ADSL, Assoprovider contro Telecom

L'associazione dei provider appoggia la denuncia dell'associazione AntiDigitalDivide sui prezzi del broad band italiano e chiede una mano all'Unione Europea
L'associazione dei provider appoggia la denuncia dell'associazione AntiDigitalDivide sui prezzi del broad band italiano e chiede una mano all'Unione Europea


Roma – Assoprovider ha deciso di porsi ancora una volta in contrapposizione rispetto a Telecom Italia sul fronte bollente dei prezzi dell’ADSL e per farlo ha scelto di appoggiare l’associazione AntiDigitalDivide che, come si ricorderà, ha denunciato le politiche di Telecom Italia alle autorità di garanzia dell’Unione Europea.

Il tema è il mancato allineamento dei prezzi dell’ADSL italiana rispetto a quelli europei. Assoprovider in una nota riporta stralci della denuncia, in cui si accusa la posizione dominante di Telecom e il fatto che “per quanto riguarda il mercato all’ingrosso, non è praticamente soggetta a nessuna forma di reale concorrenza”.

Sarebbero questi i motivi per i quali gli utenti italiani verrebbero sottoposti ad una politica tariffaria diversa da quella praticata in Francia e Germania, dove i costi sono minori e le prestazioni decisamente migliori. Secondo Assoprovider “le condizioni ed i prezzi praticati sul territorio italiano, sono legati a scelte del tutto discrezionali ed arbitrarie di Telecom Italia SPA, connesse ad una posizione dominante e ad un regime di concorrenza viziata e/o falsata, posto che detto operatore sembra di essere in grado di fornire in altri paesi membri, servizi migliori a costi inferiori (?) fatti di tale gravità da compromettere l’accessibilità e la fruibilità dei servizi a banda larga sull’intero territorio nazionale italiano, con rischi per l’economia stessa di un paese membro”; il tutto perché Telecom Italia sarebbe fornitore di linee Adsl sia all’ingrosso che al dettaglio.

Secondo Assoprovider in sostanza sarebbero negati i diritti basilari del consumatore, al quale viene impedito di godere dello stesso servizio del quale godono gli altri consumatori d’Europa a causa del regime di monopolio, che li costringe a dover pagare tariffe molto più alte proprio perché è solo Telecom Italia a gestire le linee e a definirne le caratteristiche e i parametri di usabilità. Per l’associazione dei provider indipendenti è ora che la UE intervenga “perché sul cavo non c’è mercato in Italia, visto che finora le Authority non hanno fatto il loro dovere”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

04 04 2005
Link copiato negli appunti