ADSL, avrei voluto cambiare gestore

Ne parla un lettore, uno dei tanti che si trova impantanato nella terra di mezzo, il tempo spesso lunghissimo che divide la cessazione di un contratto e l'apertura di una connessione ADSL con un altro operatore


Roma – Gentile redazione di Punto Informatico, vi voglio raccontare la mia odissea (non ancora finita) nel malaugurato giorno in cui ho deciso di cambiare provider ADSL. Il servizio ADSL mi è stato infatti fornito fino al 04/01/2004 da NGI, la quale, in seguito alla mia disdetta del contratto, ha prontamente (a detta sua) svincolato la mia linea dal segnale ADSL comunicandolo a Telecom e ricevendo da quest’ultima risposta positiva il 10/01/2004. Da quel giorno infatti il mio modem non si è più allineato.

Ho così deciso di richiedere l’attivazione di un abbonamento ADSL con Tin.it il 09/01/2004, ma già in data 13/01/2004 mi viene risposto KO da Telecom con motivazione di linea già occupata da un altro gestore.

E qui inizia la mia odissea… inizio a sollecitare Tin.it tramite il call center, il quale decide finalmente di riemettere la mia pratica di attivazione (e quindi richiedere a Telecom la linea) il 20/01/2004? ed oggi 21/01/2004 l’attivazione è andata nuovamente KO per la presenza di un altro gestore. Ma dovrebbe risultare libera già dal 10/01/2004.

La cosa più grave di tutto questo è che telefonando al 187 gli operatori non mi sanno dire effettivamente se la mia linea è libera o no dal segnale ADSL di un altro gestore, mi sanno dare solo informazioni per Alice (mentre fino a un anno fa era possibile sapere se c’erano richieste di attivazione/disattivazione in corso).

Quindi mi ritrovo a rimbalzare dal vecchio operatore che mi assicura che ha provveduto a fare la disdetta del loro servizio sulla mia linea (e di aver ricevuto anche risposta positiva da Telecom) e il nuovo gestore che non sa che pesci pigliare e mi continua a dire che Telecom gli risponde che la linea è ancora occupata. La gravità di questa cosa non consiste tanto nel ritardo che sto subendo nell’attivazione, quanto nella mancanza di trasparenza da Telecom verso il cliente finale, utente usufruttuario di una sua linea.

Infatti, chiamando il 187, il call center non è in grado di dirmi se la mia linea ADSL risulta svincolata da provider ADSL e, quindi, non posso verificare se la cessazione di un abbonamento ADSL sia effettivamente avvenuta oppure no. L’unico modo per accorgersene è di richiedere una nuova attivazione con un nuovo provider e vedersi respinta la richiesta.
Eppure fino a un anno fa, potevo chiamare il 187 e chiedere a Telecom se la mia linea fosse libera oppure no, invece da qualche tempo ciò non è possibile. E il 187 è l’unico numero al quale mi posso rivolgere. Trovo che questo aspetto denoti una grave carenza.

Andando avanti di questo passo riuscirò ad avere di nuovo un collegamento ADSL? Ringraziandovi per la vostra attenzione, colgo l’occasione per inviarvi i più cordiali saluti.

Alex C.

Gentile Alex
abbiamo pubblicato la tua lettera ma avremmo potuto pubblicarne decine di altre di situazioni del tutto analoghe con una varietà di gestori. Sono infatti molti gli utenti ADSL che “inciampano” nel tentativo di cambiare gestore, spesso rimanendo offline per interi mesi per problemi amministrativi ma soprattutto gestionali tra Telecom Italia e gli altri operatori. Non c’è da aver dubbi che NGI abbia davvero chiuso la tua pratica, il problema è chiaramente in quello che è successo dopo e, come ben sottolinei, nell’assenza di informazioni puntuali. Tienici informati sulle novità del tuo caso.
Della questione è già stata investita l’Autorità TLC ma, per il momento, nulla di nuovo è stato fatto per garantire il diritto degli utenti.

Un caro saluto, Adele Chiodi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    La TV e la burocrazia italiana ...
    Un bel connubio per rendere gli italiani...una mandria di beoti ritardati ...Premessa :La TV digitale terrestre non serve a un tubo ...in quanto e' una tecnologia inferiore o uguale alla satellitare 1)e'/era preferibile mandare TUTTI sul satellite elimindando una marea di trasmettitorie antenne obsolete e orrende a vedersi2) Il satellite consentiva di esportare promuovendo cultura e marketing italiano oltre i confini nazionali3) La tecnologia digitale satellitare costa meno di quella terrestre e copre ogni angolo del paesequella terrestre NO
    • Anonimo scrive:
      Re: La TV e la burocrazia italiana ...
      4) Le risorse pubbliche ...BUTTATE AL VENTO per il digitale terrestre sarebbero state UTILI per il potenziamentodella rete internet o l'acquisizione da parte dello stato dei cablaggi telefonici ...il vero ostacolo per lo sviluppo telematico di questo PAESE (hanno privatizzato la telecom a caxxo di cane )
    • Anonimo scrive:
      Re: La TV e la burocrazia italiana ...
      Ma cos'è, una posizione di principio? Un'odio viscerale contro il digitale terrestre? Una posizione politica?La diffusione di accessi a banda larga e di conseguenza di servizi più evoluti al momento non è gestibile con la diffusione del satellite, inoltre non vedo i grandi vantaggi nel proliferare di satelliti e parabole. Inoltre tutto questo può fungere da traino ad Internet in quanto 30? al mese non mi sembrano pochi per connettersi oggi ADSL via satellite. Bye, Francesco
      • Anonimo scrive:
        Re: La TV e la burocrazia italiana ...

        Comunque ti invito a leggere sia le
        posizioni della Commissione riguardo a tempi
        e modi del passaggio al DT sia a guardare
        quali servizi si possono diffondere con
        questa tecnologia. Bye, F.Niente di paragonabile a internet ...CHE GIA' ESISTE ...cara PubblicaAmministazione ....dopo che ti pago lo stipendio pagando regolarmente le tasse (al massimo evado per pagarle) PER FAVORE EVITA DI PRENDERMI PER IL CU(beep)Saluti
        • Anonimo scrive:
          Re: La TV e la burocrazia italiana ...
          - Scritto da: Anonimo


          Comunque ti invito a leggere sia le

          posizioni della Commissione riguardo a
          tempi

          e modi del passaggio al DT sia a
          guardare

          quali servizi si possono diffondere con

          questa tecnologia. Bye, F.

          Niente di paragonabile a internet ...

          CHE GIA' ESISTE ...... se per questo esisteva la macchina da scrivere prima del computer, il papiro prima della carta, l'incisione rupestre prima del papiro, ecc. :-)Ci sono però differenze fra Internet e DT sopratutto legate al fatto che molte persone hanno la tv e non il computer e che è più semplice utilizzare il telecomando che una tastiera. Bye, F.
          • Anonimo scrive:
            Re: La TV e la burocrazia italiana ...
            - Scritto da: Anonimo
            Ci sono però differenze fra Internet
            e DT sopratutto legate al fatto che molte
            persone hanno la tv e non il computer e che
            è più semplice utilizzare il
            telecomando che una tastiera. Bye, F.

            Anche questa e' una gran cazzata .....mio padre 75 anni non sa usare il televideoma sa usare exploreravanti - indietropreferiticlicca sulla parola chiavefine
          • Anonimo scrive:
            Re: La TV e la burocrazia italiana ...
            semplice utilizzare
            il

            telecomando che una tastiera. Bye, F.





            Anche questa e' una gran cazzata .....
            mio padre 75 anni non sa usare il televideo
            ma sa usare explorer

            avanti - indietro
            preferiti

            clicca sulla parola chiave

            finebeh, mi auguro che non sia solo voglia di fare polemica perché è abbastanza evidente che vi siano più persone in grqdo di usare il telecomando piuttosto che il pcF.
          • Anonimo scrive:
            Re: La TV e la burocrazia italiana ...
            - Scritto da: Anonimo
            ... se per questo esisteva la macchina da
            scrivere prima del computer, il papiro prima
            della carta, l'incisione rupestre prima del
            papiro, ecc. :)

            ma qui il passaggio e' inverso ....dalla stampa.....torniamo al papiro ...perchè che uno che ha una piantagione ...e non sa che farci !!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: La TV e la burocrazia italiana ...
        - Scritto da: Anonimo
        Ma cos'è, una posizione di principio?
        Un'odio viscerale contro il digitale
        terrestre? Una posizione politica?

        La diffusione di accessi a banda larga e di
        conseguenza di servizi più evoluti al
        momento non è gestibile con la
        diffusione del satellite, inoltre non vedo i
        grandi vantaggi nel proliferare di satelliti
        e parabole. Inoltre tutto questo può
        fungere da traino ad Internet in quanto 30?
        al mese non mi sembrano pochi per
        connettersi oggi ADSL via satellite.accesso a banda larga??? con il digitale terrestre???ma siamo impazziti!?!?per poter parlare di "accesso a banda larga" non serve solo banda di download, ma anche di upload per mandare le richieste.... secondo te, che possibilità dà il digitale terrestre?
        • Anonimo scrive:
          Re: La TV e la burocrazia italiana ...

          accesso a banda larga??? con il digitale
          terrestre???
          ma siamo impazziti!?!?
          per poter parlare di "accesso a banda larga"
          non serve solo banda di download, ma anche
          di upload per mandare le richieste....
          secondo te, che possibilità dà
          il digitale terrestre?non mi sembra tanto impossibile dal momento che ce l'ho proprio davanti :-)) Parlare di servizi sul DT senza pensare alla banda larga è una forte limitazione alla tipologia di servizi che si possono sviluppare; il problema è giustamente l'ampiezza del "ritorno" ma non credo che questo debba impedire una sperimentazione. Isn't it? F.
          • Anonimo scrive:
            Re: La TV e la burocrazia italiana ...
            - Scritto da: Anonimo
            non mi sembra tanto impossibile dal momento
            che ce l'ho proprio davanti :)) Parlare di
            servizi sul DT senza pensare alla banda
            larga è una forte limitazione alla
            tipologia di servizi che si possono
            sviluppare; il problema è giustamente
            l'ampiezza del "ritorno" ma non credo che
            questo debba impedire una sperimentazione.
            Isn't it? F.Ma dove hai studiato ?????Al CEPU ????Anche uno che ha fatto la Radioelettra potrebbe dirti che parlare di servizi telemetatici su TV digitale e' una cosa assurda tanto e vero che i decoder da 500 Euro che promettono queste "mirabolanti" funzioni sono dotati di modem per linea telefonica STRAROTFL
          • Anonimo scrive:
            Re: La TV e la burocrazia italiana ...

            Ma dove hai studiato ?????

            Al CEPU ????

            Anche uno che ha fatto la Radioelettra
            potrebbe dirti
            che parlare di servizi telemetatici su TV
            digitale e' una cosa assurda
            Scusa proprio non sai di cosa stai parlando. Ti invito cordialmente a documentarti, magari sul sito della Fondazione Ugo Bordoni o dove vuoi, prima di emettere sentenze offensive su di me.I servizi della TV digitale tramite banda larga, che sono stati già studiati e sperimentati in Gran Bretagna sono già attivi in mezza europa, ad esempio nella telemedicina.

            tanto e vero che i decoder da 500 Euro che
            promettono queste "mirabolanti" funzioni
            sono dotati di modem per linea telefonica Anche questo è falso visto che il mio decoder è collegato con un RJ45 alla stessa banda larga del PC e non ha modem o ingressi per il doppino.

            STRAROTFL
            Sono contento che tu ti diverta se solo vuoi fare "flame" me ne vado altrove.Bye, F.
  • Anonimo scrive:
    Speriamo di no.
    Quando internet comincia a diventare un'infrastruttura abbastanza matura anche per la PA vengono fuori con questa idea della digitale terrestre.Non vedo che vantaggio puo' darmi nella comunicazione con la PA uno scatolotto di tv digitale rispetto a un qualsiasi pc a 300mhz che oggi come oggi si puo' trovare nelle patatine.
    • Anonimo scrive:
      Re: Speriamo di no.
      Per dare una risposta alla tua domanda direi che la televisione ha una maggiore diffusione del pc ed è più semplice da usare. Bye, Francesco
  • Anonimo scrive:
    banda di upload?
    La PA su TV digitale? ne ho sentite di + belle! anche con lo sviluppo (per quanto sarà difficle in tempi brevi) del digitale terrestre, non sarà questa la via per la PA di entrare nelle case degli italiani: la banda di upload (quella per trasmettere i dati dal televisore di casa alla PA) sarà minima nel migliore dei casi, + probabilmente insignificante... (inferiore a 1KB/s)tutto ciò dimostra il dilettantismo dei governanti sul tema nuova tecnologie e la loro volontà di prenderci per i fondelli: il digitale terrestre è un trucco per non far chiudere i battenti a Emilio Fede.(P.S.: rivedetevi l'unica puntata di Raiot della Guzzanti....)D.
  • Anonimo scrive:
    T-Goverment
    Sperimentare l'utilizzo del digitale terrestre per i servizi pubblici non mi sembra di per se un'idea sbagliata. Tutto sta ovviamente nel come si conduce questa sperimentazione. Se ciò verrà fatto (come è già avvenuto in UK) in modo serio ci si accorgerà probabilmente che molti sono i problemi, legati principalmente alla scarsità di banda per servizi interattivi evoluti (qualcosa in più del televoto del grande fratello) nonchè la mancanza di una cultura tecnologica adeguata fra coloro che si intende raggiungere, ovvero quelli che ancora non usano i servizi telematici della PA.Se invece ci si concentrerà su improbabili eclatanti risultati (e questo sembra purtroppo l'atteggiamento della FUB) magari anche per promuovere un prodotto/tecnologia o per giustificare leggi e finanziamenti, imho non solo si sperpereranno nuovamente soldi pubblici ma si sprecherà anche un'occasione per tirar fuori qualcosa di buono da tutto questo. Bye Francesco
  • Anonimo scrive:
    ovviamente..
    Devono motivare la vendita di questo nuovo prodotto di cui sentivamo proprio la mancanza. Poi si inizia a parlare di appalti mmmmmmmm...
    • Anonimo scrive:
      Re: ovviamente..
      Infatti in commercio non lo trovi da nessuna parte... ed inoltre attualmente ci sono solo 6 canali disponibili di cui uno è Rete 4 e gli altri sono canali minori perlopiù satellitari in chiaro.
Chiudi i commenti