AGCOM, lascia il commissario Decina

Il professor Maurizio Decina si dimette dal Consiglio dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Gravi motivazioni personali. Il rammarico del presidente Cardani

Roma – Con una lettera ai vertici dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM), il professor Maurizio Decina ha rassegnato le sue “irrevocabili dimissioni” da commissario nella sede di Via Isonzo . In un successivo comunicato stampa diramato da AGCOM, la decisione di Decina è motivata da “gravi motivi personali”.

“Confermo il mio forte sostegno alle decisioni prese dal nuovo Consiglio di AGCOM, in particolare per quanto riguarda: le frequenze televisive, i prezzi del rame e della fibra, nonché il diritto d’autore online”, ha scritto Decina a fronte delle sue inattese dimissioni da commissario.

Dal presidente Cardani e gli altri commissari, un sentimento di profondo rammarico per la decisione di Decina, con un ringraziamento finale per il suo contributo tecnico-professionale dalla prima riunione del Consiglio nel luglio dello scorso anno. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Solange scrive:
    MEGA UPLOAD FAIL
    The flop.
  • megalitico scrive:
    mega
    A quando la megasentenza con una megacondanna, possibilmente da scontarsi in una microcella?
    • bubba scrive:
      Re: mega
      - Scritto da: megalitico
      A quando la megasentenza con una megacondanna,
      possibilmente da scontarsi in una
      microcella?nel febbraio 2012.Di una realta' alternativa.
  • Pianeta Video scrive:
    ...
    Kim "Schettino" DotCom ha deciso di dimettersi da presidente di Mega perché ha capito che la nave sta affondando! @^
  • uno scrive:
    ...
    "per potersi concentrare al meglio sulla sfida legale con le autorità statunitensi"...Era ovvio, deve concentrare i suoi sforzi per non finire a Guantanamo. (rotfl)
    • bubba scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: uno
      "per potersi concentrare al meglio sulla sfida
      legale con le autorità
      statunitensi"...

      Era ovvio, deve concentrare i suoi sforzi per non
      finire a Guantanamo.
      (rotfl)se avra' tanti voti quanti utenti... puo darsi ci finisca invece qualche funzionario troppo zelante, a guantanamo :P)
      • andrea scrive:
        Re: ...
        Per avere tanti voti quanti utenti devono dare il diritto di voto anche alle pecore che notoriamente in nuova zelanda sono più degli uomini.Comunque non ho capito il tuo intervento.I funzionari zelanti o meno (io li preferisco zelanti) stanno perseguendo un ladrone che si è arricchito a dismisura grazie al lavoro di altri. Perchè dovrebbero finire in galera loro e non il ladrone?CiaoPS Spero comunque che in quel obrobrio di Guantanamo non finisca nessuno, neanche Dotcom
        • bubba scrive:
          Re: ...
          - Scritto da: andrea
          Per avere tanti voti quanti utenti devono dare il
          diritto di voto anche alle pecore che
          notoriamente in nuova zelanda sono più degli
          uomini.da noi molte bestie hanno diritto di voto... e pure di farsi eleggere...
          Comunque non ho capito il tuo intervento.perche non conosci la storia evidentemente :)
          I funzionari zelanti o meno (io li preferisco
          zelanti) stanno perseguendo un ladrone che si è
          arricchito a dismisura grazie al lavoro di altri.zelanti era piu chiaro tra virgolette... ovvio che era ironico...la tracotanza delle superscimmie MPAA sottoforma di taskforce federale antiterrorismo ha attaccato il cicciuto nel 51esimo stato Usa (la NZ), salvo poi far fare una epocale figura di palta ai suoi sottoposti neozelandesi... con scuse e teste cadute...Nel mentre hanno rovinato il business di Carpathia Networks e altri, col le loro pretese e milioni di dati di comuni cittadini archiviati nel cloudAncora la partita e' aperta... del resto all'MPAA gli interessava sfasciare.. le leggi e diritti (e anche il proXXXXX) sono un fatto secondario..
          • andrea scrive:
            Re: ...
            Grazie, ho capito meglio il tuo punto di vista.Ciao.
          • bubba scrive:
            Re: ...
            - Scritto da: andrea
            Grazie, ho capito meglio il tuo punto di vista.
            Ciao.e' un po piu' di un punto di vista.Cmq i dettagli li puoi trovare qui http://en.wikipedia.org/wiki/Megaupload_legal_case (ovviamente en.wiki non puo permettersi di dire esplicitamente che il governo usa e' al soldo dell'MPAA... ma il punto e' chiaro ugualmente.. c'e' quasi tutto... )
          • andrea scrive:
            Re: ...
            Grazie per il link.Per quanto io apprezzi Wikipedia e i tuoi interventi permettimi di ribadire che rimane sempre un punto di vista. Non fosse altro che Dotcom ne ha immagino un altro come del resto lo avranno le autorità americane e quelle neozelandesi.Ciao.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: ...
            contenuto non disponibile
        • CrazyVerse scrive:
          Re: ...
          arricchito alle spalle di altri? proprio come fa la siae, mpaa e company l'unica differenza lui offriva un servizio richiesto dagli utenti e utile.la SIAE/MPAA che ci offrono? apparte conti salatissimi e tantissima inutilità oltre a far aumentare i prezzi?
          • andrea scrive:
            Re: ...
            Scusa se dissento ma la differenza non sta nel servizio erogato ma nella legalità della cosa.Se io ti chiedo il pizzo sul tuo stipedio sono un ladro, se lo stato ti chiede il pizzo sullo stipendio si chiamano contributi.Una cosa è illegale, l'altra è legale.Che poi ti piaccia o meno non cambia la sostanza delle cose.Dotcom è un ladro. La SIAE, per quanto stia sulle scatole anche a me, no.Senza dimenticare che Dotcom si tiene i soldi, la SIAE invece ne tiene una parte e l'altra la divide con gli autori.Ciao.
          • bubba scrive:
            Re: ...
            - Scritto da: andrea
            Scusa se dissento ma la differenza non sta nel
            servizio erogato ma nella legalità della
            cosa.

            Se io ti chiedo il pizzo sul tuo stipedio sono un
            ladro, se lo stato ti chiede il pizzo sullo
            stipendio si chiamano
            contributi.

            Una cosa è illegale, l'altra è legale.
            Che poi ti piaccia o meno non cambia la sostanza
            delle
            cose.

            Dotcom è un ladro.veramente NO. dotcom e' un accusato e basta.Accusato dai mericani, tra l'altro (gli usa hanno giuristizione sul pianeta, e' noto).Accusato da mericani e i loro sottoposti NZ, che sono stati giudicati da un giudice (e non un poliziotto) di aver fatto un raid illegale.
          • andrea scrive:
            Re: ...
            Provo a spiegarmi in un modo differente.Domani invento un meccanismo (hai presente Star Trek?) in grado di duplicare a bassissimo costo qualsiasi oggetto.Apro migliaia di MegaStore che regalano lettori musicali, computer, televisori, etc. che altri hanno progettato, realizzato e pubblicizzato spendendo tempo e denaro e che invece io mi limito a copiare.Per entrare nei miei MegaStore, per parcheggiare nei miei MegaParcheggi e per mangiare la mia MegaPizza ti chiedo dei soldi, la merce te le regalo (tanto io la copio).Divento ricco come Creso.Cosa sono io?Un ladro.Cosa sei tu?Un ricettatore.Tutto il resto sono parole, foglie di fico per coprire la banalissima verità.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: ...
            contenuto non disponibile
          • bubba scrive:
            Re: ...
            - Scritto da: andrea
            Provo a spiegarmi in un modo differente.

            Domani invento un meccanismo (hai presente Star
            Trek?) in grado di duplicare a bassissimo costo
            qualsiasi
            oggetto.
            Apro migliaia di MegaStore che regalano lettori
            musicali, computer, televisori, etc. che altri
            hanno progettato, realizzato e pubblicizzato
            spendendo tempo e denaro e che invece io mi
            limito a
            copiare.

            Per entrare nei miei MegaStore, per parcheggiare
            nei miei MegaParcheggi e per mangiare la mia
            MegaPizza ti chiedo dei soldi, la merce te le
            regalo (tanto io la
            copio).

            Divento ricco come Creso.

            Cosa sono io?
            Un ladro.

            Cosa sei tu?
            Un ricettatore.

            Tutto il resto sono parole, foglie di fico per
            coprire la banalissima
            verità.esempio "interessante"... si dedurrebbe che tu lavori per una major.Perche sono solo loro che fanno questa madornale caxxata nel ragionamento.Ossia, l'esempio e' impostato sul fatto che e' il possessore di MegaStore e del duplicatore che cede la roba che ha preso a sbafo.INVECE la roba "sbafata" nel megastore ce la mette la GGENTE! E purtroppo per le major ogni singolo articolo del megastore andrebbe catalogato per vedere se e' VERAMENTE "a sbafo". E dopo cio' rintracciare ogni singolo presuto colpevole dedito all'appoggia-sbafo. Tutto cio' e' MOLTO COSTOSO, INVISO e LENTO.A loro piace SPARARE sul Megastore direttamente, a prescindere di quali oggetti ci siano e di chi siano, essendo manovra MOLTO PIU RAPIDA ED ECONOMICA. "Sfortunatamente" e' anche PALESEMENTE iniqua. Cio' gli costa parecchio in lobbyismo (e a noi tutti in sfasciamento dei parlamenti e dell'equita'). E questo solo parlando dell'enforcement. C'e' un altro capitolo sul senso di proteggere proprieta' intelletuali di gente morta da molti decenni, sul 'diritto di panorama', sul fair use , ecc ecc.
          • andrea scrive:
            Re: ...
            Grazie per le risposte.E' sempre molto interessante sentire i punti di vista altrui.Se qualcuno crede che Dotcom sia diventato schifosamente ricco perchè offriva un servizio legale di file sharing e suo malgrado gli utenti caricavano materiale protetto da copyright (il famoso lavoro altrui)è nella migliore delle ipotesi un povero illuso fuori dal mondo, nella peggiore una pessima persona in cattiva fede.Gli americani hanno, come tutti i popoli, tanti diffetti. Quello che ho imparato ad apprezzare del loro sistema giudiziario - e più in generale del sistema giudiziario anglosassone - è che guardano alla sostanza. Agli azzeccagarbugli da quattro soldi che tenta di dimostrare che Gesù Cristo è morto di freddo dicono semplicemente quello che pensano, che sono persone in cattiva fede che cercano di approfittare degli altri e che nella loro società non c'è spazio per loro se non nelle patrie galere.Questo fa si che invece di tentare disperatamente di regolamentare tutto con mille milioni di leggi, leggine, codicilli e circolari attuative guardano alla sostanza dei fatti.Noi italioti invece cerchiamo sempre la scappatoia (fatta la legge, scovato l'inganno), cerchiamo di giustificare l'ingiustificabile appellandoci a ragionamenti risibili e ridicoli in tre gradi di appello.Nelle vostre gentili risposte ho trovato, purtroppo, solo questo.Tanti simpatici tentativi di dimostrare che a Dotcom i soldi sono piovuti dal cielo.Al di la delle altre osservazioni che potrei fare sui singoli interventi tengo a precisare che la "madornale caxxata nel [mio] ragionamento" è tutta farina del mio sacco visto che non lavoro in una major e i ragionamenti, nel mio piccolo, li faccio da solo.Anche questa accusa è emblematica di quanto siamo un paese di Pulcinella; la cultura del sospetto. Se io faccio affermazioni non è perchè ho un pensiero libero, magari sbagliato ma mio, ma perchè sono servo del potere delle major, un troll, un pennivendolo prezzolato.Complimenti.
          • cicciobello scrive:
            Re: ...
            qui in sostanza si critica la correttezza della legge, più che la sua applicazione.Ovvio che se pensi che una legge sia ingiusta cercherai tutti i cavilli.
          • Franco Dani scrive:
            Re: ...

            Gli americani hanno, come tutti i popoli, tanti
            diffetti. Quello che ho imparato ad apprezzare
            del loro sistema giudiziario - e più in generale
            del sistema giudiziario anglosassone - è che
            guardano alla sostanza. Mah, temo tu abbia una concezione molto idealizzata della giustizia Usa.
            Agli azzeccagarbugli da
            quattro soldi che tenta di dimostrare che Gesù
            Cristo è morto di freddo dicono semplicemente
            quello che pensano, che sono persone in cattiva
            fede che cercano di approfittare degli altri e
            che nella loro società non c'è spazio per loro se
            non nelle patrie
            galere.Considerando il numero esorbitante di nuove religioni nate negli Usa, e di relativi santoni (una religione non nasce mai dal basso, anche se alcuni ancora ci credono), e considerato che le religioni, fra cui Scientology, usufruiscono dell'esenzione fiscale, direi che gli Usa hanno approfittatori come, e più, dell'Europa.E gli avvocati sono malvisti pure là.
            Questo fa si che invece di tentare disperatamente
            di regolamentare tutto con mille milioni di
            leggi, leggine, codicilli e circolari attuative
            guardano alla sostanza dei
            fatti.Quindi avrò letto male, questa proposta di legge di cui parlava PI due giorni fa è italiana, non è californiana:http://punto-informatico.it/3880726/PI/News/usa-una-legge-contro-XXXXXvendette.aspxAvevamo giusto bisogno di un reato in più, non ce ne sono abbastanza....
            Noi italioti invece cerchiamo sempre la
            scappatoia (fatta la legge, scovato l'inganno),
            cerchiamo di giustificare l'ingiustificabile
            appellandoci a ragionamenti risibili e ridicoli
            in tre gradi di
            appello.No. Tre gradi di giudizio. Il grado di appello è solo il secondo. Negli usa i gradi di appello, in linea di principio, possono arrivare a 4. Primo grado, appello, ricorso alla corte suprema dello Stato, ricorso alla corte suprema federale.
          • cicciobello scrive:
            Re: ...
            - Scritto da: andrea
            Provo a spiegarmi in un modo differente.

            Domani invento un meccanismo (hai presente Star
            Trek?) in grado di duplicare a bassissimo costo
            qualsiasi
            oggetto.
            Apro migliaia di MegaStore che regalano lettori
            musicali, computer, televisori, etc. che altri
            hanno progettato, realizzato e pubblicizzato
            spendendo tempo e denaro e che invece io mi
            limito a
            copiare.La risposta è semplice: gli altri smetteranno di realizzare televisori, computer ecc... perchè è diventato obsoleto: è inutile produrre qualcosa in fabbrica spendendo 100 se con il tuo replicatore si ottiene lo stesso risultato spendendo 1.È inutile che la gente si ammazzi di lavoro nei campi per coltivare il cibo, se con il replicatore si ottiene in pochi minuti.Certo, se tu hai fatto il lavoro nel modo più faticoso e poi scopri che altri ottengono lo stesso risultato con meno fatica ti dispiace, esattamente come uno che è stato un'ora in coda alla posta ci rimane male quando viene a sapere che altri hanno fatto le stesse operazioni online da casa in due minuti... ma non può prendersela con internet: è lui che è rimasto indietro.

            Per entrare nei miei MegaStore, per parcheggiare
            nei miei MegaParcheggi e per mangiare la mia
            MegaPizza ti chiedo dei soldi, la merce te le
            regalo (tanto io la
            copio).Nessuno ti pagherà la megapizza: se hai i replicatori tu, li hanno anche gli altri, ed anche la megapizza viene duplicata.

            Divento ricco come Creso.Se davvero hai inventato il replicatore, te lo meriteresti (incidentalmente, avresti eliminato la fame nel mondo e risolto la crisi energetica... meriti un premio)

            Cosa sono io?
            Un ladro.E invece chi ti dice di non replicare più il cibo, così lui può venderlo a caro prezzo (pazienza se qualcuno muore di fame, se non può permetterselo ne deve fare a meno) cosa sarebbe? Tu da che parte ti schieri? Mi sa che hai le idee un po' confuse.
          • andrea scrive:
            Re: ...
            Mi rendo conto che fare un esempio è spesso fuorviante, con te è inutile.Ciao
          • cicciobello scrive:
            Re: ...
            Finchè non riuscirai a comprendere la differenza tra beni materiali e beni digitali i tuoi esempi saranno sempre scorretti e fuorvianti.
          • cicciobello scrive:
            Re: ...

            Se io ti chiedo il pizzo sul tuo stipedio sono un
            ladro, se lo stato ti chiede il pizzo sullo
            stipendio si chiamano
            contributi.Lo stato offre dei servizi in cambio delle tasse. Tu cosa offri?

            Una cosa è illegale, l'altra è legale.
            Che poi ti piaccia o meno non cambia la sostanza
            delle
            cose.

            Dotcom è un ladro. La SIAE, per quanto stia sulle
            scatole anche a me,
            no.Dotcom offre dei servizi. La siae cosa offre? Nulla!
            Senza dimenticare che Dotcom si tiene i soldi, la
            SIAE invece ne tiene una parte e l'altra la
            divide con gli
            autori.Che stai dicendo? la siae si fa pagare anche dagli autori, altro che pagarli.
          • andrea scrive:
            Re: ...
            Sulla SIAE hai le idee molto confuse. Informati.Ciao
          • cicciobello scrive:
            Re: ...
            so benissimo come funziona la siae, sei tu a doverti informare.
Chiudi i commenti