A Pechino l'ufficio antipirati americano

Storico accordo, almeno così viene presentato, tra i due paesi. La Cina promette che questa volta non la farà passar liscia ai pirati, nemmeno a quelli informatici
Storico accordo, almeno così viene presentato, tra i due paesi. La Cina promette che questa volta non la farà passar liscia ai pirati, nemmeno a quelli informatici


Pechino – Dopo una giornata di estenuanti trattative, l’alto funzionario del governo americano Carlos Gutierrez è riuscito a strappare un’importante promessa dalla bocca dei diplomatici cinesi: la Cina inizierà a perseguire pesantemente la pirateria in cambio di maggiore cooperazione economica tra le due potenze planetarie. Washington ha fatto pressione per molti mesi, già dall’entrata della Repubblica Popolare Cinese nella WTO , affinché Pechino iniziasse a frenare il mercato parallelo che interessa una incredibile quantità di prodotti americani: dai film di Hollywood fino agli applicativi Microsoft , dalla musica d’autore fino ai libri.

L’ennesima promessa impossibile? Stavolta sembra proprio di no: gli USA apriranno una sezione straordinaria del proprio braccio antipirateria proprio nell’ambasciata di Pechino – una sorta di ufficio che dovrà gestire la collaborazione tra autorità americane e cinesi per stroncare il traffico di materiale piratato.

Secondo Gutierrez, segretario per il Dipartimento del Commercio Americano, con un graduale riassorbimento dei danni provocati dalla pirateria cinese (stimati in oltre 8 miliardi di dollari all’anno), “l’economia americana potrà risollevarsi” e pareggiare finalmente il disavanzo nei confronti della Repubblica Popolare. L’obiettivo di Gutierrez è di arrivare, tramite vari accordi, ad una progressiva apertura totale del mercato informatico (ma non solo) della popolosissima Cina. Infatti, persino aziende come Google e Yahoo! hanno dovuto sottostare alle dure norme del Partito Comunista: qualsiasi azienda estera che operi sul territorio cinese deve avere una partecipazione dello stato.

Steve Ballmer, CEO di Microsoft, non è altrettanto ottimista: “Dopo questo accordo non ci saranno certamente cambiamenti drastici”, ha dichiarato in una intervista ad Associated Press . Secondo il vertice di Redmond, il 90% del software sui computer cinesi è pirata : un dato che contrasta nettamente con quanto affermato, più volte, dai burocrati di Pechino. In Cina, secondo le fonti ufficiali, il governo è un accanito sostenitore di Linux sia nell’amministrazione pubblica che nelle grandissime aziende statalizzate. Ma nei negozi la quantità di software proprietario piratato e venduto a basso prezzo rimane elevatissima.

Per il momento, sembra che le tensioni tra Repubblica Popolare Cinese e Stati Uniti si siano allentate: il culmine si era avuto negli scorsi giorni, quando le Camere di Washington hanno discusso sulla controversa offerta cinese per l’acquisto di una importante azienda petrolifera americana. “La Cina dovrebbe aprire i mercati come noi stiamo facendo”, conclude Gutierrez – lasciando pensare che le aziende americane sono pronte ad essere travolte dal grande Drago asiatico. Basterà la lotta alla pirateria per porre un freno all’aggressiva espansione economica mandarina?

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 07 2005
Link copiato negli appunti