112, questo sconosciuto (dagli Europei)

Numero di emergenza europeo, il 112 è ancora ignorato da gran parte dei cittadini UE. L'associazione che ne promuove la conoscenza lancia una campagna di sensibilizzazione e una petizione elettronica

Bruxelles – Pochissimi europei conoscono il numero unico per le chiamate di emergenza 112. È quanto emerso dalla conferenza stampa tenutasi martedì a Bruxelles con diversi esponenti del Parlamento Europeo e il presidente dell’ EENA (European Emergency Number Association) Olivier Paul Morandini.

Nell’occasione, è stata lanciata una petizione elettronica , per richiedere alla Presidenza di turno Tedesca ed al Presidente della Commissione Barroso “di mettere tra le priorità gli aspetti di qualità, multilinguismo e localizzazione per il servizio 112 in tutta Europa”. EENA chiede anche l’istituzione della giornata Europea del 112 per il giorno 11 febbraio di ogni anno, per sensibilizzare i cittadini ad un corretto uso del 112, e le istituzioni ad un’efficace servizio di emergenza in tutte le sue componenti.

La petizione ha l’obiettivo di raccogliere un milione di firme, allo scopo di “aiutare la Commissione Europea, la quale ha annunciato due anni fa che ‘il 112 era una priorità’, a realizzare una giornata ufficiale del 112, il giorno 11/2 (11 Febbraio), che è già la data del giorno nazionale del 112 in diversi stati, e per chiamare gli Stati Membri a migliorare la qualità di servizio della catena del 112”.

“Ora disponibile in ogni Stato Membro, – ricorda una nota dell’associazione – il servizio 112 fornito è ancora lontano dalle necessità dei Cittadini… Nel contesto di un’Europa Unita in crisi dopo il rifiuto della Costituzione Europea in Francia e Olanda, l’idea del 112 è uno strumento guida per far in modo che i Cittadini Europei si sentano sicuri all’interno dell’Unione, nella quale una larga parte di essi sente ancora insicura. Quale elemento potrebbe essere più simbolico del 112 su questo tema? Per anni, ai Cittadini Europei è stato detto che potevano muoversi liberamente all’interno dell’Unione. Tuttavia, molti di essi non si sentono ancora sicuri quando viaggiano all’estero”.

A questo indirizzo si trova la presentazione completa dell’iniziativa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Me ne sbatto della normativa
    La normativa l'abbiamo fatta noi. Secondo me anche 0,88 V/metro non fanno bene... semplicemente non dovrebbero esserci...
    • Anonimo scrive:
      Re: Me ne sbatto della normativa
      Ma finiamola, stiamo per morire soffocati dalle emissioni di CO2, arrostiti dal global warming e stiamo ancora qui a guardare emissioni EM di 0,88 V/m, quando la legge impone il limite di 6 V/m in zone abitate, che è più che adeguato.Mettetevi davanti ad un televisore e misurate il campo magnetico, poi mi dite.
      • Anonimo scrive:
        Re: Me ne sbatto della normativa

        Mettetevi davanti ad un televisore e misurate il
        campo magnetico, poi mi
        dite.0,31 V/m la tv che si trova nella saletta del bar vicino casa mia (io non ho tv, e lo schermo del pc segna 0,28 V/m) pero' sto usando un apparecchio artigianale, fatto all'uni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Me ne sbatto della normativa
      - Scritto da:
      La normativa l'abbiamo fatta noi. Secondo me
      anche 0,88 V/metro non fanno bene...
      semplicemente non dovrebbero
      esserci...Allora prendi il cellulare e distruggilo. Prendi il pc, distruggi anche quello, come la Tv o lo schermo crt.Chi sei tu per dire che 0,88 V/m non fanno bene?Non li vuoi? allora staccati dalla rete elettrica e telefonica, potresti ammalarti
    • Anonimo scrive:
      Re: Me ne sbatto della normativa
      bhe allora parti per un altro pianeta anzi ti basta la luna ma nn ne sono sicuro
    • Anonimo scrive:
      Re: Me ne sbatto della normativa
      - Scritto da:
      La normativa l'abbiamo fatta noi. Secondo me
      anche 0,88 V/metro non fanno bene...
      semplicemente non dovrebbero
      esserci...Sei un maniaco-fobico, non te ne sei accorto? e no sei troppo preoccupato dei volt/metro. Secondo me hai bisogno ti tante pillole calmanti e di un casco di ferro con saldata una treccia di rame che strusci per terra, da tenere sulla zucca, così metti a terra i neuroni e non ti devi preoccupare più, davvero!! :D
    • Anonimo scrive:
      Re: Me ne sbatto della normativa
      Vorrei vedere te se non hai un cellulare! ...o comunichi ancora con i segnali di fumo???
  • Anonimo scrive:
    A Firenze tutto bene...
    Qui governano i saggi...Non ci sono problemi...Per evitare le solite battute sono un elettore ds, ma purtroppo di problemi ce ne sono tanti e sempre gli stessi.Firenze è stressata dalla sosta a pagamento in tutta la città (periferie comprese) a beneficio unico degli "amici degli amici". Se poi parliano della tramvia è evidente anche ai più favorevoli che si sta costruendo un mostro senza sapere cosa succederà dopo alla circolazione delle auto.Ma qui non ci sono problemi, a Firenze tutto bene... sempre.
    • Anonimo scrive:
      Re: A Firenze tutto bene...
      - Scritto da:
      Qui governano i saggi...
      Non ci sono problemi...
      Per evitare le solite battute sono un elettore
      ds, ma purtroppo di problemi ce ne sono tanti e
      sempre gli
      stessi.
      Firenze è stressata dalla sosta a pagamento in
      tutta la città (periferie comprese) a beneficio
      unico degli "amici degli amici". Se poi parliano
      della tramvia è evidente anche ai più favorevoli
      che si sta costruendo un mostro senza sapere cosa
      succederà dopo alla circolazione delle
      auto.

      Ma qui non ci sono problemi, a Firenze tutto
      bene...
      sempre.quoto tutto... anche gli spazi bianchima l'importante è che "a Firenze tutto bene"... che amarezza ...
  • Anonimo scrive:
    C'e' da vedere se...
    ...le misurazioni sono fatte nelle fasce orarie giuste e soprattutto se si tiene conto di eventuali "scarti" del segnale ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: C'e' da vedere se...
      - Scritto da:
      ...le misurazioni sono fatte nelle fasce orarie
      giuste e soprattutto se si tiene conto di
      eventuali "scarti" del segnale
      ;)
      Non so nel dettaglio della notizia, ma di solito sono dati medi giornalieri, nelle 24 ore.Non è che cambi molto, da svegli o addormentati l'eventuale effetto del segnali non credo cambi. Sempre che non si dorma col cellulare attaccato all'orecchio
    • Anonimo scrive:
      Re: C'e' da vedere se...
      di solito è una media sulle 3 settimane di misurazione
Chiudi i commenti