Candy Crush Saga, casual gaming in Borsa

Lo sviluppatore europeo King è pronto per la IPO: basterà il successo di Candy Crush Saga a convincere gli investitori?

Roma – I documenti sono stati depositati presso la Security Exchange Commission statunitense, dopo le indiscrezioni che aleggiano già da tempo : King Digital Entertainment, il publisher irlandese che ha raggiunto il successo con Candy Crush Saga, è pronto per mettersi in gioco in Borsa.

I numeri dello sviluppatore di casual game sono rilevanti: i profitti incassati lo scorso anno sono stati pari a 568 milioni di dollari su un fatturato di 1,88 miliardi di dollari, in netta crescita rispetto agli anni precedenti. Lo spartiacque del successo di King è rappresentato dal lancio di Candy Crush Saga, avvenuto nel 2012, prima per gli utenti di Facebook, poi per i gamer che si intrattengono con dispositivi Android e iOS. È così che le perdite accumulate nel 2011 sono state spazzate via come i dolcetti protagonisti del gioco: Candy Crush Saga, ai vertici delle classifiche di tutti i marketplace mobile grazie ad una rodata dinamica di gioco, conta su 93 milioni di gamer ogni giorno e vale il 78 per cento del fatturato di King.

Il publisher irlandese può contare su una piccola percentuale di gamer paganti: solo il 4 per cento di loro nel dicembre 2013 ha speso per acquistare contenuti aggiuntivi. King ammette dunque che il futuro è irto sia di opportunità che di pericoli, come dimostra la storia di Rovio, che su Angry Birds è riuscita a costruire un impero appoggiandosi anche a strategie che esulano dal mondo videoludico, e come dimostra la parabola di Zynga, che secondo gli analisti dopo la crisi sarebbe pronta a risollevarsi . Contare su pochi titoli che generano la gran parte del fatturato è un rischio e il semplice sviluppo di nuovi giochi potrebbe servire solo a raccogliere l’interesse di coloro che hanno spremuto fino alla noia i titoli precedenti: una tendenza che già sembra trasparire dai dati del 2013, il cui ultimo trimestre ha evidenziato un calo del fatturato .

Ma King, pronta per approdare allo New York Stock Exchange, confida nelle proprie strategie: per convincere gli investitori prevede non solo di moltiplicare il numero di giochi e di diversificare la propria offerta, ma anche di puntare su altre piattaforme e nuovi mercati.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    solo un altro tassello....
    solo un altro tassello alla lista "noi seguiamo solo terroristi stranieri". LOL.E un altro tassello alla lista "Noi USA/UK non abbiamo fatto di tutto per distruggere la vita di Assange per aver pubblicato collateral murder & altra roba di manning"
    • Leguleio scrive:
      Re: solo un altro tassello....

      E un altro tassello alla lista "Noi USA/UK non
      abbiamo fatto di tutto per distruggere la vita di
      Assange per aver pubblicato collateral murder &
      altra roba di
      manning"Guarda che hai letto male la notizia: la NSA spiava wikileaks per scoprire chi andava a leggere i documenti (e anche per sapere chi glieli aveva dati, questo non è detto ma è sottinteso).
      • bubba scrive:
        Re: solo un altro tassello....
        - Scritto da: Leguleio

        E un altro tassello alla lista "Noi USA/UK
        non

        abbiamo fatto di tutto per distruggere la
        vita
        di

        Assange per aver pubblicato collateral
        murder
        &

        altra roba di

        manning"

        Guarda che hai letto male la notizia: la NSA
        spiava wikileaks per scoprire chi andava a
        leggere i documenti (e anche per sapere chi
        glieli aveva dati, questo non è detto ma è
        sottinteso).mi sembra di averla letta bene... non vedo contraddizioni... https://firstlook.org/theintercept/article/2014/02/18/snowden-docs-reveal-covert-surveillance-and-pressure-tactics-aimed-at-wikileaks-and-its-supporters/
        • Leguleio scrive:
          Re: solo un altro tassello....



          E un altro tassello alla lista "Noi USA/UK

          non


          abbiamo fatto di tutto per distruggere la

          vita

          di


          Assange per aver pubblicato collateral

          murder

          &


          altra roba di


          manning"



          Guarda che hai letto male la notizia: la NSA

          spiava wikileaks per scoprire chi andava a

          leggere i documenti (e anche per sapere chi

          glieli aveva dati, questo non è detto ma è

          sottinteso).
          mi sembra di averla letta bene... non vedo
          contraddizioni...
          https://firstlook.org/theintercept/article/2014/02Attenzione, io mi riferisco all'articolo di PI.Mi riservo di controllare se i link ai documenti di quell'articolo dicono davvero ciò che The intercept, la rivista fondata da un ex di eBay, gli fa dire, ma mi ci vuole un po' di tempo.
          • bubba scrive:
            Re: solo un altro tassello....
            - Scritto da: Leguleio



            E un altro tassello alla lista
            "Noi
            USA/UK


            non



            abbiamo fatto di tutto per
            distruggere
            la


            vita


            di



            Assange per aver pubblicato
            collateral


            murder


            &



            altra roba di



            manning"





            Guarda che hai letto male la notizia:
            la
            NSA


            spiava wikileaks per scoprire chi
            andava
            a


            leggere i documenti (e anche per sapere
            chi


            glieli aveva dati, questo non è detto
            ma
            è


            sottinteso).


            mi sembra di averla letta bene... non vedo

            contraddizioni...


            https://firstlook.org/theintercept/article/2014/02

            Attenzione, io mi riferisco all'articolo di PI.Su PI e' iperriassunto, la' c'e' anche una parte storico-cronologica e le slides.. ma quando dicevo 'non vedo contraddizioni' (rispetto al mio commento iniziale, e bacchettato inutilmente dal tuo hai letto male la notizia) mi riferivo ANCHE a quello che hai detto tu dopo.Spiare le attivita' correlate a wikileaks, facendo uso dei "soliti" 5 eyes (che dovrebbero operare contro il terrorismo yaddayadda), e' solo un altro tassello nel grosso puzzle di stalking contro assange e wikileaks (che nella frase identificavo implicitamente come una cosa sola)
          • Leguleio scrive:
            Re: solo un altro tassello....

            Spiare le attivita' correlate a wikileaks,
            facendo uso dei "soliti" 5 eyes (che dovrebbero
            operare contro il terrorismo yaddayadda), e' solo
            un altro tassello nel grosso puzzle di stalking
            contro assange e wikileaks (che nella frase
            identificavo implicitamente come una cosa
            sola)Se il sito di wikileaks fosse l'unico interessato da queste attività, potrei anche darto ragione. Di fatto la NSA e il suo omologo britannico GCHQ spiavano <B
            tutto </B
            , centinaia di migliaia di siti. Oggi veniamo a sapere di wikileaks, domani ne verrà svelato un altro.E non mi pare che Wikileaks fosse in cima alla lista come fonte di informazioni particolarmente interessanti per i due governi. Non mi stupisce: non è un sito in cui i terroristi che vogliono operare negli Usa o in Gran Bretagna vanno a informarsi, oppure a cercare adepti.
          • Saluta Melo scrive:
            Re: solo un altro tassello....
            - Scritto da: Leguleio
            Se il sito di wikileaks fosse l'unico interessato
            da queste attività, potrei anche darto ragione.In its PowerPoint presentation, GCHQ identifies its target only as wikileaks. Da link citato...
          • Leguleio scrive:
            Re: solo un altro tassello....
            - Scritto da: Saluta Melo
            - Scritto da: Leguleio

            Se il sito di wikileaks fosse l'unico
            interessato

            da queste attività, potrei anche darto ragione.

            In its PowerPoint presentation, GCHQ identifies
            its target only as wikileaks.


            Da link citato...Non l'ho capita... Come dovrebbe chiamarlo? Peppe?
Chiudi i commenti