A Napoli il trasporto è GPRS

La Compagnia Trasporti Pubblici del capoluogo campano firma con TIM per dotare i propri mezzi di sistemi GPRS per il controllo a distanza e la localizzazione. Ma è solo un primo passo
La Compagnia Trasporti Pubblici del capoluogo campano firma con TIM per dotare i propri mezzi di sistemi GPRS per il controllo a distanza e la localizzazione. Ma è solo un primo passo


Roma – Localizzare i mezzi pubblici in circolazione, poter intervenire tempestivamente in caso di disservizio, abbattere i costi di gestione del parco dei mezzi: questi, secondo la napoletana CTP (Compagnia Trasporti Pubblici) i principali vantaggi del sistema FleetNET di TIM che l’azienda intende adottare.

Con un collegamento GPRS, oltre alla localizzazione dei mezzi e il controllo a distanza della funzionalità dei veicoli e via dicendo, a breve si potranno anche fornire informazioni “in diretta” ai cittadini che utilizzano il servizio di trasporto CTP.

TIM, secondo cui questo tipo di servizio è la prima volta che viene adottato in Italia, sostiene che tra i miglioramenti possibili grazie a FleetNET ci sono cose come: assicurare continuità di servizio, aumentare la sicurezza per conducenti e passeggeri, analizzare in crescente dettaglio i percorsi dei mezzi e i tempi di percorrenza e dunque, nel tempo, ottimizzare l’integrazione con le altre reti regionali.

In futuro, spiegano le due aziende, si potrà organizzare l’invio di SMS e MMS informativi ai passeggeri su percorsi, tariffe, deviazioni nonchè notizie di vario genere.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 07 2003
Link copiato negli appunti