Agcom, tutte le domande al presidente

Il presidente Calabrò è stato convocato con urgenza dalle Commissioni Comunicazioni e Cultura del Senato. L'audizione è prevista per la mattinata di domani. Si affronteranno i temi cruciali legati alla delibera 668/2010?

Roma – Il presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) Corrado Calabrò è stato convocato con urgenza dalle commissioni Comunicazioni e Cultura del Senato della Repubblica Italiana .
Calabrò dovrà dunque presentarsi al Senato nella mattinata di domani, per discutere in merito allo schema di regolamento sulla tutela del diritto d’autore in Rete. L’audizione del presidente di Agcom verterà così sulla contestatissima delibera 668/2010 , approvata agli inizi di luglio con sette voti a favore, uno contrario ed un solo astenuto.

C’è chi ha sottolineato come la convocazione di Calabrò sia il segno evidente di un interesse, almeno formale, da parte del Senato. Ci sarebbe però la rischiosa possibilità che la stessa audizione del presidente si risolva senza che nessuno degli aspetti cruciali della questione venga affrontato . Ignorando di fatto gli spinosi interrogativi emersi in Rete.

Soddisfazione da parte di Agorà Digitale e di tutte le associazioni riunite nell’iniziativa sitononraggiungibile.it . “L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni non può intervenire con un regolamento che mette in pericolo principi fondamentali come giusto processo, libertà di espressione, di informazione, diritto di accesso alla conoscenza e la libertà di impresa”, si legge sul sito di Agorà Digitale .

Le stesse associazioni di sitononraggiungibile.it hanno dunque invitato tutti i cittadini interessati a contattare i 23 senatori che ascolteranno Calabrò nella mattinata di domani . L’obiettivo è provare a convincerli “dell’assoluta necessità di uno stop al provvedimento”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • marino rossi scrive:
    advertisingcenter
    da inserzionistal'advertising center yahoo era scarsoquello microsoft e' molto peggio.. tutti a scuola da adwords!!
Chiudi i commenti