ACLU con Microsoft contro i segreti degli USA

L'organizzazione che si batte per i diritti digitali si unisce al procedimento giudiziario sostenendo l'azienda di Redmond. Gli utenti devono sapere quando i federali ficcano il naso nei loro dati, dicono in coro

Roma – Microsoft ha trovato un alleato nella sua denuncia – nei tribunali e presso il pubblico – del comportamento del governo statunitense, che piega le leggi federali per impedire che gli utenti vengano a conoscenza delle intromissioni di Washington nei loro dati conservati sui server remoti del cloud. E non si tratta di un’altra azienda del ramo, bensì di un’associazione che cura gli interessi dei cittadini: ACLU.

Redmond ha già provveduto a denunciare il Dipartimento di Giustizia (DoJ) americano per i suoi “gag order”, ordini di segretezza sulle indagini riguardanti migliaia di utenti che sulla base del Electronic Communications Privacy Act (ECPA) non devono sapere che i federali statunitensi hanno rimestato nei loro dati per un motivo o per un altro.

All’azione di Microsoft si associa ora la American Civil Liberties Union (ACLU), organizzazione non-profit che si sente chiamata direttamente in causa visto che fa uso dei servizi telematici di Microsoft: la notifica di perquisizioni e accesso ai dati in caso di indagini è un diritto di base difeso dalla costituzione americana, dice ACLU , utile tra l’altro a tenere sotto controllo il comportamento degli organi esecutivi nel pieno rispetto degli equilibri dei poteri.

E invece il governo di Washington ha fin qui abusato della transizione al “mondo digitale” per bypassare queste difese costituzionali essenziali, ha spiegato ancora l’associazione, una stortura contraria alla democrazia che ora le corti hanno la possibilità di correggere grazie all’azione congiunta di ACLU e Microsoft.

Dal canto suo Redmond dice di apprezzare l’apporto di ACLU e di tutti quelli che, nel business telematico, hanno deciso di supportare la causa contro il DoJ, rimarcando come tutti siano un po’ preoccupati in merito al principio di segretezza che si è trasformato nella norma piuttosto che nell’eccezione.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luca scrive:
    Pensino a diminuire i prezzi
    10 euro al mese per il cavolo di photoshop, per un'azienda ci può stare, ma per un privato cittadino? 10 euro al mese? Ma scherziamo?
    • panda rossa scrive:
      Re: Pensino a diminuire i prezzi
      - Scritto da: Luca
      10 euro al mese per il cavolo di photoshop, per
      un'azienda ci può stare, ma per un privato
      cittadino? 10 euro al mese? Ma
      scherziamo?E' il concetto di "al mese" ad essere una vergogna.Il prezzo giusto e' 10 euro, con aggiornamenti gratuiti compresi.
      • ... ... scrive:
        Re: Pensino a diminuire i prezzi
        Viva Linux e visa l'open source. Grazie alle alternative gratuite la gente non cracca più office o photoshop quando può avere delle valide alternative come libreoffice o gimp per fare un esempio.
        • cloud per tutti scrive:
          Re: Pensino a diminuire i prezzi
          - Scritto da: ... ...
          Viva Linux e visa l'open source. Grazie alle
          alternative gratuite la gente non cracca piùNon dire xtronxate, fatti un giro sulle reti P2P...
          office o photoshop quando può avere delle valide
          alternative come libreoffice o gimp per fare un
          esempio.Fotosciopz e offiz non li craccano più perché sono andati sul cloud, con buona pace di tutti i ladroni scracchettoni winari.
          • zzzzzz scrive:
            Re: Pensino a diminuire i prezzi
            sei tu che dici xstronxate. ecco bravo fatti un giro sulle reti p2p e vedrai che sia l'ultimo office che photoshop cs ci sono craccati ma non usi ovviamante il cloud che tanto non gliene frega niente a nessuno. Ma ormai a tanti non gliene frega più niente scaricarli e prendersi anche virus visti le alternative
          • ... scrive:
            Re: Pensino a diminuire i prezzi
            La cs é vecchia di 4 anni.
          • zzzzz scrive:
            Re: Pensino a diminuire i prezzi
            e chi ha parlato della cs? io intendo proprio la cc. Se sei capace cerca bene e lo trovi.
          • zzzzz scrive:
            Re: Pensino a diminuire i prezzi
            scusami hai ragione nella fretta di scrivere avevo scritto cs invece di cc. Comunque come detto prima c'è anche la cc.
      • aphex_twin scrive:
        Re: Pensino a diminuire i prezzi
        - Scritto da: panda rossa
        E' il concetto di "al mese" ad essere una
        vergogna.Giusto , é una vergogna che il tuo datore di lavoro ti paghi ogni mese per cambiare i tape ed i toner.Digli che "é ora di basta" , sei stato già pagato anche troppo per il nulla ripetitivo che fai.
        • panda rossa scrive:
          Re: Pensino a diminuire i prezzi
          - Scritto da: aphex_twin
          - Scritto da: panda rossa

          E' il concetto di "al mese" ad essere una

          vergogna.

          Giusto , é una vergogna che il tuo datore di
          lavoro ti paghi ogni mese per cambiare i tape ed
          i
          toner.

          Digli che "é ora di basta" , sei stato già pagato
          anche troppo per il nulla ripetitivo che
          fai.Quello che tu chiami nulla ripetitivo, io lo chiamo downtime zero, che tradotto in euro fa una cifra decisamente grossa.E comunque il mio tempo lo passo a garantire il buon funzionamento dei sistemi.L'idraulico che viene a cambiarti il rubinetto, lo paghi quella volta e poi basta: non lo paghi tutti i mesi, anche se il rubinetto lo usi tutti i giorni.
          • aphex_twin scrive:
            Re: Pensino a diminuire i prezzi
            - Scritto da: panda rossa
            L'idraulico che viene a cambiarti il rubinetto,
            lo paghi quella volta e poi basta: non lo paghi
            tutti i mesi, anche se il rubinetto lo usi tutti
            i
            giorni.Quindi se ti pagano ogni mese , i tuoi sistemi si rompono tutti i mesi. 8)
          • panda rossa scrive:
            Re: Pensino a diminuire i prezzi
            - Scritto da: aphex_twin
            - Scritto da: panda rossa

            L'idraulico che viene a cambiarti il
            rubinetto,

            lo paghi quella volta e poi basta: non lo
            paghi

            tutti i mesi, anche se il rubinetto lo usi
            tutti

            i

            giorni.

            Quindi se ti pagano ogni mese , i tuoi sistemi si
            rompono tutti i mesi.
            8)Guarda che lo sappiamo gia che non ci capisci un caxxo di sistemi informatici: non c'e' bisogno che ce lo ricordi ad ogni messaggio che posti.
  • eheheh scrive:
    ma dai
    la pirateria sui software è diminuita a causa del malware che imperversano nei crackper quanto riguarda film e musica dubito che sia diminuita
  • prova123 scrive:
    Se la legislazione
    non prendesse in considerazione l'argomento in italia la pirateria non esisterebbe. Basta poco, che ce vò! :D
    • bubba scrive:
      Re: Se la legislazione
      - Scritto da: prova123
      non prendesse in considerazione l'argomento in
      italia la pirateria non esisterebbe. Basta poco,
      che ce vò!
      :DBRAVISSIMO! no, sul serio. :) tagliassero il (c) a 20 anni, rippare Biancaneve sarebbe legale (oltre che giusto). Aumentassero le liberta' per il sw vintage, l'adbandoware ecc, Pacman e amigaos sarebbero liberamente distribuibili, ecc.Del resto un tempo le warez si vendevano in edicola.
      • prova123 scrive:
        Re: Se la legislazione
        E prima ancora le cassette LOAD'N RUN per C64/SPECTRUM 48K a diffusione nazionale. I programmi Spectrum avevano il mitico turbo di G.B.MAX, un turboloader a 4800 bps contro i 2400 standard, su una cassetta ci stavano il doppio dei programmi. E' stata la prima cosa che ho craccato in L/M (... in quel tempo non era reato ) e mi era fatto un tools per scegliere il colore delle righine del bordo durante il caricamento dei programmi.Avevo le cassette tutte con lo stesso azimuth e senza variazioni di volume di uscita a differenza delle originali LOAD'N RUN ... a chi ha vissuto quel periodo è chiaro di che cosa sto parlando. ;)
        • bubba scrive:
          Re: Se la legislazione
          - Scritto da: prova123
          E prima ancora le cassette LOAD'N RUN per
          C64/SPECTRUM 48K a diffusione nazionale. I"prima ancora" di cosa? era proprio a load'n'run e seguenti a cui mi riferivo..... pieni di warez. sw rippato, poi crackato, titoli modificati ecc. Del resto l'hw c'era... la gggente mica poteva ordinare un gioco dall'inghilterra a 40'000lire :P
          programmi Spectrum avevano il mitico turbo di
          G.B.MAX, un turboloader a 4800 bps contro i 2400
          standard, su una cassetta ci stavano il doppio
          dei programmi. E' stata la prima cosa che ho
          craccato in L/M (... in quel tempo non era reato
          ) e mi era fatto un tools per scegliere il colore
          delle righine del bordo durante il caricamento
          dei
          programmi.
          Avevo le cassette tutte con lo stesso azimuth e
          senza variazioni di volume di uscita a differenza
          delle originali LOAD'N RUN ... a chi ha vissuto
          quel periodo è chiaro di che cosa sto parlando.
          ;)vedo che ti sei divertito eh :) io avevo imparato a dumpare le cartridge per vic20, che poi ficcavo su nastro (un negozio di musica le dava a noleggio, l'utilita' mi naque da li')
          • prova123 scrive:
            Re: Se la legislazione
            - Scritto da: bubba
            vedo che ti sei divertito eh :) io avevo
            imparato a dumpare le cartridge per vic20, che
            poi ficcavo su nastro (un negozio di musica le
            dava a noleggio, l'utilita' mi naque da
            li')Io invece ero un craccatore lucido. Lo facevo perchè ero in grado di farlo. (cylon)
          • provolon uan tu tri scrive:
            Re: Se la legislazione
            Pensa te, oggi invece sei un XXXXX confinato da windows 10 e definito dal cloud.
      • prova123 scrive:
        Re: Se la legislazione
        - Scritto da: bubba
        (oltre che giusto). Aumentassero le liberta' per
        il sw vintage, l'adbandoware ecc, Pacman e
        amigaos sarebbero liberamente distribuibili,
        ecc.
        Pacman & Co erano finiti nell'angolo dei ricordi di chi li aveva vissuti al bar o in sala giochi. Poi uscirono sparcade/mame/raine & co a "riportare in vita" quei ricordi le cui board erano fisiologicamente andate perse e si è scatenato il primo putiferio sulla legalità degli emulatori e della detenzione delle rom. Che poi detenzione delle rom tecnicamente sono le rom fisiche con quel codice, non l'immagine delle rom. Voglio essere ragionevole, se uno prende l'immagine di una rom e la riutilizza su una scheda modificata per fare girare quel gioco su un arcade a fini di lucro potrei essere anche d'accordo che non è corretto. Ma se l'emulatore gira su un pc e senza fini di lucro non bisogna rompere i mar*ni.PS: già a fine anni 70 inizio anni 80 c'erano gli hack degli arcade.
        • bubba scrive:
          Re: Se la legislazione
          - Scritto da: prova123
          - Scritto da: bubba


          (oltre che giusto). Aumentassero le liberta' per

          il sw vintage, l'adbandoware ecc, Pacman e

          amigaos sarebbero liberamente distribuibili,

          ecc.



          Pacman & Co erano finiti nell'angolo dei ricordi
          di chi li aveva vissuti al bar o in sala giochi.
          Poi uscirono sparcade/mame/raine & co a
          "riportare in vita" quei ricordi le cui board
          erano fisiologicamente andate perse e si è
          scatenato il primo putiferio sulla legalità degli
          emulatori e della detenzione delle rom. Che poie in quel periodo aveva anche iniziato ad andare di moda la 'jamma da casa' :)
          detenzione delle rom tecnicamente sono le rom
          fisiche con quel codice, non l'immagine delle
          rom.

          Voglio essere ragionevole, se uno prende
          l'immagine di una rom e la riutilizza su una
          scheda modificata per fare girare quel gioco su
          un arcade a fini di lucro potrei essere anche
          d'accordo che non è corretto. Ma se l'emulatore
          gira su un pc e senza fini di lucro non bisogna
          rompere i
          mar*ni.mah io non porrei neanche questo limite, oltre una certa data. e' vintage e pace.
          PS: già a fine anni 70 inizio anni 80 c'erano gli
          hack degli
          arcade.anche i rip... fatti dai venditori dei coinop proprio :P
          • prova123 scrive:
            Re: Se la legislazione
            - Scritto da: bubba
            anche i rip... fatti dai venditori dei coinop
            proprio
            :PEd i rip dei coinup che accendevi/spegnevi velocemente un pò di volte ed anzichè bootare il videogame bootava il videopoker d'azzardo? :p
      • Pollon scrive:
        Re: Se la legislazione

        rippare Biancaneve sarebbe legaleadesso si dice rippare la biancaneve? io sapevo altri termini, oppure una rippata che hanno fatto i sette nani a biancaneve?comunque la tua frase lascia doppisensi a non finire
        • bubba scrive:
          Re: Se la legislazione
          - Scritto da: Pollon

          rippare Biancaneve sarebbe legale

          adesso si dice rippare la biancaneve? io sapevosempre meglio rip di raping, no? :)
          altri termini, oppure una rippata che hanno fatto
          i sette nani a
          biancaneve?

          comunque la tua frase lascia doppisensi a non
          finirealtroche'.... ma il titolo pero' non e' scelto a caso.. e' il PRIMO dei 'Classici (lungometraggi) Disney'.. 1937. L'"autore" e' morto da 50 anni, eppure e' difeso con unghie e denti... se no come puo' venir finanziata la creativita' dell' <s
          autore </s
          zombie, se non difendi il (c)? :P :P :P
    • gortoz scrive:
      Re: Se la legislazione
      Bravo ad evidenziare il lavaggio del cervello per cui ciò che è legale corrisponde a ciò che è giusto.Non è mai stato così, non lo è tuttora e probabilmente non lo sarà mai, anche per l'impossibilità di definire il concetto di 'giusto'.Ma dirlo è importante per dare ad ogni cosa il suo posto nel contesto e recuperare l'autonomia di pensiero/azione.
  • pipo scrive:
    E' chiaro !!!
    Per forza non c'e' piu' niente da piratare !!!
  • Majorana scrive:
    virus
    Le cosiddette major e i cosiddetti editori sono un virus da debellare.Un giorno ci sarà l'idoneo antivirus.Per ora ci vogliono medicine per contrastarlo.
  • Il fuddaro scrive:
    Non rompete piu i XXXXXXXX allora
    Quindi adesso iniziate a capire che Gli introidi che non ci sono non obbligatoriamente mancano per via della pirateria.Non potrebbe essere che la gente avendo meno soldi, e NON VOLENDO comprare le vostre XXXXXglie alle vostre condizioni non le compra e basta!Comodo gridare alla pirateria per lonzare i mancati introidi da qualche altra parte.
Chiudi i commenti