21 milioni gli utenti italiani

Lo sostiene il Rapporto 2004 dell'AIE, secondo cui aumenta anche il numero di italiani in rete disponibile a pagare per accedere a contenuti di qualità. Cresce anche l'attenzione da parte dei docenti


Milano – L’83 per cento degli italiani che usano un personal computer e il 43 per cento della popolazione, vale a dire 21 milioni di persone , accede ad Internet. Ad affermarlo sono i dati dell’ISPO, l’istituto di rilevazione di Renato Mannheimer, che insieme ad altri integrano il Rapporto 2004 dell’Osservatorio AIE sull’editoria digitale.

L’ Associazione Italiana Editori ha presentato ieri a Milano il rapporto spiegando che l’85 per cento degli utenti italiani negli ultimi sei mesi ha aperto almeno una volta un sito “a contenuto informativo”.

A dispetto delle tante chiacchiere che in rete si sono da anni fatte sulla questione e dell’impressione di tanti, secondo ISPO ben il 49 per cento degli utenti italiani, dinanzi a servizi di qualità e veloci, sarebbe disponibile a pagare per accedere a quei contenuti.

In ogni caso, la rete viene usata nel 30 per cento dei casi per raccogliere informazioni, nel 23 per cento per materiali di supporto allo studio e, nella stessa percentuale, per scaricare musica . Il 17 per cento lo usa anche per leggere articoli.

Secondo ISPO, inoltre, il 30 per cento degli italiani considera Internet risorsa primaria per le informazioni turistiche e il 29 per reperire materiali per lo studio universitario.

Uno dei dati di maggiore interesse riguarda poi la crescente integrazione di Internet nella didattica anche se ancora viene usata dagli insegnanti soprattutto nella fase di preparazione delle lezioni. Molti docenti, se fossero oneri detraibili, pagherebbero di tasca propria l’accesso a risorse di settore di qualità.

Questo aspetto del Rapporto, integrato dai dati dell’Istituto IARD, afferma che all’inizio del 2003, l’84 per cento dei docenti italiani sapeva utilizzare il PC e il 73 per cento conosceva internet. Questi dati cambiano poco perché non sarebbero ancora molti gli insegnanti che puntano all’apprendimento e all’uso delle nuove tecnologie. Pochi, ancora, usano Internet e PC nella presentazione delle lezioni (circa uno su cinque). Ad ogni modo il 36 per cento dei docenti incita i propri alunni a usare Internet per cercare informazioni e un 17 per cento di loro richiede che relazioni ed esercizi siano consegnati sotto forma di file digitale.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    MA I SICILIANI SONOTUTTI MAFIOSI?
  • Anonimo scrive:
    Mah...
    Al giorno d'oggi di statistiche sbagliate ce ne sono troppe... Adesso si mette anche M$ a scrivere cavolate...
  • Anonimo scrive:
    Ma la Sicilia e' italiana o tunisina?
    Bo!
  • Anonimo scrive:
    Re: Sicilia culla di pirati!!!!!
    Al nord invece i polentoni sono specializzati in: bancarotta fraudolenta, falso in bilancio, ecc. ecc. (vedi tanzi, cirio). Ovviamente poi chi ci va di mezzo è il povero lavoratore che si spacca la schiena 8 ore in fabbrica x dar da mangiare al padrone che non ha mai provato l'ebrezza di uscire di casa la mattina alle 5 col freddo sbattendosi fino alle 8 tra mezzi pubblici, smog e merdate varie.
  • Anonimo scrive:
    Re: Sicilia culla di pirati!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Sicilia culla di pirati!!!!!
    la grande muraglia ci vorrebbe per un razzista come te che ancora associa la Sicilia alla mafia. E basta con questi luoghi comuni!!!!Guarda che anche qui c'è moltissima gente onesta e che non ha votato per il cavaliere (come hai fatto tu).
  • Anonimo scrive:
    molte!!!
    - Scritto da: Anonimo
    alla fine dell'articolo

    Sull'argomento vedi anche:

    La Toscana non è terra di pirati
    A Torino la pirateria non passa

    Software, Sicilia culla di pirati?
    Roma capitale dei pirati
    Milano capitale della pirateria informatica
    BSA: Veneto culla della pirateria informatica

    ma alla fine quante CULLE ci sono?!Molte!!!
  • Anonimo scrive:
    10 e lode!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Sono d'accordo!
    Facciamo una grossa multa a chi usa il
    software M$ piratato!
    Ma per essere equa queta multa deve punire
    sulla base degli illeciti guadagni e essere
    proporzionata in percentuale al fatturato
    ottenuto!

    Cosi' imparano a piratare!
    Eheheheh!
    Scommettiamo che M$ e' contraria a questa
    proposta? :D

    Indovinate perche'! :D

    Sarebbe proprio un grande aiuto per Linux e
    FreeBsd! :DSONO D' ACCORDO!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Sicilia culla di pirati!!!!!
    e mafiosi!!!!!CI VORREBBE "LA GRANDE MURAGLIA".....altro che il ponte sullo stretto!!!!!
  • Anonimo scrive:
    ma perchè...
    M$ prima stronca la concorrenza e poi si lamenta se la gente pirata i suoi 'sw' (notare le virgolette) spacciati a prezzi assurdi ?
  • Anonimo scrive:
    cattiva informazione...
    Volete sapere come il giornale "La Sicilia" (primo quotidiano nella Sicilia orientale) ha dato questa notizia?Titolo di prima pagina: "Ladri del web: i campioni sono siciliani"!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Per colpa di qualcuno...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Purtroppo sono gli utenti a comprare il
    pc

    solo se ben farcito di software "in
    omaggio"

    altrimenti devi chiudere.

    è per questo che la finanza dovrebbe
    cominciare ad andare anche a casa dei
    privati, non solo dalle aziende, dove ormai
    tutto il software è regolarmente
    licenziatoSei riuscito a strapparmi un sorriso.Comunque se state inscenando questa pantomima aspettando un'altra "Urbanata" sul software allora state tranquilli che arriverà presto.A quel punto l'ADSL la butterò veramente nel ces*o.BizTalk Server 2004 a scatola chiusa ?!SQL Server "Yukon" per sentito dire ?Oracle tramite corsi per anababbi ?Oppure Linux sostenuto da chi ha un bel posto a sedere in una comoda cattedra universitaria ?Bha, fate un po' voi...
  • Anonimo scrive:
    Re: Per colpa di qualcuno...
    - Scritto da: Anonimo
    Purtroppo sono gli utenti a comprare il pc
    solo se ben farcito di software "in omaggio"
    altrimenti devi chiudere.è per questo che la finanza dovrebbe cominciare ad andare anche a casa dei privati, non solo dalle aziende, dove ormai tutto il software è regolarmente licenziato
    Insomma si innesca un meccanismo perverso
    che si uno "ruba", gli altri, se vogliono
    sopravvivere devono farlo a loro volta.Wow! che mondo bellissimo!bah!tristemente_famoso
  • Anonimo scrive:
    Re: posti di lavoro in ITALIA? come?
    - Scritto da: Anonimo[..........]
    ok, forse al nord non sarà
    realistico, ma non credo proprio che al sud
    abbiano soldi da spendere con i prezzi che
    si vedono in giro... che poi sono tasse
    annuali, mica ti compri un software e che
    sia finita lì per 20 anni.
    no no... OGNI ANNO paghi.non pagando si commette un reato e oltretutto si fa concorrenza sleale a chi invece il software lo compra eccome.se non ce la si fa si chiude e si cambia lavorosalutitristemente_famoso
  • Anonimo scrive:
    Re: Ora è colpa della pirateria...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: TADsince1995



    non tutti sono pronti a

    passare al software libero, con mio
    enorme

    dispiacere...

    Come è possibile che in quella
    situazione non si precipitino su software
    gratuito o quasi ??? :|te lo dico io perchè....perchè mancano le multe e il manganelloQuando si scopre che è economico organizzarsi verso free software e antieconomico prendere le multe il mercato farà da sè.salutitristemente_famoso
  • Anonimo scrive:
    Re: CON L'ITALIA A ROTOLI...
    e vai con l'italietta dei condoni.Che pena...
  • Anonimo scrive:
    Re: licenza M$ = tassa
    nessuno ti obbliga ad usare MS windows quindi se non lo vuoi usare non lo paghi e passi a linux.secondo me non è una tassa ma paghi un software tutto qui.
  • Anonimo scrive:
    Per colpa di qualcuno...
    Purtroppo sono gli utenti a comprare il pc solo se ben farcito di software "in omaggio" altrimenti devi chiudere.Insomma si innesca un meccanismo perverso che si uno "ruba", gli altri, se vogliono sopravvivere devono farlo a loro volta.
  • Anonimo scrive:
    Re: favole ...
    - Scritto da: Anonimo
    "Microsoft ha anche citato le rilevazioni
    2003 di Business Software Alliance (BSA),
    l'organizzazione che riunisce i maggiori
    produttori di software proprietario, secondo
    cui una riduzione del 10 per cento nella
    pirateria nel software entro il 2006
    garantirebbe la creazione in Italia di
    17.000 nuovi posti di lavoro nel settore IT
    e un incremento del gettito fiscale pari a
    1,8 miliardi di euro."

    ... e poi c'e' la marmotta che incarta il
    cioccolato ...MMhh cioccolato dici? mhhm ha lo stesso colore... ma... :D

  • Anonimo scrive:
    Re: posti di lavoro in ITALIA? come?

    Hai perfettamente ragione.
    te lo dico da siciliano,
    già il problema da noi è
    aprire un'attività. Fra mafia legale
    (tasse, sovrattasse, permessi, certificati
    antimafia ecc.)
    ed mafia illegale (pizzo,
    donazioni ecc.) è un'impresa fare
    impresa. E' un miracolo se esiste ancora
    qualche scemo come me che vuole avviare una
    attività... Che miraggio un posto al
    comune. :(Bhe! che dire anche al Nord la situazione si sta lentamente trasformando in una simile a quella descritta.Ogni tanto qualcuno del Sud ci prova a mettere su qualcosa al Nord qualche volta gli va bene e se non va bene e i creditori stressano se ne torna giu' e sparisce, letteralmente sparisce, per 2 o tre anni.Ma noi del Nord dove andiamo?? :'(Trovo curiosa la politica dei "favori" molto presente nelle persone che hanno vissuto al Sud, qui al Nord al contrario si paga tutto e subito.
  • Anonimo scrive:
    Quante culle ci sono!?
    alla fine dell'articoloSull'argomento vedi anche:La Toscana non è terra di piratiA Torino la pirateria non passaSoftware, Sicilia culla di pirati?Roma capitale dei piratiMilano capitale della pirateria informaticaBSA: Veneto culla della pirateria informaticama alla fine quante CULLE ci sono?!Salugti
  • Anonimo scrive:
    multa sul fatturato!
    Sono d'accordo!Facciamo una grossa multa a chi usa il software M$ piratato!Ma per essere equa queta multa deve punire sulla base degli illeciti guadagni e essere proporzionata in percentuale al fatturato ottenuto!Cosi' imparano a piratare!Eheheheh!Scommettiamo che M$ e' contraria a questa proposta? :DIndovinate perche'! :DSarebbe proprio un grande aiuto per Linux e FreeBsd! :D
  • Anonimo scrive:
    Re: licenza M$ = tassa
    - Scritto da: Anonimo
    E siccome, come è noto, i meridionali
    tendono ad evitare le tasse come la
    tubercolosi, allora è il caso di
    farsi giustizia privata e non pagarle...Niente affatto la cosa migliore e' usare Linux non pagare un cifulo a M$ e mandarli a quel paese :DIl che e' perfettamente legale, morale ed economicamente utile alla faccia tua e degli zeloti M$ :D
  • Anonimo scrive:
    Re: licenza M$ = tassa
    E siccome, come è noto, i meridionali tendono ad evitare le tasse come la tubercolosi, allora è il caso di farsi giustizia privata e non pagarle...
  • Anonimo scrive:
    licenza M$ = tassa
    la paghi, l'anno dopo esce la nuova versione che generadati incompatibili con la precedente, quindi ... la ri-paghie cosi via all'infinito, in pratica e' una tassa! e la maggiorparte dei soldi finisce anche all'estero!non credo sia la politica neanche di questo governopensare di aumentare le tasse nelle zone meno sviluppate del paese, per incrementare l'occupazionema ci prendono per dei ritardati ?
  • Anonimo scrive:
    CON L'ITALIA A ROTOLI...
    Visto che l'economia va a rotoli e ormai lo dice anche la casa delle liberta', bisogna riconoscere (anche ufficialmente) che la pirateria informatica AIUTA L'INDUSTRIA INFORMATICA ITALIANA, altro che danneggiarla!! Gli unici danneggiati qui sono Bill Gates e pochi altri (sai che pena).Propongo a Berlusca un bel condono: le aziende paghino 1000 euro al fisco di iva evasa piratando e DICHIARIAMO LEGALE TUTTO IL SOFTWARE COPIATO PRODOTTO FINO AL 2003 (o fino al 2002, tanto .dotnet, 2003 ecc. sono una ca**gata).Che ve ne pare? un bell'impulso alla economia (tante piccole aziende IT che si ritrovano nella legalita' e possono cosi' produrre software con visual basic 6.0, windows 2000, ecc.) e un bell'introito per le casse statali (ma quando mai beccavano 1000 euro di IVA sugli acquisti del software?), ci guadagnerebbe L'ITALIA (e se gli USA ci perdono... pazienza, si rifaranno con i pozzi di petrolio di Saddam)
  • Anonimo scrive:
    favole ...
    "Microsoft ha anche citato le rilevazioni 2003 di Business Software Alliance (BSA), l'organizzazione che riunisce i maggiori produttori di software proprietario, secondo cui una riduzione del 10 per cento nella pirateria nel software entro il 2006 garantirebbe la creazione in Italia di 17.000 nuovi posti di lavoro nel settore IT e un incremento del gettito fiscale pari a 1,8 miliardi di euro." ... e poi c'e' la marmotta che incarta il cioccolato ...
  • Anonimo scrive:
    Re: posti di lavoro in ITALIA? come?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Non nego i dati degli esperti, ma
    vorrei che

    gli esperti ci dicessero COME il
    software

    originale creerebbe 17MILA (!!!!) posti
    di

    lavoro IN ITALIA.



    Dubito che creerebbe persino posti di
    lavoro

    IN PIU' nella sede CENTRALE di Microsoft

    (perchè non stiamo parlando mica

    d'altro) ... ma in italia?!

    Se vogliamo ESAGERARE forse potrà

    creare 200/300 posti, e tutti legati
    all'uso

    della lingua italiana (traduttori,
    software

    che gestiscono la lingua italiana, un
    po' di

    customercare, public relations, e

    controllori a manetta)



    supponiamo ad esempio di trovarci in una

    azienda 100% illegale.



    numero N di servers, numero M di

    workstations.

    aggiungiamoci office + antivirus su
    tutti.



    il tutto *gratis*.



    tutta gente che LAVORA.



    ora pensiamo di fare lo stesso
    spendendo per

    licenze ecc ecc.

    piuttosto la direzione dimezza tutto il

    parco macchine e conseguentemente anche
    il

    personale.

    vi sembra poco realistico?



    ok, forse al nord non sarà

    realistico, ma non credo proprio che al
    sud

    abbiano soldi da spendere con i prezzi
    che

    si vedono in giro... che poi sono tasse

    annuali, mica ti compri un software e
    che

    sia finita lì per 20 anni.

    no no... OGNI ANNO paghi.

    Hai perfettamente ragione.
    te lo dico da siciliano,
    già il problema da noi è
    aprire un'attività. Fra mafia legale
    (tasse, sovrattasse, permessi, certificati
    antimafia ecc.) ed mafia illegale (pizzo,
    donazioni ecc.) è un'impresa fare
    impresa. E' un miracolo se esiste ancora
    qualche scemo come me che vuole avviare una
    attività... Che miraggio un posto al
    comune. :(Guardate che al Nord è la stessa cosa e molti dei vostri compaesani sono venuti ad occupare posti di potere qui esportando i problemi che avete descritto.Hanno trovato terreno fertile, perchè molti dei miei compaesani non aspettavano altro: "Fare i mafiosi al Nord parlando di diritti e antimafia".
  • Anonimo scrive:
    Re: Sarebbe ora...
    - Scritto da: Anonimo
    Sarebbe ora che Microsoft iniziasse una
    seria campagna contro la pirateria. Ogni
    tanto escono queste notizie. Ma non si parla
    mai di arresti, multe o quant'altro. Diciamo
    la verità loro di pirateria ci
    campano.chi quelli della MS ? certo hanno drogato il mercato lasciando copiare il loro software ed stata una strategia vincente direi
  • Anonimo scrive:
    Soliti terroni.......
  • Anonimo scrive:
    Re: Ora è colpa della pirateria...
    (linux)Il vero problema stà nell'ignoranza generale sopratutto nel campo informatico dove si pensa che tutto si riduce al desktop di windows. Colpevoli e + ignoranti coloro che hanno fatto di questo un business senza portare niente di innovativo (mi riferisco a tutti gli "imprenditori" del settore informatico).Gente che vende fumo e che scalda sempre le stesse minestre imposte da zio bill.
  • Anonimo scrive:
    Sarebbe ora...
    Sarebbe ora che Microsoft iniziasse una seria campagna contro la pirateria. Ogni tanto escono queste notizie. Ma non si parla mai di arresti, multe o quant'altro. Diciamo la verità loro di pirateria ci campano.
  • Anonimo scrive:
    Re: posti di lavoro in ITALIA? come?
    - Scritto da: Anonimo
    Non nego i dati degli esperti, ma vorrei che
    gli esperti ci dicessero COME il software
    originale creerebbe 17MILA (!!!!) posti di
    lavoro IN ITALIA.

    Dubito che creerebbe persino posti di lavoro
    IN PIU' nella sede CENTRALE di Microsoft
    (perchè non stiamo parlando mica
    d'altro) ... ma in italia?!
    Se vogliamo ESAGERARE forse potrà
    creare 200/300 posti, e tutti legati all'uso
    della lingua italiana (traduttori, software
    che gestiscono la lingua italiana, un po' di
    customercare, public relations, e
    controllori a manetta)

    supponiamo ad esempio di trovarci in una
    azienda 100% illegale.

    numero N di servers, numero M di
    workstations.
    aggiungiamoci office + antivirus su tutti.

    il tutto *gratis*.

    tutta gente che LAVORA.

    ora pensiamo di fare lo stesso spendendo per
    licenze ecc ecc.
    piuttosto la direzione dimezza tutto il
    parco macchine e conseguentemente anche il
    personale.
    vi sembra poco realistico?

    ok, forse al nord non sarà
    realistico, ma non credo proprio che al sud
    abbiano soldi da spendere con i prezzi che
    si vedono in giro... che poi sono tasse
    annuali, mica ti compri un software e che
    sia finita lì per 20 anni.
    no no... OGNI ANNO paghi.Hai perfettamente ragione.te lo dico da siciliano,già il problema da noi è aprire un'attività. Fra mafia legale (tasse, sovrattasse, permessi, certificati antimafia ecc.) ed mafia illegale (pizzo, donazioni ecc.) è un'impresa fare impresa. E' un miracolo se esiste ancora qualche scemo come me che vuole avviare una attività... Che miraggio un posto al comune. :(
  • Anonimo scrive:
    posti di lavoro in ITALIA? come?
    Non nego i dati degli esperti, ma vorrei che gli esperti ci dicessero COME il software originale creerebbe 17MILA (!!!!) posti di lavoro IN ITALIA.Dubito che creerebbe persino posti di lavoro IN PIU' nella sede CENTRALE di Microsoft (perchè non stiamo parlando mica d'altro) ... ma in italia?! Se vogliamo ESAGERARE forse potrà creare 200/300 posti, e tutti legati all'uso della lingua italiana (traduttori, software che gestiscono la lingua italiana, un po' di customercare, public relations, e controllori a manetta)supponiamo ad esempio di trovarci in una azienda 100% illegale. numero N di servers, numero M di workstations.aggiungiamoci office + antivirus su tutti.il tutto *gratis*.tutta gente che LAVORA.ora pensiamo di fare lo stesso spendendo per licenze ecc ecc.piuttosto la direzione dimezza tutto il parco macchine e conseguentemente anche il personale.vi sembra poco realistico?ok, forse al nord non sarà realistico, ma non credo proprio che al sud abbiano soldi da spendere con i prezzi che si vedono in giro... che poi sono tasse annuali, mica ti compri un software e che sia finita lì per 20 anni.no no... OGNI ANNO paghi.
  • Anonimo scrive:
    Che strano...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ora è colpa della pirateria...
    E sotto la pianta di cacocce si levo' un suono di un marranzano.......poi il silenzio :|
  • Anonimo scrive:
    Re: 17000???
    Turiddu Caloggero Sarbaturi (troll)
  • Anonimo scrive:
    17000???
    Microsoft ha anche citato le rilevazioni 2003 di Business Software Alliance (BSA), l'organizzazione che riunisce i maggiori produttori di software proprietario, secondo cui una riduzione del 10 per cento nella pirateria nel software entro il 2006 garantirebbe la creazione in Italia di 17.000 nuovi posti di lavoro nel settore IT e un incremento del gettito fiscale pari a 1,8 miliardi di euro.si ma se si riducesse la pirateria aumenterebbero i linux e i 17000 di posti di lavoro come li pagano??P.S.vorrei tanto sapere chi è quello studente che paga 1000 ? per software propietario...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ora è colpa della pirateria...
    - Scritto da: FDG
    La seconda è che è un problema culturale sentito in Sicilia dove si
    è meno disposti a sperimentare strade alternative (lo dico da siciliano).non sono d'accordobaciamo le mani
  • FDG scrive:
    Re: Ora è colpa della pirateria...
    - Scritto da: Anonimo
    Come è possibile che in quella
    situazione non si precipitino su software
    gratuito o quasi ??? :|Ti do due possibili rispote.La prima è che non è quello il problema principale. Puoi pure passare al software O.S, ma se non lavori che te ne fai?La seconda è che è un problema culturale sentito in Sicilia dove si è meno disposti a sperimentare strade alternative (lo dico da siciliano).Posso ben dire che questo è uno dei casi in cui sono contento delle iniziative della Microsoft. Spero serva a svegliare i miei conterranei.
  • TADsince1995 scrive:
    Re: Ora è colpa della pirateria...
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: TADsince1995



    non tutti sono pronti a

    passare al software libero, con mio
    enorme

    dispiacere...

    Come è possibile che in quella
    situazione non si precipitino su software
    gratuito o quasi ??? :|Devi sapere che all' 80% qui in Sicilia (ma penso anche altrove) le aziende di informatica sono state messe su da gente che non ne capisce un cazzo di informatica ed è stata attratta dalla "new economy". Avendo i mezzi per farlo, hanno aperto centinaia di aziende tutte uguali che fanno tutte le stesse cose (siti web e gestionali in Visual Basic), spesso hanno anche nomi simili, hanno fatto assunzioni in massa e ora sono nella merda... Dove lavoravo io si cominciava a vedere qualche OpenOffice, ma qualcuno diceva addirittura di prendere progetti OpenSource e rivenderli come software proprietario per farci soldi... Questo per farti capire con chi avevo a che fare... Non c'è ancora la coscienza per il software libero, è questo che mi fa dannare!!!TAD==================================Modificato dall'autore il 31/03/2004 0.42.55
  • Anonimo scrive:
    Re: Ora è colpa della pirateria...
    - Scritto da: TADsince1995

    non tutti sono pronti a
    passare al software libero, con mio enorme
    dispiacere...Come è possibile che in quella situazione non si precipitino su software gratuito o quasi ??? :|
  • TADsince1995 scrive:
    Ora è colpa della pirateria...
    Se ci sono meno posti di lavoro, ma non fatemi ridere...Io parlo per esperienza, vivo a Palermo e purtroppo non posso far altro che confermare ciò che c'è scritto nell'articolo, in tutte le aziende dove ho lavorato buona parte del software era senza licenza... Ma in una terra che brulica di miniaziende di informatica quasi tutte in bancarotta purtroppo è un effetto collaterale e non tutti sono pronti a passare al software libero, con mio enorme dispiacere...TAD Che non vede l'ora di trovare lavoro fuori da questa terra stupenda ma in ginocchio
Chiudi i commenti