Adobe segue il web come un'ombra

Disponibile la beta di Shadow, strumento che snellisce i test sulla compatibilità dei siti, specchiando su più dispositivi le pagine in costruzione
Disponibile la beta di Shadow, strumento che snellisce i test sulla compatibilità dei siti, specchiando su più dispositivi le pagine in costruzione

Con la proposta Shadow i tecnici Adobe estraggono dal cilindro uno strumento che effettivamente mancava. Un versatile software pensato per supportare i progettisti del web, alla prese con gli intoppi di uno sviluppo obbligatoriamente cross-platform.

Il tool in questione consente di testare il sito assemblato con il computer su tutti i dispositivi portatili abbinati. Basterà collegare smartphone e tablet alla stessa rete domestica del PC per tenere sotto controllo più display contemporaneamente e visualizzare, in tempo reale, le modifiche alle pagine HTML effettuate sul progetto.

Le capacità di Shadow vanno anche oltre la navigazione sincronizzata, che dovrà essere rigorosamente associata al browser desktop Chrome . È infatti possibile ispezionare il registro ed eseguire il debug da remoto per tutti gli elementi (HTML CSS, JavaScript) che compongono la pagina.

Per quanto riguarda la compatibilità, lo strumento non è completamente “universale” ma gira su PC Windows e computer Mac con sistema OS X. Le app con il client mobile includono invece iOS e Android. Al momento Adobe ha rilasciato una versione Beta gratuita ma nel corso dell’anno metterà a disposizione il tool completo, a pagamento.

Roberto Pulito

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 03 2012
Link copiato negli appunti