ADSL, Tiscali accusa gli ex monopolisti

L'azienda parla di una situazione europea


Roma – Tiscali non ci sta e dichiara con forza che la posizione di mercato degli operatori ex monopolisti (“incumbent”) sui mercati europei sta pregiudicando il rapido sviluppo del broadband ADSL nel Vecchio Continente, a causa anche di una situazione regolamentare non soddisfacente.

“Tale situazione – spiega Tiscali in una nota – ha reso finora non economicamente fattibile, per un operatore alternativo come Tiscali, la concorrenza con tali soggetti, spingendo pertanto il gruppo a non competere efficacemente su tale mercato in attesa di condizioni economiche migliori, focalizzando l’attività operativa al conseguimento di soddisfacenti livelli di profittabilità sul mercato narrowbrand”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti