Agenda Digitale, Letta assume altri esperti

A Francesco Caio vengono affiancati J. Scott Marcus e Gérard Pogorei. La loro analisi dovrebbe fare il punto sugli sforzi fatti finora. Per legare gli sforzi italiani agli obiettivi europei
A Francesco Caio vengono affiancati J. Scott Marcus e Gérard Pogorei. La loro analisi dovrebbe fare il punto sugli sforzi fatti finora. Per legare gli sforzi italiani agli obiettivi europei

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Enrico Letta, ha nominato gli esperti che dovranno occuparsi dell’analisi sullo stato attuale dell’infrastruttura di banda larga in Italia e dello sviluppo della strategia coerente con gli obiettivi indicati dalla UE per il 2020: si tratta di J. Scott Marcus, già advisor della Federal Communication Commission e di numerose aziende e istituzioni europee su temi di nuove reti, e Gérard Pogorel, professore emerito dell’Università ParisTech.

Dalla prossima settimana i due esperti si metteranno a lavoro andando ad integrare quanto fatto finora dall’Italia sul fronte agenda digitale, da ultimo attraverso l’operato di Francesco Caio, commissario del governo Letta per l’Agenda Digitale, con cui andranno a collaborare direttamente e che – secondo quanto afferma Letta – in questi mesi ha già “definito con chiarezza le priorità di intervento, accelerato la realizzazione dei principali progetti e disegnato una governance per l’Agenzia finalizzandone lo Statuto (oggi al vaglio delle Amministrazioni)”.

Caio, peraltro, aveva già svolto un incarico simile per il Governo di Londra, e ha iniziato a collaborare con Roma dal 2009 quando è stato chiamato dall’allora ministro Paolo Romani.

Sempre dall’Europa arriva la nuova spinta all’Agenda Digitale italiana: a fine ottobre è stato il Consiglio Europeo a ricordare a Letta di includere nelle sue attività l’attuazione dell’Agenda Digitale.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti