Ammazza il traffico. Col cellulare

Nokia sperimenta un nuovo protocollo di scambio dati tra telefonini. Servirà a fornire informazioni più precise sulla viabilità. In un futuro molto prossimo

Roma – Cento studenti universitari, muniti di patente, auto e di un Nokia N95. Riuniti alla mattina presto in un parcheggio californiano di un grande magazzino, per mettere alla frusta l’ infomobilità del futuro . Con risultati incoraggianti, ma che sono ancora lontani dall’applicazione effettiva.

sulle strade della California Ci stanno pensando colossi della mobilità come BMW e General Motors , alleatisi con Navteq e Nokia per dare vita ad un progetto sostenuto dal dipartimento dei trasporti della California ( CalTrans ). Basta con telecamere e costosi sistemi di sorveglianza, dicono, che poi magari forniscono solo dati incompleti e poco aggiornati. I cellulari ce l’hanno tutti, spiegano, e saranno questi la fonte dell’informazione sullo stato delle highway .

Nei cento N95 forniti agli studenti era installato uno speciale software beta, sviluppato dal laboratorio Nokia di Palo Alto: un prodotto sperimentale, ancora acerbo per finire sul mercato, che mette in comunicazione ogni telefonino con un server centrale gestito da Nokia. In ogni istante, il modulo GPS fornisce informazioni precise su localizzazione e velocità dell’apparecchio, raccolte ed elaborate per effettuare stime precise sull’andamento del traffico.

Gli studenti, usciti dal parcheggio, si sono diretti verso la più vicina superstrada: cento auto in viaggio sulla 880 , con non più di 15 chilometri dal primo all’ultimo della fila. In tempo reale, il cellulare consigliava loro la strada più rapida per raggiungere la destinazione desiderata, grazie ad un flusso di dati ininterrotto tra terminale e computer centrale.

Non che si tratti del primo esperimento di auto che condividono informazioni, non che si tratti della prima volta di veicoli che comunicano con un cervellone. Ma il coinvolgimento di grossi player , e il risultato soddisfacente di questo test, spinge un professore della prestigiosa università di Berkeley, Alex Bayen, a definire l’esperimento come “uno sguardo al futuro delle informazioni sul traffico”.

Bayen, che patrocina lo sviluppo dell’applicazione, spiega che non ci sono rischi per la privacy (tutte le informazioni sono anonime, garantisce) e che il sistema tiene già conto dei dati provenienti da veicoli in avaria o erratici. L’esperimento è stato talmente un successo da spingere tutti a rilanciare: Bob Iannucci, CTO Nokia, parla già di prossimi tentativi con mille terminali attivi , in giro a piacere sulle strade assolate attorno San Francisco.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Angela Cattaneo scrive:
    hai proprio ragione
    Mi sembra di sentire parlare mio marito sono sempre le stesse cose tutto il mondo è paese scrivo dalla Sicilia anche noi abbiamo un negozio di informatica e le conosco bene queste cose. Lui s'è spostato al nord proprio per questo motivo perchè queste cose proprio lo squalificano professionalmente. Lavori per niente. Speriamo per il meglio io per ora sono rimasta a casa con i bimbi e tiro avanti il negozio con un collaboratore nella speranza di riuscire a cedere l'attività. Tanti auguri noi ci stiamo provando a cambiare le cose.
  • Angela Cattaneo scrive:
    hai fortemente ragione
    Mi sembra di sentire parlare mio marito sono sempre le stesse cose tutto il mondo è paese scrivo dalla Sicilia anche noi abbiamo un negozio di informatica e le conosco bene queste cose. Lui s'è spostato al nord proprio per questo motivo perchè queste cose proprio lo squalificano professionalmente. Lavori per niente. Speriamo per il meglio io per ora sono rimasta a casa con i bimbi e tiro avanti il negozio con un collaboratore nella speranza di riuscire a cedere l'attività. Tanti auguri noi ci stiamo provando a cambiare le cose.
  • guerriglia scrive:
    interessi ai sensi della ir.2000/35/CE
    se tutti inviassero tutti i mesi fattura per gli interessi legali ai sensi dir.2000/35/CE - (calcolati cortesemente sul sito www.avvocati.it), che porta automaticamente l'inchiesta da parte della Corte dei Conti e rogne per i funzionari, le PA smetterebbero questo andazzo. ma pochi lo fanno per paura di non lavorare più e le aziende si troverebbero a pagare degli interessi veramente pesanti. Gran parte dei costi della sanità servono a pagare gli interessi di mora alle case farmaceutiche, con i quali ci guadagnano più che con le vendite, sono interessi molto remunerativi. Se tutti lo facessero....
  • m c scrive:
    si, ma se non pagano
    tutti mi avete risposto sulla non equità del fisco italiano. Ora, probabilmente altri sistemi fiscali saranno più equi, più efficienti, meno costosi. Ma quel che chiedevo era: se il tuo cliente non ti paga la fattura, su quella fattura, le imposte le paghi?Se si, non cambia niente. Le difficoltà nascono soprattutto quando i clienti non pagano.
    • Michele scrive:
      Re: si, ma se non pagano
      In caso di mancato pagamento della fattura, l'irpef si paga comunque.Discorso a parte merita l'IVA. Se il cliente è un privato si versa ugualmente, se è un ente pubblico l'IVA si versa solo quando si incassano i soldi.
  • Sauzer- scrive:
    Per RobLuc
    Credici o meno ti sto scrivendo dal mio laboratorio. Sono l'1:45 e devo chiudere dei lavori. Credi che faccia questo perché mi voglia arricchire? Nulla di tutto questo... semplicemente per sopravvivere. E ben capirai che se sono qui è perché voglio mantenere le scadenze con i clienti e che il lavoro in sé non mi manca proprio. Possiamo avere tutte le belle idee del mondo e costruire tramite esse la realtà aziendale "totale". Tuttavia la realtà non sono idee ma fatti. Riporto in sintesi il prologo della mia missiva a PI: "ho fatto della mia passione il mio lavoro". Che devo dirti? Funziona, non mi sono certo messo a vendere ghiaccioli al Polo Nord. Non ha senso ch'io dica di aver puntato sulla qualità dei servizi ecc. Questi discorsi li lascio perdere. Se all'1.45 sono ancora qui questo dovrebbe spiegare molte cose. Il fatto è che i buoni propositi e, perché no, i positivi riscontri ottenuti vengono "ingiustamente" e crudelmente falcidiati dallo "status quo" italico che squalifica umanamente e professionalmente i suoi cittadini.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 febbraio 2008 01.56-----------------------------------------------------------
  • robluc scrive:
    grazie x le delucidazioni
    sono un ragazzo di 28 anni, lavoro nel campo IT da 6 e proprio in questo periodo sto pensado di mettere su qualcosa di autonomo.Per quanto riguarda il primo punto prezzo/qualità dico che hanno ragione quelli che puntano sulla serietà,qualità del servzio.Sono tutt'ora il "ragazzo di 13 anni.." di molti amici..nel mio paese spunta gente che CAPISCE DI INFORMATICA ad ogni angolo..chissa xchè tutti tornano da me a farsi riparare il pc (nn formattare) anche dopo averlo portato in assistenza(e a me il biscotto nn basta..ci vuole cena e whisky a fine pasto).Lavoravo in un'azienda di TLC avevamo tariffe normali ma assistenza tecnica da far paura e le aziende pagavano puntuali pur di nn perdela!!(azienda della regione Campania nn del veneto).Io ho tutta una mia idea in testa..simile alla realtà tedesca descritta da un utente, il castello è caduto dopo aver letto i post su tasse, Iva etc...il dubbio mi assale...
  • Sauzer- scrive:
    Sono l'autore della lettera
    Ciao a tutti,ho letto TUTTI i vostri post. Interessanti, anche se una buona parte sono scesi nell'OT.Quando ho scritto alla redazione di PI non credevo nemmeno sarei stato pubblicato. La risposta datami mi ha soddisfatto. Vorrei chiarire una cosa. Il mio malessere (che credo condiviso da molti) discende dal lassismo istituzionale, dal vuoto legislativo e dall'assenza dello Stato che, come già detto, "istiga a delinquere". Qualcuno ha menzionato Valentino Rossi. Egli è "soddisfatto" di come si sia conclusa la sua vicenda. Doveva pagare 112 mln di Euro ne pagherà 35 mln. Ha fatto 6 (e che SEI!) al Superenalotto senza giocare e pagare la schedina; perché gli sono rimasti BEN 77 mln. Voi al posto suo sareste soddisfatti? Perché pagare le tasse allora? In questa "Italia" (e ribadisco con maggiore forza ancora, che la parola "civile" non può stare con essa nella medesima frase) funziona così: chi fotte per primo fotte due volte. E siccome sono sempre di più le persone in difficoltà, di fronte alla certezza di restare impuniti, aumentano proporzionalmente gli onesti che smettono di esserlo. Eccola qui l'istigazione.Chi mi dice che sono i commercianti che non hanno voluto i sistemi di controllo è fuori tema. Non si tratta di questo. Si tratta di utilizzare criteri concreti per TUTTI. Se fotti 112 mln di Euro ti confisco case, macchine e conto corrente e ti sbatto in galera per 20 anni. Senza scuse, "attenuanti" et simili. Evadere il fisco in questo Paese non è più, alla stregua delle truffe, da considerarsi un REATO ma un DIRITTO ed un DOVERE. Riuscite ancora voi ad accostare la parola "civile" a "Italia". Io NO. Perdonate lo sfogo ma mi faccio un mazzo così per NULLA. L'altro giorno mi ha chiamato uno che è "fallito" 4 anni fa. Si era evidentemente scordato che ero uno di quelli che aveva fregato. Bene... è titolare di una ditta. Fa le stesse cose. Prima era ABC ora è CBA. Fantastico! In un Paese civile non possono esistere i plurifalliti con licenza di FOTTERE per legge di Stato!E possiamo studiarci ogni soluzione per non prendere le fregature ma questo significherà doversi precludere delle possibilità di reddito. Questo non è ammissibile, è in conflitto insanabile con lo spirito di impresa. Andrebbe scardinato il sistema, ma se IL SISTEMA è ingenerato in primis dallo Stato cosa ci si può aspettare? Questo era un po' il senso del discorso. Mi si fa notare che lo Stato chiede l'IVA "prima" perché molti imprenditori fanno i furbi e spariscono. Questa cosa è aberrante! Se ciò avviene è proprio perché è lo Stato che lo permette ed anzi istiga queste pratiche!La testimonianza del ragazzo siciliano che ora lavora e vive in Svizzera è la cosa più confortante che potessi leggere. Di riflesso però è anche una triste rappresentazione del punto a cui siamo giunti. In altri tempi ed in altri luoghi tutto questo si sarebbe definito "Mafia". La parola forse è un po' passata ma a mio modesto avviso il senso ci coglie in pieno.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 febbraio 2008 00.05-----------------------------------------------------------
  • THe_ZiPMaN scrive:
    Ma chi te lo fa fare di essere autonomo?
    Io non capisco. Nessuno obbliga qualcuno ad avere un negozio; uno accetta il rischio di impresa a fronte di maggiori guadagni. Se uno ritiene di non avere sufficienti guadagni a fronte dei rischi basta che vada a fare il dipendente.Se continui a fare il commerciante è perché comunque guadagni a sufficienza o ne hai dei vantaggi. Lamentarsi di una propria scelta è quindi un controsenso.
  • coservi scrive:
    garanzia o anticipo
    Beh, in effetti concordo con tutti gli altri: io da quando aprii ditta i clienti mi chiedevano pagamenti 30, 60 e 90 (che lalla fin fine diventano 120). Mi sono preso delle "pettinate" incredibili tra clienti spariti, assegni cabio e quant'altro... se dovessi incassare oggi in un colpo solo tutto quello che ho perso posso stare andare in vacanza per due anni.Poi ho cambiato regime: i fornitori devo pagarli in anticipo quindi il cliente paga in anticipo. Se va bene così si procede altrimenti il mercato è pieno di concorrenti che si prendono le fregature al posto tuo. Solo i servizi li faccio pagare a 30 giorni (perchè non compro nulla) e i clienti puntualmente pagano tardi: allora scattano gli interessi di mora come previsto per legge più le spese per fare il sollecito sia che sia di persona sia che debba andare di persona e il calcolo è semplice: per un sollecito di persona devo prendere la macchina e perdo un'ora del mio tempo che fatturo a listino con tanto di rimborso km sia per andare che per tornare. E credimi... i clienti pagano e non lo rifanno più... quando gli tocchi le tasche!!!!Gli enti pubblici? Beh, vale la regola: mi è capitato di chiedere fideiussione bancaria (ripeto BANCARIA NON ASSICURATIVA) per l'importo della fornitura. non erano daccordo quindi me ne sono andato. Probabilmente qualcuno sta ancora aspettando i soldi.Il problema è proprio questo... è andata troppo bene ai clienti in passato che pagavano quando volevano, ma erano altri tempi. Io mi sono visto ridurre categoricamente il fido del mio fornitore mentre passavano gli anni. Ora, dato che non compro milioni di uero di merce all'anno, devo pagare in anticipo. E così sia anche per chi compra da me.
  • Luca scrive:
    La soluzione è più semplice di quanto se
    Basta pretendere dalla pubblica amministrazione le stesse garanzie che essa chiede nei bandi e nelle gare pubbliche; si chiama simmetria.La pubblica amministrazione dovrà fornire garanzie all'atto dell'esecuzione del contratto.Gli si impone una fideiussione pari al valore del contratto, magari a prima richiesta.Faranno fatica a dire che non possono offrire ciò che pretendono dagli altri.
    • Io blocco il P2P scrive:
      Re: La soluzione è più semplice di quanto se
      - Scritto da: Luca
      Basta pretendere dalla pubblica amministrazione
      le stesse garanzie che essa chiede nei bandi e
      nelle gare pubbliche; si chiama
      simmetria.

      La pubblica amministrazione dovrà fornire
      garanzie all'atto dell'esecuzione del
      contratto.

      Gli si impone una fideiussione pari al valore del
      contratto, magari a prima
      richiesta.

      Faranno fatica a dire che non possono offrire ciò
      che pretendono dagli
      altri.Danno la gara ad un altro.
  • Massimo Fava scrive:
    Fideussione
    Un consiglio,prima di accettare un lavoro pubblico o privato chiedi la fideussione se no, non fare il lavoro e dedicati al pacco clienti più di fiducia. Il danno lo piangono i tuoi concorrenti che accettano quel lavoro senza garanzie. Ti ritroverai poi in una condizione favorevole nel mercato per investire.CiaoMassimo
  • v1doc scrive:
    TUTTO VERO
    Un mio amico ha un negozio ed ha avuto la sfortuna di diventare un fornitore di materiale informatico di un'ospedale in Lombardia.Vi posso assicurare che si comportano peggio dei mafiosi, ha perso migliaia di euro ed ha quasi rischiato di dover chiudere.
  • anonymous scrive:
    solo un paio di considerazioni
    beh sulle difficoltà avraui anche qualche buona ragione, ma quando ti lanci in certe affermazioni qualunquistiche no:"In un paese civile ci dovrebbe essere un sistema in grado di monitorare gli effettivi rendimenti delle attività ma, si sa, la parola "Italia" e "civile" non possono stare nella medesima frase."ma se sono gli imprenditori che hanno sempre rifiutato ogni sistema per farsi monitorare i ricavi effettivi!chi era che aveva presentato proposte per abolire fatture e scontrini ?chi era che si opponeva allo scarico di fatture e scontrini per le persone fisiche ?chi è che dichiara 300 euro al mese e gira sullo yacht ?i GROSSI imprenditori e per colpirli si fa d'ogni erba un fascio con i piccoli"sulle vendite effettuate agli Enti Pubblici si possa pagare l'IVA "posticipandola", ovvero rimandandone il pagamento a fattura saldata. Lo stesso Stato quindi "legittima" i suoi Enti a pagare in ritardo (e che ritardi! Si arriva anche oltre i 12 mesi). È tuttavia singolare come lo Stato medesimo però si faccia in ogni caso pagare le imposte su quel reddito, fino a quel momento solo virtuale, puntualmente alle scadenze"sai di solito le ditte di alcuni imprenditori (loro sì civili, mica come lo stato italiano) posticipano e poi fanno fallimenti "furbi" (eg: consulenze ad amici , assunzione di parenti come manager, acquisti a prezzi spropositati di merce inutile venduta da ditte proprie in paradisi fiscali e poi dismessa ecc., tutte cose che che si mangiano i guadagni fatti poi rientrare in nero tanto poi si riapre un'altra ditta a nome del nonno)
  • Ricky scrive:
    Enti pubblici ai raggi X...
    Si dovrebbe veramente fare una bella controllata generale...Sono sicuro che ci troveremo a lavorare per le PA per lo piu' persone incapaci, svogliate, parenti vari di dirigenti vari messi li perche' i concorsi sono delle FARSE.Basterebbe EPURARE le PA da questi parassiti strapagati per rendere tutto assai piu' veloce e reattivo...Ma ovviamente non lo si fa...chi lo dovrebbe fare?Queli enti di controllo SE ne esistono?Informatizzare le PA...ho visto gli strumenti AVVENIERISTICI con cui lavorano alcune PA informatizzate qui da me...una calcolatrice a carbone va' piu' veloce di quelle porcherie che devono usare per fare mero DATA ENTRY.Basterebbe applicare il comportamento vigente nel settore privato per far saltare innumerevoli culi in quello pubblico...
    • Ricky scrive:
      Re: Enti pubblici ai raggi X...
      Tutto vero, le PA sono veramente uno scempio dei nostri soldi oltre ad un muro di gomma per chi non ha "le conoscenze".Tanti giovani capaci e volenterosi in giro mentre dei fannulloni incompetenti stanno li a manovrare l'Italia.Ogni volta che cercano di migliorare le cose lo fanno preservano i posti di lavoro, i compensi e i bonus ASSURDI che solo loro hanno e ammodernizzando il possibile (ma solo perche' cosi' ci possono mangiare).A CASA incompetenti e fannulloni,dentro gente ok.In breve sai quante cose andrebbero meglio dirette e di riflesso?
  • 50 lire scrive:
    Ma i professionisti...
    Vorrei far notare che è il comune mortale o azienda a dover pagare subito le tasse (l'iva si ha la possibilità di pagarla al momento degli incassi da parte degli enti pubblici).I professionisti (chissà perché) pagheranno le (poche) tasse solamente quando avranno effettivamente incassato...
    • unamico scrive:
      Re: Ma i professionisti...
      vero. ma i professionisti non vendono hardware ed in più applicano la rivalsa inps 4% DL166 (salvo poi versare il 22 percento di contributi oltre al resto). Riusciresti a vendere "un monitor" con un 4% in più?
      • Mika scrive:
        Re: Ma i professionisti...
        - Scritto da: unamico
        vero. ma i professionisti non vendono hardware ed
        in più applicano la rivalsa inps 4% DL166 (salvo
        poi versare il 22 percento di contributi oltre al
        resto). Riusciresti a vendere "un monitor" con
        un 4% in
        più?Hai perfettamente ragione.Vendere hardware e' da falliti in Italia.Figuriamoci per un professionista.Tra Inps , iva etc... lo Stato ci mangia quasi il 50% di tutto l' incasso...Se sei un professionista di rado installi e/o ripari un sistema operativo...Se sei un commerciante O vendi o non vendi di base devi dare all' Inps 2000 euro l' anno...Ma e' vita questa ?
    • franchissim o scrive:
      Re: Ma i professionisti...
      Me che stai a di?!!!!Io l'anno scorso ho emesso fatture per più di 2000 che non mi sono state pagate; le tasse (e l'iva) le ho già versate da mo.Invece che rompere le scatole a noi "ricchi" professionisti, che evidentemente abbiamo così tanto tempo da perdere che invece che andare alle bahamas siamo qui a lamentarci, pensa alle megatruffe autorizzate dallo stato.Se poi non mi credi, apriti na partita iva e buttati nella mischia... io non ho proprio nulla da perdere... tanto peggio di così. Fortuna che sono vicino alla svizzera. Li perlomeno ti dicono 10 giorni un pagamento e saldano il nono.
  • Marco Piumi scrive:
    IVA e Tasse anticpate
    Confermo che il problema del pagamento anticipato di IVA e Tasse (prima dell'effettivo incasso), è un vero problema per moltissime aziende tra cui la mia.E' ingiusto che si debba allo stato ciò che ancora non si è avuto, basterebbe cambiare il modello di pagamento dell'IVA all'incasso/pagamento anzichè all'emissione del documento.Ma questo , mentre in altri paesi è la consuetudine, in Italia è fantascienza !!!Basti pensare all'assurdità dell'acconto di Novembre (98% del presunto reddito) !!!!Finchè chi governa non capirà questi problemi saranno sempre di più le piccole società che chiuderanno e che faranno perdere posti di lavoro e produzione !!!
    • Michele scrive:
      Re: IVA e Tasse anticpate

      E' ingiusto che si debba allo stato ciò che ancora non si è
      avuto, basterebbe cambiare il modello di pagamento dell'IVA
      all'incasso/pagamento anzichè all'emissione del documento.
      Ma questo , mentre in altri paesi è la consuetudine, in
      Italia è fantascienza !!!Veramente è da un bel po' di anni che l'IVA sulle fatture emesse nei confronti di enti pubblici si può "sospendere" dalla liquidazione e versarla solo al momento dell'incasso
  • H5N1 scrive:
    backdoor
    Soluzione: una backdoor nel software o nel sito oppure una chiave di attivazione che scade.Se il ritardo nel pagamento supera un determinato tempo si interviene e si disattiva sotware, sito, hardware o qualsiasi prodotto venduto.Occhio per occhio.PS: ovviamente mettiamo nel contratto una bella clausola di qeulle scritte piccole piccole piccole che ci consenta di farlo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 febbraio 2008 09.00-----------------------------------------------------------
    • pippo santoanast aso scrive:
      Re: backdoor
      Modificato dall' autore il 14 febbraio 2008 09.00
      --------------------------------------------------Si vede che NON sei uno che vende ....Se fai una cosa del genere ti becchi una di quelle denunce da paura con conseguente richiesta di danni ....
      • aaabbb scrive:
        Re: backdoor

        Si vede che NON sei uno che vende ....

        Se fai una cosa del genere ti becchi una di
        quelle denunce da paura con conseguente richiesta
        di danni
        ....denuncia per cosa? per la legge se non l'hai pagato il prodotto non e' tuo, ma e' ancora mio, quindi posso disporne a piacimento
        • supercast scrive:
          Re: backdoor
          questo vale se tu sei MS (ditta USA) ed io sono un povero stronzo (europeo).la realtà è molto + semplice:se metti una condizione del genere ad una PA o megaditta il lavoro non lo prendi.cmq si è sempre saputo che le megaditte e le PA paganoa babbo morto, succede anche in EU ed è cosa normale,certo che oltre 12 mesi è un po' tantino, io personalmente metto sempre una clausolina che oltre tot tempo (appunto 12 mesi) partono le more, le uniche due volte in cui una fattura mi è stata pagata così tardi ho beccato pure la mora (10% ogni mese oltre il 12esimo)di situazioni kafkiane ne ho sentite, in una ditta in cui stavo tempo fà dovemmo ricorrere al fido bancario per pagare le tasse al comune visto che il comune stesso non ci stava pagando una fattura!che ce volete fà, è normale e purtroppo si fà da banche per gli altri con le dilazioni non rispettate, fà parte del business gestire questo aspetto, in Italia come in Europa.
          • H5N1 scrive:
            Re: backdoor
            Vi ricordo che la fattura è un documento che può essere mandato in esecuzione coattiva.Si lo so, è difficile mettersi contro le PA (e magari smetti anche di fare contratti), ma solo perchè TUTTI abbozzano e chinano il capo.Ricordiamoci sempre che abbiamo bisogno di vendere quanto loro di comprare.
          • supercast scrive:
            Re: backdoor
            - Scritto da: H5N1
            Ricordiamoci sempre che abbiamo bisogno di
            vendere quanto loro di
            comprare. O)sante parole (nel privato), sono l'anima del lavoro del commerciale!ma quei cattivoni della PA possono anche comprare ad un prezzo + alto da qualcun altro (tipo la ditta del cugggggggino del presiddddddente)
          • H5N1 scrive:
            Re: backdoor
            Perchè preoccuparci di cose per le quali non possiamo fare niente?
        • logicaMente scrive:
          Re: backdoor

          denuncia per cosa? per la legge se non l'hai
          pagato il prodotto non e' tuo, ma e' ancora mio,
          quindi posso disporne a
          piacimentoEh no, quando me lo vendi diventa mio, anche se ancora non l'ho pagato!Grande Itaglia!
        • Pippo Santoanast aso scrive:
          Re: backdoor
          - Scritto da: aaabbb
          -..............


          denuncia per cosa? per la legge se non l'hai
          pagato il prodotto non e' tuo, ma e' ancora mio,
          quindi posso disporne a
          piacimentoTu di legge italiana non ne sai niente.La transazione termina con l'emissione della fattura, cui segue il pagamento.Ma dal momento dell' emissione della fattura la proprietà è trasferita all'acquirente.Se POI il pagamento non avviene richiedi, PER VIE LEGALI, il pagamento stesso arrivando ad eventuale pignoramento.Studia, che è meglio ....
          • anonimo scrive:
            Re: backdoor
            poki sanno di legge italiana, xkè fa skifo e xkè è complicata... e quei poki ke sanno hanno solo più interesse a complicarla maggiormente... e sennò diventa "per tutti".
      • H5N1 scrive:
        Re: backdoor
        Non vedo perchè.Basta non vendere il software, ma la licenza d'uso.Il software (o l'hardware) rimane MIO ma te ne concedo l'uso dietro un pagamento pattuito.Io ti abilito all'uso, tu paghi.Tu non paghi, tu non usi.Mi sembra leale e corretto.I software antivirus funzionano nella maggiorparte così, no?Ogni anno va rinnovata la licenza e il software viene riattivato solo DOPO il pagamento.Purtroppo la giungla del mercato fa sì che se ti comporti così diventi di ultima scelta, ma l'alternativa è il ricorso ad un Ufficiale Giudiziario.In pratica si hanno solo tre possibilità:SPERARE che paghino (e accontentarsi)PASSARE più tempo in tribunale che a lavoroDIVENTARE poco competitivi sul mercato.
  • vroom scrive:
    Non tutti gli enti pubblici fanno schifo
    Lavoro in un ente di ricerca pubblico.Da noi se un preventivo viene approvato in amministrazione tengono da parte i fondi, poi viene effettuato l'ordine (che ha gia' da parte i fondi necessari) e quindi effettuiamo il pagamento, solamente via bonifico pero', circa una o due settimane dopo l'arrivo della fattura. A volte ci sono ritardi, quando ad esempio non arrivano i fondi in tempo dall'amministrazione centrale (io lavoro in una sezione periferica che ha autonomia amministrativa) ma qui si tratta di eccezioni.Probabilmente siamo una rarita'.
  • pippo santoanast aso scrive:
    Non vendere!
    Dopo anni di problemi con i pagamenti, ho adottato una semplice soluzione: non vendo niente di materiale con pagamento che non sia cash!Mentre per manodopera e assistenza arrivo fino a 30gg (senza riba, che costa).Inoltre se lavoro per azienda dello stato le fatture le metto nel registro in sospensione d'iva, che pago QUANDO incasso la fattura.E buonanotte al secchio!!!
  • Pirata scrive:
    Cecità
    E' giusto denunciare certi malcostumi.Lo Stato non può solo pretendere (paradossamente in misura ben maggiore dai piccoli rispetto ai grandi) senza tener conto delle difficoltà oggettive di un piccolo (micro) imprenditore. E gli enti pubblici in generale sono enti statali: capisco che la situazione in cui versano le casse italiane siano da paura, ma non si può far diventare questa una scusante per delegittimare gli sofrzi dei privati.http://menteindisordine.wordpress.com/
  • m c scrive:
    Vedrai che cambia
    Al di la delle Alpi, invece, pagerai imposte solo sulle fatture che ti pagano? L'IVA non esiste? Per quanto riguarda lo studio di settore, se non raggiungi il reddito presunto, nessuno ti obbliga a dichiararlo, e puoi pagare su quanto effettivamente guadagni. Semplicempente, hai più probabilità di incappare in un controllo fiscale. Ma hai fatturato tutto, vero?
    • Stufo dell'Itali a scrive:
      Re: Vedrai che cambia
      Dopo anni di lavoro in cui furboni come te non dichiaravano tutto, mi pagavano 400 euro al mese in sicilia ho mandato a fan***o l'italia, adesso sono in Svizzera, non navigo nell'oro, anche qui è diventato difficile tirare avanti, ma almeno ho la certezza di uno stato più onesto verso i cittadini, vedi l' IVA al 7,5%, le tasse che non superano il 30%, la possibilità di chi lavoro in proprio e non supera i 75000 chf anni di non avere partita iva, costituire una ditta individuale costa circa 300chf e si puo fare via internet in due ore.Ma sopratutto gli svizzeri hanno la possibilità di cambiare una legge che non gli piace con i referendum, non come noi in Italia che ci lamentiamo sempre, ma in politica abbiamo gli stessi minchioni da dieci anni!
      • Xilitolo scrive:
        Re: Vedrai che cambia
        Forse cinque minuti no, mezz'oretta si.http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/connect/Nsi/Strumenti/Software/Dichiarazioni+2008/AA7_AA9+2008/#informazioni
      • rioka scrive:
        Re: Vedrai che cambia

        Ah si? Vuoi dire che in cinque minuti puoi aprire
        una partita iva?Gia... La differenza arriva dopo.
      • Overture scrive:
        Re: Vedrai che cambia
        Si infatti ti prendi uno spazio su ebay e cominci a truffare , prima lo stato e poi gli acquirenti
    • come no scrive:
      Re: Vedrai che cambia
      - Scritto da: m c
      Al di la delle Alpi, invece, pagerai imposte solo
      sulle fatture che ti pagano? L'IVA non esiste?

      Per quanto riguarda lo studio di settore, se non
      raggiungi il reddito presunto, nessuno ti obbliga
      a dichiararlo, e puoi pagare su quanto
      effettivamente guadagni. Semplicempente, hai più
      probabilità di incappare in un controllo fiscale.

      Ma hai fatturato tutto, vero?Si bravo, questo è quanto si racconta nelle favolette in TV per far vedere che siamo in un paese civile, che il fisco è giusto, ecc, ecc, la realtà è che se non sei congruo non ti fanno nessun controllo fiscale, ti mandano delle cartelle a casa per le quali sei praticamente obbligato a pagare quanto ti chiedono, io l'ho provato sulla mia pelle, anni prima una ditta con la quale avevo un contratto è fallita, ci ho rimesso 10 milioni di vecchie lire, oltre che lo stato non mi ha protetto contro una sorta di truffa ai miei danni, dopo un po di anni lo stesso stato mi è venuto ad imporre il "suo" reddito per quell'anno, reddito che ovviamente non ero riuscito a raggiungere, io ho chiesto all'agenzia delle entrate di farmi un controllo fiscale per chiarire la cosa, facevo tutto alla luce del sole perciò non avevo nessuna paura, sai qual'è stata la risposta? "non funziona così", perciò risparmiaci le tue favolette riportate da qualche TG nel quale hai sentito il politico di turno enfatizzare la giustizia fiscale itaGLiana!
    • Arigato scrive:
      Re: Vedrai che cambia

      Semplicempente, hai più probabilità di incappare in un controllo fiscale.Eh già.. chessarammai... 1) o guadagni x (ed ogni anno incrementi di una percentuale)2) o non puoi essere in vita, perchè sei già morto di fame3) o sei un evasoreE se "devi" essere un evasore, sanno come farti diventare evasore, se non altro per sfinimento. Non mi stupisco quando sento parlare di ditte che fatturano "a vuoto" pur di rientrare negli studi.
    • Arigato scrive:
      Re: Vedrai che cambia

      (Elezioni Apr. 2008 mi astengo, non mi sento
      rappresentato da nessuno dei politici di questo
      paese)Solidarizzo. :)
    • Overture scrive:
      Re: Vedrai che cambia
      Sei sicuro che funzioni così ? Quando ho chiesto informazioni, tempo fa, la regola era che lo stato dava per scontato che avrei guadagnato come minimo tot e quindi ogni anno avrei dovuto pagare una certa cifra. Se poi avevo realmente fatto quella cifra o meno non fregava niente, avrei potuto trovarmi un secondo impiego per arrotondare le spese del primo ma lo stato non rinunciava.
      • ob123 scrive:
        Re: Vedrai che cambia
        - Scritto da: Overture
        Sei sicuro che funzioni così ? Quando ho chiesto
        informazioni, tempo fa, la regola era che lo
        stato dava per scontato che avrei guadagnato come
        minimo tot e quindi ogni anno avrei dovuto pagare
        una certa cifra.il minimo non c'è per tutti ma dipende dal tipo di attività. normalmente però stare sotto il minimo significa lavorare in modo occasionale o essere proprio agli inizi.
        • Overture scrive:
          Re: Vedrai che cambia
          Giusto infatti se avessi cominciato sarei stato agli inizi ma di fatto quello che concedeva lo stato a chi iniziava era praticamente un calcio in culo.
          • ob123 scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            - Scritto da: Overture
            Giusto infatti se avessi cominciato sarei stato
            agli inizi ma di fatto quello che concedeva lo
            stato a chi iniziava era praticamente un calcio
            in culo.questo non è vero. a chi inizia e rimane piccolo per almeno un anno (massimo tre) c'è il regime fiscale agevolato e per chi è ancora più piccolo c'è il forfettino. nulla di clamoroso ma consente di rimandare il vero dolore di un paio d'anni
          • Overture scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            Mi spiace ma non è sufficiente
          • ob123 scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            - Scritto da: Overture
            Mi spiace ma non è sufficientela pappa pronta la danno solo nella terra dei sogni
          • Overture scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            Non si tratta di dare la pappa pronta ma di dare concrete possibilità affinchè un'attività economica possa nascere e crescere anche partendo con poco.Troppo facile vantarsi di aver messo in piedi un'attività di successo avendoci investito da subito vagonate di miliardi.In itaglia non sarà mai possibile fondare una google, una microsoft o una apple a partire da un garage: prima della concorrenza (spietata per definizione e illegale nei fatti visto che spesso non rispetta le leggi) si finisce strangolati dallo stato.Se pensi di fare le cose mettendoti in regola, rispettando le leggi, pagando le tasse e tutto il resto non vieni considerato come sarebbe giusto ma solo come l'ennesimo pollo che s'è scoperto e quindi sarà questione di niente andare a tirargli il collo.
          • ob123 scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            - Scritto da: Overture
            Non si tratta di dare la pappa pronta ma di dare
            concrete possibilità affinchè un'attività
            economica possa nascere e crescere anche partendo
            con poco.esistono finanziamenti pubblici regionali / nazionali / comunitari oltre ai cosiddetti "incubatori". iniziare non è un problema se esiste un progetto serio
            In itaglia non sarà mai possibile fondare una
            google, una microsoft o una apple a partire da un
            garage: prima della concorrenza (spietata per
            definizione e illegale nei fatti visto che spesso
            non rispetta le leggi) si finisce strangolati
            dallo stato.non credo sia possibile sopravvivere restando pulitissimi, ma iniziare è fattibile
          • anonimo scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            io sn d'accordo con l'altro tipo. Le cose dovrebbero essere più semplici. è assurdo ke se un ragazzo a 22 anni si vuole aprire una piccola ditta di sw xkè ha un programma da commercializzare e x lui fatturare 15.000 euro l'anno è già un risultato di lusso è costretto a casini e menate varie cn lo stato. o peggio ancora, devi pagare xkè hai guadagnato poco per gli studi di settore (x i quali nn esistono parolacce ed epiteti adatti a evidenziarne la negatività sotto tutti i punti di vista). è assurdo.
          • Xilitolo scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            Come ho già detto in un altro post c'è una forma di paura diffusa, di luoghi comuni, rispetto agli adempimenti fiscali.Per i nuovi imprenditori ci sono regimi fiscali agevolati e semplificati (il cosiddetto forfettino) e c'è l'esclusione dagli studi di settore.
          • Eineki . scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            I redditi sotto i 30000 sono (finanziaria 2007) esentati dall'iva e dagli studi di settore.Un riferimento: http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/connect/Nsi/Documentazione/Contribuenti+minimi/
          • anonimo scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            peccato ke il tutto cmq sarà sempre complicato. visto ke anke certi uffici invece di collaborare si pestano i piedi (es: INPS e Camera Commercio)
    • Overture scrive:
      Re: Vedrai che cambia
      Perchè sta parola "accordo" mi suona vagamente di pizzo, tangente...
      • ob123 scrive:
        Re: Vedrai che cambia
        - Scritto da: Overture
        Perchè sta parola "accordo" mi suona vagamente di
        pizzo,
        tangente...niente tangenti, è più un patteggiamento alla valentino rossi
        • Overture scrive:
          Re: Vedrai che cambia
          Si vabbè... tanti nomi per dire la stessa cosa cioè che lo stato si comporta come la mafia...
          • ob123 scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            - Scritto da: Overture
            Si vabbè... tanti nomi per dire la stessa cosa
            cioè che lo stato si comporta come la
            mafia...sbagli: la mafia è organizzata, lo stato no
          • Overture scrive:
            Re: Vedrai che cambia
            Per metterla nel sedere alla gente a posto mi pare che sono fin troppo organizzati
  • Mika scrive:
    La mia opinione
    Mi trovo nelle stesse condizioni descritte nella lettera:tuttavia :dai privati gli riparo il computer previo pagamento di euro 20 (chi mi assicura che la loro roba niubba funzioni dopo ore di smanettamento ? ) ed a roba installata e funzionante voglio il resto ; il consiglio qui e' , farsi pagare e pagare caro , un tecnico informatico non e' pari ad un idraulico , e' superiore , ALZATE I F*TT*T* COSTI .Dagl' enti statali pretendete i pagamanti anticipati o non lavorateci , gli economati in genere pagano fino a cento euro senza bisogno di delibere etc etc. Per la vendita di computer a privati o statali il mio consiglio e' :______________RINUNCIATECI....Andranno dai vari mercatoni , compreranno i loro pc marcacavallo edopo 2 , 3 mesi vi spunteranno in laboratorio chiendendo :"A ma se l' ho comprato nuovo come e' possibile che si e' bloccato ..ah ma aveva il Norton come ha preso sti virus , etc..."A QUEL PUNTO GLI SCIPPATE LA TESTA :20 euro in anticipo , 150 euro dopo per una installazione fresca con vari programmi ,arrivederci e grazie .FATEGLIELA PAGARE.IN BOCCA AL LUPO Gente dell' I.T.
    • gino scrive:
      Re: La mia opinione
      - Scritto da: Mika
      pagare caro , un tecnico informatico non e' pari
      ad un idraulico , e' superiore , oddio, questo mi pare opinabile, visto come lavorano molti tecnici informatici (qui c'è da riformattare tutto!)
      Dagl' enti statali pretendete i pagamanti
      anticipati ahahahaha, la battuta del giornocomunque le grandi (e medie) aziende sono pure peggio
      ______________RINUNCIATECI....
      Andranno dai vari mercatoni , su questo concordo
      A QUEL PUNTO GLI SCIPPATE LA TESTA :
      20 euro in anticipo , 150 euro dopo per una
      installazione fresca con vari programmie 'sti c... non sei economico!
      FATEGLIELA PAGARE.ah ecco, hai qualche problema di risentimento verso gli altri
      • PubA scrive:
        Re: La mia opinione


        Dagl' enti statali pretendete i pagamanti

        anticipati

        ahahahaha, la battuta del giornoQuesta è veramente bella ...veramente ... è da la sai l'ultima

        ______________RINUNCIATECI....

        Andranno dai vari mercatoni ,

        su questo concordoNon per niente esiste CONSIP. che però a volte è utile ... l'ultima dei HP DC7700 WXP pro con mon 19 " a 490 ...il mercatone se li sogna :-)))

        A QUEL PUNTO GLI SCIPPATE LA TESTA :

        20 euro in anticipo , 150 euro dopo per una

        installazione fresca con vari programmi
        e 'sti c... non sei economico!


        FATEGLIELA PAGARE.Certo come no ..vengono propio da te ....magari il comune del min..ia con 2 dipendenti ... e poi neanke...Le strutture di una certa grandezza hanno un CED interno ... e spesso alcuni tragattini si lamentano perchè non riescono a fegarli (cosa che gli riesce molto meglio con le aziende private con nessuno competente o il semicompetente...10000 volte più pericoloso).Mi capita spesso che rivenditori vincano un bando per ... un pc con certe caratteristiche e poi ti diano una macchina da scrivere ...quando gli mandi una letterina dell'avvocato ti rispondono ... io posso darti quello che voglio ...basta che abbia uno schermo e una tastiera...Mandi a quel paese il bando e compri da consip...e lui si mette a gridare al ladro al ladro mafiosi!!!! In galera certa gente...e sono moltissimi.Quelle PA che ci credono prendono personale qualificato..e fidatevi quelle persone se ci rimangono vuol dire che ci credono in quello che fanno...perche a 1100 ....al mese nel privato si guadagna di più. % sui progetti premi produttività e altre cavolate sono solo a livelli molto alti ... chi lavora ha gli stipendi che ho riportato.. e spesso fa staordinari non pagati , ma "forse" utilizzabili come recupero.
    • TADsince1995 scrive:
      Re: La mia opinione

      Andranno dai vari mercatoni , compreranno i loro
      pc marcacavallo edopo 2 , 3 mesi vi spunteranno
      in laboratorio

      chiendendo :
      "A ma se l' ho comprato nuovo come e' possibile
      che si e' bloccato
      ..
      ah ma aveva il Norton come ha preso sti virus ,
      etc..."
      A QUEL PUNTO GLI SCIPPATE LA TESTA :
      20 euro in anticipo , 150 euro dopo per una
      installazione fresca con vari programmiSarebbe anche giusto, il problema è che quello gira i tacchi e va dal nipote/cugino/amico esperto di compIuterS e il formattone se lo fa fare da lui in cambio di una coca cola e un po' di biscotti...TAD
      • MIKA scrive:
        Re: La mia opinione
        Quindi ci si sottomette...Ke vadano dal nipote cugino, ma ki se ne fregaAlzano i tacchi ? Ma se ne vadano...O si cambia mentalita' o si fa la fame...Il rubinetto se lo fanno riparare per 100 euro ,il computer no?
        • supercast scrive:
          Re: La mia opinione
          !!!!!BALLE!!!!!anche il rubinetto se uno può se lo fà cambiare dal cuggino che fà l'idraulico. Inoltre avete un concetto sbagliato:fare semplicemente il formattone in negozio è come chiamare l'idraulico per farsi cambiare il filtro del rubinetto! ci sono le vecchiette che lo fanno ma mica gli idraulici pretendono di vivere sul cambio dei filtri!perchè invece non ci sono negozi di computer in giro, così come ho visto in germania ed Inghilterra, dove invece di farti pagare formattone+sverminamento e guadagnare su una roba che fà qualunque 13enne ti propongono la configurazione della rete casalinga+configurazioni avanzate del computer?io in germania ho portato il portatile da un negozio dove c'era in listino la "XP-Optimisation" a 65eur, mi hanno disabilitato un sacco di servizi strani, tolto programmini e smanettato sul portatile per un pomeriggio, poi mi hanno fatto un backup, del sistema e mi hanno consegnato un pc scattante come fosse nuovo. non tutti i 13 enni sanno fare una roba così senza incasinarti tutti i programmi installati o dari un sistema poco stabile. (ed io il pc lo uso per lavoro e da un negozio ho una garanzia che il lavoro sia fatto bene!)inoltre se vuoi ti vengono casa e ti vendono un NAS+Access Point+firewall e ti configurano la rete casalinga (anche questo la gente spesso non sa farlo e neanche il nipote di 13 anni ci riesce bene) in maniera comoda e veloce, ovviamente ti vendono tutto lhw e ti danno anche assistenza quando le cose non vanno, sinceramente questo non mi ricordo quanto lo fanno pagare.mai visto niente del genere nei negozi italiani.e poi state a lamentarvi....un po' di iniziativa e meno furberia come cercare di farsi pagare 50 eur per un lavoro (il formattone) che ne vale si e no 15.
          • Mika scrive:
            Re: La mia opinione
            LoL ,l' ottimizzazione , servizio ke faccio peraltro ,il cliente non te la chiede nemmeno poicke' manco sa ke e'...nn puo' percepire e conoscere quello ke manco sa ke esiste...Io ottimizzo i sistemi operativi di tutti i clienti che vogliono un sistema fresco di zecca...Ecco perche' mi faccio pagare cento euro ad installazione.Se il cliente se ne va e cerca il prezzo modico allora trovera' un niubbo col negozio luccicante ke glielo formatta e glielo restituisce per 30 40 euro col solo sistema operativo senza programmi , ottimizzazione etc...Questo e' quanto, puro e semplice.
          • supercast scrive:
            Re: La mia opinione
            - Scritto da: Mika
            LoL ,
            l' ottimizzazione , servizio ke faccio peraltro ,
            il cliente non te la chiede nemmeno poicke' manco
            sa ke
            e'...
            nn puo' percepire e conoscere quello ke manco sa
            ke
            esiste...
            Io ottimizzo i sistemi operativi di tutti i
            clienti che vogliono un sistema fresco di
            zecca...
            Ecco perche' mi faccio pagare cento euro ad
            installazione.
            Se il cliente se ne va e cerca il prezzo modico
            allora trovera' un niubbo col negozio luccicante
            ke glielo formatta e glielo restituisce per 30 40
            euro col solo sistema operativo senza programmi ,
            ottimizzazione
            etc...
            Questo e' quanto, puro e semplice.lo vedi qual'è la differenza culturale?ti NON dici al tuo cliente cosa fai e NON gli spieghi perchè il tuo lavoro è diverso da quello del 13enne.anche se tu avessi ragione e le persone che non sono tecnici informatici non meritano di sapere cosa fai al LORO computer perchè quindi dovrebbero dare a te 100euro invece che due biscottini al 13enne (o negozietto sbrilluccicoso) se non spieghi loro che differenza c'è?secondo te il tuo cliente non ha un cervello per capire cosa compra ma solo un portafoglio da spremere.e dimmi se io venissi da te a dire che il mio PC lo ho si comprato io ma lo uso pr lavoro e prima di dartelo in mano volgio che mi firmi un impegno a:- fornirmi durante tutto il tempo in cui te lo tieni un PC alterantivo- fornirmi il backup su DVD / HDD esterno (il secondo con sovraprezzo) del mio PC prima dell'Ottimizzazione- garantirmi che quando me lo restituisci non ci saranno problemi BLA BLA BLA (il tecnico sei tu quindi sei tu che dovresti dirmi che tipo di problemi puoi evitare) ma sopratutto che tutti i programmi che c'erano prima funzioneranno come primapensa che fornendo pure il backup del pc su HDD Esterno puoi anche fare il discorso al cliente che si paga un sovraprezzo ma ci metterà meno a copiarsi i suoi vecchi file (dimenticavo che in germania ti lasciano i file personali sul backup e non li rimettono nellhdd interno perché dicono che non li guardano nemmeno, cè scritto sul foglio che firmi/firma il tecnico che farà il lavoro) e li rimarrà un comodo hdd esterno (seinvece cel'ha già ti da luiil suo) così tu ci guadagni pure la vendita di un hdd esterno o ci risparmi i DVDMa i soldi a voi vi fanno proprio schifo vero?bella roba ecco perchè i negozietti in italia fanno schifo, sono pieni di smanettoni che giocano a fare gli haxxor (io sono megli di te perchè conosco + cose di te sui pc..papppappero) ma non sanno fare i commercianti.
          • Mika scrive:
            Re: La mia opinione
            Ma ti rendi conto ke parli a vanvera ?Ma ki ti dice ke nn glielo spiego ?Seppure a loro e' incomprensibile ke vogliono dire MFT o tcp/ip , o firewall...Mah...
          • supercast scrive:
            Re: La mia opinione
            sarà,ti conecdo il beneficio del dubbio, e sei l'unico od uno dei pochi, la mia esperienza con i negozi di informatica è ben diversa. io di negozi di computer qui a Milano ne ho girati parecchi per trovare qualcuno serio (e ormai credo tu abbia capito cosa intendo per serio) e sembra di cercare un ago in un pagliaio, tutti che ti prendono il computer lo formattano e te lo ridanno con tutto a default e 4 DVD con il backup del tuo disco, beh tutti questi non hanno da lamentarsi se la gente preferisce andare dal 13enne a farselo fare gratis.tra parentesi siamo capaci quasi tutti ad andare su google e cercare un howto su come ottimizzare XP, è tutta un altra storia fare tutte le prove per essere certi di quello che si sta facendo, provare le varie opzioni /strategie / consigli che si trovano sparsi per la rete e scegliere la migliore, io se porto il pc da un negozio di informatica mi aspetto che il tecnico lì dentro abbia fatto questo.fatti un giro tra i vari negozi, sono solo pieni di gente che fà finta di essere un haxxor perchè ha letto due howto in croce e vorrebbe 100 eur per stare davanti al pc a fare meditazione zen davanti alle barre di avanzamento.cmq non mi sembra prorpio di parlare a vanvera, quelle sono le cose che mi aspetto da un meccanico come da un idraulico come da un negozio di tappeti, idem per un negozio di informatica!
          • di passaggio scrive:
            Re: La mia opinione
            Non è ke porti il pc a formattare solo xkè nn ci riesci e nn hai il nipote di 13 anni. A me ad esempio annoia da morire. Non formatto un S.O. windows da un lustro almeno.Però lo porto cmq in un negozio a farmelo formattare. 20 o 25 euro e me lo formattano. Concordo con chi dice ke certi concetti avanzati non li puoi spiegare al cliente "della strada". Nemmeno io ci capisco in molte delle cose ke citava chi era in disaccordo cn lui su reti e casini vari, se non dopo essermi documentato. ci immaginiamo il signor rossi ke fa il lavoro x?un ingegnere informatico.
        • TADsince1995 scrive:
          Re: La mia opinione
          - Scritto da: MIKA
          Quindi ci si sottomette...NO. Ma una soluzione drastica come quella che hai proposto tu, secondo me, è controproducente.
          Ke vadano dal nipote cugino, ma ki se ne frega
          Alzano i tacchi ? Ma se ne vadano...Tanto guarda, alla fine si renderanno conto che la qualità si paga, se vogliono un lavoro fatto bene allora torneranno da te.
          O si cambia mentalita' o si fa la fame...
          Il rubinetto se lo fanno riparare per 100 euro ,
          il computer no?Bisogna fargli capire che anche quella è una prestazione professionale, esattamente come l'intervento di un idraulico che ripara il rubinetto, o il dentista che ti cura una carie. Certe volte ho l'impressione che molti considerino la figura dell' "informatico" come una specie di semi-benefattore che siccome, in genere, ama il suo lavoro allora si è autorizzati ad abbassare il prezzo delle prestazioni perchè tanto "lo fa con piacere"!Io è da un po' che declino ogni richiesta di "riparazione" computer da parte di chiunque, sia essa a titolo di favore o a pagamento, su thinkgeek c'è un gadget interessante a riguardo:http://www.thinkgeek.com/tshirts/frustrations/388b/TAD
          • Mika scrive:
            Re: La mia opinione

            Io è da un po' che declino ogni richiesta di
            "riparazione" computer da parte di chiunque, sia
            essa a titolo di favore o a pagamento, su
            thinkgeek c'è un gadget interessante a
            riguardo:

            http://www.thinkgeek.com/tshirts/frustrations/388b

            TADBene Tad , ci intendiamo ,Io cerco sempre di informare al massimo delle mie e delle loro capacita' l' intervento o il sito internet su cui ho operato e/o creato .Per le richieste di favore hai perfettamente ragione ,tranne che il cliente mi paga , devo pur mangiare...per gli amici , la cosa e' piu' complicata...si offendono...in molti , qualcuno ricambia ,tipo il mio amico avvocato , ehehe .Alla fine Tiriamo la carretta a come viene ,In buona sostanza :sarebbe bello se il cliente ke cerca il prezzo modico alla fine non lo trovasse ma truffatori e truffatisono categorie dure a morire.
          • di passaggio scrive:
            Re: La mia opinione
            Bisogna fargli capire che anche quella è una prestazione professionale, esattamente come l'intervento di un idraulico che ripara il rubinetto, o il dentista che ti cura una carie.Sante parole!!! sono perfettam d'accordo. e in questo lo stato non ci aiuta. dovrebbe nascere qlke albo professionale x avere un po' d'ordine e smetterla di giocare al ribasso!
    • Overture scrive:
      Re: La mia opinione
      Chi usa norton merita quella fine
  • Alessandrox scrive:
    PROFORMA...
    Triste ma a volte non c'e' alternativa...
    • Revol scrive:
      Re: PROFORMA...
      - Scritto da: Alessandrox
      Triste ma a volte non c'e' alternativa...Già. Però, per curiosità, se ti chiedono quella regolare per scaricarsela tu tendenzialmente cosa rispondi?
      • Alessandrox scrive:
        Re: PROFORMA...
        - Scritto da: Revol
        - Scritto da: Alessandrox

        Triste ma a volte non c'e' alternativa...

        Già. Però, per curiosità, se ti chiedono quella
        regolare per scaricarsela tu tendenzialmente cosa
        rispondi?Emetto fattura regolare SOLO al pagamento, altrimenti si attaccano a STOCA...per ora non ho avuto rimostranze.Ritardi si ma non troppi
  • Overture scrive:
    Proprio vero
    Qui in itaglia, ovunque uno si giri, il messaggio è sempre lo stesso invito a delinquere.L'impegno, il lavoro ed il merito non vengono in alcun modo riconosciuti. L'onestà è sempre e solo una barzelletta.Uno non ci vuol credere e prova a comportarsi onestamente, compila sempre le fatture, digita sempre gli scontrini, vende software con licenza poi deve ricredersi e quindi si comincia con ridurre il numero di ricevute, poi passa a togliere genuine, installa xp black edition, norton e compagnia puntualmente craccati ecc.ecc.ecc...C'è un proprio un marciume di fondo...
    • Povero ma ricco scrive:
      Re: Proprio vero
      - Scritto da: Overture
      Qui in itaglia, ovunque uno si giri, il messaggio
      è sempre lo stesso invito a
      delinquere.
      L'impegno, il lavoro ed il merito non vengono in
      alcun modo riconosciuti.

      L'onestà è sempre e solo una barzelletta.

      Uno non ci vuol credere e prova a comportarsi
      onestamente, compila sempre le fatture, digita
      sempre gli scontrini, vende software con licenza
      poi deve ricredersi e quindi si comincia con
      ridurre il numero di ricevute, poi passa a
      togliere genuine, installa xp black edition,
      norton e compagnia puntualmente craccati
      ecc.ecc.ecc...

      C'è un proprio un marciume di fondo...Anni fa consigliai ad un amico che stava comprando un pc in un negozio di fare installare solo SW regolare pagando regolarmente la licenza. Mi guardarono strano, ma tanto strano che nonostante siano passati 12 anni me lo ricordo ancora. Mi presero per scemo e ancora oggi quando ci incontriamo mi guardano con sospetto e con un sorrisetto sotto i baffi. Inutile dire che da allora mi guardo bene dal consigliare a chicchessia di istallare SW regolarmente licenziato. Mi è bastato e avanzato una sola volta di passare per scemo.
      • ottomano scrive:
        Re: Proprio vero
        - Scritto da: Povero ma ricco
        Anni fa consigliai ad un amico che stava
        comprando un pc in un negozio di fare installare
        solo SW regolare pagando regolarmente la licenza.
        Mi guardarono strano, ma tanto strano che
        nonostante siano passati 12 anni me lo ricordo
        ancora. Mi presero per scemo e ancora oggi quando
        ci incontriamo mi guardano con sospetto e con un
        sorrisetto sotto i baffi. Inutile dire che da
        allora mi guardo bene dal consigliare a
        chicchessia di istallare SW regolarmente
        licenziato. Mi è bastato e avanzato una sola
        volta di passare per
        scemo.Guarda io, quando posso, consiglio sempre l'acquisto di una licenza valida adducendo motivazioni più che valide:-Se nel crack c'è una backdoor ti svuotano la carta di credito-Ti becchi i virus e poi devi spendere minimo 50 euro da un tecnico...Di solito non mi ascoltano. Poi però restano scottati... e si mettono in regola.Nicola
        • Overture scrive:
          Re: Proprio vero
          Sanno un po' di fud come giustificazioni perchè di crack che hanno le backdoor non si trovano quasi mai ed i virus si beccano sempre, la cosa non è strettamente legata al crack.Sarebbe meglio tentare di spiegare che sviluppare software costa tempo, lavoro e va pagato magari facendoli sentire in colpa che un giorno potrebbe succedere lo stesso con loro.
          • ottomano scrive:
            Re: Proprio vero
            - Scritto da: Overture
            Sanno un po' di fud come giustificazioni perchè
            di crack che hanno le backdoor non si trovano
            quasi mai ed i virus si beccano sempre, la cosa
            non è strettamente legata al
            crack.Si, ma è l'unico modo per farglielo capire (e cmq per una cosa del genere un mio conoscente si è trovato 300 euro in meno dalla carta di credito).

            Sarebbe meglio tentare di spiegare che sviluppare
            software costa tempo, lavoro e va pagato magari
            facendoli sentire in colpa che un giorno potrebbe
            succedere lo stesso con
            loro.Seeee... magari.La gente è convinta di essere sempre nel giusto... anche quando gli spieghi certe cose... molto più efficace fare "Buh!" e farla spaventare.bye
      • krane scrive:
        Re: Proprio vero
        - Scritto da: Povero ma ricco
        - Scritto da: Overture

        Qui in itaglia, ovunque uno si giri, il
        messaggio

        è sempre lo stesso invito a

        delinquere.

        L'impegno, il lavoro ed il merito non vengono in

        alcun modo riconosciuti.



        L'onestà è sempre e solo una barzelletta.



        Uno non ci vuol credere e prova a comportarsi

        onestamente, compila sempre le fatture, digita

        sempre gli scontrini, vende software con licenza

        poi deve ricredersi e quindi si comincia con

        ridurre il numero di ricevute, poi passa a

        togliere genuine, installa xp black edition,

        norton e compagnia puntualmente craccati

        ecc.ecc.ecc...



        C'è un proprio un marciume di fondo...

        Anni fa consigliai ad un amico che stava
        comprando un pc in un negozio di fare installare
        solo SW regolare pagando regolarmente la licenza.
        Mi guardarono strano, ma tanto strano che
        nonostante siano passati 12 anni me lo ricordo
        ancora. Mi presero per scemo e ancora oggi quando
        ci incontriamo mi guardano con sospetto e con un
        sorrisetto sotto i baffi. Inutile dire che da
        allora mi guardo bene dal consigliare a
        chicchessia di istallare SW regolarmente
        licenziato. Mi è bastato e avanzato una sola
        volta di passare per scemo.Avresti dovuto far passare per scemi loro, dicendogli la prima volta che hanno avuto problemi : chiama l'assistenza.
        • Overture scrive:
          Re: Proprio vero
          Per loro assistenza vuol dire andare nel negozietto sotto casa che finalmente si farà i suoi 50 euro formattando e reinstallando windows craccato, norton craccato (così il pc va più piano e obbliga ad installare altra ram e poi si scassa come prima), nero craccato ecc.ecc.ecc.
  • Paga te che io non pago scrive:
    Ma non è solo nell' IT
    In Italia dappertutto è così, non solo nell' IT.Pagamenti a babbo morto e a volte non li becchi nemmeno a babbo morto.E' na tragedia. Le tasse però le vogliono subito che guadagni o che non guadagni, alla scadenza, se nò ti vengono sguinzagliati alle costole quelli degli uffici delle entrate. E so caxxi tua!
    • Xilitolo scrive:
      Re: Ma non è solo nell' IT
      Quoto, non è un problema solo dell'IT.Il problema è che un privato che non paga le fatture dopo un po' non trova più nessuno disposto a fornirgli il materiale e fallisce, un'ente pubblico non fallisce, semplicamente diventa inefficente e ci rimettono i cittadini.
Chiudi i commenti