Accordo Italia-Giappone sul Wi-Fi

Gli utenti Wi-Fi di Telecom Italia da ieri possono connettersi tramite i 1.500 hot spot giapponesi di NTT Communications. E viceversa


Roma. Da ieri, gli utenti abbonati all’offerta Wi-Fi Alice di Telecom Italia potranno usare il proprio account anche in Giappone, e navigare alle stesse tariffe, dai circa 1.500 hot spot di NTT Communications. Azienda che fa parte di NTT Group, sotto il quale c’è anche NTT Docomo , il più importante operatore di cellulari in Giappone (e quindi uno dei principali al mondo) e creatore dell’I-mode.

È il primo accordo di roaming Wi-Fi tra un operatore europeo e uno giapponese. Patto tra due giganti della telefonia, quindi, italiana e giapponese. È bilaterale: allo stesso modo gli utenti di NTT possono ora navigare dagli hot spot di Telecom Italia.

Salgono così a 45 i Paesi dove è attivo il roaming Wi-fi internazionale di Telecom e a 20.000 gli hot spot disponibili agli utenti, nel mondo. In Italia sono circa 600, ma gli utenti di Telecom possono navigare in roaming anche sugli 800 di Tin. Gratis: la promozione Wi-Fi è stata protratta ancora, come avviene ormai da due anni, questa volta fino al 31 maggio 2005.

Una promozione che ha già attirato il risentimento di alcuni piccoli provider , che avvertono il proprio business minacciato: loro dal Wi-Fi devono fare profitti, non possono regalarlo, e soffrono così del confronto competitivo di Telecom e Tin uniti.

Anche quanto al roaming internazionale, i numeri di Telecom Italia e l’importanza degli accordi stipulati (soprattutto questo con NTT) sono d’eccezione. Tuttavia gli operatori minori si difendono bene: NoCable , per esempio, grazie a un accordo con T-Systems, dà ai propri utenti accesso a circa 1.500 hot spot in vari Paesi del mondo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • giorgio74 scrive:
    ALTRO CASO 899
    Nel tabulato allegato all'ultima bolletta telecom, sono indicate, oltre alle restanti, le seguenti telefonate a numeri speciali:data ora num. durata costo17/05/05 21:04 899... 00:00:55 12,50017/05/05 21:05 899... 00:01:03 3,12517/05/05 21:07 899... 00:00:02 12,50017/05/05 21:15 899... 00:00:55 12,50017/05/05 21:16 899... 00:01:03 3,125Tali addebiti sono stati giustificati da Telecom con i famigerati dialer di internet. Sinceramente, la sequenza delle telefonate, sia per il rapido succedersi, sia per la ripetizione delle durate, mi sembra alquanto sospetta e mi pare piu' che altro imputabile a qualche "trucco" degli operatori Telecom.Sarei molto grato a chi fosse in grado di farmi sapere se, tecnicamente, sia possibile una sequenza di telefonate di quel tipo, senza che l'utente di Internet se ne accorga (ad esempio, mi viene in mente che, in quel caso, dovrebbe esserci una disconnessione e una connessione annunciata dai classici segnali acustici di composizione del numero telefonico) .Grazie, Giorgio
Chiudi i commenti