2002: l'anno della telefonia fissa

Lo prevede Federcomin che vede per il settore una ripresa e una crescita che non sarà però a due cifre. A spingere sarà la banda larga, in (quasi veloce) aumento
Lo prevede Federcomin che vede per il settore una ripresa e una crescita che non sarà però a due cifre. A spingere sarà la banda larga, in (quasi veloce) aumento


Roma – I servizi di connettività a banda larga sono alla base della riscossa della telefonia fissa che si registrerà nel corso del 2002. Questa la previsione di Federcomin, secondo cui quest’anno il settore conoscerà un’importante crescita, sebbene con un ritmo non paragonabile a quello della telefonia mobile.

Nel 2001 la telefonia fissa è rimasta sostanzialmente ferma, con una crescita solo del 0,2 per cento a fronte di minori ricavi del 5,6 per cento rispetto all’anno precedente. Nello stesso anno la telefonia mobile in continua espansione ha registrato un aumento del 26,9 per cento del proprio mercato.

Secondo lo studio di Federcomin, la connettività internet ha un ruolo centrale nello sviluppo della telefonia fissa. In particolare al 3,5 per cento di crescita previsto per quest’anno seguirà il 3,7 per cento del 2003 e il 4,9 del 2004. Negli stessi anni la telefonia mobile crescerà in una percentuale variabile tra il 12,8 per cento e il 14,4, dunque molto meno di quanto accaduto negli anni precedenti.

Federcomin segnala comunque che, nonostante la crescita del mobile, in termini di valori assoluti di mercato la telefonia fissa si colloca ancora al di sopra di quella mobile. Se nel 2001 quella mobile era collocata a 11,9 miliardi di euro, quella fissa ha registrato 18,5 miliardi di euro. E nel 2002 quest’ultima sarà ancora avanti: 19,2 miliardi contro 13,4.

A spingere la telefonia fissa saranno gli accessi a banda larga che nel settore consumer, secondo Federcomin, dovrebbero salire del 400 per cento, fino a quota 150mila. Questi si aggiungeranno agli accessi broadband che a fine 2001 erano 415mila.

Per quanto riguarda i telefonini, Federcomin segnala che il 45 per cento degli abbonati alla telefonia mobile utilizza SMS e che alla fine del 2001 gli utenti complessivi italiani erano 47,2 milioni. Cresceranno anche i ricavi per i servizi dati su mobile: nel 2001 la crescita è stata dell’818 per cento e per il 2002 ci si aspetta una crescita del 224 per cento.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 01 2002
Link copiato negli appunti