A fine ottobre il Glofiish X800

Il nuovo PDA-phone di E-Ten offrirà connettività HSDPA e modulo GPS

Roma – Arriverà a fine ottobre sul mercato italiano il PDA-phone Glofiish X800 di E-Ten , un terminale multifunzione che promette prestazioni e velocità per comunicazioni e business, un dispositivo anticipato lo scorso marzo .

L’X800 offre supporto alle reti UMTS/GSM/EDGE/GPRS e HSDPA, e a queste tecnologie affianca il ricevitore GPS SiRF Star III. È dotato di un display VGA (480×640 pixel) a 65mila colori TFT e di uno scanner per biglietti da visita, utilizzabile attraverso la fotocamera principale con risoluzione da 2 Megapixel, autofocus e flash (c’è un obiettivo secondario per le videochiamate). Il sistema operativo è Windows Mobile 6, che gira su un processore Samsung da 500 MHz.

L’E-TEN Glofiish X800 vanta inoltre connettività Bluetooth 2.0 con EDR e WiFi b/g, vivavoce e gestione della posta elettronica tramite tecnologia “Direct Push”. Integra inoltre suonerie polifoniche, lettore MP3 e memoria ROM da 256 MB, espandibile attraverso schede microSD. Tra i software preinstallati spicca il sistema di backup automatico e programmabile, la localizzazione satellitare tramite SMS e un filtro per le telefonate entranti, attraverso il quale è possibile far risultare il PDA phone spento o occupato ad eventuali numeri indesiderati.

E-TEN Glofiish X800, importato da Focelda sarà in vendita a fine mese al prezzo di 589 euro IVA inclusa. Per qualsiasi informazione sui prodotti E-TEN è possibile visitare il sito Glofiish Italia .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • moderati è meglio scrive:
    Una via di mezzo
    Non sarebbe meglio trovare un compromesso tra l'intransigenza dei discografici ed affini e le pretese di aver tutto gratis dei pirati?
    • Paull scrive:
      Re: Una via di mezzo
      - Scritto da: moderati è meglio
      Non sarebbe meglio trovare un compromesso tra
      l'intransigenza dei discografici ed affini e le
      pretese di aver tutto gratis dei
      pirati?Occhio!Non tutti i pirati sono interessati al solo gratis, prova a dare un'ochiata al fenomeno Radiohead! Secondo me molti pirati sono dediti al distruggere il business model delle major, dimostrando coi fatti che con l'arroganza e la forza non possono andare da nessuna parte. Il mondo musicale deve cambiare, l'era delle major e dei cd e' finita.
      • Edo78 scrive:
        Re: Una via di mezzo
        - Scritto da: Paull
        - Scritto da: moderati è meglio

        Non sarebbe meglio trovare un compromesso tra

        l'intransigenza dei discografici ed affini e le

        pretese di aver tutto gratis dei

        pirati?

        Occhio!
        Non tutti i pirati sono interessati al solo
        gratis, prova a dare un'ochiata al fenomeno
        Radiohead! Secondo me molti pirati sono dediti al
        distruggere il business model delle major,
        dimostrando coi fatti che con l'arroganza e la
        forza non possono andare da nessuna parte. Il
        mondo musicale deve cambiare, l'era delle major e
        dei cd e'
        finita.Dipende da chi definisci "pirati", se sono quelli che si scambiano illegalmente musica tramite il p2p allora quelli o sono poco furbi o sono solo interessati ad avere quelle cose gratis.Per distruggere il business model delle major basta smettere di acquistare la loro musica, se proprio vuoi ascoltarti della musica gratis puoi farlo legalmente su jamendo o magnatune o simili ...
  • Bex scrive:
    Un popolo dovrebbe capire quando è sconf
    "Un popolo dovrebbe capire quando è sconfitto"...Diceva il Gladiatore...Beh i discografici devono capire che ormai hanno perso la guerra...i loro prodotti sono obsoleti e superati.Che si dedichino al merchandising. ora quello rende.
    • soulista scrive:
      Re: Un popolo dovrebbe capire quando è sconf
      - Scritto da: Bex
      "Un popolo dovrebbe capire quando è sconfitto"...
      Diceva il Gladiatore...


      Beh i discografici devono capire che ormai hanno
      perso la
      guerra...
      i loro prodotti sono obsoleti e superati.
      Che si dedichino al merchandising. ora quello
      rende.... o rende di più sparare denunce nel mucchio e prendere soldi dai patteggiamenti?
    • moderati è meglio scrive:
      Re: Un popolo dovrebbe capire quando è sconf

      "Un popolo dovrebbe capire quando è sconfitto"...
      Diceva il Gladiatore...No, lo diceva un altro personaggio dello stesso film, lui ha solo risposto: "E noi lo capiremmo?"
      Beh i discografici devono capire che ormai hanno
      perso la
      guerra...
      i loro prodotti sono obsoleti e superati.
      Che si dedichino al merchandising. ora quello
      rende.Hanno investito nell'industria discografica ottendendosi enormi ritorni che adesso non ci sono piu', permetti che siano un attimino seccati?Non sono mica come gli investitori in bond argentini che se lo sono pigliato e se lo tengono in silenzio.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Un popolo dovrebbe capire quando è sconf
        - Scritto da: moderati è meglio

        "Un popolo dovrebbe capire quando è sconfitto"...

        Diceva il Gladiatore...
        No, lo diceva un altro personaggio dello stesso
        film, lui ha solo risposto: "E noi lo
        capiremmo?"

        Beh i discografici devono capire che ormai hanno

        perso la

        guerra...

        i loro prodotti sono obsoleti e superati.

        Che si dedichino al merchandising. ora quello

        rende.

        Hanno investito nell'industria discografica
        ottendendosi enormi ritorni che adesso non ci
        sono piu', permetti che siano un attimino
        seccati?Gli investitori devono sempre considerare il rischio d'impresa: da una parte ci si lamenta che qui in italia lo stato aiuta a tenere in piedi inutilmente aziende fallimentari con spese enormi e poi quando questo in altri paesi non succede ci si lamenta a ancora ???
        Non sono mica come gli investitori in bond argentini
        che se lo sono pigliato e se lo tengono in silenzio.
        • Max3D scrive:
          Re: Un popolo dovrebbe capire quando è sconf

          Gli investitori devono sempre considerare il
          rischio d'impresa: da una parte ci si lamenta che...cosiglierei gli investitori di disinvestire i soldi li, e di investirli in ditte che producono lettori mp3 e chiavette usb (dicesi anche memory-stick) XD
      • spannocchia tore scrive:
        Re: Un popolo dovrebbe capire quando è sconf
        paragone poco azzeccato, addirittura senza senso secondo me:- coi tango si denunciava il fatto che consulenti suggerissero azioni molto rischiose spacciandole per sicure, così creando una spaventosa bolla che ha messo in ginocchio l'economia argentina, oltre ai risparmi di un buon numero di famiglie (e non mi si dica che dovevano sapere, cavolo se te lo dice un consulente di chi ci si deve fidare, del padre eterno?!). inoltre non se lo tengono, le azioni giudiziarie ci sono (vinte, ma con effetti a rilento) ma ovviamente i media hanno ben altro a cui pensare, mica garlasco sta su da sola?!- le case discografiche hanno comunque introiti colossali grazie alle superstar..considera inoltre i prezzi dei cd gonfiati, diritti d'immagine e quant'altro, giusto per capire che hanno mangiato fin troppo; ora semplicemente vogliono tenere i ricchi profitti di una volta, ma non sanno come fare, così sparano nel mucchio..se invece investissero (investimenti seri intendo) o avessero investito nel mercato virtuale (lasciato colpevolmente alla mercè di apple), ora la baia non avrebbe così tanti simpatizzanti..
  • soulista scrive:
    MITICI!!
    Come in un filmetto per bambini dalla trama scontata, si scopre che i "pirati" che si professano con orgoglio "cattivi" sono in realtà più buoni e giusti dei commodori della marina britannica. Essere "feccia" diventa solo un vantaggio quando sei abbastanza intelligente da colpire i "potenti"i nei punti e nei modi giusti.di nuovo:MITICI.:-D
  • Fiat 500 scrive:
    immagine-collage psichedelico
    Guarda bene, sono teschi
Chiudi i commenti