Al via i poli dell'alta tecnologia

Annuncio
Annuncio


Roma – Una nota congiunta di Stanca e Scajola, ministri all’IT e alle Attività produttive, ha informato che sull’iniziativa per il varo dei “poli tecnologici italiani” le adesioni sono molte e sono in arrivo oltre 600 milioni di euro di investimenti in ricerca e sviluppo. Si tratta di costituire “poli” di sviluppo e ricerca altamente avanzati “finalizzati al rilancio della competitività del Sistema Paese attraverso l’aggregazione di soggetti imprenditoriali, della ricerca ed atenei, impegnati nella realizzazione di nuovi prodotti high-tech”.

Nel progetto sono coinvolte 64 tra le più grandi aziende dell’high-tech in partnership con 90 piccole e medie imprese nazionali, 45 centri di ricerca, pubblici e privati, ed università. I settori di intervento sono: telecomunicazioni, automazione e strumentazione, aerospaziale, componentistica elettronica e trasporti.

Entro i prossimi 60 giorni i protagonisti dei “poli ad alta tecnologia”, come vengono definiti nel comunicato, presenteranno i progetti definitivi e partiranno così le attività.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 03 2006
Link copiato negli appunti