ACTA, Europa divisa

Le autorità polacche bloccano il processo interno di ratificazione del trattato anti-contraffazione. Quelle slovene si scusano con i cittadini per aver firmato a Tokyo. Si muovono gli attivisti, il Partito Pirata britannico e Anonymous
Le autorità polacche bloccano il processo interno di ratificazione del trattato anti-contraffazione. Quelle slovene si scusano con i cittadini per aver firmato a Tokyo. Si muovono gli attivisti, il Partito Pirata britannico e Anonymous

Il Vecchio Continente sembra ormai piombato nel caos, a pochi giorni dalla ratifica del famigerato Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA). Ovvero il trattato anti-contraffazione che vorrebbe estendere a livello globale la tutela della proprietà intellettuale e industriale. Un’Europa sempre più divisa, in attesa del voto parlamentare previsto per il prossimo giugno.

A premere il grilletto sono state le autorità polacche, con il premier Donald Tusk ad annunciare una clamorosa marcia indietro dopo gli incontri di Tokyo. Il processo interno di ratificazione di ACTA verrà di fatto sospeso , gettando più di un’ombra sulla possibile introduzione delle misure anti-contraffazione nel tessuto legislativo del paese.

Lo stesso Tusk ha sottolineato come lo stato attuale nello studio di ACTA non porti a risultati sufficienti per la sua implementazione a livello nazionale . Problematiche legate alla privacy dei cittadini polacchi, al di là dell’esigenza di tutelare il diritto d’autore piuttosto che il trademark. Secondo il premier, le indagini sul testo del trattato dovranno continuare nel corso dei prossimi mesi.

Una (cauta) marcia indietro è stata fatta anche da Helena Drnovsek Zorko, ambasciatore sloveno in terra giapponese. In un recente comunicato , Zorko ha praticamente chiesto scusa per “aver compiuto il mio dovere ufficiale, ma non quello civico”. “Non so quante possibilità ci fossero per evitare di firmare – ha continuato l’ambasciatore sloveno – ma avrei potuto provarci. E non l’ho fatto”.

Nel frattempo, il vento di protesta continua a soffiare senza sosta. I netizen comunitari hanno portato quasi 2 milioni di firme alla petizione lanciata dagli attivisti contro il trattato anti-contraffazione . I rappresentanti del Partito Pirata britannico sono attualmente in fermento per tre manifestazioni previste sabato prossimo a Londra, Glasgow e Nottingham.

Non manca il solito contributo del collettivo Anonymous, che ha scatenato un nuovo attacco DDoS contro il sito di Prophon, associazione che in Bulgaria rappresenta gli interessi delle grandi major del disco . Mentre i parlamentari del gruppo Citizens for European Development of Bulgaria (CEDB) hanno già anticipato il proprio voto – negativo – per le consultazioni del prossimo giugno.

Sono poi nate nuove polemiche sulle dichiarazioni dei commissari Neelie Kroes e Viviane Reding sulla bontà delle misure previste da ACTA. Che a parer loro non andrebbero assolutamente a limitare i diritti dei netizen comunitari. Un documento pubblicato da La Quadrature du Net ha mostrato come le autorità europee stiano preparando una morsa in stile SOPA/PIPA, in particolare rivedendo la direttiva IPRED .

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 02 2012
Link copiato negli appunti