Active Network: la flat rinasce così

Il provider mette a punto un'offerta decisamente originale che sulla carta bypassa molti dei problemi che hanno avuto in questi mesi molti fornitori di accesso flat-rate. Previsto anche un overboost nelle ore di punta


Roma – Flat-rate, anno secondo. Nel quartiere generale di Active Network si respira un’aria euforica, perché oggi torna sul mercato un’offerta flat-rate dal sapore del tutto originale che sulla carta sembra avere i numeri che servono per riuscire.

“Siamo convinti – spiegano a Punto Informatico i dirigenti dell’azienda – di aver trovato la formula giusta, la strada migliore per consentire finalmente agli utenti di godere di un accesso a canone forfetario senza tutti i problemi che hanno caratterizzato queste offerte nei mesi scorsi”.

La parola chiave della nuova offerta sembra essere “flessibilità”, cioè capacità del provider di rispondere dinamicamente, nei diversi orari, alle esigenze degli utenti. “Dalle nostre rilevazioni – dichiara l’azienda – sono emersi i quadri di utilizzo del servizio flat-rate da parte degli utenti, e abbiamo individuato fasce orarie e necessità di banda di cui hanno bisogno coloro che si abbonano ad un servizio flat”.

Stando a quanto riferito dal provider a Punto Informatico, l’idea centrale è quella dell’overboost, un meccanismo dinamico che consente ad Active Network di aprire nuove linee nelle ore di punta o quando la banda sia prossima alla saturazione per l’uso intensivo da parte degli abbonati. Con l’overboost, dunque, Active Network si prefigge di lasciarsi alle spalle qualsiasi problema di linea occupata, “aprendo i rubinetti” in qualsiasi momento divenga necessario per i propri utenti.

“Non diremo più – spiegano gli uomini dell’azienda – che il nostro rapporto modem-utenti è di 1 a 5, perché quello attuale è un rapporto dinamico, mutevole in funzione degli orari, studiato per arrivare alla pienezza del proprio funzionamento solo quando necessario”.

Un “espediente” interessante, perché consente ad Active Network di ridurre i costi delle linee, trovandosi di fatto a pagarle solo quando e se utilizzate. Si tratta evidentemente di un modello scalabile, pensato cioè per rispondere alla stessa maniera indipendentemente dal numero degli utenti, dunque superando un altro tradizionale ostacolo allo sviluppo della connettività flat.

Questo non significa, però, che l’utente avrà a disposizione una linea dedicata, un risultato che costa molto più di quanto può costare un abbonamento flat dial-up e che si può ottenere con altre tecnologie di accesso, come l’ADSL, disponibili però solo in certe aree del paese. “E’ chiaro – spiega Active Network – che l’utenza non può non avere un limite. Sulla strada già tracciata da altri provider (come NGI, ndr) c’è un limite massimo di utilizzo, intorno alle 6 ore quotidiane”.

Le proposte di contratto che sul sito di Active Network stanno apparendo in queste ore parlano di un rapporto tra azienda e cliente dalla durata minima di quattro mesi, e questo perché, spiega Active Network, “noi siamo legati da accordi commerciali che possono essere disdetti con tre mesi di preavviso”. Un modo per dire che non ci saranno sorprese con i contratti, che possono comunque essere sottoscritti anche a sei mesi o annualmente. Con un costo, per un pacchetto full, di 329mila lire al quadrimestre, vale a dire 82.250 lire al mese (Iva esclusa).

Accanto all’offerta flat-rate, valida anche per le connessioni ISDN senza sovrapprezzi, Active Network mette in campo una nuova forma di Customer Care, basata sul “Web Call Center”. In pratica ogni operatore può gestire via web fino ad otto clienti contemporaneamente, ai quali può fornire assistenza quando necessario o le informazioni aggiuntive e i dettagli che possono essere trasmessi via web. “Questo modello – spiegano all’azienda – consente di avere delle ottime tempistiche di risposta, con un vantaggio diretto per l’utente”. L’idea è evidentemente quella di superare un “collo di bottiglia” tipico dei fornitori di connettività flat, quello del rapporto dei clienti con l’assistenza.

Che sia davvero l’alba di un nuovo giorno per le flat, come sperano gli uomini di Active Network? La sfida è aperta.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    M$ ha GIA' una vertenza legale APERTA con la UE
    Il Commissario Europeo per la Concorrenza M.Monti ha indagato e indaga tutt'ora su manovre anti-concorrenziali messe in atto da M$ in relazione alla commercializzazione di win NT/2000.L'indagine mira esplicitamente a vagliare se M$ sta attuando politihe MONOPOLISTICHE anche nel mercato di server, che riproducano la stessa situazione PIETOSA e MONOPOLISTA che sta attualmente affliggendo il mondo ICT del mercato Desktop (checché ne dicano i win-maniac)Conclusione: Microsoft è già sotto osservazione.Se si aggiunge che è stata CONDANNATA per ABUSO di POSIZIONE dominante in USA, ecco che il quadro è chiaro: M$ è un INTRALCIO al mondo ECONOMICO in generale, in quanto è anche un pessimo esempio di come debba svilupparsi un settore innovativo.Andrebbe smembrata (almeno in 3 parti), e chissà se ciò non avvenga comunque (il giudice attualmente in carica in USA ne ha ancora i poteri).
  • Anonimo scrive:
    si sa...
    l'economia e in crisi...
  • Anonimo scrive:
    Dove sono i pinguini ?
    Ecco una buona notizia. Ogni tanto...
    • Anonimo scrive:
      Re: Dove sono i pinguini ?
      - Scritto da: Antibufala
      Ecco una buona notizia. Ogni tanto...chissa' se dici la stessa cosa se la fiat e' in crisi e tu hai un volkswagen...sembra che ti faccia schifo la concorrenza.Basterebbe solo avere concorrenza leale, libera, senza vincoli e senza procedure scorrette per imporre formati e applicativi all'utenza ignara... e' chiedere troppo ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Dove sono i pinguini ?
        nume non ti preoccupare tanto dopo che il tipo in questione avra' installato la sua bella copia di win XP debitamente crakkato perche' ovviamente lui i SO non li compra, dalla disperazione fara' un post chiedendo una url per scaricarsi una distro di Linux.
        • Anonimo scrive:
          Re: Dove sono i pinguini ?

          nume non ti preoccupare tanto dopo che il
          tipo in questione avra' installato la sua
          bella copia di win XP debitamente crakkato
          perche' ovviamente lui i SO non li compra,
          dalla disperazione fara' un post chiedendo
          una url per scaricarsi una distro di Linux.Io i software li acquisto tutti, anche i piccoli shareware. Pensa che ho anche acquistato una distribuzione Linux !!!Sciaquati la bocca prima di parlare.
      • Anonimo scrive:
        Re: Dove sono i pinguini ?

        sembra che ti faccia schifo la concorrenza.No, anzi. Ma qui (in Europa) non vedo applicato il concetto di monopolio in quanto sono libero di scegliere il SO che più mi aggrada.
        Basterebbe solo avere concorrenza leale,
        libera, senza vincoli e senza procedure
        scorrette per imporre formati e applicativi
        all'utenza ignara... e' chiedere troppo ?Perchè imporre ? Installi Linux liberamente o c'è il rischio di essere denunciato ? Dimmelo, che lo deinstallo subito.
Chiudi i commenti