempo si libera la macchinetta a fianco per cui di fatto non si aspetta mai piu' di 20 secondi anche con la folla.Inoltre molti hanno l'abbonamento, carnet di biglietti, e tessere varie che prendono mensilmente o a esaurimento di un credito per cui non passano nemmeno alle biglietterie.
      • Anonimo scrive:
        Re: derivata dello spostamento

        che in pochissimi secondi rilasciano un
        biglietto, e inoltre accettano qualsiasi
        cartamoneta anche piu' alla volta ed in maniera
        rapidissima, infine hanno e danno sempre il
        resto.fanno anche credito?n.b.: non credito tipo banca, ma credito tipo bar del paesello
        • Anonimo scrive:
          Re: derivata dello spostamento
          - Scritto da:


          che in pochissimi secondi rilasciano un

          biglietto, e inoltre accettano qualsiasi

          cartamoneta anche piu' alla volta ed in maniera

          rapidissima, infine hanno e danno sempre il

          resto.

          fanno anche credito?
          n.b.: non credito tipo banca, ma credito tipo bar
          del
          paeselloNo ma ci sono diversi sconti e formule di abbonamento.Senza contare che poi molte ditte rimborsanoi ai dipendenti in parte o tutto l'abbonamento.
  • Gusbertone scrive:
    redazione...
    ma vi rendete conto che ogni volta che pubblicate un articolo dove viene citata anche solo una unità di misura fate delle figuracce? ma cosa è un "milliwat al secondo"?
    • Anonimo scrive:
      Re: redazione...
      - Scritto da: Gusbertone
      ma vi rendete conto che ogni volta che pubblicate
      un articolo dove viene citata anche solo una
      unità di misura fate delle figuracce? ma cosa è
      un "milliwat al
      secondo"?se scrivi solo cosi non capiscono, gli un link di aiuto almenohttp://it.wikipedia.org/wiki/Milliwatt
    • Granzotto scrive:
      Re: redazione...
      - Scritto da: Gusbertone
      ma cosa è un "milliwat al secondo"?Di sicuro un errore di battitura, visto che poche righe sopra la parola era "milliwatt" (correttamente con due "t").Il milliwatt al secondo, per quanto strano è un'unità di misura dell'energia. Se i miri ricordi sono corretti corrisponde ad un millijoule.Salvo l'ovvio errore di battitura mi pare tutto corretto, no?
      • Anonimo scrive:
        Re: redazione...

        Salvo l'ovvio errore di battitura mi pare
        tutto corretto, no?No.
        • Anonimo scrive:
          Re: redazione...
          Sarà un mW per s? Tipo il fratello sfigato del Kw per h?:)
          • Funz scrive:
            Re: redazione...
            - Scritto da:
            Sarà un mW per s? Tipo il fratello sfigato del Kw
            per
            h?
            Si ma scrivere 100 mWs ha piu' senso che scrivere 2.78e-5 KWh
          • Granzotto scrive:
            Re: redazione...
            - Scritto da: Funz
            Si ma scrivere 100 mWs ha piu' senso che scrivere
            2.78e-5 KWhSì, perchè i secondi fanno parte delle unità di misura per il tempo del Sistema Internazionale, mentre le ore no.In ogni caso, come anticipato nel mio post precedente, esiste una specifica unità di misura per indicare i "watt per secondo" e si chiama Joule. Nel tuo esempio sarebbe più corretto scrivere 100 mJ.
        • Granzotto scrive:
          Re: redazione...
          - Scritto da:


          Salvo l'ovvio errore di battitura mi pare

          tutto corretto, no?

          No.Io non pretendo di essere infallibile, ma se ci spieghi dove io o le redazione abbiamo sbagliato, forse acquisti un po' di credibilità, non ti pare?
      • Gusbertone scrive:
        Re: redazione...
        un milliwatt PER un secondo corrisponde ad un millijoule, è ben diverso, scrivere un milliwatt al secondo in questo contesto non vuol dire nulla, avrebbe senso, come unità, se volessi esprimere il tasso di variazione di potenza rispetto al tempo, ma non è questo il caso
      • Anonimo scrive:
        Re: redazione...

        ma vi rendete conto ... viene citata anche solo una unità di misura fate delle figuracce?Mi hai anticipato! :(Pensa che io ho riletto 3 volte la frase per capire che senso aveva questa unità di misura!Comunque per PI:W=J/sLa potenza (W) é il lavoro svolto (J) nell'unità di tempo (s).Fateci + attenzione, sbagliarne uno va bene, ma cannarli SEMPRE TUTTI é disumano.Ciao da Luca. O)
Chiudi i commenti