504 hot-spot wi-fi in Italia

Lo sostiene la rivista Wireless, che pubblica nel numero di ottobre quella che definisce la prima mappa degli accessi wi-fi italiani. Caccia al broad band senza fili


Roma – La caccia è aperta da molto tempo, da quando cioè un gruppo sempre più nutrito di utenti si è dotato di hardware capace di supportare la connessione wi-fi. Ora la caccia agli hot spot pubblici , i luoghi dove è cioè possibile accedere ad internet in modalità wi-fi, dovrebbe essere divenuta più semplice.

A sostenerlo è la rivista di settore Wireless che allega al suo numero di ottobre quella che definisce la prima mappa degli hot spot italiani.

Secondo un censimento della rivista, sono 504 al momento gli hot spot in Italia o, meglio, lo erano circa un mese fa. Il maggior numero di accessi wireless si trovano in Lombardia, con 121 hot spot di cui ben 87 a Milano. Segue a ruota la capitale: a Roma si contano 86 hot spot mentre nel Lazio se ne trovano complessivamente 94. In Campania, con 47 hot spot a Napoli e 77 nella regione, ci sono più hot spot che in Emilia, “ferma” a 66. “Nessuna regione – afferma Wireless in una nota – è priva di hot-spot”.

La mappa afferma anche che in aeroporti e stazioni ferroviarie si trovano 29 hot spot, 139 invece negli alberghi, ben 149 in bar, ristoranti e luoghi di ritrovo e 187 in luoghi pubblici come i centri sportivi, i centri commerciali, i negozi o le scuole.

Va detto che tutto questo avviene a fronte dell’attività di 26 operatori : questo infatti il numero di imprese del settore che hanno chiesto l’autorizzazione ad operare al ministero delle Comunicazioni. Un numero destinato a salire rapidamente e del quale faranno parte ben presto anche carrier di telefonia mobile ed altri soggetti già attivi in altri campi.

Come si ricorderà, nei giorni scorsi la Wi-Fi Alliance ha presentato un servizio di localizzazione via wap di 6mila hot spot (vedi: A caccia di hot spot Wi-Fi col cellulare ).

Per altre informazioni, per recuperare un numero della rivista o partecipare al WLAN Business Forum organizzato da Wireless il link di riferimento è: www.wlanforum.it .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Fiiiiiiiiiiiiiii----Boooooooommm
    Cos'è, il big bang ?NO,è il botto che farà 3 tra poco ... se continua con queste offerte.
  • seranto scrive:
    il videofonino è quasi gratis
    Ammeso che a qualcuno serva, basta sottoscrivere la proposta 3, denunciare il furto del cellulare e quindi pagare la penale di 240?, ora si aprono due strade:- rivevendo il cellulare al suo reale prezzo e me ne compro quasi un'altro;- entro 6 mesi recedo dal contratto pagando le rate di 30?x6mesi=180 e mi tengo il cellulare
    • Anonimo scrive:
      Re: il videofonino è quasi gratis
      - Scritto da: seranto
      Ammeso che a qualcuno serva, basta
      sottoscrivere la proposta 3, denunciare il
      furto del cellulare e quindi pagare la
      penale di 240?, ora si aprono due strade:ottimo! stavamo giusto testando il tracking dei terminali rubati, potresti fare la prova domani? ti veniamo a prendere a casa in massimo 24 ore ok? :) hehehewelcome to italy?
  • Anonimo scrive:
    videofonino gratis? NO
    IL PROF. ZICHICHI, CARLA FRACCI E ROBERTO BAGGIO: TRE TESTIMONIAL PER UNA TRIPLICE FREGATURA. ADUSBEF E FEDERCOSUMATORI RICORRONO D?URGENZA AL TRIBUNALE CIVILE DI ROMA PER CHIEDERE LA SOSPENSIONE IMMEDIATA DELLA PUBBLICITA? E DEI I CONTRATTI DI ?3?H3G, operatore di telecomunicazioni con il marchio ?3? ha lanciato una martellante campagna pubblicitaria su tutti i media (Tv, radio, giornali, internet) in occasione della messa sul mercato di nuovi servizi chiamati ?Tua Ricaricabile? e ?Tua Abbonamento?. Lo slogan è ormai noto: ?La rivoluzione è cominciata. Nasce Tua Ricaricabile. Da oggi il videofonino non lo paghi più. Per sempre?.Così si sente in tv e alla radio e si legge a caratteri cubitali sui giornali. Meno note le condizioni, non dette negli spot radio-tv e scritte a caratteri microscopici sui giornali e passate in video per un tempo infinitesimale: ?Con soli 30 euro di traffico e 60 minuti di chiamate ricevute mensili. Quota una tantum per attivazione. Informati sul sito www.tre.it o nei negozi 3?. In realtà quanto detto negli spot non corrisponde al regime contrattuale effettivamente applicato al consumatore, quale risulta dalle condizioni contrattuali predisposte da H3g per i servizi in questione.L?offerta pubblicizzata, infatti, lungi dal consentire la possibilità di ricevere un videofonino ?senza pagare? ? dunque, ?GRATIS?, come fanno credere le comunicazioni pubblicitarie - espone, invece, il consumatore-utente ad una serie di oneri e penali gravose, anzi, certamente abusive e, comunque, vessatorie.Come si apprende, infatti, solo leggendo il Regolamento di Servizio Tua 30 e Tua Club disponibile, su richiesta, solo nei punti vendita ?3?, l?utente che voglia accedere al nuovo Servizio TUA, facendosi così ?travolgere dalla rivoluzione appena cominciata??, scoprirà, suo malgrado che: 1) NON È VERO che il videofonino gli verrà consegnato GRATIS ossia senza pagare. Il videofonino viene consegnato all?utente in comodato gratuito (cioè dato in prestito) per cui l?utente non è, né diverrà mai proprietario di quell?apparecchio: questo resta di proprietà esclusiva di H3G che si limita a consegnarlo all?utente ?al solo fine di consentire a quest?ultimo di usufruire dei Servizi 3?. Di più. L?utente non potrà utilizzarlo con schedina SIM di altri operatori (come avviene ormai comunemente con tutti i telefonini ora in commercio); 2) l?utente, per avere il videofonino deve subito pagare una quota di attivazione, il cui importo ?non indicato in pubblicità - è di ben 189 euro (a fondo perduto) oltre la spesa di traffico effettivo che comunque non può essere inferiore a 30 euro; 3) l?utente, infatti, per accedere al servizio, deve necessariamente impegnarsi ?a pagare i corrispettivi e/o penali così come previsto nei piani tariffari? e cioè:a) penale di 30 euro nel caso in cui non riesca a rispettare la soglia minima di traffico in entrata e/o in uscita (chi non ci arriva si autotelefonerà);b) penale pari al valore di listino al netto di IVA del terminale, qualora, in caso di cessazione, anche anticipata, dei servizi Tua o di disattivazione della schedina SIM, non riconsegni il terminale entro i 30 giorni successivi;c) penale pari a 240 euro per primo smarrimento/furto o distruzione del terminale (ma non era ?suo? per sempre?);d) penale pari a 360 euro per successivi smarrimenti/furti o distruzioni del terminale;e) corrispettivo per il recesso dal servizio pari a 200 euro se avviene nei 180 giorni (6 mesi) successivi al momento in cui ha ricevuto il terminale o lo ha sostituito (si può sostituire solo dopo 1 anno dall?attivazione); pari a 100 ? se avviene quando siano trascorsi i 180 giorni dal momento dell?attivazione, ma non sia ancora maturato il diritto alla sostituzione (ossia entro 1 anno dall?attivazione medesima) Adusebf e Federconsumatori hanno chiesto dunque con ricorso d?urgenza ex art 700 del codice di procedura civile al Tribunale Civile di Roma di bloccare immediatamente l?ulteriore diffusione dei messaggi pubblicitari (esperendo così quella che tecnicamente viene definita ?azione inibitoria? ammessa a favore delle associazioni dei consumatori riconosciute ex lege 281/98 nei confronti di comportamenti lesivi degli interessi dei consumatori e degli utenti) per manifesta ingannevolezza ex dlgs 74/92 (che fissa i criteri di pubblicità ingannevole e comparativa) e di dichiarare nulle e quindi inefficaci le clausole contrattuali considerate vessatorie ex artt. 1469 bis e seg e 1519 e seg. del codice civile dei contratti di ?3?.
  • napodano scrive:
    siam 3 grandi e porcellin..
    complimenti 3, davvero una bella pubblicità..leggetevi il comunicato stampa, ne vale davvero la pena!mi domando sempre in questi casi cosa i manageroni che autorizzano queste campagne cosa immaginano che il consumatore penserà quando andrà a lèggere il regolamento della scheda..
  • Anonimo scrive:
    Fine delle scariche .........
    E meno male ! Poveri Cristi, fischiano come sirene del porto !
Chiudi i commenti