Ruby entra in Microsoft.NET

Microsoft ha rilasciato una implementazione del noto linguaggio di scripting open source, che può essere utilizzato per scrivere applicazioni MS.NET e, in futuro, Silverlight

Las Vegas (USA) – Dopo Python, Microsoft ha aggiunto alla propria piattaforma MS.NET il supporto ad un altro celebre linguaggio di scripting open source: Ruby. La nuova implementazione del linguaggio, chiamata IronRuby, gira sulla Common Language Runtime (CLR) per mezzo del Dynamic Languages Runtime ( DLR ), pubblicato recentemente da Microsoft sotto una licenza Shared Source.

Come IronPython, rilasciato lo scorso settembre , IronRuby adotta la licenza Microsoft Permissive License (MS-PL), che consente di modificare e ridistribuire il codice sorgente.

Come parte del CLR, IronRuby potrà essere utilizzato al pari di IronPython, C#, Visual Basic e JavaScript per scrivere applicazioni basate su Silverlight , la tecnologia con la quale Microsoft si prepara a lanciare la sfida ad Adobe Flash. Una beta di Silverlight è stata rilasciata negli scorsi giorni insieme ad una alpha della futura release 1.1, la prima a supportare MS.NET Framework.

Nel frattempo BigM continua a lavorare con Zend Technologies allo sviluppo di un port di PHP per MS.NET.

Una sintesi delle novità annunciate da Microsoft nel corso della conferenza MIX07 di Las Vegas si trova qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    A QUANDO MAC OSX N Edition?
    Eh si, perché se Microsoft non può fornire in dotazione con Windows il SUO mediaplayer, non si capisce perché APPLE possa fornire invece Quicktime come e quando vogliono (ma la cosa si può estendere anche a garageband, iphoto, iDVD, ecc..., ottimi prodotti senza dubbio ma che minano fortemente la concorrenza, specie nel settore niubbo e amatoriale (90% Utenti IT)).2 pesi e 2 misure?Se vale per Microsoft deve valere pure per OSX e per quei 4 gatti che ancora usano linux. O no?
    • Anonimo scrive:
      Re: A QUANDO MAC OSX N Edition?
      - Scritto da:
      Eh si, perché se Microsoft non può fornire in
      dotazione con Windows il SUO mediaplayer, non si
      capisce perché APPLE possa fornire invece
      Quicktime come e quando vogliono (ma la cosa si
      può estendere anche a garageband, iphoto, iDVD,
      ecc..., ottimi prodotti senza dubbio ma che
      minano fortemente la concorrenza, specie nel
      settore niubbo e amatoriale (90% Utenti
      IT)).

      2 pesi e 2 misure?

      Se vale per Microsoft deve valere pure per OSX e
      per quei 4 gatti che ancora usano linux. O
      no?
      No. Perchè la Apple sui SUOI computer installa quello che vuole.Microsoft invece è un monopolio che OBBLIGA i produttori di hardware di installare e vendere i suoi prodotti.SE COMPRI UN PC DELL/HP SEI OBBLIGATO A PRENDERTI WINDOWS.Se compri un Mac è perchè VUOI un Mac con tutto il software che porta in dote.
  • Anonimo scrive:
    Si, il mac è sicuro.
    tutte le volte che ci sono entrati o hanno fatto qualcosa, erano in locale...
  • Anonimo scrive:
    Ma il Mac non era sicuro?
    Ma il Mac non era sicuro?
  • Anonimo scrive:
    La licenza rimane?
    ho appena reinstallato il tigre, ma gli aggiornamenti software dicono che bisogna aggiornare quicktime, ok, ma nella spiegazione dice che poi devo rinnovare la licenza, più precisamente "acquistare" una nuova licenza, e' veramente così?se continuano così ci provo ubuntu.
    • jackoverfull scrive:
      Re: La licenza rimane?
      - Scritto da:
      ho appena reinstallato il tigre, ma gli
      aggiornamenti software dicono che bisogna
      aggiornare quicktime, ok, ma nella spiegazione
      dice che poi devo rinnovare la licenza, più
      precisamente "acquistare" una nuova licenza, e'
      veramente
      così?
      se continuano così ci provo ubuntu.no, riguarda solo gli utenti di os x 10.3.9 che hanno acquistato quicktime 6 pro.
    • Anonimo scrive:
      Re: La licenza rimane?
      Se hai QuickTime Pro 6 (o precedenti) devi riacquistare la licenza. Se hai la Pro 7 no.Sempre e solo versioni Pro antecedenti la 7
  • Anonimo scrive:
    Remote code execution
    Ahi ahi ahi, cominciano ad arrivare copiosi anche dalle parti della mela... preparate gli antivirus!
    • Anonimo scrive:
      Re: Remote code execution
      - Scritto da:
      Ahi ahi ahi, cominciano ad arrivare copiosi anche
      dalle parti della mela... preparate gli
      antivirus!ha ha ha (troll)
      • Anonimo scrive:
        Re: Remote code execution
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Ahi ahi ahi, cominciano ad arrivare copiosi
        anche

        dalle parti della mela... preparate gli

        antivirus!

        ha ha ha (troll)Preparate prima i virus.
        • FDG scrive:
          Re: Remote code execution
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da:


          preparate gli antivirus!



          ha ha ha (troll)

          Preparate prima i virus.Se ce la fate in tre giorni.
  • Anonimo scrive:
    Chissà quando---
    Punto informatico imparerà che QuickTime per Mac non è ul media player, bensì una micro-architettura software che fa parte del sistema operativo?Questa non è pignoleria, ma scrivere per scrivere non fa scrivere al quadrato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Chissà quando---
      ... come cercare l'ago nel pagliaio per spaccare in 4 il pelo nell'uovo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Chissà quando---
      Quindi vuol dire che QuickTime non si può togliere dal sistema operativo?? Roba da antitrust...- Scritto da:
      Punto informatico imparerà che QuickTime per Mac
      non è ul media player, bensì una
      micro-architettura software che fa parte del
      sistema
      operativo?

      Questa non è pignoleria, ma scrivere per scrivere
      non fa scrivere al
      quadrato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chissà quando---
        sarebbe anche da antitrust l'interfaccia grafica, dato che un umano qualunque non può scegliere cosa usare... molte cose fanno parte degli os e non puoi cambiarle... l'unico os che non fa questo è linux o suoi simili.se l'antitrust dovesse intervenire su tutto sarebbe la morte degli os commerciali credo.magari ho detto delle cazzate... ma mi è venuto da pensare questo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chissà quando---
        lo disinstalli ed è finita li....
      • Anonimo scrive:
        Re: Chissà quando---
        - Scritto da:
        Quindi vuol dire che QuickTime non si può
        togliere dal sistema operativo?? Roba da
        antitrust...
        Eccolo il flamer.Se QuickTIme è il motore video di un sistema, come pensi di toglierlo, e perché poi?Per caso pensi che i pistoni di un motore si possano togliere e pensare che il tutto funzioni ancora?
    • Anonimo scrive:
      Re: Chissà quando---
      QuickTime è una schifezza!
    • Anonimo scrive:
      Re: Chissà quando---
      - Scritto da:
      Punto informatico imparerà che QuickTime per Mac
      non è ul media player, bensì una
      micro-architettura software che fa parte del
      sistema
      operativo?Carissimo utente fedele di PI, data la gravità dei fatti e dato l'arroganza con cui hai rivolto i tuoi insulti, siamo costretti a sospenderti per 1 mese.Cordiali SalutiLa redazione di Punto Informatico
  • Anonimo scrive:
    e se le poste funzionassero...
    invece di buttare via soldi in premi inutili?Nel mio paese, a Peschiera del Garda (VR) non ci sono più postini disposti a lavorare! La posta rimane accatastata già da 2 settimane!!!!Non viene più consegnata!Io credevo queste cose accdessero solo nelle storie di Topolino....
    • Anonimo scrive:
      Re: e se le poste funzionassero...
      - Scritto da:
      invece di buttare via soldi in premi inutili?

      Nel mio paese, a Peschiera del Garda (VR) non ci
      sono più postini disposti a lavorare! La posta
      rimane accatastata già da 2
      settimane!!!!
      Non viene più consegnata!

      Io credevo queste cose accdessero solo nelle
      storie di
      Topolino....beh, l'Italia è spesso come una favola, tutto è possibile...
  • Anonimo scrive:
    Ridicoli!
    Si autoincensano tra loro.Il gossip impazza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ridicoli!
      E' il secondo anno che Postecom, la società del Gruppo Poste Italiane,sponsorizza il premio e-Gov.E' un'ottima iniziativa premiare quelle Pubbliche Amministrazioni che si impegnano al fine di offrire più servizi e sopratutto servizi innovativi ai propri cittadini.I servizi on line aiutano a snellire procedure lente e macchinose e permettono ai cittadini di poterne usufruire direttamente da casa.Ridicoli sono coloro che sminuiscono questi sforzi di modernizzazione e di miglioramento.Io utilizzo molti servizi on line e penso anche a coloro che per necessità li utilizzano magari perchè costretti da problemi fisici.Bisogna continuare su questa strada e combattere il digital divide.saluti
  • Anonimo scrive:
    AHAHAHAHAHA
    CHe stronzata..... :)
Chiudi i commenti