100 milioni di euro per il Sud

Dal CIPE un altro via libera ad una iniezione di tecnologia per lo sviluppo. Molti i settori coinvolti in diverse località. Nell'insieme sono 11 progetti in 8 regioni


Roma – Innovare e rinnovare anche grazie a massicci finanziamenti pubblici che investano sulle imprese, sulla pubblica amministrazione e sul rapporto tra le realtà produttive e quelle amministrative. C’è anche questo dietro una ulteriore iniezione di 100 milioni di euro approvata dal CIPE su proposta del ministro all’Innovazione Lucio Stanca.

Nel complesso di tratta del finanziamento di 11 progetti che verranno realizzati in 8 regioni del Mezzogiorno. Ai sesterzi messi a disposizione dal CIPE si aggiungono anche i denari delle stesse Regioni, che portano la cifra complessiva dell’investimento a quota 128 milioni di euro .

Lo stanziamento più rilevante, di 35 milioni di euro circa, punta a creare un distretto tecnologico in provincia di Benevento , agendo come spinta propulsiva sulle imprese locali ma anche creando opportunità per la nascita di nuove imprese hi-tech specializzate.

Altri 12 milioni di euro circa andranno in Calabria per il settore agroalimentare biologico, per potenziare le infrastrutture hi-tech e competere meglio sul mercato italiano e internazionale.

Una cifra analoga troverà invece la sua collocazione in Sardegna dove si intende spingere sulle nuove tecnologie mediche e sulla personalizzazione delle cure valorizzando il trasferimento tecnologico dai centri di ricerca locali ed internazionali.

In Puglia arriveranno nel complesso circa 18 milioni di euro per spingere sulla tecnologia nei settore della componentistica auto e delle calzature nell’area di Bari. In Sicilia si parla di tre investimenti per un totale di circa 25 milioni di euro che riguardano il settore ICT, quello biomedicale e quello ittico.

Altri stanziamenti comprendono 5,4 milioni per l’Abruzzo (turismo termale), 4,5 milioni per il Molise (logistica ed e-business) e una somma analoga per la Basilicata (Casa e Arredo).

Di seguito le dichiarazioni del ministro Stanca:

“La competitività delle regioni del Mezzogiorno passa attraverso lo sviluppo ed il consolidamento di alcune linee di intervento da attuare in territori selezionati secondo le loro potenzialità di sviluppo favorendo l?innovazione digitale nelle imprese, sviluppando servizi di e-Government per le imprese, supportando lo sviluppo del capitale umano ed aumentando la diffusione della larga banda”.

“Con questa delibera si conferma la politica del Governo a sostegno dell?innovazione tecnologica per le regioni del Sud che negli ultimi due anni ha visto uno stanziamento complessivo di 676 milioni di ?, un ammontare mai registrato in passato”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Certo......
    Se poi la gente va in rete con il pilota-automatico ed il cervello in stand-by ! 8-)
  • Anonimo scrive:
    troppa conoscenza?
    O troppi utonti, convinti che dalla Rete ci siano solo servizi onesti e gratuiti?
    • Anonimo scrive:
      Re: troppa conoscenza?
      - Scritto da: Anonimo
      O troppi utonti, convinti che dalla Rete ci siano
      solo servizi onesti e gratuiti?Semplicemente un nuovo mezzo di comunicazione; i tonti c'erano gia e sono sempre stati.
  • Anonimo scrive:
    Phishing?
    "Tramite un semplice client email, de Almeida "spargeva" trojan al ritmo di tre milioni di copie al giorno. Le leggi della statistica hanno fatto il resto: le malcapitate vittime, centinaia di utenti, installavano i programmi e permettevano ai malviventi di accedere a qualsiasi informazione su conti correnti, pacchetti azionari, trasferimenti e bonifici bancari"...sbaglio, o azioni del genere non sono propriamente di phishing?Da wikipedia:"Phishers usually work by sending out spam e-mail to large numbers of potential victims. These direct the recipient to a Web page which appears to belong to their online bank, for instance, but in fact captures their account information for the phisher's use. Typically, a phishing email will appear to come from a trustworthy company and contain a subject and message intended to alarm the recipient into taking action. A common approach is to tell the recipient that their account has been de-activated due to a problem and inform them that they must take action to re-activate their account. The user is provided with a convenient link in the same email that takes the email recipient to a fake webpage appearing to be that of a trustworthy company. Once at that page, the user enters her personal information which is then captured by the fraudster."...che e' attivita' ben diversa dal mandare in giro virus/trojan, peraltro nascosti in un client di posta liberamente distribuito, o no?
  • Anonimo scrive:
    /dev/null collettivo
    Certo che il concetto di "/dev/null collettivo" è degno del Baudlaire del terzo millennio...
Chiudi i commenti