ACTA, halt tedesco

Nuovo stop al processo di ratificazione del trattato globale anti-contraffazione. Dopo Polonia e Repubblica Ceca, tocca alle autorità tedesche rimandare il sì in attesa di evoluzioni nel dibattito online e offline
Nuovo stop al processo di ratificazione del trattato globale anti-contraffazione. Dopo Polonia e Repubblica Ceca, tocca alle autorità tedesche rimandare il sì in attesa di evoluzioni nel dibattito online e offline

Polonia, Repubblica Ceca, ora uno dei giganti dell’economia del Vecchio Continente. Anche le autorità tedesche hanno congelato il processo interno di ratificazione del trattato globale noto come Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA). Siglato a Tokyo dall’Unione Europea, l’accordo internazionale anti-contraffazione subirà così una nuova battuta d’arresto.

Ad annunciarla è stato il ministro tedesco alla Giustizia Sabine Leutheusser-Schnarrenberger, sottolineando come la Germania voglia attendere l’esito della votazione parlamentare prevista nel prossimo giugno a Bruxelles . Ma soprattutto valutare il naturale sviluppo del dibattito “online e offline” sulle più spinose conseguenze che ACTA porterebbe in seguito alla sua adozione a livello globale.

Nel frattempo, in 200 città europee andrà in scena domani la giornata mondiale contro il trattato che vorrebbe estendere a livello planetario la tutela della proprietà intellettuale e industriale. Alcuni siti d’informazione rimarranno chiusi per protesta, con l’invito per tutti i cittadini comunitari a firmare una petizione per fermare l’iter di ratificazione di ACTA. Mentre il numero di paesi pentiti aumenta con il passare delle settimane. (M.V.)

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 02 2012
Link copiato negli appunti