3 Italia: guai se non avremo l'iPhone anche noi

L'azienda non va per il sottile. O Apple tratta con tutti o se la vedrà con l'antitrust. Un debutto difficile per l'iPhone tricolore?

Roma – Mancano ancora cinque giorni alla keynote durante la quale Steve Jobs si presume lancerà una nuova versione 3G di iPhone, ma a quanto pare gli animi sono già surriscaldati. A margine della presentazione del nuovo palinsesto della sua TV mobile, l’amministratore delegato di 3 Italia Vincenzo Novari mette le cose in chiaro: anche la sua azienda è interessata al melafonino, e Apple farà bene a prendere in considerazione la candidatura di H3G.

Secondo Novari, Apple ha cambiato strategia per la vendita del suo cellulare: non più un solo operatore esclusivo per mercato nazionale, ma più partner con i quali stipulare volta per volta accordi ad hoc. In Italia, come noto , ci sono già TIM e Vodafone pronte a commercializzarlo, ma secondo l’AD ci sarà spazio anche per la sua azienda.

Ma se questa prospettiva non si dovesse concretizzare, se Apple si dovesse negare, allora 3 Italia è pronta a farsi sentire . Da Cupertino si continua a parlare di “massima apertura: se questa apertura è reale – ha detto Novari – bene, se no si tratta di un accordo con due operatori che si chiamano Tim e Vodafone e non ce ne occuperemo noi, ma l’Antitrust”

Niente favoritismi alla concorrenza, dunque, anche se il giudizio resta sospeso: Apple sarà sicuramente subissata di richieste al momento, e 3 Italia intende lasciare all’azienda californiana il tempo di smaltirle. Certo, conclude Novari, se Steve Jobs rispondesse alle email sarebbe tutto più semplice. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nome e cognome scrive:
    Estensione?
    Che tristezza, chiamare estensioni quelli che in realtà sono TLD (o "domini di primo livello") su quello che dovrebbe essere un quotidiano informatico.
    • Funz scrive:
      Re: Estensione?
      - Scritto da: nome e cognome
      Che tristezza, chiamare estensioni quelli che in
      realtà sono TLD (o "domini di primo livello") su
      quello che dovrebbe essere un quotidiano
      informatico.Ma che pistino, si usa un termine generalista compreso da tutti anziché qualche oscuro acronimo da iniziati, non ci vedo niente di strano visto che PI è una testata rivolta a tutti, non solo ai superesperti.
      • rotfl scrive:
        Re: Estensione?
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: nome e cognome

        Che tristezza, chiamare estensioni quelli che in

        realtà sono TLD (o "domini di primo livello") su

        quello che dovrebbe essere un quotidiano

        informatico.

        Ma che pistino, si usa un termine generalista
        compreso da tutti anziché qualche oscuro acronimo
        da iniziati, non ci vedo niente di strano visto
        che PI è una testata rivolta a tutti, non solo ai
        superesperti"Estensioni" non e' un termine generalista, e' un termine ERRATO.
        • Funz scrive:
          Re: Estensione?
          - Scritto da: rotfl
          "Estensioni" non e' un termine generalista, e' un
          termine
          ERRATO.Ma certo, ma certo... non stiamo parlando di files .pincopallo, hai ragione hai ragione tu.
    • rotfl scrive:
      Re: Estensione?
      - Scritto da: nome e cognome
      Che tristezza, chiamare estensioni quelli che in
      realtà sono TLD (o "domini di primo livello") su
      quello che dovrebbe essere un quotidiano
      informaticoQUOTO... ma fosse la prima volta che PI scrive baggianate del genere...
  • Errata scrive:
    Errata
    [quote]Il risultato principale è che appunto, sul totale, il 19,2% dei pericoli della fetta di web presa in esame risiede su dominio.hk mentre l'11,8% appartiene al dominio.ch.[/quote]appartiene al dominio cn (non ch)!
Chiudi i commenti