18 mesi a mr. Warez

Il suo gruppo, insieme al più noto DrinkOrDie, ha distribuito in rete centinaia di videogame craccati a migliaia di persone. Ora passerà un anno e mezzo dietro le sbarre


Roma – Un anno e mezzo, questo è quanto il 31enne americano Shane “Pitbull” Pittman dovrà passare dietro le sbarre per aver ideato e messo in piedi un network di distribuzione illegale di software craccati, in particolare videogiochi.

Pittman, considerato il leader del gruppo Razor1911, è stato individuato nel corso di quell’operazione “Bucaneer” che ha costituito la più imponente caccia al warez della storia del warez. Una caccia che ha portato molti frutti ai procuratori americani che, per l’occasione, hanno potuto contare sulla collaborazione di numerosi altri paesi. Nella rete della polizia sono infatti finite decine di persone compresi i principali membri delle organizzazioni illegali warez più note, come DrinkOrDie.

Secondo i procuratori americani, quelli di Razor1911 “si dimostravano orgogliosi dell’attività di cracking e distribuzione illegale dei videogiochi più popolari, distribuzione che spesso iniziava prima della data ufficiale di lancio dei titoli stessi, di titoli come Quake, Red Alert, Terminal Velocity o Warcraft”. “L’arresto e la sentenza di Shane Pitman – hanno commentato – dovrebbero mandare un messaggio forte a quei gruppi organizzati su internet come Razor1911, cioè che rubare e distribuire illegalmente videogame sulla rete non è un gioco”.

Va detto che condanne ancora più pesanti sono già state comminate ad alcuni dei leader dei gruppi coinvolti in Bucaneer. La più pesante è stata inflitta a “EriflleH”, nickname del 28enne John Sankus, boss di DrinkOrDie, condannato a 4 anni di carcere .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    microonde?
    chissà, magari dovremo mettere tutti i vestiti nel microonde prima di usarli. Solo che rischiamo di avere una bella macchia nera al posto del RFID. :-P
  • Anonimo scrive:
    huuhuh
    già mi vedo gli aggeggini da nascondere nel carrello per disturbare qualche frequenza e pagare meno articoli :):):)
    • Anonimo scrive:
      Re: huuhuh
      - Scritto da: Anonimo
      già mi vedo gli aggeggini da nascondere nel
      carrello per disturbare qualche frequenza e
      pagare meno articoli :):):)la frequenza è una, se disturbi la portante lo scanner rfid non riuscirà a comunicare con nessun tag nel tuo carrello.Certo non ti lasciano passare con un carrello pieno di roba senza pagare !Anzi , impiegherai 3 volte più tempo perchè ti scansioneranno tutto a mano, pezzo per pezzo, temendo un guasto nella portata dello scanner.Ovviamente se intendi nasconderti in tasca un CD, già lo puoi fare con tutti i rischi connessi, senza bisogno di usare disturbatori di alcun genere.....Tamerlano
    • Hydargos scrive:
      Re: huuhuh
      - Scritto da: Anonimo
      già mi vedo gli aggeggini da nascondere nel
      carrello per disturbare qualche frequenza e
      pagare meno articoli :):):)Solita mentalità italiota del: "se riesco a fregarli sono un figo... se fregano me sono ladri..."...bah !
Chiudi i commenti