Telefonia fissa, chi compete con Telecom?

L'Autorità TLC si muove per studiare a fondo le dinamiche del mercato che rendono Telecom Italia ancora troppo dominante in uno specifico settore della telefonia. E chiede una mano agli operatori


Napoli – Gli operatori di telefonia nelle prossime settimane sottoporranno all’ Autorità garante delle TLC le proprie considerazioni su un provvedimento importante della stessa Authority, perché riguarda un mercato del quale, secondo le analisi preliminari dell’Agcom, Telecom Italia detiene ancora quote decisamente significative.

Nella sua analisi, l’Autorità ha stabilito che il mercato delle linee affittate al dettaglio, di cui alla consultazione pubblica decisa dall’Agcom, è in parte ancora bloccato. Il riferimento specifico è ai circuiti digitali ed analogici con capacità fino a 155 Mbits. Si parla dunque dei servizi di chiamata locali e nazionali, residenziali e non, e di quelli per le chiamate da fisso a mobile.

“Tale mercato – spiega l’Authority – presenta un livello di competizione ancora insufficiente e Telecom Italia, in quanto soggetto detentore di una posizione dominante – in base ai livelli delle sue quote di mercato e agli altri indici di dominanza – risulta essere unico operatore notificato”.

Tutto cambia sopra i 155 Mbits. Per le capacità superiori a quella portata, infatti, sono stati rimossi gli obblighi regolamentari. Si sta parlando in pratica delle linee affittate ad alta velocità “dove si è riscontrata un’adeguata dinamica concorrenziale”.

Come rimedio contro questa situazione, l’Autorità ha stabilito un vincolo di price cap pari al tasso di inflazione meno il 7% di recupero di efficienza (per le velocità fino ai 2 Mbits) e un vincolo pari al tasso di inflazione meno il 5,25% di recupero di efficienza per le velocità superiori a 2 Mbits.

“Tutti gli altri obblighi – spiega l’Authority – quali in particolare gli obblighi di trasparenza (pubblicazione dell’offerta, comunicazioni all’Autorità) e di non discriminazione tra i clienti finali valgono allo stesso modo per entrambi i segmenti di mercato individuati”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Le hai votate
    ogni volta che hai comprato un pc conwin pre-installato (ovvero pre-pagato)e questo e' un voto che contaidem per i prodotti philips & company
  • Mokambo scrive:
    Re: Proposta
    - Scritto da: Anonimo[...]

    Credo che questo tipo di brevetto non
    sarebbe compatibile coi trattati del World
    Trade Organization: non è possibile
    applicare norme che creano discriminazioni
    tra stati che hanno aderito al WTO.Di contro, a mio parere, la forma "classica" di brevetto arriverebbe a creare comunque discriminazioni a livello più capillare, di tessuto sociale.Non sarebbero discriminazioni tra stati, ma sempre di discriminazione si parla. Allora i brevetti e il WTO sono come al solito gli ingredienti delle ricette dei potenti?Ma un mercato vero deve essere liberale, non monopolizzato, per poter respirare e vivere. Così gli U$A continuerebbero a farla da padrone. Magari sbaglio, ma questa è la mia impressione.
  • Mokambo scrive:
    Re: Proposta
    - Scritto da: Anonimo[...]

    La tua idea è comparabile alle teorie
    mercantilistiche, dove i prodotti propri
    vengono avantaggiati rispetto agli esteri.
    Se non sbaglio l'inasprimento delle
    regolamentazioni verso gli altri stati
    portò ad una guerra fra Olanda ed
    Inghilterra (quattro-cinquecento anni fa).
    GrieverMa che razza di confronti fai? Ma ti pare che il mondo di oggi sia lo stesso di mezzo millennio fa?Inasprimento delle regole?Non si parla di inasprire regole, ma di creare un patrimonio informatico che non sia dominato sempre dagli U$A, e secondo me l'UE può farlo, con regole che esistono da sempre (brevetti) negli ambiti più vari.Cosa c'è di sbagliato nel voler tutelare il proprio lavoro, costato magari anni, soldi, fatiche e sacrifici, da chi vuole trarne profitto semplicemente COPIANDOLO.Il brevetto non è un male in sè. Sono d'accordo che se ne viene fatto un uso spropositato ed insensato allora sì fa più male che bene, ma questa formula non vale forse per qualunque cosa?
  • Anonimo scrive:
    Aggiornamenti dopo qualche giorno
    cosa ha contribuito alla spinta Olandese di accelerare l'approvazione:Il ministro o ministero Olandesi che stava per procedere all'approvazione avevano gia' proceduto nell'approvazione a Maggio pur senza conoscere la materia di cui si parla, si trattava quindi di mantenere quella linea per non essere accusati di essersi sbagliati.La spinta arrivo' probabilmente gia' a Maggio dalla Philips soprattutto per le minacce che questa aveva mosso di "lasciare a casa molti dipendenti" nel caso non fosse approvata.Al momento non ho informazioni di altre spinte verso quella direzione, mentre e' noto che durante la presidenza Irlandese la spinta arrivo' da Microsoft che gia' da molto tempo prima aveva provveduto ad "attrezzare" tutta la sezione informatica della PA probabilmente applicando una serie di agevolazioni, era anche questa una mossa preparata da tempo.Altre cose ho trovato interessanti, in particolare una discussione purtroppo senza molti riferimenti riguardanti chi scrisse la prima versione della legge; chi scriveva sostenne che si e' riusciti ad aggirare una serie di regole sulla composizione dei membri che hanno scritto il testo della legge iniziale, si accenna appena ad un paio di loro ma si sotiene che quasi l'intera commissione era composta di persone che per interesse diretto o perche' coinvolti erano interessati a produrre una legge su stile americano (in realta' la versione Europea e' nata ed e' attualmente in una versione ancora peggiore della corrispondente degli US , probabilmente per limitare l'effetto di alleggerimento a cui sarebbe sottoposta durante il recepimento delle singole nazioni).Non ho trovato quasi nulla in proposito a quello che e' stato riportato in questa discussione ma visto lo svolgersi degli eventi assumo che si avvicini parecchio alla situazione reale.L'accanimento dei grossi americani sulla brevettabilita' in Europa ha dei motivi fondati che ho compreso leggendo un'altra notizia secondo cui in seguito alla mancata approvazione di qualche giorno fa la Federal Trade Commission For The Consumer d'oltreoceano sponsorizzera' una serie di incontri inizialmente per febbraio e marzo dedicati ad una eventuale riforma del sistema di brevettazione americano.cosa significa? significa che se in Europa la legge sui brevetti verra' definitivamente affossata (ricordo che se ne discute dal 1980) oppure sara' approvata emendata in maniera simile alla versione che ne usci' lo scorso Febbraio (correggetemi se sbaglio), l'america rimettera' mano al loro sistema di brevetti per riformarlo.Potete immaginare quanto sia alta la posta in gioco per le grosse multinazionali e quindi sara' importantissimo per loro far si che la versione europea venga approvata, questo spiega anche l'assalto mediatico documentato su http://kwiki.ffii.org/SwpatcninoEn dove vediamo un'improvvisa levata di scudi a favere dei brevetti come mai s'era vista prima , comparsa appena dopo 2 giorni dal rinvio a opera della Polonia.Dobbiamo aspettarci probabilmente pressioni molto forti e minacce da fine del mondo nei prossimi mesi affinche' la legge sia approvata, come andra' avanti questa storia con la presidenza di turno del Lussemburgo? I due precedenti quali Irlanda e Olanda sono stati decisamente negativi, ora cercando a ritroso sulle posizioni del Lussemburgo non ho trovato molto in proposito della loro posizione se non che ci fu un altro tentativo di fare passare la stessa legge in A-Item durante il periodo di presidenza Irlandese e che in quell'occasione il Lussemburgo si oppose: non sono a conoscenza se in quel momento durante quel tentativo la legge era in versione emendata (quella che ci dovrebbe andare bene), o in versione attuale dove gli emendamenti sono stati rimossi in blocco (la versione suicida in sostanza).
  • Sky scrive:
    Re: Incredibile!
    Scusate entrambi ma... credete che noi si stia qui a "battere le mani" perchè abbiamo freddo?E' (o mi pare) piuttosto ovvio che Marcinski ha fatto quello che ha fatto per i "suoi interessi" (quelli polacchi, presumo, dato che è sul loro libro-paga)... come è altrettanto ovvio che noi stiamo qui a fare i nostri (italiani, ecc. ecc. fino, spero, ad "europei", che non ci starebbe male).Non ci vedo nulla di strano in questa "convergenza".Se poi (buona) parte di quel che ha fatto è dovuto ad una sua conoscenza e sensibilità verso l'argomento ancora meglio (tralascerei di parlare di "conoscenza" e "sensibilità" riferite ai nostri politici a Bruxelles).Quello che mi piace poco, piuttosto, è che altri (europei) stiano aprendo le porte d'europa al cavallo di Troia statunitense (e giapponese):?time danaos et dona ferentes?... se passa questa modifica le nostre aziende non saranno più in grado nemmeno di soffiarsi il naso senza dover pagare una qualche royalty ad aziende "extracomunitarie" (oppure dovranno far fronte alle numerose cause di "legolandia").
  • Anonimo scrive:
    Babbo Natale esiste...
    ...e abita in Polonia!:DSono troppo felice per il gesto epico del ministro Polacco. :)...e allo stesso tempo raggelato dal comportamento di tutti gli altri ministri. :|E' soltanto una battaglia vinta inaspettatamente sul filo di lana... ma ci dimostra che ce la possiamo fare anche contro le corporations.Buone Feste!:)
  • Gatto Selvaggio scrive:
    Re: L'uomo giusto al posto giusto

    Studied mathematics at the Warsaw University
    and graduated from the Warsaw School of
    Economies (Organisation of IT Projects).
    Long associated with the Institute of
    Mathematical Machines in Warsaw. In
    1973-1985 he was programmer, project
    manager, computer system analyst, author of
    plenty of computer applications mainly in
    economy and state administration. Talvolta, per una bizzarria statistica, accade.Mi unisco agli osanna.
  • Anonimo scrive:
    Re: Incredibile!
    - Scritto da: Alex¸tg
    E` impressionante:
    c'e` qualcuno che disobbedisce?

    M'e` venuto un sorriso a 58 denti quando ho
    letto 'sta notizia! Scusa Alex, già ti ho risposto in un altro tuo intervento, e sinceramente dopo aver capito (penso!!) le tue idee politiche mi è venuta una curiosità che spero tu possa togliermi: ma quanti anni hai?!? O sei fortunatamente ( di questi tempi!!) affetto da una pesante forma di ingenuità?Ma quale disubbidienza!! Ha seguito gli ordini o la politica di chi gli sta sopra e che per la forza del calcolo delle probabilità si è rivelata una politica di buon senso e sensibile agli interessi della sua nazione.Vedrai, non c'è niente di più facile che alla prima occasione rimarremo ( rimarrete!) tutti delusi dal grande ministro e dalla polonia.Lele
    • Anonimo scrive:
      Re: Incredibile!
      - Scritto da: Anonimo
      Scusa Alex, già ti ho risposto in un
      altro tuo intervento, e
      sinceramente dopo aver capito (penso!!) le
      tue idee politiche mi è venuta unaHmm... occhio che io non ho idee politiche chiaramente schierate da qualche parte, e se sono schierate allora non so da che parte. Cerco candidamente di valutare quel che mi sembra giusto o no, volta per volta... in effetti posso avere delle vaghe intuizioni in proposito a come lavora la politica, ma dato che non l'ho mai seguita da vicino in definitiva sono politicamente un ingenuo. :)
      curiosità che spero tu possa
      togliermi: ma quanti anni hai?!? 29 anni, meno 8 giorni.(edit: fra l'altro bastava guardare il mio profilo)
      O sei fortunatamente ( di questi tempi!!)
      affetto da una pesante forma di
      ingenuità?Eh! si` :DGiuro che l'ho ammesso prima di leggere questa parte!
      Ma quale disubbidienza!! Ha seguito gli
      ordini o la politica di chi gli sta sopra e
      che per la forza del calcolo delle
      probabilità si è rivelata una
      politica di buon senso e sensibile agli
      interessi della sua nazione.Be', qualunque cosa dica di relativo alla politica (infatti non ne parlo mai intenzionalmente) e` soggetta al "disclaimer" della mia intrinseca ignoranza in materia. Pero`... quindi in nessun modo potrebbe essere stato un intervento autorizzato da un'analisi degli interessi nello sviluppo del settore informatico, piuttosto che dal caso?Cioe`, non e` che anch'io sia cosi` ingenuo da non aspettarmi una possibilita` del genere, ma di certo lo sono al punto di non considerarla matematicamente certa... io dico che il loro ministro, visto il suo passato di addetto ai lavori, si e` voluto far sentire e basta contro quella che considerava una strepitosa c@zzata. :$ps. magari quando torna gli fanno un mazzo cosi`, ma intanto ci ha salvato la giornata... :D==================================Modificato dall'autore il 22/12/2004 20.18.37==================================Modificato dall'autore il 22/12/2004 20.19.51
  • Sky scrive:
    Re: Firmiamo il GRAZIE alla Polonia!!!
    Fatto, e con molto piacere.
  • Anonimo scrive:
    Re: Firmiamo il GRAZIE alla Polonia!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Andiamo TUTTI a sottoscrivere questo sito
    per ringraziare la Polonia del suo
    coraggioso intervento:
    thankpoland.info Fatto.Buone feste a tutti
  • Anonimo scrive:
    siamo tutti polacchi
    (linux)
  • Anonimo scrive:
    E la serieta' ?????
    I ministri dell'AGRICOLTURA fanno passere la legge sui brevetti software. Mi sembra che nella UE non ci sia piu' nessuna serieta' neanche di facciata.E forse i ministri dell'innovazione tecnologica discuteranno la faccenda delle quote latte.
  • Anonimo scrive:
    Re: Firmiamo il GRAZIE alla Polonia!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Andiamo TUTTI a sottoscrivere questo sito
    per ringraziare la Polonia del suo
    coraggioso intervento:
    thankpoland.info Fatto anche io :)
  • Anonimo scrive:
    Il problema non è l'Olanda.
    Il problema grosso sono 'ste leggi europee che per certe cosepretendono l'unanimità, a rischio di paralisi e a certezza di compromessi e papocchi e per certe altre cose invece consentono di scavalcare l'europarlamento.
    • Anonimo scrive:
      Re: Il problema non è l'Olanda.
      - Scritto da: Anonimo
      Il problema grosso sono 'ste leggi europee
      che per certe cose
      pretendono l'unanimità, a rischio di
      paralisi e a certezza di compromessi e
      papocchi e per certe altre cose invece
      consentono di scavalcare l'europarlamento.Nel dire questo porti avanti l'errore di fondo che sta alla base dell'impostazione legislativa europea ossia l'impostazione burocratica: basta una buona legislazione perché tutto vada bene.E se non va bene? Colpa delle leggi.Bel risultato no? Adesso la gente non se la prende neanche più con i politici che si fanno manifestamente gli affari propri.Perché il ns. ministro, prima ancora che la presidenza olandese, non ha mosso un dito? Non è forse responsabile di quanto non ha fatto?Nessun sistema legislativo potrà mai arginare la mancanza di buon senso e buona volonta, o presenza di malafede, dei politici. E' di questo che ci dobbiamo occupare, ed e per questo che ci dobbiamo arrabbiare.Se invece ci fosse buon senso e buona volontà le cose funzionerebbero anche con una cattiva legislazione.Però visto come stanno le cose, quasi quasi vado a fare il politico: soldi, potere, impunità e poi divertimento garantito:se un politico svende gli interessi del proprio paesecon conseguente impoverimento della gente nessuno dice niente, ma se un ladro ruba un oggetto personale, anche di scarso valore, è la fine del mondo. Non è divertente tutto ciò?
      • Anonimo scrive:
        Re: Il problema non è l'Olanda.
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Il problema grosso sono 'ste leggi
        europee

        che per certe cose

        pretendono l'unanimità, a
        rischio di

        paralisi e a certezza di compromessi e

        papocchi e per certe altre cose invece

        consentono di scavalcare
        l'europarlamento.

        Nel dire questo porti avanti l'errore di
        fondo che sta alla base dell'impostazione
        legislativa europea ossia l'impostazione
        burocratica: basta una buona legislazione
        perché tutto vada bene.
        E se non va bene? Colpa delle leggi.Assolutamente no, una buona legge non basta, ma qui parliamo di leggi assurde e cambiarle sarebbe pur sempre un inizio. Ma hai perfettamente ragione che è necessario avere politici più onesti, preparati e di buona volontà anche per cambiare le leggi.
        Bel risultato no? Adesso la gente non se la
        prende neanche più con i politici che
        si fanno manifestamente gli affari propri.
        Perché il ns. ministro, prima ancora
        che la presidenza olandese, non ha mosso un
        dito? Non è forse responsabile di
        quanto non ha fatto?Considerato che nel primo round sui brevetti si è comportato bene, attenderei la fine dei giochi per dare un giudizio definitivo, ma è ovvio che il mondo del SW libero italiano deve far pressione su di lui per evitare che perda di vista la questione o che prevalgano le pressioni di cattivi consiglieri.
        Nessun sistema legislativo potrà mai
        arginare la mancanza di buon senso e buona
        volonta, o presenza di malafede, dei
        politici. E' di questo che ci dobbiamo
        occupare, ed e per questo che ci dobbiamo
        arrabbiare.Qui sono d'accordo
        Se invece ci fosse buon senso e buona
        volontà le cose funzionerebbero anche
        con una cattiva legislazione.
        Qui non sono affatto d'accordo, con cattive leggi e politici e giudici "mediamente buoni" si sta "mediamente bene", ma immancabilmente capita il giudice o il politico che con una legge cattiva stritolano qualche poveraccio, tanto la statistica non viene rovinata.Ci teniamo la legge Urbani perché speriamo che il 99% della popolazione, giudici compresi, sia più intelligente dell'autore del pastrocchio e dia un'interpretazione accettabile di una legge obbrobriosa? Ma quell'1% di giudici meno intelligenti dello sclerotico riuscirà comunque a creare il caos con quella legge.Ci teniamo una legge sulla fecondazione assistita demenziale?Quanti casini hanno fatto giudici bacchettoni, mediocri ed esibizionisti con la nostra vaga e fetente legge sul comune senso del pudore?
  • iced scrive:
    Ma la Polonia che ci guadagna?
    Siamo sicuri che il buon ministro polacco l'abbia fatto per la Causa? Non è che stanno barattando il loro assenso con qualche altro "favore". Qualcuno sa se M$ sta aprendo una filiale in Polonia??
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la Polonia che ci guadagna?
      No, credo che sia un genuino atto di eroismo.Ogni tanto possono ancora succedere, per nostra fortuna.Ho letto il curriculum del ministro in questione, in un post precedente, ed e` primariamente un programmatore. Non mi stupisco che abbia fatto tutto il possibile per fermare questo golpe. Perche` di un tentativo di golpe si e` trattato, che avrebbe voluto compiersi di soppiatto e piu` in fretta possibile. C'e` poco da dire per giustificare tutta questa fretta...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma la Polonia che ci guadagna?
        - Scritto da: Alex¸tg
        No, credo che sia un genuino atto di eroismo.
        Ogni tanto possono ancora succedere, per
        nostra fortuna.
        Ho letto il curriculum del ministro in
        questione, in un post precedente, ed e`
        primariamente un programmatore. Non mi
        stupisco che abbia fatto tutto il possibile
        per fermare questo golpe. Perche` di un
        tentativo di golpe si e` trattato, che
        avrebbe voluto compiersi di soppiatto e piu`
        in fretta possibile. C'e` poco da dire per
        giustificare tutta questa fretta... Beato te che ci credi!!! Ma secondo te, di questi tempi, un ministro prende decisioni autonomamente senza consultarsi con i colleghi e il premier solo perchè programmatore e favorevole alla "libertà digitale"!! E' ovvio che ha seguito una linea politica che in questo caso, PER I LORO INTERESSI, andava verso quella direzione!!Lele
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la Polonia che ci guadagna?
      - Scritto da: iced
      Ma la Polonia che ci guadagna?Bisognerebbe chiedere la stessa cosa all'Olanda...-- Saluti, Kap
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma la Polonia che ci guadagna?
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: iced

        Ma la Polonia che ci guadagna?

        Bisognerebbe chiedere la stessa cosa
        all'Olanda...

        --
        Saluti, KapVeramente io lo chiederei prima al ns. ministro, che da bravo italiano non ha mosso un dito.Perché non si è opposto come ha fatto il ministro polacco?Almeno avesse il coraggio di dire che se ne strafrega del bene del popolo italiano e dei piccoli imprenditori e che si fa gli affari suoi ovvero delle lobbie che lo sostengono.
        • Sky scrive:
          Re: Ma la Polonia che ci guadagna?
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: iced


          Ma la Polonia che ci guadagna?

          Bisognerebbe chiedere la stessa cosa

          all'Olanda...

          Saluti, Kap
          Veramente io lo chiederei prima al ns.
          ministro, che da bravo italiano non ha mosso
          un dito.
          Perché non si è opposto come
          ha fatto il ministro polacco?
          Almeno avesse il coraggio di dire che se ne
          strafrega del bene del popolo italiano e dei
          piccoli imprenditori e che si fa gli affari
          suoi ovvero delle lobbie che lo sostengono. Le lobbye(s) che lo sostengono.... ma LOL!!! Una in particolare... ed ha i suoi maggiori rappresentanti (anzi... proprietari) proprio nel nostro Governo. ;) Alla faccia del conflitto d'interessi... cioè... il nostro ministro se n'è stato zitto (fingendosi "contro") e sperando che nella riunione per decidere la lunghezza delle carote (che è importante, come vedremo poi!) passasse anche quella sui brevetti del software... mica male no? due vantaggi al prezzo di uno. :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma la Polonia che ci guadagna?
            [snip]
            e sperando che nella riunione per decidere
            la lunghezza delle carote (che è
            importante, come vedremo poi!) passasse
            anche quella sui brevetti del software...
            mica male no? due vantaggi al prezzo di uno.
            :DAnche io mi scompisciavo sapendo quelli della UE intenti a stabilire la lunghezza dei fagiolini o il diametro dei ravanelli... poi ho saputo perchè lo fanno... :@Lo fanno per favorire determinati produttori!Inoltre i piccoli agricoltori non riescono a garantire il rispetto di quei parametri a tutto vantaggio delle grosse aziende.Alla UE ci vuole una bella iniezione di democrazia...:
  • Sandro kensan scrive:
    Ministero polacco, link
    Altri link:http://www.informatyzacja.gov.pl/en/index.htmlSe notate c'è in home un rimando all'open source software.
  • Anonimo scrive:
    chi trova la sua email?
    direi che sarebbe giusto "bombardarlo" di email con mille complimenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: chi trova la sua email?
      qui trovi molte informazioni, email compresa, su questo MITICO:http://www.emcis2004.hu/dokk/main/emc/conference/proceedings/cv/w_marcinski.htmlciaoMarco
      • Sandro kensan scrive:
        Re: chi trova la sua email?
        - Scritto da: Anonimo
        qui trovi molte informazioni, email
        compresa, su questo MITICO:

        www.emcis2004.hu/dokk/main/emc/conference/proMi pare che il sito e l'email che dai tu sia ungherese, il sottosegretario è invece polacco...
      • Anonimo scrive:
        Re: chi trova la sua email?
        ehm.. no, l'email e' della conferenza dove il polacco ha partecipato :-Pper un attimo, vista la similitudine col suo nome lo ho creduto pure io, ma se guardi il nome della conferenza, e soprattutto noti che hu sta per ungheria, sveli l'arcano.
    • Anonimo scrive:
      Re: chi trova la sua email?
      io ho mandato i ringraziamenti il giorno stesso al dipartimento "for information technolgoy" dpi@mnii.gov.plSpero sia giusto...salutiMarco Menardi
  • Anonimo scrive:
    Re: Firmiamo il GRAZIE alla Polonia!!!
    fatto !
  • Anonimo scrive:
    montecassino
    w i nipoti dei polacchi morti a montecassino!(in italia durante la ww2)
  • Anonimo scrive:
    Re: Firmiamo il GRAZIE alla Polonia!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Andiamo TUTTI a sottoscrivere questo sito
    per ringraziare la Polonia del suo
    coraggioso intervento:
    thankpoland.infoFatto. Io ho anche mandato un fax personale di ringraziamento all'ambasciata polacca in Italia (indirizzi e numeri su http://www.ambasciatapolonia.it/Files/Ambasciata/Indirizzi.htm).
  • Marlenus scrive:
    Critici anche negli USA
    Mentre i blitz olandesi vengono fermati solo da un benemerito dell'unione, i blitz riusciti degli Stati Uniti vengono discussi e smontati da ricercatori seri.Per chi mastica l'inglese, suggerisco:Adam B. Jaffe, Josh Lerner Innovation and Its Discontents: How Our Broken Patent System is Endangering Innovation and ProgressPrinceton University PressUn piccolo estratto lo trovate quì:http://hbswk.hbs.edu/item_sidebar.jhtml?id=4548e sempre nel sito della Harvard Business School trovate anche una presentazione del libro:http://hbswk.hbs.edu/item.jhtml?id=4548&t=finance&nl=y
  • Anonimo scrive:
    Fuori l'Olanda dall'Europa!!
    Olandesi skifosisicuramente qualche riccone americano gli ha regalato kili e kili di droghe sintetiche per convincerli a votare i brevetti software.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fuori l'Olanda dall'Europa!!
      bene bravo 7 + ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Fuori l'Olanda dall'Europa!!
      Qui invece c'e' ancora da preoccuparsi invece; sia dalla presidenza Irlandese (opportunamente foraggiata da Microsofto, si puo' dire in quanto comprovato), sia la presidenza Olandese hanno tentato il colpo di mano (la secondo presume qualcuno ad opera della spinta della p*ilips che ha sede in quella nazione), e si tratta di 2 piccoli stati che sono stati entrambi manipolati dalle multinazionali;vista la doppia esperienza negativa stavolta sarebbe bene informarsi prima dei rischi futuri e la prossima presidenza dovrebbe essere quella del Lussemburgo, altro paese piccolo e di cui non conosco la posizione assunta sulla direttiva ai precedenti interventi;che si fa?
    • Anonimo scrive:
      Re: Fuori l'Olanda dall'Europa!!
      Se non ricordo male il Parlamento olandese, o il governo, hanno già dichiarato la loro contrarietà ai brevetti ed hanno richiamato il Ministro dandogli del bugiardo per quello che invece ha riferito in parlamento. Ma quest'infingardo poco tempo dopo tenta il colpo di mano.... è davvero fuori luogo parlare di "mazzette"? E anche la Polonia non si fidava più dei suoi rappresentanti, se si è dovuto scomodare il Ministro in persona (GRANDE!).Io, dopo quello che aveva scritto, mi aspettavo che Stanca avrebbe fatto quello che ha fatto la Polonia, visto che questo argomento "A" poteva essere rigettato per opposizione di qualunque membro. Sigh, l'europa in mano a dei manigoldi? E noi? Io cerco di fare proseliti, ma anche fra gli addetti ai lavori il disinteresse (e l'ignoranza) è davvero grande, ed avvilente...
  • Anonimo scrive:
    ma guarda che figli di sultana
    ma stiamo scherzando?se una legge non passa, _non_ passa.qui stanno cercando tutti i bachi nel sistema per imporre obbligatoriamente con un voto ministeriale (quindi controllato da pochi) una cosa non approvata dal parlamento europeo.siamo arrivati al punto di discutere di brevetti software nell'ambito di una "riunione del Consiglio UE sull'_Agricoltura_".Agricoltura??? ma qui siamo palesemente OFF TOPIC! non gliel'hanno fatto presente alla simpatica olandese?ormai non c'e' piu' decenza... fanno veramente cagare.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma guarda che figli di sultana

      qui stanno cercando tutti i bachi nel
      sistema per imporre obbligatoriamente con un
      voto ministeriale (quindi controllato da
      pochi) una cosa non approvata dal parlamento
      europeo.mi preoccupa anche il fatto che siano a disposizione delle procedure del genere, virtualmente si possono approvare un sacco di leggi scomode senza discussione o senza portare la gente a conoscenza;pensate che buon uso avrebbe fatto il nano di una simile opportunita'.
      • Anonimo scrive:
        Re: ma guarda che figli di sultana

        pensate che buon uso avrebbe fatto il nano
        di una simile opportunita'.Preoccupati dell'uso che ne fara Mortazza.....Lasciamo perdere le nostre miserie, tornerò a credere che Dio esiste il giorno che farà cadere un meteorite sul parlamento riunito.
        • Anonimo scrive:
          Re: ma guarda che figli di sultana
          - Scritto da: Anonimo
          tornerò a credere che Dio esiste il
          giorno che farà cadere un meteorite
          sul parlamento riunito.stai scherzando ? darebbero la colpa a Bin Laden, e approfitterebbero per limitare ancora di più le tue libertà ed invadere la tua privacy ?
          • Anonimo scrive:
            Re: ma guarda che figli di sultana
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            tornerò a credere che Dio esiste
            il

            giorno che farà cadere un
            meteorite

            sul parlamento riunito.

            stai scherzando ? darebbero la colpa a Bin
            Laden, e approfitterebbero per limitare
            ancora di più le tue libertà
            ed invadere la tua privacy ?
            ROTFL:D
    • Akiro scrive:
      Re: ma guarda che figli di sultana

      ormai non c'e' piu' decenza... fanno
      veramente cagare.purtroppo se poche persone decidono per conto terzi andrà sempre così...ci sarà sempre una fascia (molto ristretta) di persone che "dettano legge" alla maggioranza con la scusa che è per il bene del paese, qualunque paese del mondo sia.fanno tristezza
    • Anonimo scrive:
      Re: ma guarda che figli di sultana


      Agricoltura??? ma qui siamo palesemente OFF TOPIC! non Considerando il fatto che il programmatore medio (me compreso) ha come sogno nel cassetto quello di PIANTARE PATATE e vivere una vita con ritmi "analogici", mi sembra che la decisione di far rientrare una proposta di legge "informatica" in una riunione di agricoltura non faccia una piega :-)))
      • Anonimo scrive:
        Re: ma guarda che figli di sultana
        - Scritto da: Anonimo


        Agricoltura??? ma qui siamo
        palesemente OFF TOPIC! non

        Considerando il fatto che il programmatore
        medio (me compreso) ha come sogno nel
        cassetto quello di PIANTARE PATATE e vivere
        una vita con ritmi "analogici", mi sembra
        che la decisione di far rientrare una
        proposta di legge "informatica" in una
        riunione di agricoltura non faccia una piega
        :))) Be', in effetti...
      • Anonimo scrive:
        Re: ma guarda che figli di sultana

        Considerando il fatto che il programmatore
        medio (me compreso) ha come sogno nel
        cassetto quello di PIANTARE PATATEPiù che altro, se i brevetti sul software dovessero essere legalizzati, alla maggior parte degli informatici europei non resterà che darsi all'agricoltura... :-(
        • Anonimo scrive:
          Re: ma guarda che figli di sultana


          Più che altro, se i brevetti sul
          software dovessero essere legalizzati, alla
          maggior parte degli informatici europei non
          resterà che darsi all'agricoltura...
          :(Calma ragazzi, lo sapete che anche lì ci sono fior di brevetti (Monsanto & C.) che stanno cercando di fare attecchire
  • Mokambo scrive:
    Proposta
    Forse è un'idea un po' strana, però secondo me potrebbe essere interessante legalizzare i brevetti sul software, ma in un modo un po' particolare.Sarebbe utile al "popolo" e all'economia/scienza europei avere dei brevetti "liberi" all'interno dei confini dell'Europa Unita e "blindati" verso altre nazioni non nell'Unione.Brevetti che proteggano da "invasioni" da altri continenti, ma che permettano il libero utilizzo all'interno dell'UE, in modo da rendere l'informatica Europea unita e concorrenziale rispetto ai paesi che ora dominano il settore.
    • emidio101 scrive:
      i cattivi sono sempre cattivi
      Credo che ci metteranno un attimo a creare societa satelliti che brevetterano in europa le stesse cose brevettate fuori dall'europa....La storia dei brevetti porta in una societa come questa, con regole solo per i più forti, a rendere più debole solo chi lo è gia in partenza.Se i grandi dell'economia fossere onesti e condividessero le loro ricchezze non ci sarebberro problemi...anzi sarebbe un vantaggio per tutti....e forse saremo contenti di spendere di piu!!!Ma sapendo che i brevetti attualmente fanno costruire tre ville invece di una solo ad alcune persone!! (che non interessa la società civile....visto i precedenti e le loro cause legali)...allora sono CONTRO I BREVETTI in questo periodo storico dove il 90% dei brevetti sono acqua calda o trappole legali.
    • Anonimo scrive:
      Re: Proposta
      - Scritto da: Mokambo
      Forse è un'idea un po' strana,
      però secondo me potrebbe essere
      interessante legalizzare i brevetti sul
      software, ma in un modo un po' particolare.
      Sarebbe utile al "popolo" e
      all'economia/scienza europei avere dei
      brevetti "liberi" all'interno dei confini
      dell'Europa Unita e "blindati" verso altre
      nazioni non nell'Unione.
      Brevetti che proteggano da "invasioni" da
      altri continenti, ma che permettano il
      libero utilizzo all'interno dell'UE, in modo
      da rendere l'informatica Europea unita e
      concorrenziale rispetto ai paesi che ora
      dominano il settore.ma non ho capito ... sei forse razzista?ma allo stesso modo vorresti che quelli esterni alla comunità europea facessero lo stesso?Ma se tu per caso che ora lavori in Europa poi ti sposti all'estero cosa succede, non può più usare quello che usavi il giorno prima?Il successo di moltissimi software liberi è il fatto di essere liberi, ci sono persone da tutto i mondo che collaborano e permettono di ottenere un ottimo prodotto finaleRipensaci
      • Mokambo scrive:
        Re: Proposta
        - Scritto da: Anonimo

        ma non ho capito ... sei forse razzista?Ripassati un po' il concetto di razzismo, secondo me un po' ti sfugge...
        ma allo stesso modo vorresti che quelli
        esterni alla comunità europea
        facessero lo stesso?Perchè, forse gli USA non lo fanno già? E quante altre nazioni?
        Ma se tu per caso che ora lavori in Europa
        poi ti sposti all'estero cosa succede, non
        può più usare quello che usavi
        il giorno prima?Paese che vai...E comunque la tua supposizione mi pare estremistica.Forse non hai compreso il senso di quello che intendevo.Se tu brevetti un algoritmo in Europa non vuol dire che al di fuori dell'UE non lo puoi utilizzare, ma che un altro, magari in Canada (solo per es.) non lo può MANIPOLARE o SPACCIARE per SUO. Se poi in Canada utilizzano già un algoritmo migliore rispetto a quello che tu hai brevettato, beh, buon per loro, rimboccati le maniche e lavora di più per stare al passo.
        Il successo di moltissimi software liberi
        è il fatto di essere liberi, ci sono
        persone da tutto i mondo che collaborano e
        permettono di ottenere un ottimo prodotto
        finaleIl brevetto per come lo intendevo non impedisce assolutamente a nessuno di CREARE e distribuire software OS.
    • Anonimo scrive:
      Re: Proposta
      - Scritto da: Mokambo
      Forse è un'idea un po' strana,
      però secondo me potrebbe essere
      interessante legalizzare i brevetti sul
      software, ma in un modo un po' particolare.
      Sarebbe utile al "popolo" e
      all'economia/scienza europei avere dei
      brevetti "liberi" all'interno dei confini
      dell'Europa Unita e "blindati" verso altre
      nazioni non nell'Unione.
      Brevetti che proteggano da "invasioni" da
      altri continenti, ma che permettano il
      libero utilizzo all'interno dell'UE, in modo
      da rendere l'informatica Europea unita e
      concorrenziale rispetto ai paesi che ora
      dominano il settore.La tua idea è comparabile alle teorie mercantilistiche, dove i prodotti propri vengono avantaggiati rispetto agli esteri. Se non sbaglio l'inasprimento delle regolamentazioni verso gli altri stati portò ad una guerra fra Olanda ed Inghilterra (quattro-cinquecento anni fa).Griever
    • Anonimo scrive:
      Re: Proposta

      Sarebbe utile al "popolo" e
      all'economia/scienza europei avere dei
      brevetti "liberi" all'interno dei confini
      dell'Europa Unita e "blindati" verso altre
      nazioni non nell'Unione.
      Brevetti che proteggano da "invasioni" da
      altri continenti, ma che permettano il
      libero utilizzo all'interno dell'UE, in modo
      da rendere l'informatica Europea unita e
      concorrenziale rispetto ai paesi che ora
      dominano il settore.Credo che questo tipo di brevetto non sarebbe compatibile coi trattati del World Trade Organization: non è possibile applicare norme che creano discriminazioni tra stati che hanno aderito al WTO.
  • Anonimo scrive:
    Re: Firmiamo il GRAZIE alla Polonia!!!
    Fatto volentieri.Incredibile...cittadino italiano firma il ringraziamento alla Polonia che tenta di salvargli il culo.I rappresentanti (un semplice eufemismo) italiani stavano giocando a freccette.A soldi naturalmente.Il paese dei balocchi!!
    • Fiamel scrive:
      Re: Firmiamo il GRAZIE alla Polonia!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Fatto volentieri.
      Incredibile...cittadino italiano firma il
      ringraziamento alla Polonia che tenta di
      salvargli il culo.Da notare che il sito http://thankpoland.info/ è Svizzero...
  • Anonimo scrive:
    Sarò cinico ma...
    Che Bill si sia dimenticato di passare a Varsavia a pagare l'obolo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarò cinico ma...
      - Scritto da: Anonimo
      Che Bill si sia dimenticato di passare a
      Varsavia a pagare l'obolo?No, é che in Polonia non ci sono grandi società di sviluppo software, ma solo piccole. I brevetti probabilmente facevano paura agli imprenditori locali.La stranezza é che un politico abbia pensato al bene della propria economia interna...Non se ne vedono molti in giro...Persino il nostro presidente della repubblica e un noto politico di destra dicono che é meglio investire in cina...Che dite, sanno qualcosa che noi non sappiamo? L'economia italiana é così messa male?
      • emidio101 scrive:
        Re: Sarò cinico ma...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Che Bill si sia dimenticato di passare a

        Varsavia a pagare l'obolo?
        No, é che in Polonia non ci sono
        grandi società di sviluppo software,
        ma solo piccole. I brevetti probabilmente
        facevano paura agli imprenditori locali.
        Ripeto quello scritto in un altro thread:" I brevetti in una società come questa rendono forti solo i più forti... :@e i forti non fanno nulla per la società civile...anzi la inquinano o licenziano i 50-enni perchè i 26-enni disoccupati lavorano di più e non rompono i c**********i con discorsi sulla famiglia o sulle malattie:'(:'(:'(==================================Modificato dall'autore il 22/12/2004 10.23.37
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarò cinico ma...

          licenziano i 50-enni perchè i 26-enni
          disoccupati lavorano di più e non
          rompono i c**********i con discorsi sulla
          famiglia o sulle malattie:'(:'(:'(Aggiornati, ora sei vecchio a 40 anni: leggi "Il lavoro" ogni tanto, ti farai quattro risate amare..."Cercasi esperto di brevetti con eseperienza ma diplomato, no laurea""Cercasi operaio di bella presenza"
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarò cinico ma...
      fortuna va!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Firmiamo il GRAZIE alla Polonia!!!

    Però, lasciatemi dire che
    nell'articolo ci sono imprecisioni...
    Se fosse passato il subdolo oggetto-A, non
    avrebbe garantito certo la
    brevettabilità, anche se avrebbe reso
    più aspro e difficile il cammino per
    arrivare a cancellarla definitivamente...No, come dice l'articolo avrebbe reso difficile impedirnel'approvazione, non la cancellazione. W Varsavia
  • Baruch scrive:
    E' un buon giorno!!!
    Dopo tutti i tentativi di far passare i brevetti "all'americana" sottobanco in modo indecente, finalmente una (inaspettata) dimostrazione di coraggio!Cosi', mentre i nostri ministri (perfino quelli tedeschi, nonostante le dichiarazioni contrarie) si apprestavano a far passare la norma sui brevetti al Consiglio per l'Agricoltura e la Pesca (!!!), ecco che arriva il ministro polacco... E brava Polonia!Ma i nostri ministri cosa fanno? Non saranno dei conigli, che preferiscono astenersi (quando sicuri che comunque il provvedimento passera')? Cosi' possono dire a noi di essersi opposti, e agli amici delle multinazionali di aver fatto passare la norma. Mi viene da vomitare.Ciao e Buon Natale a tutti!
    • Anonimo scrive:
      Re: E' un buon giorno!!!

      (perfino
      quelli tedeschi, nonostante le dichiarazioni
      contrarie) A parole sono bravissimi, nei fatti sanno benissimo che "business is business". Anche in casi più gravi, come l'ultima guerra in IRAQ: erano contrari all'invasione, però non hanno fatto nulla di concreto per impedirla, anzi hanno permesso agli USA l'impiego delle loro basi in territorio tedesco, né più né meno di quello che ha fatto l'Italia (ciò che è accaduto dopo la caduta del regime di Saddam Hussein è un'altra storia).
  • MisterEmme scrive:
    Alla fine lo vogliamo noi....
    In molti messaggi di commento a questo articolo noto la (diffusa) opinione che si può così riassumere:"Oddio che schifo la politica Italiana, oddio siamo governati da ladri ignoranti perdipiù, e al soldo delle multinazionali".Vorrei ricordarvi che i nostri governanti ce li scegliamo noi.E non è sputando sul mondo politico in toto che le cose miglioreranno. Dove sarete alle prossime elezioni?Vi sbatterete per raccontare ad amici / parenti / colleghi che cosa è stato fatto di buono o cattivo (secondo voi) in questa legislatura?Chiederete conto al politico che è stato eletto delle sue scelte?Sveglia, amici del mondo della rete! Se, come si dice, siete un manipolo di persone colte, intraprendenti e attente, è ora che vi rimbocchiate le maniche per fare un Italia migliore.(Vale anche per me, ovviamente:))
    • Anonimo scrive:
      Re: Alla fine lo vogliamo noi....
      - Scritto da: MisterEmme
      In molti messaggi di commento a questo
      articolo noto la (diffusa) opinione che si
      può così riassumere:
      "Oddio che schifo la politica Italiana,
      oddio siamo governati da ladri ignoranti
      perdipiù, e al soldo delle
      multinazionali".

      Vorrei ricordarvi che i nostri governanti ce
      li scegliamo noi.
      E non è sputando sul mondo politico
      in toto che le cose miglioreranno.

      Dove sarete alle prossime elezioni?
      Vi sbatterete per raccontare ad amici /
      parenti / colleghi che cosa è stato
      fatto di buono o cattivo (secondo voi) in
      questa legislatura?
      Chiederete conto al politico che è
      stato eletto delle sue scelte?

      Sveglia, amici del mondo della rete! Se,
      come si dice, siete un manipolo di persone
      colte, intraprendenti e attente, è
      ora che vi rimbocchiate le maniche per fare
      un Italia migliore.

      (Vale anche per me, ovviamente:))
      Ottimo, se riesci a candidarti alle prossime elezioni faccelo sapere che ti votiamo. Peccato che per farlo dovrai come minimo eliminare fisicamente qualche decina o forse centinaia di funzionari di partito che hanno gia` i voti assicurati dai vari tesserati e tutto senza bisogno di fare neanche propaganda.
    • Anonimo scrive:
      Re: Alla fine lo vogliamo noi....
      Sì, ma votare a sinistra non cambia le regole del gioco.Probabilmente i radicali, anche se non sono d'accordo con loro per altre cose.
    • Anonimo scrive:
      Re: Alla fine lo vogliamo noi....

      Vorrei ricordarvi che i nostri governanti ce
      li scegliamo noi.Davvero?La mia fidanzata a votato per Fini.Ma non gli piace Berlusconi.Che deve fare?Lei ha fatto la sua scelta: a scelto tra i candidati che gli hanno proposto.Ma alla fine ha votato anche per uno che non voleva.E la stessa cosa vale per il centrosinistra.Non scegliamo chi governa, scegliamo chi ha scelto qualcun altro per noi.
      • Anonimo scrive:
        Re: Alla fine lo vogliamo noi....
        Condivido in linea di massima quanto dici, ma ti ricordo che alle politiche si vota per eleggere i rappresentanti al parlamento, cioe' deputati e senatori, non per i segretari di partito, o per il presidente del consiglio (che viene selto dalla maggioranza dei parlamentari)La differenza c'e', in quanto con il presidente del consiglio&ministri, non ci puoi parlare, con i parlamentari del tuo collegio si'! Almeno io in tre anni sono riuscito a parlarci in assemblee pubbliche per tre volte, non saranno molte ma almeno hai la possibilita' di giudicarli direttamente e di fare osservazioni e critiche (ad esempio:carissimo mio parlamentare e' a conoscenza dei problemi dei brevetti europei? cosa hai fatto? cosa farai?)Se ognuno rompesse al parlamentare del suo collegio (anche se di un partito diverso), vedrai che poi qualcosa si smuove.Ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Alla fine lo vogliamo noi....
          Se siete veramente ancora convinti che veramente li votiamo noi....... l'america dovrebbe insegnare chi decide chi governa e chi no.......
          • Anonimo scrive:
            Re: Alla fine lo vogliamo noi....
            il mondo è ormai cambiato. gli stati non contano nulla. sono solo interessi di multinazionali contro altre multinazionali. conta piu' non comprare un determinato tipo di prodotto per far magari decadere il presidente di una multinazionale che votare dei parlamentari marionette.
  • Anonimo scrive:
    MITICO
    Grande quest'uomo.Peccato solo che ci debba pensare la Polonia, a fermare la presidenza olandese che a quanto pare ha interessi personali, o cmq forti pressioni per far passare la cosa.Il vero scandalo non è che un paese, o meglio un suo rappresentante, voglia far passare una direttiva, ognuno è libero di pensarla come vuole, se rappresenta il volere del popolo che rappresenta (dubito sia cosi, andrà bene alla Philips e pochi altri), bensi che lo si voglia fare tramite blitz, trucchetti in modo da evitare una seria riflessione e una presa di coscienza da parte di tutti (un po' come certe iniziative prese dal governo italiano).Chi vuol fare le cose passandole sotto silenzio non ha la coscienza tranquilla, e senza il rappresentante polacco a quest'ora sarebbe passata.E l'Italia?
  • Anonimo scrive:
    Io voglio e ordino una UE con le palle
    "Aumenta infatti il numero dei membri UE che ritiene necessario discutere a fondo la portata della proposta di direttiva. A remare contro gli intenti della presidenza c'è anche l'Italia che, come già Germania ed altri, ha iniziato a esternare serie perplessità sul testo."Si certo, aumenta la perplessità ma non è ancora abbastanza intensa per far scattare nelle loro "piccole" menti la sensazione di star assistendo all'irreparabile.Sembra che tutti i membri UE vivano in un regime dittatoriale in cui è estremamente pericoloso parlare apertamente di certe cose, sul tipo "il nemico ci osserva e ci ascolta, tutti zitti e acqua in bocca"."ha sottolineato come "ai rappresentanti dei paesi membri è stato fatto credere che la direttiva riguardava solo dispositivi controllati dal computer""Ma in che mondo vivono questi ministri ?Pare che la loro percezione della realtà sia confinata unicamente a ciò che gli viene detto, consigliato, fatto leggere in documenti riservati.Certo che se i mass-media non fanno circolare notizie come queste è facile intuire che loro non ci mettono il minimo impegno nel capire come stanno realmente le cose.Ma come è possibile che dopo tutto il clamore scaturito nel recente passato sullo stesso problema a questi membri UE non sia giunta chiaramente alle loro orecchie le motivazioni che tutti andavamo gridando.Oramai è chiaro e lampante.Quando in gioco ci sono ingenti capitali delle multi americane l'europa risponde con un inchino offrendo il posteriore in segno di sottomissione.Sicuro, non dubitate, sarà fatto come ordinato, restiamo a vostra completa disposizione.Ecco cosa è diventata l'Europa, una colonia USA.In breve, se gli USA stanno bene allora anche l'Europa può star bene ma non è vero (leggi ammesso) in contrario.Gli USA non si sono opposti alla unificazione Europea perchè ben sapevano che così ci potevano meglio controllare, soggiogare, governare.Quando la UE non c'era mi sembra che ciascun stato mostrava più le palle, trattava gli USA a testa alta e prendeva decisioni autonome anche se controcorrente.Oggi con la UE nessuno a più le palle, solo flebiti lamenti e aspettiamo che ci venga in aiuto il cielo.Che schifo, mi vergogno di essere un Italiano e un europeo.Finalmente abbiamo una moneta forte al pari e più di quella statunitense ma non lo stesso peso nella scena internazionale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Io voglio e ordino una UE con le pal

      Quando la UE non c'era mi sembra che ciascun
      stato mostrava più le palle, trattava
      gli USA a testa alta e prendeva decisioni
      autonome anche se controcorrente.
      Oggi con la UE nessuno a più le
      palle, solo flebiti lamenti e aspettiamo che
      ci venga in aiuto il cielo.
      Che schifo, mi vergogno di essere un
      Italiano e un europeo.
      Finalmente abbiamo una moneta forte al pari
      e più di quella statunitense ma non
      lo stesso peso nella scena internazionale.La vicenda dei brevetti ha mostrato in maniera lampante come le istituzione europee siano profondamente antidemocratiche e lontanissime dai cittadini. Il costosissimo parlamento (600 e rotti deputati strapagati, 2 sedi, sprechi e sfarzi di ogni tipo) non conta un c***o e tutte le decisionivengono prese dal consiglio e/o dalla commissione sotto dettatura delle svariate lobby che infestano Bruxelles. Io infatti alle ultime votazioni europee non sono andato a votare perchè l'unico effetto di tale voto è far vincere quasi 1 milone di euro (i nostri soldi!!!) al fortunato candidato eletto. Detto questo penso però che gli europei siano più furbi di quanto sembra riguardo al rapporto con gli USA, in quanto per gli americani l'euro rappresenta una seria e concreta minaccia al dollaro e quindi al perpetuarsi delle loro politiche espansionistiche ed imperiali. Se l'euro prendesse il ruolo di valuta globale, agli USA non potrebbero più stampare dollari senza provocare inflazione, e questo li manderebbe in bancarotta visto lo stratosferico livello di indebitamento che si ritrovano.Prova ne è il seguente fatto: l'Iraq si è beccato una guerra, il Venezuela un colpo di stato (contro un presidente *democraticamente* eletto) , l'Iran è finito nell'asse del Male, la Russia è tornata "nemica". Cosa hanno in comune questi paesi ? Vendono (o vendevano nel caso di Saddam) il proprio petrolio in euro.
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: stampare banconote a gogo

        Se l'euro
        prendesse il ruolo di valuta globale, agli
        USA non potrebbero più stampare
        dollari senza provocare inflazione, e questo
        li manderebbe in bancarotta visto lo
        stratosferico livello di indebitamento che
        si ritrovano.Si vede che leggi i siti della scuola austriaca.
    • Anonimo scrive:
      Io invece non voglio nessuna UE
      Ma dico... chi ha chiesto ai titolari della sovranità nel Paese (il popolo) se voleva rinunciare a questa sovranità? Eppure è così: per modificare la Costituzione dall'interno occorre un procedimento lungo e complesso, quasi impossibile. E lo stesso vale per leggi penali, e molte altre cose. i cittadini ITALIANI non possono fare molto per cambiare le leggi del loro Paese. E tra le "cose" politiche in cui il cittadino italiano non può metter bocca sono i trattati internazionali: non sono soggetti a referendum. In pratica, i politici tedeschi, francesi, olandesi, lussemburghesi, polacchi,ecc. possono fare ciò che ai cittadini italiani è precluso: cambiare le leggi ITALIANE.Isola nel Pacifico o altro oceano cercasi... Appezzamento di terra africana o altra parte delle Terre Emerse in vendita da stato disposto a rinunciare alla sovranità su di esso cercasi...Stazione spaziale dismessa o sommergibile in disarmo o altra nave che possa restare indefinitamente a 12 miglia nautiche da qualsiasi costa cercasi...Altro surrogato dell'Isola-che-non-c'è cercasi...
  • Anonimo scrive:
    fortuna che c'è la polonia

    A remare contro gli intenti della presidenza c'è anche l'Italia
    che, come già Germania ed altri, ha iniziato a esternare serie
    perplessità sul testo. Si può dunque sperare che in una
    prossima occasione la questione sia affrontata con maggiore
    serenità.ma i ministri italiani e tedeschi dove ca---spita erano ??????perchè dobbiamo affidarci alla buona volontà dei polacchi ?che schifo di governo abbiamo ? è contrario ma non si fa sentire ?????? AOOOH!!!! SVEGLIAAAAAAAA
    • Anonimo scrive:
      Re: fortuna che c'è la polonia
      - Scritto da: Anonimo
      Scusa, mi spieghi che cosa ci sarebbe di cui
      andare fieri e sentirsi sollevati???Non averlo preso in quel posto dalla banda terzomondista di Annan?
    • Anonimo scrive:
      Re: fortuna che c'è la polonia
      - Scritto da: Alessandrox
      Mangiato pesante?
      La peperonata di sera fa male, specie dopo
      una giornata stressante.O forse dovresti leggere le cose che qualcuno firma anche a nome tuo.
      • Alessandrox scrive:
        Re: fortuna che c'è la polonia
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Alessandrox

        Mangiato pesante?

        La peperonata di sera fa male, specie
        dopo

        una giornata stressante.
        O forse dovresti leggere le cose che
        qualcuno firma anche a nome tuo.Non nei forum di PISai in quale altro?
  • Anonimo scrive:
    Firmiamo il GRAZIE alla Polonia!!!
    Andiamo TUTTI a sottoscrivere questo sito per ringraziare la Polonia del suo coraggioso intervento:http://thankpoland.infoPerò, lasciatemi dire che nell'articolo ci sono imprecisioni...Se fosse passato il subdolo oggetto-A, non avrebbe garantito certo la brevettabilità, anche se avrebbe reso più aspro e difficile il cammino per arrivare a cancellarla definitivamente...
  • Alessandrox scrive:
    Viva l' allargamento dell' Europa
    - Scritto da: Anonimo
    Prima la presidenza irlandese, adesso quella
    olandese.
    Ma sono tutti agli ordini delle
    multinazionali? e contro il volere dei
    rispettivi Parlamenti?
    Eppure non ricordo di aver votato Philips o
    Microsoft alle ultime elezioni europee.
    Per fortuna l'Europa si è allargata.
    Oggi la Polonia ha salvato la democrazia.
    E tutti gli altri zitti.Quoto tutto e aggiungo che almeno sotto certi aspetti la Polonia si sta dimostrando molto piu' evoluta della media dei paesi europei.E il nostro paese si mette appunto nella media... anzi nella mediocrita'. Vergogna.
    • Anonimo scrive:
      Re: Viva l' allargamento dell' Europa
      E' tutta una tecnica per ottenere maggior potere e favori all'interno della comunità europea.. prima o poi per non farla protestare le saranno concesse delle "agevolazioni" e la Polonia magicamente riterrà giusto votare la nuova legge sui brevetti!E' tutta politica, ragazzi ! non facciamoci prendere per il cul così facilmente. Diciamo che fino ad ora il comportamento della Polonia ci fa comodo.Ciao
      • Skybird scrive:
        Re: Viva l' allargamento dell' Europa
        - Scritto da: Anonimo
        E' tutta una tecnica per ottenere maggior
        potere e favori all'interno della
        comunità europea.. prima o poi per
        non farla protestare le saranno concesse
        delle "agevolazioni" e la Polonia
        magicamente riterrà giusto votare la
        nuova legge sui brevetti!
        E' tutta politica, ragazzi ! non facciamoci
        prendere per il cul così facilmente.purtroppo temo tu abbia ragione.. :(
        • Anonimo scrive:
          Re: Viva l' allargamento dell' Europa
          - Scritto da: Skybird

          - Scritto da: Anonimo

          E' tutta una tecnica per ottenere
          maggior

          potere e favori all'interno della

          comunità europea.. prima o poi
          per

          non farla protestare le saranno concesse

          delle "agevolazioni" e la Polonia

          magicamente riterrà giusto
          votare la

          nuova legge sui brevetti!

          E' tutta politica, ragazzi ! non
          facciamoci

          prendere per il cul così
          facilmente.

          purtroppo temo tu abbia ragione.. :(secondo me, visto come se la passano non male ma malissimo, penso che questa decisione fa comodo anche a loro..... difficilmente possono cambiare idea, significherebbe l'auto distruzione per loro... l'economia della Polonia si basa su certe cose che qui sono vietate, ma che farebbero comodo a tutti... forse è per questo che qui sono vietate... mah???
  • Anonimo scrive:
    Re: Vecchia e nuova Europa
    - Scritto da: Anonimo
    Eppure non ricordo di aver votato Philips o
    Microsoft alle ultime elezioni europee.Sai, su questa affermazione mi verrebbe da discutere parecchio... a volte ho l'impressione invece che alla fine lo facciamo, anche se indirettamente.Oggi più che mai, non bisogna votare il partito, ma l'uomo (certo poi ti deve anche rappresentare come idee politiche, in linea di massima), e bisogna saper scegliere attentamente chi ci governa.Fare la crocetta a caso sul candidato che il partito consiglia ci ha portato a questo, io personalmente non lo faccio più. Se devo dare una preferenza, prima mi informo sul parlamentare, su chi è e su cosa ha fatto, e come ha votato in certe situazioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vecchia e nuova Europa
      - Scritto da: Anonimo
      Fare la crocetta a caso sul candidato che il
      partito consiglia ci ha portato a questo, io
      personalmente non lo faccio più. Se
      devo dare una preferenza, prima mi informo
      sul parlamentare, su chi è e su cosa
      ha fatto, e come ha votato in certe
      situazioni.Lo scopo è appunto farci governare da governi sempre più lontani, che non debbano rendere conto a te personalmente. Prova un po' a mettere la crocetta per eleggere il segretario generale dell'ONU, vedi se ti riesce... non a caso un certo Presidente di una certa Repubblica parla in continuazione di "trasferimenti della sovranità", ma non aveva giurato sulla Costituzione? (quale?)
      • Anonimo scrive:
        Re: Vecchia e nuova Europa
        Mi meraviglio che parliate ancora di politica credendoci..... chi crediate decida chi governa e chi no, chi crediate che davvero metta lassù i politici a governare.... pensate davvero di essere voi con le vostre crocette.... mi viene quasi da ridere.... pensare che da almeno un decennio sono diventati talmente sfacciati da non nascondersi più nemmeno tanto bene e le porcherie che combinano sono sotto gli occhi di tutti ma la gente non vuole vedere..... siamo davvero arrivati a tanta sottomissione......
        • TafkaL scrive:
          Re: Vecchia e nuova Europa
          - Scritto da: Anonimo
          Mi meraviglio che parliate ancora di
          politica credendoci..... chi crediate decida
          chi governa e chi no, chi crediate che
          davvero metta lassù i politici a
          governare.... pensate davvero di essere voi
          con le vostre crocette.... mi viene quasi da
          ridere.... pensare che da almeno un decennio
          sono diventati talmente sfacciati da non
          nascondersi più nemmeno tanto bene e
          le porcherie che combinano sono sotto gli
          occhi di tutti ma la gente non vuole
          vedere..... siamo davvero arrivati a tanta
          sottomissione......puro vangelo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Vecchia e nuova Europa
      - Scritto da: Anonimo[CUT]
      Fare la crocetta a caso sul candidato che il
      partito consiglia ci ha portato a questo, io
      personalmente non lo faccio più. Se
      devo dare una preferenza, prima mi informo
      sul parlamentare, su chi è e su cosa
      ha fatto, e come ha votato in certe
      situazioni.Quindi alla fine lasci la scheda in bianco? :-|
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Votare l'uomo

      Oggi più che mai, non bisogna votare
      il partito, ma l'uomoNon ricordo che elezioni fossero, ma l'ultima volta che ho votato il nome del candidato era prestampato accanto al simbolo del partito.Inoltre, anche conoscendo di persona un campione di rettitudine che professa tutte le nostre idee, il voto che gli diamo finisce a un partito, che nei fatti poi prende posizioni diverse dalle idee che abbiamo creduto di votare.
  • Anonimo scrive:
    Incredibile!
    E` impressionante:c'e` qualcuno che disobbedisce? M'e` venuto un sorriso a 58 denti quando ho letto 'sta notizia!
  • Anonimo scrive:
    BRAVI I POLACCHI!
    Il Parlamento uropeo si era già pronunciato contro la bervttabilità dei SW.................quindi che cazzo vogliono sti Ministri? Chi li manda? Che interessi difendono?Se lo vadano a pija ner...................CUXO!
  • CoreDump scrive:
    Una Cosa Normalissima :(
    -Quoto -dove si teneva una riunione del Consiglio UE sull'Agricoltura, riunione in cui si tentava di far passare una procedura che avrebbe garantito l'introduzione dei brevetti all'americana in Europa.-Quoto-E meglio che mi astengo dal commentare, rischierei di esserebannato a vita se dico quello che penso di questi.......va bechiamiamoli signori. :@
  • Anonimo scrive:
    Vecchia e nuova Europa
    Prima la presidenza irlandese, adesso quella olandese.Ma sono tutti agli ordini delle multinazionali? e contro il volere dei rispettivi Parlamenti?Eppure non ricordo di aver votato Philips o Microsoft alle ultime elezioni europee.Per fortuna l'Europa si è allargata. Oggi la Polonia ha salvato la democrazia.E tutti gli altri zitti.
Chiudi i commenti