ADSL, ISP all'attacco di Telecom

Dopo AIIP anche Assoprovider si lancia sull'ultima mossa dell'operatore dominante che crea maretta in un settore delicatissimo e incandescente. L'Associazione parla di gioco al massacro


Roma – No, proprio non piace ai provider la più recente posizione assunta da Telecom Italia sull’ADSL . Se tre giorni fa l’associazione AIIP parlava di comportamenti abusivi “in spregio della regolamentazione antitrust”, oggi l’altra associazione dei provider Assoprovider rilancia chiedendo l’immediato intervento dell’ Autorità garante delle TLC .

Assoprovider sottolinea in una nota che il cambio di rotta deciso da Telecom, che in sostanza lega l’esistenza di un contratto voce alla linea ADSl, è stato comunicato senza adeguato preavviso (il 7 dicembre la comunicazione, il 1 gennaio 2005 l’applicazione). Si tratta – spiega l’Associazione – di un “walled garden”, una cinta muraria “sintomo di una strategia anticompetitiva portata avanti da Telecom Italia negli ultimi anni: nel 2000 con Business Full Company, poi Consip ed oggi questa”.

L’associazione parla esplicitamente di un “gioco al massacro” di Telecom Italia “contro tutti gli altri operatori TLC autorizzati”. “Basti pensare – spiega Assoprovider – che nel 1999 gli ISP erano circa 5mila mentre ora se ne contano meno di 300, due terzi dei quali da noi oggi rappresentati”.

“Telecom Italia – insiste Assoprovider – continua a calpestare le regole dell?economie liberali occidentali, mostrando disprezzo anche per le decisioni dell?Autorità Antitrust che, di recente ha stigmatizzato la condotta anticompetitiva dell’operatore incumbent, condannando quest’ultimo alla multa più rilevante mai applicata in Italia: 152 milioni di euro”.

Non solo. Assoprovider ricorda come, nel caso specifico, dal 2002 agli incontri presso l’Autorità TLC “ci viene detto da Telecom” che è possibile attivare un doppino telefonico per il collegamento ADSL anche senza linea voce. “Qualche mese fa – continua la nota dei provider – i delegati di Telecom Italia prima rifiutano un accordo sulla procedura di disattivazione/nuova attivazione dei collegamenti ADSL per ridurre il disservizio all?utente (ovvero il periodo di assenza di servizio ADSL durante il passaggio dell?utente da un operatore ad un altro) poi, ci fanno partecipi del lancio del loro nuovo servizio Alice Mia (minimizzando e definendo lo stesso un servizio sperimentale, emergente)”.

E poi, attaccano i provider, perché il servizio previsto dall’offerta di interconnessione, l’ormai celebre shared access , in Italia stenta a svilupparsi mentre in paesi come la Francia ha portato a velocità medie superiori e tariffe decisamente inferiori? “A questo punto – spiega l’associazione – ci domandiamo a cosa servano i tavoli di lavoro istituiti presso l?AGCom e quale sia la reale possibilità, o volontà, da parte dell?AGCom di risolvere i problemi che le vengono sottoposti”.

“Assoprovider – continua la nota – non comprende perché l?operatore monopolista privato debba per forza godere del canone del servizio di fonia (le cui infrastrutture sono già state pagate dagli utenti con gli investimenti statali della ex SIP) se oggi è già possibile avere un servizio alternativo: il Voice over IP (il servizio fonia attraverso il protocollo IP di Internet) che, in spregio a quello che sta accadendo in tutto il mondo, viene comunque monopolizzato dalla stessa Telecom Italia”.

“Il Governo – insistono i provider – ci sollecita per il codice di autoregolamentazione su Internet e Minori ma non salvaguarda le PMI italiane dedite da anni all?innovazione, dichiara di voler ridurre il digitaldivide investendo 150 milioni di Euro con la Sua società Infratel ma, non si accorge che Telecom Italia da gennaio monopolizzerà l?accesso al doppino in rame”.

La domanda chiave di Assoprovider, però, è tanto semplice quanto disarmante: “Perché i nostri associati non possono investire, sperimentare, innovare nei nuovi servizi di ICT senza far pagare agli utenti un dazio all?operatore dominante chiamato Telecom Italia e, soprattutto, quale futuro avranno le PMI che noi oggi rappresentiamo se ogni nuovo servizio lanciato da Telecom Italia comporta, in violazione della normativa comunitaria e nazionale, l’illecita attribuzione di prerogative e di poteri che nessuno sembra riuscire a sorvegliare?”

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    e auto che

    parcheggiano automaticamente raso ai
    muri.

    Ma quelle ci sono già in via
    sperimentale, cioè una volta che sei
    nella zona giusta la macchina ha bisogno di
    sensori per parcheggiare, perché se
    seguisse le indicazioni di una cosa che
    arriva dal satellite magari investirebbe un
    passante o colpirebbe un passeggino.

    Invece una maggiore precisione potrebbe
    permettere di costruire delle specie di
    zanzare meccanizzate che con mitrotelecamere
    possono spiarci mentre siamo in bagno.Ecco sapevo che arrivavano le zanzare meccanizzate con le microtelecamere che ci spiano .. Cosi finalmente gli usa potranno sapere quante volte andiamo in bagno.. :Dperchè c'è sempre qualche idiota che tira fuori le fiabe della buona notte ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    Figata !!!!!!!!!!Davvero mentre sono in bagno ? Non ci posso credere , i miei veri bisogni in prime time e su interdet !Osso di Seppia

    Invece una maggiore precisione potrebbe
    permettere di costruire delle specie di
    zanzare meccanizzate che con mitrotelecamere
    possono spiarci mentre siamo in bagno.
  • Anonimo scrive:
    Re: "altamente qualificati"
    - Scritto da: Anonimo
    «Dalla sua, inoltre, Galileo dovrebbe dar
    vita a 150mila posti di lavoro che la
    Commissione descrive come "altamente
    qualificati".»

    Qualificati da chi e come?ROFLHai centrato in pieno il problema:chi sa quanto ci costerà di tasse questo nuovo baraccone riempito di raccomandati che parteciperanno tutti il giorni a meeting sull'aria fritta e l'acqua bollita. Ci mancava un clone del GPS come ciliegina sulla torta...:s
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    quel che cerchi già esiste... chiedi ai militari !la loro rete di satelliti spia credo si aggiri non al millimetro, ma quasi
  • Anonimo scrive:
    Re: craker
    non ti credere, ormai il gps è diventato fondamentale, i comandanti non alzano un dito... fanno tutto le macchine (non vi ricorda Terminator? ;-) ), ma se qualcuno le manomette....
  • Anonimo scrive:
    Re: craker
    - Scritto da: Anonimo
    Cambi 2 variabili e dopo 3 minuti una
    centinaia di petroliere s'incagliano in giro
    per il mondo...ma esistono i radar ed i sonar per evitare questo.....lo stesso vale anche per gli aerei...
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    - Scritto da: Anonimo
    Io voglio dare ai miei muratori una cosa
    grande come una chiavetta USB, che mi dica
    all'istante le coordinate, di dove è
    appoggiata. Precisione mezzo centimetro. NEi
    miei disegni mettio solo coordinate e
    nessuno userà più i metri.
    Chiaro?Scusa ma chi se ne frega di quello che vuoi tu. E' come se uno volesse una tecnologia da 10'000 miliardi per fargli il caffé perché gli è scomodo andare al bar.
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Chi se ne frega. A me interessa di
    eliminare

    l'uso del metro da parte dei muratori.

    Ci sono delle apparecchiature al laser per
    fare questo senza scomodare Galileo o il gpsSon grosse, scomode e marchingegnose.Io voglio dare ai miei muratori una cosa grande come una chiavetta USB, che mi dica all'istante le coordinate, di dove è appoggiata. Precisione mezzo centimetro. NEi miei disegni mettio solo coordinate e nessuno userà più i metri. Chiaro?Non mi sembra di chiedere l'impossibile. Per applicazioni scientifiche già GPS con correzione da stazione di terra da precisioni del millimetro. Vuoi vedere che ne mettiamo su uno 20 anni dopo che sbaglio di 100 metri?
  • Anonimo scrive:
    Re: craker
    Apparte che credo che i russi abbiano un qualcosa di simile al GPS da qualche parte in giro per lo spazio (visto soprattutto quanto hanno investito allora in termini di ricerca spaziale) ma un missile "degno" di avere un sistema GPS credo sia abbastanza "potente" da potersene infischiare se prende 100 metri più a valle o a monte (anche perchè se lo tirano contro gli USA dubito ci mettano testate convenzionali; le atomiche tattiche in russia pare le vendano un tanto al chilo)...IMHO il tutto è solo un accrocchio per evitare di far vedere che la rete GPS è sorpassata, cosa che stonerebbe agli americani che credono ancora (solo loro) alla loro superiorità tecnologica...
  • Anonimo scrive:
    Re: craker
    Cambi 2 variabili e dopo 3 minuti una centinaia di petroliere s'incagliano in giro per il mondo...
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    - Scritto da: Anonimo
    Chi se ne frega. A me interessa di eliminare
    l'uso del metro da parte dei muratori.Ci sono delle apparecchiature al laser per fare questo senza scomodare Galileo o il gps
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?

    Invece una maggiore precisione potrebbe
    permettere di costruire delle specie di
    zanzare meccanizzate che con mitrotelecamere
    possono spiarci mentre siamo in bagno.Chi se ne frega. A me interessa di eliminare l'uso del metro da parte dei muratori.
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    - Scritto da: Anonimo
    e auto che
    parcheggiano automaticamente raso ai muri.Ma quelle ci sono già in via sperimentale, cioè una volta che sei nella zona giusta la macchina ha bisogno di sensori per parcheggiare, perché se seguisse le indicazioni di una cosa che arriva dal satellite magari investirebbe un passante o colpirebbe un passeggino.Invece una maggiore precisione potrebbe permettere di costruire delle specie di zanzare meccanizzate che con mitrotelecamere possono spiarci mentre siamo in bagno.
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
  • Giambo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    - Scritto da: Anonimo
    Quella inizialmente prevista era inferiore
    al metro, quella posta accordo con USA di
    circa 100 metri.100 metri ?!? Totalmente inutile, quindi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    Quella inizialmente prevista era inferiore al metro, quella posta accordo con USA di circa 100 metri.
  • Anonimo scrive:
    craker
    e quando qualcuno crackerà questa rete a cosa avrà accesso ? paura....
    • Anonimo scrive:
      Re: craker
      Potra sapere.... dove si trova al metro!
    • Anonimo scrive:
      Re: craker
      scusa, non per smontarti...ma cosa cacchio vuo craccare????sai come funziona una rete di posizionamento?ci sono satelliti che inviano "l'ora esatta" (molto esatta)tu ricevi piu segnali di "ora esatta" (te ne servono almeno 2, meglio 3 o piu)se hai 3 satelliti che ti dicono "sono le 3!" e questi segnali "sono le 3!" ti arrivano a tempi "+1" "+1.5" "+1.8" e tu che sai dove sono nello spazio puoi capire "quanto sei distante da loro", con un po' di matematica (o con una cartina e un compasso ma e' un po' scomodo) trovi la tua posizioneil sistema potrebbe dare posizioni precise fino a centimetri ma, visto che gli Ammericani hanno la paranoia che uno usi questi sistemi per guidare missili (cosa che loro fanno!) viene aggiunto un "errore" nell'ora inviata dai satelliti in modo che la tua posizione non sia "determinabile" con precisione:i 3 cerchi dell'esempio non si incontano in un punto ma creano un'area, tu sei li dentro...E' chiaro che conoscendo quant'e' l'errore aggiuto potresti sapere dove sei con precisione (cosa che fanno loro x i loro missili o bombe intelligenti "economiche") e che, sempre loro, vogliano avere la possibilità di "aumentare" anche in modo enorme "il disturbo" x eliminare del tutto un'uso del sistema (lo hanno già fatto nella guerra del golfo! portare il nemico a dare coordinate per il tito d'artiglieria "sbagliate" in partenza di centinaia di metri fa la differenza tra vincere e perdere una guerra)c'e' poi un trucco (vecchi ricordi della patente nautica, prendi con le molle) c'e' la possibilità, da terra, di inviare un segnale che simuli di essere quello di un satellite e che sia "sbagliato" in modo da correggere l'errore aggiunto dai vari satellitilo puoi fare xche di una stazione a terra sai la posizione precisa (al millimetro)ma non so se lo si fa (o se me lo sono inventato io, e allora LO STO BREVETTANDO FERMI TUTTI!!!)...comunque, tornando al post, non vedo dove ti puoi infilare x craccare e x craccare cosa
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    Consiglio... leggi sempre (e non solo per galileo) info di prima mano, e non da chi è "a rischio di concorrenza".- Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Se mi dite un metro, posso ipotizzare

    controllo avanzato di veicoli ecc ecc



    Ma se mi dite un centimetro, posso

    ipotizzare muratori senza metro, e auto
    che

    parcheggiano automaticamente raso ai
    muri.



    Chi ne sa qualcosa?

    Qui dice un metro
    crssa.rutgers.edu/courses/envgeo/Fall_2004/Le
  • Anonimo scrive:
    Re: Che precisione avrà?
    - Scritto da: Anonimo
    Se mi dite un metro, posso ipotizzare
    controllo avanzato di veicoli ecc ecc

    Ma se mi dite un centimetro, posso
    ipotizzare muratori senza metro, e auto che
    parcheggiano automaticamente raso ai muri.

    Chi ne sa qualcosa?Qui dice un metrohttp://crssa.rutgers.edu/courses/envgeo/Fall_2004/Lectures/gps-04.pdf
  • Anonimo scrive:
    "altamente qualificati"
    «Dalla sua, inoltre, Galileo dovrebbe dar vita a 150mila posti di lavoro che la Commissione descrive come "altamente qualificati".»Qualificati da chi e come?
  • Anonimo scrive:
    Che precisione avrà?
    Se mi dite un metro, posso ipotizzare controllo avanzato di veicoli ecc eccMa se mi dite un centimetro, posso ipotizzare muratori senza metro, e auto che parcheggiano automaticamente raso ai muri.Chi ne sa qualcosa?
Chiudi i commenti