899 Flynet, ADUC parte civile

In corso le indagini sulla Flynet di Arezzo. ADUC annuncia di volersi costituire parte civile

Roma – Lo scandalo degli 899 che sta toccando numerose realtà delle tlc italiane è al centro delle indagini della Procura della Repubblica di Firenze che come noto nei gorni scorsi ha dato vita all’ Operazione Premium emettendo 18 ordini di custodia cautelare. Ora ADUC , l’associazione dei consumatori e degli utenti, ha annunciato di volersi costituire parte civile al futuro processo contro gli imputati.

Come noto, l’indagine riguarda presunte truffe telefoniche che sarebbero state commesse da persone collegate alla Flynet di Arezzo: l’ipotesi di reato è quella di associazione a delinquere finalizzata a truffare gli utenti addebitando chiamate ai cosiddetti “numeri a sovrapprezzo”, dagli 899 agli 166 e compagnia cantando.

Gli inquirenti stanno lavorando anche sui rapporti che Flynet avrebbe intessuto con aziende con sede a San Marino e Londra alle quali sarebbero state vendute le numerazioni, con profitti che poi sarebbero finiti su conti correnti britannici intestati ad altri soggetti.

“La nostra associazione – scrive ADUC – denuncia da anni le violazioni impunite delle compagnie telefoniche, e pubblica migliaia di segnalazioni e richieste di aiuto degli utenti, segnalando l’inadeguatezza dell’attività dell’Autorità delle Comunicazioni e l’inefficacia della giustizia civile per i risarcimenti del danno, perché lenta e dilatoria, costosa e difficile per il cittadino che deve provare di non aver fatto quelle telefonate. L’ADUC intende costituirsi parte civile nel procedimento penale in corso, in modo da partecipare attivamente allo svolgimento del processo. Attendiamo la conclusione delle indagini per comprendere con chiarezza tutti i dettagli della vicenda, conoscere per esteso le numerazioni telefoniche sotto accusa e dare agli utenti indicazioni su come procedere anche individualmente per il risarcimento dei danni subiti e la restituzione del maltolto”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Calibano scrive:
    Ma invece...
    Uscire per una sera e andare a fare un PT no eh?Poi non so... ma secondo me costa meno ed e' piu' remunerativo. :D
  • brutta scrive:
    grosso problema
    Cosa succede se mentre guido mi distraggo per vedere una bionda che passa in parte alla strada?
    • Wolf01 scrive:
      Re: grosso problema
      La macchina le va dietro, apre la porta e parte la canzoncina "Jump in my car" -
      http://www.youtube.com/watch?v=pgX-hiQdfFw
  • nominato scrive:
    grande buffonata
    grande buffonata
  • ITA84 scrive:
    Non sarebbe possibile...
    ...realizzare un rilevatore più confortevole, come ad esempio questo?http://www.ocztechnology.com/products/ocz_peripherals/nia-neural_impulse_actuator(naturalmente più preciso e affidabile di questo)
    • Pino scrive:
      Re: Non sarebbe possibile...
      - Scritto da: ITA84
      ...realizzare un rilevatore più confortevole,
      come ad esempio
      questo?

      http://www.ocztechnology.com/products/ocz_peripher

      (naturalmente più preciso e affidabile di questo)Infatti non vedo dove stia la novità di questo casco, esistono già prodotti belli e pronti in commercio, come quello che hai indicato....Riscoperta dell'acqua calda?Mah....
  • vavava scrive:
    meglio
    Meglio il sistema dell'università di Padova, dove guida un computer.Ciao
    • Gran Farabutt scrive:
      Re: meglio
      - Scritto da: vavava
      Meglio il sistema dell'università di Padova, Università di Parma, non Padova:http://vislab.it
Chiudi i commenti