709, le richieste dei consumatori

Sette punti
Sette punti


Roma – Sono sette i punti chiave delle richieste presentate al ministero delle Comunicazioni e all’Autorità TLC da alcune associazioni di consumatori in merito ai 709, ai dialer internet e allo scandalo delle bollette gonfiate .

Confconsumatori, Movimento consumatori, Movimento di difesa del cittadino, Unione Nazionale Consumatori e CittadinanzAttiva hanno chiesto:

– blocco in automatico preventivo per tutti gli utenti verso numeri considerati a rischio
– obbligo per l’operatore di chiarire in fattura tutte le singole voci di spesa compreso il numero con cui ci si è collegati
– introduzione di tessere prepagate sulle numerazioni a pagamento per scalare via via i servizi fruiti
– chiedere un intervento europeo (Commissione e Parlamento) per lavorare su analoghe truffe attivate in altri paesi della Ue
– realizzare un testo unico legislativo che regoli tutto il settore
– l’obbligo per i gestori di informare nel modo più completo e migliore gli utenti prima della chiamata
– rispetto delle normative sui contratti a distanza tra soggetti e via internet

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 06 2003
Link copiato negli appunti