UK, nel 2020 la radio sarà solo digitale

Il DRWG britannico spinge l'acceleratore per il passaggio integrale al DAB di tutte le emittenti radiofoniche. Ma con comodo, c'è tempo vent'anni

Roma – Secondo il Digital Radio Working Group , entro il 2020 in Gran Bretagna dovrà completarsi il passaggio al digitale dell’intera offerta delle emittenti radiofoniche.

Il gruppo, che ha pubblicato un rapporto sull’iniziativa, è l’organo creato dall’ OFCOM e dal Governo proprio per coordinare il passaggio al digitale. Il suo suggerimento è l’impiego di una scaletta cronologica seguendo la quale, nell’arco del periodo compreso tra il 2015 e il 2020 , ogni emittente dovrà spontaneamente obbligatoriamente spegnere i trasmettitori analogici e cedere il passo al Digital Audio Broadcasting ( DAB ).

Andrew Harrison, CEO di RadioCentre (il “braccio industriale” delle emittenti commerciali britanniche), ha spiegato al Guardian che “Il DRWG ha fatto un ottimo lavoro negli ultimi sei mesi ed è un’ottima cosa disporre di questo rapporto che ci spinge al cambiamento. Il rapporto delinea una mappa chiara e delle precise collocazioni temporali per lo switchover “.

A sospingere questa rivoluzione tecnologica ci sarebbero le vendite dei radioricevitori DAB: secondo il quotidiano, alla fine di maggio 2008 in Gran Bretagna avrebbero superato i 7 milioni , e il passaggio al digitale sarebbe visto come un benefit , sia per l’industria che per i radioascoltatori.

Non solo: “Se tali obbiettivi debbono essere raggiunti, bisogna agire subito e raccogliere le significative sfide che minacciano la futura crescita del mercato. Ci dev’essere grande intesa per affrontare tali sfide e ritengo che questo rapporto stimoli il dibattito sul come raggiungere un futuro digitale”, spiega ancora Harrison.

Ma non tutti sembrano animati da così fiammeggiante ottimismo: in special modo i consumatori, racconta Engadget , non risultano granché entusiasti. Ad oggi solo il 17,2 per cento dei ricevitori britannici è DAB-compatibile, e le possibilità di trovare tali ricevitori in un’automobile sono appena 1 su 200 . Senza contare l’invasione dei player MP3, che stanno scalzando a viva forza le autoradio dalle plance.

L'attuale copertura DAB di RAI in Italia E in Italia? La principale emittente italiana, la RAI, parla della tecnologia DAB molto a latere : lo fa nel sito specializzato Raiway , dedicato alle risorse di telecomunicazioni dell’Azienda. Quanto alla diffusione del servizio, osservando la mappa che RAI stessa pubblica sul proprio sito (riprodotta qui di lato), la copertura del servizio è pittosto ridotta , specie se confrontata con quella della BBC in Gran Bretagna.

Benché Harrison sostenga che – in Gran Bretagna – i prezzi dei ricevitori siano in calo e che l’industria abbia l’esempio del digitale terrestre TV come modello di riferimento, eseguendo una semplice ricerca di online shopping – almeno in Italia – i prezzi sono ancora lontani dall’essere alla portata di tutti. Nel Belpaese, dunque, gli interessi che ruotano attorno al mercato del Digital Audio Broadcasting sono ancora troppo soffocati da quelli prettamente analogici.

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • LORENZO YE scrive:
    IL COSTO
    CIOE IL COSTO QNT SAREBBE DEL'IPHONE IN AMERICA COSTA POKO MA IN ITALIA MA COSTA TROPPO NE ?
  • LORENZO YE scrive:
    IL COSTO
    CIOE IL COSTO QNT SAREBBE DEL'IPHONE IN AMERICA COSTA POKO MA IN ITALIA MA COSTA TROPPO NE ?
  • paria de amis scrive:
    edosti
    ciao disse lui e lei disse ti amo
  • tortora kisenia scrive:
    pokbfvdxdxgnjko
    lopjhgtrsdfghresdfghfdrtfgyhfdertfg
  • mirkojax scrive:
    Embe?
    Sempre meglio delle grandi firme italiane che vendono una borsa a 3000 euro e la fanno in cina a massimo 100 con una macchina da cucire. Li si che c'e' il guadagno.Almeno per i componenti elettronici ci voglio dei macchinari costosi, non certo ci sono cinesi col saldatore a stagno in mano.
    • GiaNpiero scrive:
      Re: Embe?
      - Scritto da: mirkojax
      Sempre meglio delle grandi firme italiane che
      vendono una borsa a 3000 euro e la fanno in cina
      a massimo 100 con una macchina da cucire. Li si
      che c'e' il
      guadagno.

      Almeno per i componenti elettronici ci voglio dei
      macchinari costosi, non certo ci sono cinesi col
      saldatore a stagno in
      mano.100???? 15 sono tanti e bisogna utilizzare materie di prima come la pelle umana per raggiungere tale cifra...
      • mirkojax_no n_loggato scrive:
        Re: Embe?
        Si ok per Prada anche 5 euro, ma la borsa di bottega veneta intrecciata hanno detto 100euro - nel negozio 3500.
  • EffeElle scrive:
    Si ma manca qualcosa
    E il costo della manodopera? Facendolo costruire in cina da lavoratori sottopagati e schiavizzati il prezzo può rimanere bassissimo! E il risparmio come sempre finisce nelle tasche di Steve Jobs e non di noi consumatori. Viva la Cina!!
    • M.R. scrive:
      Re: Si ma manca qualcosa
      Veramente l' articolo parla di 9 dollari come costo dell' assemblaggio in Cina: è questa la manodopera.
      • Lollo scrive:
        Re: Si ma manca qualcosa
        - Scritto da: M.R.
        Veramente l' articolo parla di 9 dollari come
        costo dell' assemblaggio in Cina: è questa la
        manodopera.E la paga di quelli che hanno sviluppato Mac OSX e le applicazioni?
  • faBIO scrive:
    ?!?
    ...l'Italì!
    • In_Italia scrive:
      Re: ?!?
      Italia paese dei furbi!Perché qui costa sempre tutto di più!La speculazione gente! Siamo un paese di speculatori!E il cartello sui iPhone tra Tim e Vodafone? Una vergogna! In Italia la concorrenza è nel water...
  • Elagon scrive:
    che centra google?
    [...] in tasca a Google restano un bel po' di soldini [...]
  • Carlo Senaldi scrive:
    Ecco le tariffe TIM
    Salve a tutti, complimenti per il sito!qui danno le tariffe di TIMhttp://www.theapplelounge.com/hardware/iphone/iphone-3g-tim-tariffe-anteprima/avete visto che prezzi? pazzesco..
    • Lollo scrive:
      Re: Ecco le tariffe TIM
      - Scritto da: Carlo Senaldi
      Salve a tutti,
      complimenti per il sito!
      qui danno le tariffe di TIM

      http://www.theapplelounge.com/hardware/iphone/ipho

      avete visto che prezzi? pazzesco..I prezzi non sono confermati.Sono solo voci e come tante voci non hanno al momento alcuna credibilità.Aspettiamo le tariffe ufficiali.
      • Carlo Senaldi scrive:
        Re: Ecco le tariffe TIM
        si, ma se fosse davvero così..alla fine sono 20 Euro in più rispetto alle normali TuttoCompreso... cosi paghi a rate iPhone...
        • Lollo scrive:
          Re: Ecco le tariffe TIM
          - Scritto da: Carlo Senaldi
          si, ma se fosse davvero così..
          alla fine sono 20 Euro in più rispetto alle
          normali TuttoCompreso... cosi paghi a rate
          iPhone...Dovresti fare un mini corso di marketing e scopriresti che di proposito vengono disribuite mezze verità e mezze falsità, si testa la risposta degli utenti e poi si decide come procedere.La prima offerta che hanno fatto è a 30 euro al mese per non avere praticamente nulla: è una presa per i fondelli e attualmente senza fondamento.Uno solo ha pubblicato questa notizia e tutti gli altri hanno fatto copia e incolla.Ora gli esperti in marketing guardano le reazioni e limano le offerte per meglio avvicinarsi alle esigenze dei potenziali clienti.Un po' come se fossimo cavie da laboratorio. Bella Internet, no? Si intervistano le persone senza nemmeno farglielo sapere.
    • omocene scrive:
      Re: Ecco le tariffe TIM
      - Scritto da: Carlo Senaldi
      Salve a tutti,
      complimenti per il sito!
      qui danno le tariffe di TIManche qui le hanno date :D
      avete visto che prezzi? pazzesco..fuffa per ora
  • MarcOsx scrive:
    Se compro una pizza...
    ... e vado a contare il costo degli ingredienti... vorrebbe dire che ogni volta che vado in pizzeria mi rapinano (è anche vero, a Milano una margherita la paghi anche 6 euro!)Questi calcoli costano zero. Il valore di un prodotto non si basa solo sui pezzi messi assieme.Come se il valore di un quadro fosse sempre quello della tempera usata.Messa in questi termini è solo un articolo per scatenare i troll. Ma PI è contento di questo.
    • FinalCut scrive:
      Re: Se compro una pizza...
      Io l'ultima volta che l'ho fatto notare sono stato censurato (leggasi messaggi e risposte cancellati senza lasciare traccia) da PI per ben due volte.W il PayPerTroll(linux)(apple)
      • anonimo scrive:
        Re: Se compro una pizza...
        vanno contati tutti i costi per la realizzazione del prodotto, non solo i costi di fabbrica.personale, brevetti e know how, ricerca, etc...nessuno ci pensa a questi
        • saimonegarf anchel scrive:
          Re: Se compro una pizza...
          - Scritto da: anonimo
          vanno contati tutti i costi per la realizzazione
          del prodotto, non solo i costi di
          fabbrica.
          personale, brevetti e know how, ricerca, etc...progettazione, test,test,test,test,test,test e anche test ah e per finire test :D
        • pippo scrive:
          Re: Se compro una pizza...

          vanno contati tutti i costi per la realizzazione
          del prodotto, non solo i costi di
          fabbrica.
          personale, brevetti e know how, ricerca, etc...

          nessuno ci pensa a questiE visto il "prodotto" pubblicità, pubblicità, pubblicità :D
          • ciao scrive:
            Re: Se compro una pizza...
            - Scritto da: pippo

            vanno contati tutti i costi per la realizzazione

            del prodotto, non solo i costi di

            fabbrica.

            personale, brevetti e know how, ricerca, etc...



            nessuno ci pensa a questi
            E visto il "prodotto" pubblicità, pubblicità,
            pubblicità
            :DNon so tu ma io non ho ancora nessun mega cartellone pubblicitario per l'iPhone
          • pippo scrive:
            Re: Se compro una pizza...



            vanno contati tutti i costi per la
            realizzazione


            del prodotto, non solo i costi di


            fabbrica.


            personale, brevetti e know how, ricerca,
            etc...





            nessuno ci pensa a questi

            E visto il "prodotto" pubblicità, pubblicità,

            pubblicità

            :D

            Non so tu ma io non ho ancora nessun mega
            cartellone pubblicitario per
            l'iPhoneQuella è roba vecchia :$
    • pentolino scrive:
      Re: Se compro una pizza...
      quoto in pieno
    • Claudia scrive:
      Re: Se compro una pizza...

      Questi calcoli costano zero. Il valore di un
      prodotto non si basa solo sui pezzi messi
      assieme.Sai cosa sono le economie di scala? :)
      • Ste scrive:
        Re: Se compro una pizza...


        Sai cosa sono le economie di scala? :)E per fortuna che ci sono le economie di scala, sennò l'Iphone (ma anche qualsiasi altra cosa...) verrebbe a costare migliaia di euro.Cmq oltre a tutto il resto: il costo calcolato così come proprosto dall'articolo è forse il costo primo industriale (ma credo manchi qualche cosa). Poi bisogna aggiungere tutto il resto della struttura dei costi, come giustamente fatto notare e non è poco: ammortamenti, investimenti, brevetti, logistica, costi indiretti, promozione, assistenza (che ti danno...ma mica te la regalano!), ricarichi di intermediari commerciali (canale), ecc..ecc.Infine vanno aggiunte le tasse sulla vendita (es: IVA...solo quella sono 100 euro circa! - in Europa) e eventuali dazi all'importazione (altri 20 euro circa).Quindi il margine di 380 euro al pezzo Apple se lo sogna in cartolina. Ovviamente Apple non ci verrà mai a dire quanto ci guadagna realmente su ogni Iphone. Ma sicuramente (molto) meno della metà di 380 euro.
    • Luca Schiavoni scrive:
      Re: Se compro una pizza...
      - Scritto da: MarcOsx
      ... e vado a contare il costo degli
      ingredienti... vorrebbe dire che ogni volta che
      vado in pizzeria mi rapinano (è anche vero, a
      Milano una margherita la paghi anche 6
      euro!)difatti ti rapinano, ci sono posti in italia dove una pizza e birra paghi 3 euro e mezzo al massimo. ribellatevi al caro prezzi, qui in toscana un caffe' in un bar di periferia costa 85/90 centesimi, in altre citta' anche 400-500 lire di meno.
      Questi calcoli costano zero. No, in questo caso sono prezzi imposti dall'alto, ufficiali e parecchio gonfiati (da quel che leggo)ma e' sempre stato cosi'.. il primo Pc Apple fu smontato e ricostruito per circa 200 dollari, e a negozio costava migliaia di dollari. Le storie si ripetono, e i troll parlano di pizze.;)Ma ci siamo gia' scordati che Apple rimborso' i primi acquirenti dell'iPhone gonfiato? Memoria corta, altro che paypertroll... :Din italia altro che class action.. c'e' chi paga le pizze 6 euro (!) e puo' pagare un iPhone il doppio che in USA, giustificando i prezzi alti altissimi Apple (quella del modem 56k a 55 euro..) ehi, anche in quel caso si pagano test, sviluppo e alta tecnologia d'avanguardia? :DLucaS-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 giugno 2008 17.16-----------------------------------------------------------
      • pippo scrive:
        Re: Se compro una pizza...


        Questi calcoli costano zero.

        No, in questo caso sono prezzi imposti dall'alto,
        ufficiali e parecchio gonfiati (da quel che
        leggo)

        ma e' sempre stato cosi'.. il primo Pc Apple fu
        smontato e ricostruito per circa 200 dollari, e a
        negozio costava migliaia di dollari. Le storie si
        ripetono, e i troll parlano di
        pizze.
        ;)O di caffè giava :D
        Ma ci siamo gia' scordati che Apple rimborso' i
        primi acquirenti dell'iPhone gonfiato? Memoria
        corta, altro che paypertroll...
        :D(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • emmeesse scrive:
    Lapsus?
    "Considerati tutti i costi accessori, e considerato soprattutto il prezzo di vendita finale del iPhone 3G, in tasca a Google restano un bel po' di soldini"Google?:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Lapsus?
      esce dalle fottute pareti (ghost)
    • pentolino scrive:
      Re: Lapsus?
      no, è che ultimamente su PI più o meno la metà delle notizie ha google nel titolo o nell' abstract e sembrava brutto non cacciarcelo a forza anche qui :-DP.S.: redazione di fa per scherzare, i lapsus capitano a tutti, una volta mi sono scagliato contro il DHCP, anche se in realtà intendevo l' HDCP :-)
Chiudi i commenti