A rischio l'intesa IBM-Lenovo sui PC

Le autorità federali americane sembrano intenzionate ad aprire un'inchiesta: si teme che il trasferimento ai cinesi possa rappresentare una minaccia alla sicurezza nazionale


Washington (USA) – C’è aria di maretta sul clamoroso accordo con cui lo scorso dicembre il colosso statunitense IBM ha annunciato la cessione alla cinese Lenovo del proprio comparto PC. Washington sembra infatti intenzionata a verificare se ciò non rappresenti un rischio per la sicurezza nazionale. Se così fosse la cessione potrebbe essere bloccata.

Stando alle indiscrezioni pubblicate da Bloomberg , infatti, membri della Commissione sugli investimenti stranieri negli Stati Uniti (CFIUS) ritengono che i cinesi potrebbero utilizzare a fini di spionaggio industriale una fabbrica IBM in North Carolina che è compresa nella cessione.

A confermare che della cosa si sta parlando ai massimi livelli è stato Michael R. Wessel, componente della Commissione sui rapporti commerciali e finanziari tra Cina e USA, sebbene fin qui dal Governo americano e dalle altre autorità preposte sia giunta alcuna conferma. Il problema non sarebbe soltanto come o dove i PC vengono realizzati ma soprattutto il network di produzione. “IBM – ha spiegato Wessel – ha contratti di servizio con il Governo e l’accesso ad una di queste reti (governative, ndr.) potrebbe non solo dare l’opportunità di fare del reverse engineering ma anche di craccare ed entrare”.

Ma è di tutt’altro avviso, avverte il Washington Post , William A. Reinsch, membro della stessa Commissione, secondo cui molti a Washington non gradiscono la vendita ai cinesi e cercherebbero quindi una scusa per affossarla. “Non c’è nessuno più di IBM a voler proteggere la sua proprietà intellettuale. Quando daranno via quella porzione del proprio business non dubito che sapranno fornire tutte le protezioni necessarie ad impedire che altri entrino in possesso delle loro tecnologie più preziose”.

A screditare un’ipotesi “complottistica” è anche il celebre esperto di sicurezza Bruce Schneier, secondo cui la fabbrica in North Carolina “per gli agenti segreti non potrebbe rappresentare qualcosa di diverso dalla hall di un qualsiasi albergo”.

Da parte sua IBM ha fatto sapere che come previsto l’azienda “ha notificato l’operazione alla Commissione per gli investimenti stranieri” e che sta seguendo tutte le normali procedure di revisione dell’operazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • theDRaKKaR scrive:
    Re: incumbent
    incombente secondo me va benissimoincombe sui soldi di (quasi al 95%) tutti noi :D
  • theDRaKKaR scrive:
    Re: collegamento pericoloso?
    praticamente la pagina agisce come un exploit, sul cervello umano però..ciao ciao
  • theDRaKKaR scrive:
    Re: Forse la magistratura...
    per l'onu nn è reato il phishing, e sono d'accordo con la mia coscienza (semi-citazione)
  • Anonimo scrive:
    Re: Forse la magistratura...
    - Scritto da: Anonimo
    la magistratura???? tipo i terroristi di
    milano??Vuoi dire i guerriglieri, suppongo .....
  • Anonimo scrive:
    Re: Forse la magistratura...
    la magistratura???? tipo i terroristi di milano??
  • Anonimo scrive:
    Re: Non vedo il senso dell'articolo...
    - Scritto da: Anonimo
    Allola qui c'è un problema di
    comprensione:
    è l'autorità giudiziaria che
    impedisce all'ISP di agire: l'ISP potrebbe
    essere accusato di "intralciare le indagini"
    eventulamente in corso.
    Spero che ora sia chiaro!
    In conseguenza di ciò solo se con un
    atto l'autorità giudiziaria autorizza
    a "chiudere il rubinatto" l'ISP lo si
    può fare.
    L'AUP da te citata non c'entra un
    benemerito...C'entra eccome: a meno che l'intervento della magistratura non sia già avvenuto (nella forma di richiesta all'ISP di non chiudere il servizio per indagini in corso), l'ISP ai suoi clienti fa quello che decide di fare, conformemente alla AUP.Se l'utente risulta abusare del servizio, lo posso chiudere in qualsiasi momento, non ho alcun bisogno dell'autorizzazione della magistratura per farlo.Nè la magistratura può rinfacciarmi di averlo fatto, in alcun modo, poichè sto usufruendo delle possibilità che il mio contratto mi concede.
  • Anonimo scrive:
    Re: incumbent
    - Scritto da: Anonimo
    incumbent. traducendo in italiano? sarebbe
    auspicabile un po' di coerenza nel
    linguaggio, evitando di lasciarsi prendere
    dalle mode..credo sia il termine tecnico usato da agcom per definire il dominante
  • Anonimo scrive:
    incumbent
    incumbent. traducendo in italiano? sarebbe auspicabile un po' di coerenza nel linguaggio, evitando di lasciarsi prendere dalle mode..
  • Anonimo scrive:
    Pishing..piove su telecom italia....
  • Anonimo scrive:
    Forse la magistratura...
    Sta raccogliendo prove sulle presunte attivita' truffaldine di questi per affossarli una volta per tutte?
  • CalicoJack scrive:
    Re: Gli ISP...
    - Scritto da: Anonimo


    Pubblica tutto, la gente DEVE SAPERE !
    Pubblica ip, tecniche ecc eccMica sono scemo :-) Ho tanta voglia di passare quelle info a chi potrebbe utilizzarle in modo illegale, ma non lo faccio, in compenso ho acquistato una bottiglia di spumante, tanto prima o poi tra i loro milioni di utenti qualcun'altro che si accorge della cosa ci sarà e potrebbe divertirsi... allora stapperò quella bottiglia :-D
  • Anonimo scrive:
    Re: Non vedo il senso dell'articolo...
    Allola qui c'è un problema di comprensione:è l'autorità giudiziaria che impedisce all'ISP di agire: l'ISP potrebbe essere accusato di "intralciare le indagini" eventulamente in corso.Spero che ora sia chiaro!In conseguenza di ciò solo se con un atto l'autorità giudiziaria autorizza a "chiudere il rubinatto" l'ISP lo si può fare.L'AUP da te citata non c'entra un benemerito...Egob- Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Un provider non può interrompere
    il

    servizio ad un proprio cliente.

    Balle. Ti invito a informarti su cosa
    è e a cosa serve una AUP (compresa in
    ogni contratto standard da qualsiasi
    provider).
  • Anonimo scrive:
    Re: digitare url
    o un firewall che lasci aperta solo la porta 80- Scritto da: Anonimo
    uhm... basta una linea di codice su linux
    per evitare di far rispondere al ping... non
    e' che sia cosi' trascendentale come cosa...
  • Anonimo scrive:
    Re: Gli ISP...

    Di mail ne hanno ricevute 3, di fax 1, hanno
    il mio cellulare e nessuno muove il culo a
    contattarmi, non posso specificare nelle
    mail e nei fax di cosa si tratta
    perchè è una cosa che meno
    persone sanno meglio è, di scrivere
    al Garante ci ho pensato e se nessuno si
    muove...Pubblica tutto, la gente DEVE SAPERE !Pubblica ip, tecniche ecc ecc
  • Anonimo scrive:
    adesso sembra chiuso....
    bye
  • Anonimo scrive:
    Re: digitare url
    uhm... basta una linea di codice su linux per evitare di far rispondere al ping... non e' che sia cosi' trascendentale come cosa...
  • Anonimo scrive:
    Re: Non vedo il senso dell'articolo...
    - Scritto da: Anonimo
    Un provider non può interrompere il
    servizio ad un proprio cliente. Balle. Ti invito a informarti su cosa è e a cosa serve una AUP (compresa in ogni contratto standard da qualsiasi provider).
  • Anonimo scrive:
    Re: Non vedo il senso dell'articolo...

    Mi pare abbiamo già ampiamente
    dibattuto sulle responsabilità degli
    isp, o sono responsabili del traffico dei
    loro utenti o non lo sono.un conto e' dire che non sono responsabili dei "contenuti", delle opinioni che possono essere espresse nei siti dei loro clienti.un conto diverso e', in questo caso, dire che davanti a un'evidente truffa non fanno nulla.--tinto
  • CalicoJack scrive:
    Re: collegamento pericoloso?
    - Scritto da: Anonimo
    ahhaahhaahahaahhhahaahahhahahhhahahahChe te ridi? Se usa Internet Exploder potrebbe essere possibile
  • Anonimo scrive:
    Re: collegamento pericoloso?
    ahhaahhaahahaahhhahaahahhahahhhahahah
  • Anonimo scrive:
    Re: Non vedo il senso dell'articolo...
    Un provider non può interrompere il servizio ad un proprio cliente. In caso di evidenza di azioni "illegali" non può interrompere il servizio ma solamente segnalare il tutto alla postale/magistratura. In caso contrario potrebbe essere accusato di "intralcio alle indagini" che potrebbero anche essere in corso. Purtroppo è la postale che probabilmente non ha le risorse e le capacità di inseguire un fenomeno in forte crescita.
  • CalicoJack scrive:
    Re: Gli ISP...
    - Scritto da: Anonimo
    Hai mai vuto l'impressione che il garante
    serva soltanto a far si che le multiM_ _ _
    _... possano agire industurbate? Delle
    innumerevoli e-mail inoltrate ad esso da
    parte mia, nessuna risposta o provvedimento
    in merito. Se non sbaglio il Garante prende in considerazione solo le segnalazioni fatte "su carta" e ignora le email
    Le stesse inoltrate alla polizia
    postale ricevono il messaggio di cambiare
    e-mail e non navigare con il provider in
    questione.Beh dipende dal problema...
    Questa è la garanzia del cittadino!
    Queste le forze operative!Questa è l'Italia!!!

    Gente alla quale comunichi, telefonicamente
    che la tua ADSL non riceve il segnale dalla
    centrale e ti risponde di andare sul loro
    sito a scaricarti la configurazione del
    modem.Questi sono i customer care italiani :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: Gli ISP...
    Hai mai vuto l'impressione che il garante serva soltanto a far si che le multiM_ _ _ _... possano agire industurbate? Delle innumerevoli e-mail inoltrate ad esso da parte mia, nessuna risposta o provvedimento in merito. Le stesse inoltrate alla polizia postale ricevono il messaggio di cambiare e-mail e non navigare con il provider in questione.Questa è la garanzia del cittadino! Queste le forze operative!Gente alla quale comunichi, telefonicamente che la tua ADSL non riceve il segnale dalla centrale e ti risponde di andare sul loro sito a scaricarti la configurazione del modem.
  • Anonimo scrive:
    Re: Gli ISP...
    ma quando parli .. accendi il cervello ? ah ah ah ah ah ah ah le solite generalizzazioni del cavolo .. ma vergognati .. :-)- Scritto da: Anonimo
    ache perchè devono chiamare un
    tecnico dal peru' per risolvere il problema
    con la cultura informatica che hanno!!!
    Gli isp sono bravi solo a fare soldoni!!!
  • CalicoJack scrive:
    Re: Gli ISP...
    - Scritto da: Anonimo
    prova a scrivergli una email in cui
    comunichi "gentilmente" loro che o muovono
    il culo oppure notificherai il tutto al
    Garante della Privacy.
    Non mi sembra che - stando a quello che dici
    - la configurazione genialoide dei loro
    server rispetti nessuno standard di
    sicurezza in merito ai dati sensibili,
    quindi sono anni luce lontani dal rispettare
    qualsivoglia normativa sulla privacy.
    E siccome le multe su simili vaccate
    fioccano, vediamo se almeno con la minaccia
    di una notifica al Garante si muovono.
    Uomo avvisato mezzo salvato, dice il
    proverbio. Poi se continuano a fottersene,
    beh... ognuno è libero di scegliere
    di che morte morire :)
    Se il Garante li becca sai che multe
    pagano!!!

    redcatDi mail ne hanno ricevute 3, di fax 1, hanno il mio cellulare e nessuno muove il culo a contattarmi, non posso specificare nelle mail e nei fax di cosa si tratta perchè è una cosa che meno persone sanno meglio è, di scrivere al Garante ci ho pensato e se nessuno si muove...
  • Anonimo scrive:
    Re: Non vedo il senso dell'articolo...
    Perfettamente d'accordo sul fatto che gli ISP non possano essere ritenuti colpevoli per i contenuti di siti che loro ospitano.Ma perchè sono d'accordo? Perchè l'opinione contraria va contro il semplice buon senso. Non si può pretendere che gli ISP siano onniscenti e cioè conoscano a menadito tutti gli anfratti dei loro server e cioè tutti i siti dei clienti.Ma se sono a conoscenza di ciò che di errato fa il cliente, vuoi per segnalazion vuoi per scoperta diretta, cosa dovrebbero fare? Nulla?Beh, no... A questo punto direi che si potrebbero pure muovere e provvedere. D'altro canto seè vero che una responsabilità oggettiva tout-court per i contenuti dei loro server non la si può affibbiare agli ISP e altrettanto vero che se vengono a conoscenza di un reato commesso da un loro cliente sono pregati di fare quanto in loro potere per evitare che si ripeta.Con ciò non dico che si devono sostituire ad eventuali giudici (chi è stato colpito dal phishing dovrà, se vuole, fare la sua belal denuncia e aspettare che si pronunic la magistratura) ma siccome lo spam - perchè una mail di phishing è innanzitutto spam, ecco cosa è - lo possono benissimo accertare anche loro (soprattutto dopo che gli saranno giunte almeno decine e decine di segnalazioni :), se cortesemente chiudessero i rubinetti a chi fa "un certo lavoro" sfruttando i loro server non mi sembra che farebbero chissà quale gesto eroico nè mi sembra che gli si chiederebbe di fare chissà quale sforzo...redcat
  • Anonimo scrive:
    Re: Gli ISP...
    prova a scrivergli una email in cui comunichi "gentilmente" loro che o muovono il culo oppure notificherai il tutto al Garante della Privacy.Non mi sembra che - stando a quello che dici - la configurazione genialoide dei loro server rispetti nessuno standard di sicurezza in merito ai dati sensibili, quindi sono anni luce lontani dal rispettare qualsivoglia normativa sulla privacy.E siccome le multe su simili vaccate fioccano, vediamo se almeno con la minaccia di una notifica al Garante si muovono.Uomo avvisato mezzo salvato, dice il proverbio. Poi se continuano a fottersene, beh... ognuno è libero di scegliere di che morte morire :)Se il Garante li becca sai che multe pagano!!!redcat
  • castu scrive:
    collegamento pericoloso?
    collegandosi solamente alla url si va incontro a qualche problema di vulnerabilità tipo installazione di trojan, spyware, etc...?
  • castu scrive:
    digitare url
    Per curiosità ho provato a collegarmi a quella url.Non funziona.Neanche il ping su 82.90.165.65 risponde.Hanno preso provvedimenti?==================================Modificato dall'autore il 26/01/2005 8.32.57
  • Anonimo scrive:
    Non vedo il senso dell'articolo...
    Francamente non vedo il senso dell'articolo.Mi pare abbiamo già ampiamente dibattuto sulle responsabilità degli isp, o sono responsabili del traffico dei loro utenti o non lo sono.Visto che la maggior parte di chi scrive commenti inorridisce al solo al pensiero della prima ipotesi non mi stupisce che il sito sia ancora attivo.Se le forze dell'ordine lo sequestrano dietro mandato di un giudice bene, che venga finalmente chiuso, se no rimane aperto quanto vuole.
  • Anonimo scrive:
    Re: Gli ISP...
    ache perchè devono chiamare un tecnico dal peru' per risolvere il problema con la cultura informatica che hanno!!!Gli isp sono bravi solo a fare soldoni!!!
  • CalicoJack scrive:
    Gli ISP...
    "Abbiamo dunque una situazione - spiega - in cui un ISP viene notificato di attività truffaldina attraverso un sistema nella sua rete che coinvolge istituzioni bancarie, e dopo due mesi non ha ancora provveduto alla chiusura della vulnerabilità attraverso cui vengono rubati numeri di carte di credito da tutto il mondo"Sono giorni che cerco di avvisare un grande isp che ha alcune macchine configurate con il culo (non me lo censurate perchè questa è la dicitura più adatta) che ci sono i dati degli utenti accessibili praticamente a tutti... se ne fregano!!!!
Chiudi i commenti