42 chilometri via SMS

Statistiche podistiche in tempo reale. Via web o via cellulare. Ci hanno pensato nel Texas, in occasione di una gara di fondo
Statistiche podistiche in tempo reale. Via web o via cellulare. Ci hanno pensato nel Texas, in occasione di una gara di fondo

Che si possa tenere traccia dei progressi e delle performance di un corridore è cosa nota: molti cellulari dotati di accelerometro e GPS lo fanno da tempo, così come i cardiofrequenzimetri più evoluti e ovviamente qualsiasi iPod collegato al sistema Nike+ infilato nelle scarpe. Quello che è più insolito è farlo via web o cellulare senza essere il diretto interessato: ci hanno pensato gli organizzatori della Dallas White Rock Marathon , tenutasi ieri nella omonima città texana.

Due corridori sul percorso In pratica, invece di tenere le informazioni raccolte dai cronometristi sui corridori della maratona e della mezza cittadina rinchiuse nei server dell’organizzazione, qualcuno deve aver pensato che il patrimonio di informazioni su altimetria, passo e tempi di percorrenza di tutti i podisti rilevato via RFID fosse un argomento di interesse per i netizen: chiunque ha potuto collegarsi al sito dell’evento e inserire il codice (Bid) assegnato al singolo concorrente, così da tenere sotto controllo le sue prestazioni e più in generale l’evolversi della competizione.

L’idea, spiegano le FAQ, è offrire agli amici e ai parenti dei podisti uno strumento per monitorarne la gara: registrando il proprio numero di cellulare, e confermando l’intenzione di seguire via SMS la maratona , una serie di brevi messaggi hanno fornito informazioni preziose sui passaggi ai vari traguardi intermedi e con la precisazione che si trattava in ogni caso di tempi ufficiosi e dunque non significativi ai fini della classifica generale. Il tutto senza costi aggiuntivi, a meno che non fossero previsti addebiti per la ricezione di SMS se previsto dal proprio operatore.

In alternativa, era sempre possibile utilizzare l’email per ottenere tutti i dati – utile anche per il singolo corridore per rivedere a posteriori il proprio andamento in gara – o collegarsi ad una apposita interfaccia web scritta in Java all’interno della quale curiosare sulla mappa del percorso la posizione effettiva del singolo concorrente. Nessun problema per la privacy, assicurano sempre le FAQ, visto che il sito impiega “un’ampia varietà di misure di sicurezza per mantenere al sicuro i vostri dati”, custoditi a detta degli organizzatori “in un ambiente operativo sicuro”.

La mappa del percorso

L’iniziativa pare abbia goduto di una buona popolarità: forse c’è anche questa mossa dietro il nuovo record di iscritti alla competizione, che quest’anno ha registrato oltre 16mila partecipanti . La vittoria è andata al kenyano Noah Serem, che con un tempo di 2:22.08 è risultato il più lento vincitore della White Rock Dallas Marathon dal 2002. Tra le donne ha invece primeggiato la russa Svetlana Ponomarenko, anche lei autrice di un non brillantissimo 2:37.18: a parziale scusante degli atleti va sottolineato come sul campo di gara abbia spirato un gran vento legato al mal tempo fatto registrare in questi giorni in Texas.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 12 2008
Link copiato negli appunti