Anakata è in manette in Svezia

Il co-founder della Baia è stato espulso dal governo cambogiano, trasferito in Thailandia per un volo internazionale per Stoccolma. Le accuse svedesi sono legate alla cyberoffensiva contro Logica

Roma – Un lungo volo dalla Thailandia all’aeroporto Arlanda di Stoccolma, sul Boeing 747 che ha riportato in patria il co-founder di The Pirate Bay Gottfrid Svartholm Warg. Anakata è stato espulso su ordine del governo cambogiano, decaduto il suo permesso di soggiorno nel paese asiatico . Nessuna possibilità di scelta offerta all’uomo della Baia, che in linea del tutto teorica avrebbe potuto indicare un nuovo paese in cui trasferirsi.

La polizia svedese ha invece atteso con ansia il suo rientro in patria , pronte le manette per le malefatte contro il copyright. In realtà, le stesse autorità nordeuropee hanno recentemente confermato le accuse per attività hacker contro i database fiscali della società locale Logica , assaliti all’inizio di quest’anno per la pubblicazione online di un corposo documento con i codici identificativi di oltre 9mila contribuenti svedesi.

In una breve intervista concessa alla redazione della testata specializzata TorrentFreak , il portavoce della Baia Peter Sunde ha però ipotizzato altre motivazioni. Inserito nella lista dei ricercati internazionali dell’Interpol, Svartholm sarebbe stato arrestato per un suo diretto coinvolgimento nelle soffiate di Wikileaks , la piattaforma di Julian Assange che proprio in Svezia ha trovato il suo personale calvario legale.

Sempre secondo le prime indiscrezioni sull’arresto svedese di Anakata, le autorità locali avrebbero negato alla madre il permesso di recarsi in aeroporto. Sparito nel nulla anche il suo avvocato locale Ola Salomonsson , per cui Svartholm si ritroverà con un difensore d’ufficio selezionato dalle stesse autorità svedesi.

Immediata la reazione del collettivo hacker Anonymous, che ha lanciato la cosiddetta Operation The Pirate Bay . Pubblicato online un pacchetto di documenti relativi alle attività del governo cambogiano , dai traffici di sostanze stupefacenti alla compravendita di armi. Gli hacker hanno inoltre rilasciato una serie di informazioni sui depositi cambogiani nelle pratiche di online banking .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • giuseppe scrive:
    problema trasporto sitesgoogle
    Quindi la notizia è del 12 settembre 2012 ! Il giorno dopo ho registrato il mio dominio attraverso Google Apps che si avvale di GoDaddy. Ma il problema è che il dominio non lo vedo ! Mi spiego. In pratica il problema è trasportare un sito creato con sitesgoogle in un dominio www.miosito.com . Da 13 settembre eseguo le istruzioni del caso ma non trovo soluzione. Adesso non so se il problema è per la mia imbranataggine o per questo blak out .QUALCUNO PUO' AIUTARMI A CAPIRE? grazie
    • Ana Trollo scrive:
      Re: problema trasporto sitesgoogle
      Hai provato a leggere le FAQ?Hai pensato che stai chiedendo aiuto in una pagina di commenti relativi a un articolo che parla solo di una reazione di GoDaddy ad uno specifico avvenimento....E poi sarei io il troll...
  • AxAx scrive:
    Tra le righe...
    quindi mi sa che gli hanno crackato i router... :)
  • Levantino scrive:
    Disinformazione
    L'era della disinformazione...
  • sardonico scrive:
    Domanda per la redazione
    Cosa insegna questa vicenda?
  • botto scrive:
    Ma perché ...
    ma perché le notizie su P.I.arrivano sempre tre o quattro giorni doporispetto al resto del mondo ???????
  • zerobyte scrive:
    quindi segue la politica Apple...
    le tabelle di routing hanno già ammesso la loro colpa e hanno precisato di aver risolto il problema.Intanto la società sta vagliando altri sistemi per evitare che accadano nuovamente simili episodi.Anonymous non esiste, i dati dei clienti sono conservati fisicamente sotto 50m3 di piombo e nessuno puo' accederVi in alcun modo.
    • Ana Trollo scrive:
      Re: quindi segue la politica Apple...
      - Scritto da: zerobyte
      ... i dati dei clienti sono
      conservati fisicamente sotto 50m3 di piombo ...Son tutti con un tumore da quelle parti....
Chiudi i commenti